Ultimo aggiornamento: 30/07/2021

Il nostro metodo

8Prodotti analizzati

24Ore di lavoro

4Fonti e riferimenti usati

70Commenti valutati

Forse stai cercando una ricetta di insalata per preparare il tuo prossimo pasto. O forse hai bisogno di consigli per la pulizia della tua casa. Allora probabilmente ti sei imbattuto in questo prodotto particolare: l’aceto.

L’aceto è anche conosciuto come il condimento eterno. Ma perché questo intrigante liquido si nasconde dietro le sue proprietà? Se vuoi saperne un po’ di più sull’aceto e sui suoi infiniti usi nella vita quotidiana, ti consiglio di continuare a leggere. In questo articolo, abbiamo incluso i punti salienti più importanti per te. Iniziamo!




Il più importante

  • La varietà di aceti nel mondo è ampia. Anche se un gran numero di questi sono creati per uso alimentare, ci sono altri tipi con funzioni diverse. Pertanto, è importante sapere cosa stai cercando quando acquisti questo prodotto.
  • Con l’aceto potrai accompagnare il condimento della tua insalata e anche rimuovere lo sporco dalle superfici difficili da pulire. È un prodotto molto versatile per condire il cibo e pulire in egual misura.
  • Quando scegli quale aceto comprare, dovresti considerare alcuni criteri. Come il tipo di balsamo, la sua composizione, l’uso che ne vuoi fare e il suo metodo di invecchiamento.

Aceto: la nostra selezione

Guida all’acquisto: cosa devi sapere sull’aceto

Se stai cercando l’aceto più adatto alle tue esigenze, è necessario che tu conosca gli usi, gli aspetti e le caratteristiche di questo prodotto. In questa prossima sezione, ti forniremo i dati più rilevanti che devi conoscere. Oltre alle domande più ricorrenti tra coloro che cercano un aceto per i loro pasti o per pulire la loro casa.

Manos sosteniendo tarro de comida en vinagre

Con un aceto, puoi accompagnare il tuo condimento per l’insalata. (Fonte: Ksenia Chernaya: 3952045/ Pexels)

Di cosa è fatto l’aceto?

L’aceto è una soluzione acquosa la cui composizione consiste fondamentalmente in:

  • Acqua
  • Zuccheri
  • Acido acetico
  • Alcool

Ma non farti prendere dal panico! Quando sentiamo “acido” di solito pensiamo ad una sostanza corrosiva per il corpo. Tuttavia, l’aceto che compriamo di solito contiene una quantità minima di acido acetico, innocuo per gli esseri umani. Questi sono i suoi valori nutrizionali per 100 grammi:

Valore energetico/nutriente Quantità
Calorie 4 kcal
Carboidrati 0,6 g
Fibre 0 g
Grassi 0 mg
Vitamina C 0,5 mg
Potassio 39 mg

A cosa serve l’aceto?

Come abbiamo già detto, l’aceto è estremamente versatile e può essere utilizzato in un gran numero di aree. Ecco i tre usi più comuni dell’aceto:

  • Uso alimentare: Il famoso aceto è stato utilizzato in tutto il mondo da varie civiltà come condimento di base nella preparazione, conservazione e cottura di alcuni cibi. Questo è dovuto al suo sapore unico, che lo rende un additivo così utile e versatile in cucina.
  • Uso topico: Ma non è stato usato solo per scopi culinari. L’aceto era ed è anche usato per scopi medicinali e di pulizia. Per aiutare ad uccidere gli agenti patogeni, come batteri, funghi, incluso il tentativo di combattere pidocchi e verruche. Tuttavia, questi ultimi usi dovrebbero essere fatti con la dovuta attenzione nell’applicazione.
  • Un conservante naturale: Inoltre, a causa del suo contenuto di acido acetico e del suo basso pH, viene utilizzato come conservante per uso alimentare sia domestico che industriale. Viene utilizzato per la conservazione o il decapaggio di una vasta gamma di frutta, verdura e anche carne.

