Amplificatori hi fi
Ultimo aggiornamento: 09/08/2021

Il nostro metodo

16Prodotti analizzati

9Ore di lavoro

11Fonti e riferimenti usati

22Commenti valutati

Anche se le apparecchiature audio hanno già una certa capacità e potenza, spesso accade che queste non siano così elevate come vorremmo. In questi casi, è utile avere un buon amplificatore Hi-Fi con cui migliorare la qualità del suono di qualsiasi sorgente e ottenere una potenza maggiore, con cui evitare distorsioni e poter accedere a più decibel di audio in uscita.

Qualcosa che può essere ottenuto con modelli come il Docooler AV-699BT, un amplificatore che offre controlli individuali per il suo funzionamento, oltre alla connettività wireless con altri dispositivi. La sua potenza di 400W è sufficiente per un uso domestico e viene fornito con un comodo telecomando. Più potenza è offerta dall’amplificatore Auna AV2-CD508, capace di fino a 600 watt di potenza e dotato di un semplice sistema di controllo, sia per scegliere le fonti audio che per controllare il dispositivo.




Amplificatore HiFi: la nostra selezione

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sulle amplificatore HiFi

Un amplificatore HiFi è il complemento ideale per permetterci di sfruttare al massimo la capacità delle nostre apparecchiature audio e godere così di una maggiore potenza, senza generare alcuna distorsione. Partendo da questa premessa, abbiamo preparato la seguente guida per acquistare il miglior amplificatore HiFi, in modo che tu possa goderti la tua passione per la buona musica e il suono di qualità.

Uso

Quando confrontiamo gli amplificatori HiFi dobbiamo definire l’uso che ne faremo e il luogo in cui lo collocheremo, poiché questo influenzerà direttamente le caratteristiche dell’amplificatore di cui avremo bisogno e, inoltre, nella nostra decisione di acquisto.

Da un lato, possiamo trovare modelli appositamente progettati per essere utilizzati in casa, che possono essere amplificatori stereo o speciali ricevitori audio e video per sistemi home cinema. In questi casi l’accoppiamento è solitamente diretto.

Inoltre, ci sono amplificatori che possono essere utilizzati per le performance dal vivo, che hanno due canali e la loro potenza può variare da 100 W fino a 1000 W. Questi modelli hanno grandi dissipatori e una grande alimentazione. Questi modelli hanno grandi dissipatori di calore e ventilatori che fanno circolare l’aria per mantenerli a temperature operative ottimali.

Amplificatori hi fi

Le apparecchiature audio hanno una certa capacità e potenza. (Fonte: Viktorus: 13027208 / 123rf)

Potenza

Una credenza tipica tra coloro che cercano un amplificatore per il loro sistema audio è che più alta è la potenza migliore è la qualità del suono, e questo non è necessariamente vero. A volte puoi trovare amplificatori da 30 W con una qualità del suono migliore di un amplificatore HiFi da 120 W.

Tuttavia, gli amplificatori di maggiore potenza hanno i loro vantaggi, in quanto sono più efficienti, generando il clipping del segnale o anche una distorsione facilmente udibile, rispetto agli amplificatori più piccoli o di minore potenza, che producono alti livelli di distorsione a volumi molto alti.

D’altra parte, quando vediamo il wattaggio di un amplificatore, questo si riferisce alla potenza di uscita di un canale, quindi è comune che quando tutti stanno lavorando allo stesso tempo, specialmente nei sistemi che usiamo per guardare l’home cinema, le sue prestazioni sono dal 30% al 40% inferiori a quanto indicato.

Infine, quando si considera un amplificatore per la sua potenza, si dovrebbe prendere in considerazione anche la capacità degli altoparlanti a cui verrà collegato, poiché questo determinerà se il massimo potenziale può essere estratto da entrambi. Per esempio, se gli altoparlanti sono da 200 W e l’amplificatore ha una potenza di uscita di 300 W, gli altoparlanti potrebbero essere danneggiati dall’essere esposti ad un livello di suono per il quale non sono stati progettati.

Tieni presente che per il bene delle tue orecchie non dovresti usare la potenza massima, perché potresti subire dei danni. Per esempio, per le esibizioni dal vivo, è consigliabile utilizzare tappi per le orecchie se il volume è troppo alto.

Connessioni

A questo punto ti starai chiedendo quanto costa un amplificatore HiFi, ma prima di guardare i prezzi è una buona idea prestare attenzione alle connessioni, poiché queste determineranno il numero di dispositivi che puoi utilizzare con l’amplificatore e il numero di uscite audio che ha.

Nel caso degli ingressi audio, questi sono di solito tramite RCA o ingressi ausiliari, mentre le uscite sono di solito i classici connettori che contengono i cavi degli altoparlanti, così come le porte RCA o i jack femmina da 1/4″.

È importante che tu abbia il giusto numero di uscite audio, specialmente se vuoi amplificare un sistema home theatre, poiché senza abbastanza uscite non sarai in grado di ottenere l’effetto surround desiderato di un sistema a 5.1 o 7.1 canali.

Un’altra connessione da considerare, specialmente se vuoi usare l’amplificatore mentre canti al karaoke o se stai intrattenendo un evento o una riunione sociale, è un ingresso per il microfono, che di solito si trova sulla parte anteriore dell’amplificatore, a volte da 3.5mm o 1/4″.

Amplificatori hi fi

Ha un sistema di controllo semplice, sia in termini di scelta delle fonti audio che di controllo del dispositivo. (Fonte: Viktorus: 39335090 / 123rf)

Design

Se gli amplificatori HiFi sono concepiti con l’obiettivo di fornire un suono di qualità e la capacità di estrarre il massimo potenziale dal sistema audio nel suo complesso, è anche vero che il loro aspetto e design è anche una parte fondamentale della personalità e dello stile che ogni utente ha.

Considerando che molti degli amplificatori occupano uno spazio privilegiato nelle sale conferenze e in altri luoghi o occasioni, dove saranno generalmente in piena vista, i produttori presentano un design che può variare dallo stile classico a quello moderno.

Infine, se stai cercando un amplificatore HiFi economico, cerca di concentrarti su quelli il cui design è principalmente ispirato alla praticità, ma se lo stile è anche in cima alla tua lista di priorità, ci sono molte opzioni attraenti sul mercato per soddisfare tutti i gusti.

Se vuoi saperne di più sulle apparecchiature HiFi, è disponibile il nostro articolo sulle cuffie HiFi Bluetooth.

Amplificatore HiFi: le domande più pressanti

Come pulire correttamente un amplificatore HiFi?

Gli amplificatori HiFi, come molte apparecchiature audio elettroniche, sono vulnerabili alla polvere e all’umidità, quindi dovrebbero essere puliti almeno una volta all’anno. Questo processo aiuterà a prevenire futuri guasti o a rilevare un problema in tempo.

Il primo passo è quello di scollegare l’amplificatore dalla presa, per evitare incidenti durante la manutenzione. In seguito, dovresti pulire l’esterno dell’amplificatore con un panno asciutto e, dove si trovano le manopole o i pulsanti, ti consigliamo di utilizzare una piccola spazzola a setole morbide per rimuovere la polvere senza complicazioni.

Successivamente, rimuovi con attenzione le viti dal case per smontare l’amplificatore e avere accesso ai cavi, ai jack, ai potenziometri e agli altri circuiti interni. Una volta fatto questo passo, il passo successivo è quello di utilizzare la stessa spazzola per togliere la polvere. Tuttavia, quando lo sporco all’interno dell’amplificatore è più difficile da rimuovere, si consiglia di utilizzare aria compressa. Naturalmente, se fai quest’ultima cosa, non avvicinarti troppo al tubo dell’aria, poiché ci sono elementi molto piccoli all’interno dell’amplificatore che sono abbastanza fragili.

D’altra parte, quando vai in viaggio e non hai intenzione di usare l’amplificatore per molto tempo, è meglio coprirlo con del tessuto spesso o conservarlo in una scatola speciale. Questo proteggerà tutti i suoi circuiti interni dalla polvere.

Amplificatori hi fi

Ha una potenza di 400W, che è sufficiente per un uso domestico, e viene fornito con un comodo telecomando. (Fonte: Viktorus: 15167828 / 123rf)

Come riparare un amplificatore HiFi rotto

Nel caso in cui il tuo amplificatore HiFi non si accenda, la cosa migliore da fare è controllare se c’è abbastanza corrente che passa attraverso la presa. A volte i protettori di tensione che si usano in casa smettono di funzionare. Cioè, collegare l’amplificatore da qualche altra parte potrebbe non funzionare correttamente.

Successivamente, se l’amplificatore non funziona dopo questa operazione, è meglio controllare i suoi fusibili interni, poiché proteggono l’amplificatore da sovraccarichi e cortocircuiti imprevisti. In altre parole, i fusibili potrebbero essere bruciati e quando li sostituisci, l’amplificatore si accende e funziona perfettamente.

Se questi passaggi non risolvono il problema, potresti dover portare l’amplificatore HiFi ad un centro di assistenza. Naturalmente, prima di farlo, controlla che il periodo di garanzia del venditore o del produttore non sia scaduto, in modo che l’amplificatore possa essere riparato o sostituito. Tuttavia, se hai fatto a pezzi l’amplificatore, la garanzia potrebbe non essere di alcuna utilità per te. Pertanto, assicurati di non far cadere la tua attrezzatura o di non lasciare che l’acqua entri al suo interno.

Cosa dovrei comprare, un amplificatore HiFi o un ricevitore AV?

Per le persone che sono abituate a guardare film in DVD e Blu-ray, un ricevitore AV potrebbe essere una buona opzione, dato che puoi centralizzare tutte le tue attrezzature multimediali, comprese le console di gioco e i lettori MP3.

Inoltre, un ricevitore AV viene fornito amplificato, quindi devi solo collegare ad esso degli altoparlanti passivi compatibili. Tuttavia, per le persone che cercano un suono ad alta fedeltà e ascoltano molta musica, un’opzione più impegnativa sarebbe un amplificatore HiFi, dato che questo tipo di apparecchiatura offre generalmente una migliore qualità audio.

Un’altra qualità che possiamo dire di un amplificatore HiFi è che fornisce più potenza, a seconda della marca e del modello, offrendo fino a 400 W in alcuni casi.

In breve, è meglio acquistare un’apparecchiatura adatta alle tue esigenze, per esempio un amplificatore HiFi, se la musica stereo è la tua passione. D’altra parte, ti consigliamo un ricevitore AV se vuoi ascoltare l’audio dei film in 5.1 o 7.1 canali.

Quali sono le principali differenze tra un amplificatore a valvole e uno a transistor?

La principale differenza tra questi due modelli ha a che fare con il modo in cui il suono viene trasmesso. Nel caso dei modelli a tubo, questi includono una striscia di metallo che viene riscaldata, generando l’emissione di elettroni che trasmette il suono. Nel caso dei modelli a transistor, il processo avviene all’interno del transistor. Il suono è solitamente diverso, a causa di questo modo di lavorare e della minore capacità di ingresso della valvola rispetto al transistor, quest’ultimo ha il vantaggio aggiuntivo di richiedere meno manutenzione.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Oldpaddo47: 147878459 / 123rf)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni