Ultimo aggiornamento: 28/09/2021

Un’allergia alle noci può essere associata a sintomi gravi e limitare la qualità della vita delle persone colpite.

Le nocciole e le arachidi sono tra gli allergeni più comuni. Tuttavia, le arachidi appartengono effettivamente ai legumi e quindi non sono oggetto delle nostre osservazioni.

Tuttavia, i sintomi dell’allergia sono simili all’allergia alle noci descritta qui. Di seguito imparerai cos’è un’allergia alle noci, quali sintomi provoca e come può essere diagnosticata e trattata.




Cosa può causare un’allergia alle noci?

Non tutte le noci sono uguali. Come abbiamo già stabilito, l’arachide è botanicamente di una famiglia completamente diversa.

Queste noci “vere” possono causare allergie

  • Nocciola
  • Noce
  • Pistacchio
  • Mandorla
  • Pecan
  • Dado del Brasile
  • Anacardo
  • Noce di macadamia
  • Dado del Queensland

L’allergia alle noci si riferisce ad una forma di allergia ai frutti a guscio che crescono sugli alberi.

Anche le castagne sono spesso incluse, oppure i pinoli e altri semi commestibili sono raggruppati sotto il termine ombrello di noci.

Come si scatena l’allergia alle noci?

Ogni persona è solitamente allergica ad una sola particolare noce. Questo perché ogni singolo dado ha le sue proteine tipiche.

Nella maggior parte dei casi, le persone colpite reagiscono solo ad un composto proteico molto specifico. Questa è chiamata allergia primaria alle noci.

Le cosiddette proteine di stoccaggio sono allergeni maggiori. Queste proteine supportano la crescita delle piante e non possono essere scomposte dagli acidi dello stomaco.

Le allergie primarie alle noci sono particolarmente comuni nell’infanzia.

Quali alimenti possono scatenare un’allergia alle noci?

Numerosi alimenti contengono noci in grandi quantità. Tuttavia, anche i cibi che contengono solo tracce di noci sono pericolosi per i soggetti allergici.

La seguente panoramica confronta gli allergeni evidenti con quelli nascosti negli alimenti .

Allergeni evidenti allergeni nascosti
Biscotti, gelati, biscotti, panpepato, cracker, barrette di muesli, crema di torrone alle noci, dolci pane, budino, margarina, piatti pronti, salsiccia, yogurt, salse, spezie

Anche gli oli di noci possono scatenare allergie. Mentre gli oli spremuti a freddo e quindi di alta qualità spesso scatenano allergie, gli oli raffinati sono di solito meglio tollerati.

Cosa dovrebbe tenere a mente chi soffre di allergia alle noci quando fa shopping?

La legge europea sugli alimenti stabilisce che tutti gli alimenti che contengono noci devono essere etichettati di conseguenza. Dal 2014, le informazioni sono diventate obbligatorie anche per le merci sfuse.

Tuttavia, un altro problema rimane in gran parte non influenzato da questo. In molte aziende di produzione, le noci vengono lavorate separatamente.

Non è raro che i prodotti non contengano noci, ma sono pericolosi a causa di tracce di noci che aderiscono alle macchine.

In molti posti c’è un’avvertenza: “Può contenere tracce di noci”. Tuttavia, i produttori non sono obbligati a fornire queste informazioni. Per gli interessati, l’unico modo è spesso quello di chiedere direttamente al produttore.

Se il prodotto contiene noci, le varietà di noci devono essere menzionate individualmente e chiaramente contrassegnate, cioè sottolineate o evidenziate a colori.

Quanto è comune l’allergia alle noci?

Le allergie alle noci sono abbastanza comuni in Germania. La frutta secca è l’unica in testa tra i fattori scatenanti delle allergie alimentari.

Si stima che circa il due per cento degli adulti e poco meno dell’uno per cento dei bambini ne siano affetti.

Secondo uno studio in 56 paesi, la causa dell’allergia non è ancora chiara. Alcuni scienziati vedono la scelta del grasso per il cibo come un possibile fattore scatenante. (Fonte immagine: pexels.com / Kaboompics.com)

Gli allergeni sono soggetti a differenze regionali. In Europa, la maggior parte delle allergie sono scatenate da arachidi e nocciole.

Negli Stati Uniti, anacardi e noci sono in cima a questa lista. In tutto il mondo, pistacchi, nocciole, mandorle, noci pecan e noci macadamia causano la maggior parte delle allergie alle noci.

Gli studi hanno dimostrato che in Europa circa l’1,4% della popolazione è affetta da allergia alle noci. Allo stesso tempo, i sondaggi condotti indipendentemente dalle visite mediche hanno dimostrato che quasi il dodici per cento si considera affetto da allergia alle noci.

Chi è affetto da allergia alle noci?

Mentre l’allergia al latte è più comune nei neonati e nei bambini piccoli, l’allergia alle noci colpisce anche gli adulti.

Un’allergia al latte di solito viene curata quando il bambino raggiunge l’età scolare e il corpo tollera la proteina del latte che prima era considerata dannosa.

Un’allergia alle noci, invece, guarisce spontaneamente solo in rari casi e può accompagnare le persone colpite per il resto della loro vita. Se l’allergia si presenta spontaneamente in età adulta, di solito è dovuta ad un’allergia al polline di betulla. In questo caso si chiama allergia secondaria.

Il polline di betulla contiene proteine che hanno una struttura simile alle proteine delle noci. Questo può portare ad una reazione incrociata e allo sviluppo di un’allergia alle noci.

Il decorso di queste allergie incrociate è solitamente meno grave. Entreremo più in dettaglio qui di seguito.

Qual è l’allergia alle noci più comune in Germania?

L’allergia alle nocciole è considerata l’allergia alimentare più comune in Germania, insieme a quella alle arachidi.

Chi soffre di allergia alla nocciola sperimenta sintomi tipici, come il prurito della pelle o una sensazione di formicolio in bocca. I sintomi gravi o addirittura pericolosi per la vita sono molto rari con questo tipo di allergia.

Un’allergia alle nocciole si divide in due tipi di allergia :

Forma dell’allergia Aspetto Caratteristiche
Allergia di tipo I La vera allergia alla nocciola è relativamente rara.
I sintomi possono essere gravi e, in casi estremi, pericolosi per la vita
Questo tipo di allergia è diretta direttamente contro una proteina presente nella nocciola e non è causata da un’allergia incrociata.
Allergia incrociata Le allergie incrociate sono solitamente i fattori scatenanti delle allergie alle nocciole I sintomi sono solitamente meno gravi.
Le persone colpite sono spesso allergiche anche al polline di betulla e al polline di nocciola.

Se si sospetta un’allergia alle nocciole, è necessario consultare urgentemente un medico. I sintomi possono peggiorare nel tempo. Alcune persone soffrono anche di un’allergia alle arachidi.

Se le allergie incrociate sono la causa scatenante, le persone colpite spesso soffrono anche di febbre da fieno come reazione agli allergeni del polline.

I sintomi qui sono spesso attenuati e non è raro che le nocciole siano addirittura tollerate se vengono riscaldate dopo la cottura.

Quali sono i sintomi dell’allergia alle noci?

Chi soffre di allergia alle noci sperimenta i sintomi tipici pochi minuti dopo aver mangiato noci. Spesso le quantità più piccole di noci sono sufficienti, a volte basta anche solo toccare una noce.

Gli allergeni entrano poi nel corpo attraverso il contatto con la pelle. I sintomi più comuni che si verificano dopo aver mangiato noci sono:

  • Gonfiore in bocca
  • Respiro corto
  • Nausea
  • Diarrea
  • Vomito
  • Problemi circolatori

Le allergie alle noci isolate possono portare a reazioni anafilattiche. Il rapido calo della pressione sanguigna può portare allo shock.

I sintomi delle allergie alle noci sono simili a quelli di altre allergie alimentari. Di seguito, i sintomi sono nuovamente presentati in modo chiaro e suddivisiin base alle regioni del corpo .

Regione del corpo Sintomi individuali
Pelle Prurito, eruzione cutanea, rossore, orticaria, neurodermatite
Bocca e gola Bruciore, prurito, gonfiore
Sistema respiratorio Tosse irritata, respiro corto, asma
Organi digestivi Dolore addominale, flatulenza, nausea, diarrea, vomito, bruciore di stomaco
Sistema cardiovascolare Palpitazioni, sudorazione, stato di shock, condizioni generali, mal di testa, debolezza, esaurimento

Lenoci hanno un potenziale molto alto di allergie e sono quindi considerate anche i fattori scatenanti più comuni. Con alcuni allergeni, per esempio le arachidi, di cui non si parla qui, anche le quantità più piccole sono sufficienti a causare i sintomi.

Se l’allergia è grave, è sufficiente inalare le particelle proteiche. Il test del microchip degli allergeni è un modo per determinare la gravità delle allergie alle noci.

Se è già presente un’allergia al polline di nocciola, betulla, faggio o ontano, non si può escludere una reazione eccessiva a nocciole, noci, anacardi o noci del Brasile.

Le reazioni incrociate in relazione alle allergie ai pollini spesso hanno un decorso meno drammatico. Chi ne è colpito di solito nota solo un formicolio e una sensazione di bruciore in bocca.

Cos’è esattamente un’allergia incrociata?

L’allergia incrociata è quando diversi allergeni con proprietà simili si incontrano.

In linea di principio, l’allergia non è nuova, ma solo il fattore scatenante effettivo è stato confuso con l’allergene correlato.

Il polline gioca un ruolo importante nelle allergie alle noci. Quindi non è impossibile per chi soffre di allergia al polline avere anche un’allergia alle noci.

Un’allergia alimentare associata al polline si verifica, per esempio, se sei allergico al polline di betulla e poi soffri di un’allergia alle nocciole, alle mandorle o alle noci.

La seguente panoramica mette a confronto le attuali allergie al polline e le possibili allergie incrociate con la frutta secca.

Allergia al polline possibili reazioni incrociate
Betulla, ontano, nocciolo nocciola, mandorla, noce, noce del Brasile
Artemisia, sedano pistacchio, nocciola, anacardo
Erbe nocciola, noce
Kiwi nocciola, noce

Mentre le possibili reazioni incrociate con il polline degli alberi, preferibilmente quello della betulla, sono abbastanza comuni, le altre allergie incrociate elencate sono piuttosto rare.

Posso anche scatenare reazioni incrociate con una vera allergia alle noci?

Questa situazione descritta in realtà funziona anche al contrario. Se hai una vera allergia alle noci che non è causata da una reazione incrociata, puoi anche sviluppare una reazione incrociata. Gli allergeni con una struttura simile sono responsabili di questo.

Questa panoramica ti mostra alcuni esempi di queste reazioni incrociate.

Allergia alla noce esistente possibili allergie incrociate
Nocciola betulla, segale, noce, kiwi
Pistacchio anacardo, arachide
Mandorle prugna, ciliegia, pesca
Noce nocciola, noce del Brasile, anacardo

Dato che le noci pecan hanno un alto contenuto di nichel, i possibili sintomi di allergia possono anche essere dovuti ad un’allergia al nichel. Lo stesso vale per gli anacardi, che hanno anche un alto contenuto di nichel.

Come viene diagnosticata l’allergia alle noci?

Se i sintomi menzionati vengono notati dopo aver mangiato noci, un medico dovrebbe essere consultato in ogni caso.

Come abbiamo già sentito, i sintomi non dovrebbero essere presi alla leggera. Se un’allergia alle noci non viene trattata, può peggiorare e in casi estremi portare allo shock allergico.

L’allergologo ha diversi metodi di diagnosi a sua disposizione

  • Test della puntura
  • Prelievo di sangue
  • Test di provocazione

All’inizio di ogni visita dal medico, dovrebbe esserci una conversazione personale. Il medico ti parlerà in dettaglio e ti chiederà delle tue abitudini alimentari.

È importante analizzare esattamente quando e in quale contesto sono apparsi i primi sintomi.

Prendendo un’anamnesi dettagliata, il medico può avere un quadro iniziale e determinare come

procedere.
In un prick test, la pelle viene leggermente graffiata. Vi si applicano piccole quantità dell’allergene sospetto in forma liquida.

La reazione cutanea viene poi osservata per diverse ore. Se c’è rossore o gonfiore, probabilmente l’allergene è stato trovato. Tuttavia, sono necessari ulteriori test.

Il test IgE consiste nel prendere un campione di sangue. Il campione di sangue viene analizzato per il suo contenuto di immunoglobuline E. Un’alta concentrazione di questi anticorpi può indicare un’allergia.

Se il medico ha ancora dei dubbi dopo aver preso il campione di sangue, un test di provocazione orale può fornire la certezza su quale noce scatena l’allergia.

Questo test potrebbe essere associato a gravi reazioni allergiche e dovrebbe quindi essere eseguito solo sotto stretta osservazione medica.

Il medico somministra quantità lentamente crescenti dell’allergene a determinati intervalli. Il paziente è poi sotto osservazione. Il medico osserva le reazioni e decide quando fermare il test.

Quanto è affidabile la diagnosi di un’allergia alle noci?

Probabilmente sarebbe troppo incerto fare la diagnosi solo utilizzando un test di puntura o IgE. Sono già stati condotti degli studi a questo proposito. Per esempio, sono stati valutati i test di provocazione di 109 persone.

Dopo il prick test o il test IgE, in questi pazienti è stata trovata una seconda allergia oltre a quella nota alle noci.

Tuttavia, i soggetti del test non avevano reagito in precedenza al secondo allergene diagnosticato. In più di un secondo partecipante allo studio, una possibile seconda allergia non ha potuto essere confermata.

Studi simili sono stati condotti con 44 persone affette da allergia alle arachidi. L’allergia ad altre specie di noci rilevata tramite test cutaneo o ematico non ha potuto essere confermata dal test di provocazione.

Come si cura un’allergia alle noci?

Una volta trovato il dado causale, c’è un modo semplice per evitare una reazione allergica. L’allergene deve scomparire dal cibo e la noce non deve più essere mangiata.

Questo è più facile a dirsi che a farsi, perché le noci spesso si nascondono nei cibi da cui non te le aspetti. Quindi potrebbe diventare un problema accettare l’invito a cena a casa di un amico o festeggiare il tuo prossimo compleanno in un ristorante.

Molte persone sono anche vegetariane o vegane e noci e semi sono una componente importante della loro dieta.

In ogni caso, un cambiamento nella dieta dovrebbe essere fatto sotto la guida di un medico o di un nutrizionista. Questa persona può anche dare consigli utili per la vita quotidiana.

Cosa devo fare se sono allergico alle noci?

Una volta che ti è stata diagnosticata un’allergia alle noci, dovrai esercitare molta disciplina. Questo inizia con lo studio degli ingredienti sulla confezione al supermercato e finisce al ristorante, dove dovresti trovare le informazioni speciali sulle allergie sul menu o fartele consegnare.

Se sei considerato particolarmente a rischio e lo shock anafilattico non può essere escluso, è consigliabile procurarsi un kit di emergenza per allergici.

Questo kit contiene un autoiniettore di adrenalina che puoi utilizzare da solo. Il kit contiene anche un corticosteroide in forma liquida o come compressa.

Dovresti anche avere accesso immediato ad un antistaminico. Inoltre, dovrebbe essere incluso un inalatore per l’asma.

Fonte immagine: pexels.com

Perché puoi fidarti di noi?

Recensioni