Frutas y verduras en conserva

Puoi conservare varie verdure confezionate nell’aceto
(Fonte: piccola pianta: TZw891-oMio/ unsplash.com)

Quali sono le proprietà dell’aceto?

Senza doverti addentrare in lunghe e noiose spiegazioni chimiche, ti spiegheremo in dettaglio ciò che devi sapere sulle proprietà dell’aceto. Quando ci riferiamo all’aceto, stiamo parlando di una miscela la cui acidità è attribuita all’acido acetico. Questo è un tipo di acido debole che proviene da alcuni processi di fermentazione, come quelli che avvengono nel vino o nella frutta.

Forse ti è capitato di lasciare una bevanda del genere all’aperto per un certo numero di ore. Quando l’hai assaggiato di nuovo, il suo sapore è “aceto”. Questo è fondamentalmente il processo di fermentazione utilizzato nella produzione degli aceti. Ci sono diversi processi industriali per ottenere acido acetico. Quello che ci interessa di più, in questo caso, è il processo di fermentazione ossidativa, il cui protagonista è il batterio Mycoderma aceti. Questi batteri, con l’aiuto dell’ossigeno e del tempo, sono responsabili della produzione di aceto.

Quindi, sì, è un liquido acido, il cui sapore è dovuto al processo di fermentazione generato dai batteri, ma niente panico! Questi batteri non ci danneggiano e si trovano in piccole proporzioni nel prodotto.

Quali sono i benefici dell’aceto?

Tra tutti i diversi tipi di aceto, quello che è stato maggiormente associato ai benefici per la salute è l’aceto di sidro di mele. Scientificamente, questo aceto non è solo un condimento extra per le tue insalate, ma anche un possibile sostituto per alcuni dei tuoi prodotti di bellezza e salute.

Ecco una lista dei benefici che sono stati trovati in questo aceto:

  • Aiuta ad eliminare la forfora
  • Esfolia la pelle
  • Elimina i batteri che causano odori dalla pelle
  • Lenisce il mal di gola
  • Allevia le infezioni del seno
  • Elimina le bruciature causate dalla rasatura
  • Aiuta ad accelerare il processo di guarigione dei lividi.
  • Allevia l’acidità di stomaco
  • Disintossica il fegato
  • Tratta le ustioni da UV
Sapevi che Ippocrate, il padre della medicina, lodava i benefici per la salute di questo liquido? Lo raccomandava anche come rimedio per la tosse e il raffreddore

Quali sono i tipi di aceto?

Gli aceti variano nei loro tipi in base ai loro possibili usi. Questo è dovuto principalmente al metodo di produzione. I tre principali tipi di aceto sono i seguenti:

  • Aceti da bere: Sono prodotti da ingredienti naturali, attraverso un processo di fermentazione e maturazione (opzionale). Questo dà loro un gusto più ricco e piacevole rispetto ad altri tipi di aceto. (Esempi: aceto di sidro di mele, aceto balsamico, aceto di riso)
  • Aceti per la pulizia: l’aceto serve anche come potente additivo per la pulizia, nella maggior parte dei suoi tipi, essendo in grado di rimuovere anche la ruggine dai materiali. Inoltre, grazie alla sua proprietà acida, serve come eccellente conservante alimentare (esempi: aceto distillato, aceto sintetico con basse percentuali di acido acetico)
  • Aceti sintetici: Conosciuti anche comeaceti industriali, questi sono tipicamente aceti sviluppati da processi chimici senza l’uso di ingredienti naturali. I loro usi sono più specifici e possono essere dannosi per gli esseri umani, a causa della loro alta concentrazione di acido acetico.

Utencilios de limpieza

Date le sue proprietà acide, l’aceto funziona come un eccellente pulitore. (Fonte: Margot Cavin: diy-all-purpose-vinegar-spray-4158625/ thespruce.com)

Quali sono i vantaggi di avere l’aceto in casa?

Siamo onesti. Se non hai già l’aceto in casa tua, non dovresti esitare a prenderne uno. Data la sua versatilità nei possibili usi, è un prodotto che non dovrebbe essere trascurato. Qui ti lasciamo con alcuni vantaggi e svantaggi di possedere il prodotto:

Vantaggi
  • Condimento importante in cucina
  • Buon pulitore di superfici
  • Facile da conservare
  • Dura a lungo se conservato correttamente
  • Non c”è bisogno di preoccuparsi delle date di scadenza
Svantaggi
  • Bisogna fare attenzione quando si maneggia
  • Nocivo se esposto alla pelle per lunghi periodi
  • Irritante per gli occhi al contatto

Come fai a sapere se è un aceto di qualità?

Le Denominazioni di Origine Protetta (DOP) e le Indicazioni Geografiche Protette (IGP) sono il sistema utilizzato per riconoscere la qualità degli aceti. Questa è una conseguenza delle caratteristiche specifiche e differenziali del metodo di produzione. I prodotti sono prodotti sotto l’influenza di vari fattori. Questi includono l’ambiente geografico in cui sono prodotti, le materie prime e il fattore umano coinvolto. Ci sono 7 di questi sigilli di qualità superiore per i prodotti a base di aceto nel mondo:

Tre DOP per gli aceti di vino spagnoli

  • Aceto di Sherry P.D.O
  • Aceto P.D.O. Condado de Huelva
  • Aceto di Montilla-Moriles DOP

Due D.O.P. e una I.G.P. di aceti di vino italiani

  • D.O.P. Aceto Balsamico Tradizionale di Modena
  • Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia DOP
  • Aceto Balsamico I.G.P. di Modina

E infine, un P.G.I. per l’aceto di riso cinese

  • I.G.P. Zhengjiang Xiang Cu

Qual è il miglior sostituto dell’aceto?

Se ti trovi in difficoltà in cucina, senza un aceto a cui rivolgerti, non preoccuparti, sappiamo che un buon equilibrio di sapori è importante. E dato che l’acido è un sapore importante nella preparazione del piatto, è bene considerare possibili sostituti.

  • Succhi di agrumi: come il succo di limone o di lime. Anche il succo d’uva combinato con alcune erbe può essere utilizzato.
  • Acidi secchi: nella cucina indiana, per esempio, si usa la polvere di mango secco. Una sostanza giallastra che ha un sapore aspro e amaro al contatto con la lingua.
  • Latticello: non è esattamente un sostituto, ma in termini di acidità nella preparazione dei cibi può esserlo.

Criteri di acquisto

Quando cerchi l’aceto di cui hai bisogno, dovresti prendere in considerazione una serie di aspetti del prodotto per scegliere quello più adatto. Nella seguente sezione, abbiamo incluso gli aspetti più importanti da considerare prima di acquistare l’aceto. In questo modo, sarai in grado di scegliere il tipo di prodotto che meglio si adatta a quello che stai cercando.

Ingredienti

Come detto sopra, tutto l’aceto contiene questi tre componenti di base:

  • Ossigeno (O2) incluso sotto forma di acqua.
  • Alcol.
  • Batteri, in particolare acidobatteri.

Ma allora, quali sono gli ingredienti che compongono l’aceto? Per qualsiasi tipo di aceto, gli acidobatteri sono infallibili, così come l’ossigeno, lasciando l’alcol come componente differenziale. Gli ingredienti dell’alcol utilizzato per il processo di fermentazione sono responsabili dei diversi tipi di aceti che possiamo trovare sul mercato. Generalmente, l’aceto può essere ottenuto da due diversi tipi di ingredienti:

  • Un alcol fatto con la frutta: Vini o sidri
  • Un alcol fatto da un tipo di grano: Riso o orzo, per esempio.

Uso per la pulizia

C’è l’aceto destinato alla pulizia, date le sue proprietà antisettiche e disinfettanti. Ha la funzione di un detergente: aiuta a rimuovere il grasso e lo sporco dalle superfici. Ma non tutti i tipi di aceto sono destinati alla pulizia. I principali tipi di aceti per la pulizia sono i seguenti:

  • Aceto bianco distillato: Questo tipo di aceto è multiuso. Si può cucinare, pulire e anche conservare il cibo con esso. È il tipico aceto che conservi nella tua credenza accanto al tuo olio vegetale. Tuttavia, non è l’aceto più preferito per gli usi in cucina.
  • Aceto per la pulizia: Questo tipo è il 20% più forte dell’aceto bianco distillato. Pertanto, non si vorrebbe cucinare con esso, figuriamoci consumarlo. Non è stato purificato agli stessi livelli di quello distillato. Inoltre, molti di questi contengono fragranze nella loro composizione, che è una ragione in più per non optare per il suo consumo.
  • Aceto industriale: Importante! In nessun caso l’aceto per la pulizia dovrebbe essere confuso con l’aceto industriale. Questo tipo di aceto va dal 20% di acido acetico a anche di più. Per nessuna ragione questa sostanza dovrebbe essere ingerita. Si raccomanda anche di indossare dispositivi di protezione della pelle, come i guanti, quando si maneggia. Va notato che il processo di fermentazione di questo tipo di aceto è l’unico ad essere artificiale.
Tipo Acido Acetico (%) Consumabile Naturale
Aceto distillato 5.00%
Aceto per pulizia 6.00% No
Aceto industriale 20.00% – più No No

Uso della cucina

C’è una grande varietà di aceti usati in cucina. L’aceto è un ingrediente ricco di sapore quando accompagna un’insalata, così come con i cereali e i prodotti a base di cereali.

Non dobbiamo preoccuparci della percentuale di acido acetico in questi tipi di aceti. Questi valori oscillano tra il 4-6%, quindi non ci saranno problemi a includerli nella preparazione dei piatti che desideri.

I diversi tipi di aceti da cucina hanno origine dai vari ingredienti utilizzati nel processo di fermentazione.

Mujer aplicandose vinagre en el brazo

Se diluisci l’aceto con acqua e lo applichi sulla pelle, la esfoli. (Fonte: Shapouri: r40EYKVyutI/ Unsplash)

Metodo di invecchiamento

Questo processo può durare da un giorno a diversi anni. Le tecniche più comunemente utilizzate sono i metodi a goccia e i processi sommersi, che producono il prodotto finale. Questi di solito non durano più di 24 ore o 2 giorni. Tuttavia, c’è il metodo di invecchiamento ossidativo, dove l’aceto può impiegare da 2 mesi a più di 20 anni per raggiungere il suo stato finale.

Quest’ultimo processo ha lo scopo di far acquisire all’aceto particolari caratteristiche sensoriali. Di solito viene effettuata in botti di legno, la quercia è la più comunemente usata.

Qui, la botte viene sigillata una volta che l’aceto ha raggiunto la % prevista di acido acetico, in modo che questo processo di trasformazione possa iniziare. Uno degli aceti che subisce questo processo è il famoso aceto balsamico.

“L’aceto è un prodotto in cui non è necessario indicare la data di scadenza secondo la legislazione attuale (RD 1334/1999). Essendo un prodotto acido, si conserva ed è considerato stabile nel tempo, tranne che per le variazioni di colore e l’aspetto dei sedimenti”

Riassunto

Non c’è dubbio che l’aceto sia davvero il condimento eterno. È stato scoperto secoli fa e gli vengono sempre più attribuite proprietà benefiche. Non solo per arricchire il gusto di ciò che mangiamo, ma anche per la nostra salute. È incoronato come il condimento che ha davvero trasceso la storia.

Oltre ai suoi vari usi possibili nella vita quotidiana, è un must nella nostra lista della spesa. Pertanto, è necessario sapere di quale tipo di aceto hai bisogno. È importante riconoscere quale tipo stai comprando. E tu, sai già con quale aceto accompagnerai la tua insalata oggi?

Se hai trovato interessante il nostro contenuto, ti invitiamo a condividerlo sui tuoi social network e a lasciarci i tuoi commenti.

(Fonte dell’immagine in primo piano: piccola pianta: TZw891-oMio/ Unsplash)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni