Poche cose sono fastidiose come rimanere senza segnale durante il tuo programma preferito, vero? Dopo una lunga giornata a lavoro, è finalmente arrivato il momento di buttarti sul divano e rilassarti per qualche ora davanti alla TV, ma niente! La tua antenna continua a fare i capricci: sarà forse arrivato il momento di acquistare una migliore antenna per digitale terrestre?

Se non hai mai sentito parlare di questo tipo di antenna, non preoccuparti, perché ti trovi sul sito giusto. In questo articolo, imparerai tutto ciò che c’è da sapere su questi dispositivi, indispensabili per goderti a dovere la tua televisione. Che tu abbia un vecchio televisore o una Smart TV, è arrivato il momento di dimenticarti una volta per tutte di cosa significhi avere una cattiva ricezione.

Le cose più importanti in breve

  • Le antenne per digitale terrestre sono i componenti che consentono la ricezione del digitale terrestre, che in Italia è l’applicazione della tecnologia digitale al segnale della televisione. Le antenne sono estremamente utili se si vive in luoghi in cui il segnale non è molto forte o addirittura non arriva.
  • Esistono varie tipologie di antenne capaci di offrire una buona ricezione al digitale terrestre, anche in luoghi relativamente lontani dalle grandi città. Solitamente, le antenne vengono classificate in antenne da interno (più facili da installare e configurare) e da esterno.
  • Se si vuole aumentare il segnale della propria televisione, un’antenna per digitale terrestre può tornare molto utile. Prima di scegliere un modello, ci sono alcuni criteri di acquisto che non vanno assolutamente ignorati: parliamo di raggio di ricezione, design, materiali di fabbricazione e della modalità d’installazione e configurazione.

Le migliori antenne per digitale terrestre sul mercato: la nostra selezione

Le antenne per digitale terrestre sono in grado di captare il segnale anche da vari chilometri di distanza e di permettere l’accesso a vari canali che magari prima si pensava di non riuscire a vedere in alcun modo. Oggi, l’utilizzo di questi strumenti è sempre più frequente, soprattutto nelle case lontane dai grandi centri abitati o a cui non arriva abbastanza segnale. Se non conosci bene il mercato delle antenne, puoi dare un’occhiata ai prodotti sottostanti.

La preferita dagli utenti

L’antenna Bqeel da interno possiede un design sottile (di soli 0,6 mm) che consente all’utente di posizionarla dove meglio crede, eventualmente nascondendola alla vista, grazie al funzionamento senza corrente elettrica. L’articolo riesce ad offrire risoluzioni in 720p, 1080p fino ad arrivare al 4K; grazie alla ricezione ottimizzata, quest’antenna riesce a captare segnale provenienti anche da più di 150 km.

La più facile da collocare in salotto

L’antenna da interno Ninkbox è dotata della più recente tecnologia di filtraggio delle onde del segnale, e riesce quindi ad offrire un segnale molto più pulito e un’immagine più nitida che può arrivare alla risoluzione 4K. Grazie all’amplificatore incorporato, la ricezione arriva a 120 miglia (circa 190 km), mentre il cavo coassiale di 3,7 metri consente di spostare l’antenna con maggiore libertà.

La più venduta

L’antenna da esterno 1Byone possiede una ricezione omnidirezionale a 360° e anche un filtro integrato 3G, 4G LTE e wireless per proteggere il segnale ricevuto. Grazie al design compatto e particolare, quest’antenna riesce a resistere bene agli agenti atmosferici, soprattutto al vento e alla neve perché, grazie alla finitura impermeabile, offre un segnale pulito e continuo anche nelle giornate di pioggia.

La più veloce da installare

L’antenna da esterno Shine si presenta in questa nuova versione dotata di un dipolo con filtro LTE 4G, ed è l’ideale per la ricezione dei canali DVB-T (tra cui le principali emittenti come RAI e Mediaset). La lunghezza di 122 cm consente di captare un segnale molto nitido, mentre la struttura e il peso ridotto dell’articolo ne consentono il montaggio in soli 5 secondi.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sulle antenne per digitale terrestre

Le antenne per digitale terrestre hanno iniziato ad essere particolarmente richieste soprattutto al momento dell’introduzione di varie tipologie di segnali, come il 3G o il 4G, che compromette seriamente il segnale che arriva a molte televisioni. Se non hai una buona ricezione a casa tua, potresti dover prendere in considerazione le informazioni contenute in questa sezione, dove andremo a fugare ogni possibile dubbio circa le antenne.

Gruppo di persone davanti alla TV

Un’antenna per digitale terrestre è un dispositivo disegnato appositamente per la ricezione del segnale digitale.
(Fonte: Mark Bowden: 33474094/ 123rf.com)

Cos’è esattamente un’antenna per digitale terrestre?

Un’antenna per digitale terrestre è un dispositivo disegnato appositamente per la ricezione del segnale digitale, che è il risultato dell’applicazione della tecnologia digitale al segnale della televisione, per trasmetterlo poi attraverso delle onde (in Hertz) trasmesse dall’atmosfera senza aver bisogno di cavi o satelliti.

Il segnale digitale migliora notevolmente la qualità della ricezione, ed amplia l’offerta disponibile di canali e la versatilità del sistema:

  • emissione con suono multicanale;
  • molteplici segnali audio;
  • televideo;
  • EPG (guida elettronica ai programmi);
  • canali radio, servizi interattivi ed immagini panoramiche.

Come funziona in Italia l’utilizzo di un’antenna per digitale terrestre?

In Italia come nel resto d’Europa, lo standard DVD-T (Digital Video Broadcasting-Terrestrial) è la tecnologia per l’emissione del segnale digitale terrestre. Questo viene fatto attraverso la banda UHF (Ultra-High Frequency, frequenza ultra alta) in frequenze MFN (Multiple-Frequency Network, reti di frequenza multipla); la modulazione, invece, viene realizzata mediante 64 QAM (ampiezza della quadratura) e una larghezza di banda di ogni canale di 8 megahertz. L’onda portante è di 8K.

Grazie ai molteplici vantaggi offerti, il digitale terrestre ha sostituito gradualmente il segnale analogico terrestre: fino al 2012 (anno dello switch-off definitivo in Italia) questo era il segnale che si trovava nella maggior parte delle case del Bel Paese. In quell’anno infatti, a seguito delle molteplici sollecitazioni da parte dell’Unione Europea, il 4 luglio venne effettuata la cessazione di tale segnale per cedere il posto alla neonata tecnologia analogica.

Perché è meglio utilizzare un’antenna per digitale terrestre invece della tecnologia analogica?

La tecnologia della televisione analogica consente solo di trasmette un unico programma televisivo per ogni canale UHF (che sia esso di 6 MHz, 7 MHz o 8 MHz di larghezza di banda). Inoltre, i canali adiacenti a quello che si sta vedendo devono restare liberi per evitare ogni tipo di interferenza.

Quando si utilizza un’antenna per digitale terrestre, si accede alla codificazione digitale dei programmi, che consente all’ampiezza di banda disponibile in un solo canale UHF di trasmettere vari canali in una qualità simile a quella di un DVD e uno o due in risoluzione HD.

Cosa devo fare perché un’antenna per digitale terrestre funzioni a casa mia?

Per fare in modo che il segnale arrivi e quindi assicurarsi che l’antenna funzioni, occorre seguire tre semplici passaggi: controllare se nella zona in cui si vive ci sia copertura, adattare l’antenna e disporre l’apparecchiatura per la ricezione del segnale digitale. Andiamo a vedere meglio cosa fare:

  • Verificare se nella zona in cui vivi c’è copertura: La copertura del segnale digitale è stato aumentato gradualmente, fino a superare il 90% sia per le emittenti private sia per quelle pubbliche. Per verificare che la tua zona sia coperta, puoi consultare la pagina dedicata sul sito Web del DTT, immettendo il tuo codice di avviamento postale (CAP).
  • Adattare l’antenna, sia essa individuale o collettiva: Per ricevere il segnale del digitale terrestre, puoi continuare ad utilizzare l’antenna UHF convenzionale, individuale o collettiva, che già possedevi per il segnale analogico terrestre. Tuttavia, occorre fare degli adattamenti nell’installazione che devono essere realizzati da un installatore di telecomunicazioni registrato.
  • Possedere uno strumento ricevitore per il digitale terrestre: Questo sintonizzatore ti consente di ricevere il segnale digitale a casa tua, sia attraverso un dispositivo esterno collegato direttamente alla televisione, sia attraverso una televisione dotata di ricevitore integrato.
Persone felici davanti alla TV

Il segnale digitale consente di godere di una qualità della ricezione migliore e amplia l’offerta del numero di canali.
(Fonte: Katarzyna Bialasiewicz: 75717910/ 123rf.com)

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di un’antenna per digitale terrestre per interno e una per esterno?

Le antenne per digitale terrestre sono solitamente da esterno, soprattutto negli edifici in cui non si può tenere un’antenna in soggiorno. Tuttavia, si avrà comunque bisogno di un’antenna da interno nel caso in cui serva più potenza. Nella tabella sottostante, possiamo vedere alcuni dei vantaggi e degli svantaggi di queste due tipologie di antenne.

Vantaggi Svantaggi
Antenna per digitale terrestre da esterno Alta portata.

Possono essere aggiunti degli amplificatori di segnale.

Resistente a condizioni climatiche avverse (acqua, raggi UV).

Solitamente, include una base orientabile per modificarne la posizione.

L’installazione può essere complicata, e si potrebbe aver bisogno di un professionista.

Maggior rischio di deterioramento.

Antenna per digitale terrestre da interno Facile da installare in ogni stanza della casa.

Il design è molto bello.

Molto facile da regolare e maneggiare nel caso in cui ci siano problemi di segnale o di accesso a certi canali.

Solitamente, l’intensità della ricezione del segnale non è molto alta.

Quella di tipo omnidirezionale potrebbe subire distorsioni o interferenze.

Quali tipi di antenne per digitale terrestre per interno esistono?

Solitamente, le antenne per digitale terrestre vengono suddivise in unidirezionali e omnidirezionali: le prime prendono il segnale da una sola direzione e, quindi, non subiscono interferenze; le altre, invece, prendono il segnale da ogni direzione, il che può provocare delle distorsioni. Se non sai da dove proviene il segnale, le antenne omnidirezionali sono la migliore opzione.

Coppia davanti alla TV

Le antenne per digitale terrestre sono solitamente da esterno, soprattutto negli edifici in cui non è possibile tenere un’antenna in salone.
(Fonte: Mark Bowden: 33474091/ 123rf.com)

Potenza e portata di un’antenna per digitale terrestre sono la stessa cosa?

No, ma sono comunque due fattori molto importanti. La potenza di un’antenna per digitale terrestre è la capacità di amplificare il segnale, e viene espressa solitamente sotto forma di guadagno. Maggiore è il guadagno, maggiore è anche la capacità dell’antenna di offrire un segnale più potente: questo aspetto è importante soprattutto se si vuole accedere a trasmissioni in HD, che richiedono un segnale molto più forte.

La portata, invece, è la distanza massima dalla quale l’antenna riesce a ricevere segnale. Viene misurata in chilometri e stabilisce la distanza massima che ci può essere dal centro di trasmissione del segnale. Questo valore va però preso con cautela, perché la misura si riferisce ad un campo aperto mentre, solitamente, ci sono degli ostacoli (come montagne o edifici) tra il centro di trasmissioni e la casa in cui si trova l’antenna.

Cosa succede se l’antenna per digitale terrestre non trova canali?

Per trovare canali, l’antenna deve ricevere segnale sufficiente: quindi, se essa non trova nulla, probabilmente è colpa di un’ubicazione non adeguata. Bisogna quindi verificare la potenza del segnale in varie zone della stanza in cui la si andrà a collocare, ma senza finalizzare l’installazione.

Quali vantaggi aggiuntivi può portare un’antenna per digitale terrestre con filtro 4G?

Il vantaggio principale di un’antenna per digitale terrestre che include questo tipo di filtro è la capacità di eliminare le interferenze provenienti da antenne di telefoni cellulari o reti WiFi. Siccome tutti questi segnali viaggiano per via aerea, la potenza dei segnali 4G potrebbe compromettere la qualità del segnale del digitale terrestre; se le interferenze sono continue, occorre trovare una soluzione.

Come si configura un’antenna per digitale terrestre per iniziare a cercare canali?

Come abbiamo già detto, uno dei vantaggi delle antenne per digitale terrestre da interno è la maggiore facilità di installazione e configurazione; oltretutto, sono facili da raggiungere perché non si trovano sul tetto, e possono essere regolate senza problemi. Per iniziare a cercare canali, occorre seguire questi quattro semplici passaggi:

  • Collega l’estremità del cavo coassiale (femmina) al connettore ANT/IN della parte posteriore della televisione o del decoder.
  • Nel menù di configurazione della televisione, impostare come modalità di sintonizzazione “antenna”. Consulta il manuale di istruzioni per altre informazioni.
  • Colloca l’antenna in una buona posizione, meglio se vicino ad una finestra o ad un muro.
  • Nel menù di configurazione della televisione, scegli l’opzione “ricerca” per trovare i canali.

Criteri di acquisto

Se sei stanco di ritrovarti senza segnale ogni volta che accendi la televisione, dovresti comprare un’antenna per digitale terrestre: potresti aver bisogno di una da interno o da esterno. In ogni caso, devi tenere in considerazione alcuni criteri di acquisto che ti aiuteranno a goderti meglio i tuoi programmi e spettacoli preferiti. Andiamo a vedere quali sono.

  • Potenza e portata del segnale
  • Modalità di installazione
  • Materiali
  • Filtri 4G
  • Lunghezza del cavo coassiale

Potenza e portata del segnale

Come abbiamo già visto in precedenza, potenza e portata non sono la stessa cosa: entrambe devono essere abbastanza alte per fare in modo che l’antenna non dia problemi. Quando guardi la descrizione del prodotto, assicurati che l’antenna abbia un guadagno alto e che la capacità di ricezioni superi almeno i 50 km: in molti casi, il centro di trasmissione si trova ben oltre tale distanza.

Tv in primo piano

L’antenna per digitale terrestre da interno è facile da installare in ogni stanza della casa.
(Fonte: Prasit Rodphan: 64172594/ 123rf.com)

Modalità di installazione

Oggi, a nessuno piace perdere tempo con complessi processi di installazione. Se hai deciso di acquistare un’antenna per digitale terrestre da esterno, tieni in considerazione che, probabilmente, dovrai rivolgerti ad un professionista per il montaggio (sono pochi i casi in cui si può fare tutto da soli). Se invece hai scelto un’antenna da interno, controlla che il montaggio possa essere fatto in pochi passaggi e che ci sia un manuale a spiegare tutto.

Materiali

Soprattutto se stai pensando di acquistare un’antenna per digitale terrestre da esterno, devi verificare che sia fatta in materiali come l’alluminio, che sia resistente all’acqua e alla corrosione, ai raggi UV e ad altre condizioni atmosferiche avverse: in questo modo, la vita utile dell’oggetto sarà più lunga. Per quanto riguarda le antenne da interno, invece, va bene anche una struttura in plastica.

Filtri 4G

Siccome oggi esistono davvero molte tipologie di antenne che emettono ogni tipo di segnale, soprattutto per i telefoni mobili e per la ricezione internet, interferenze e alterazioni sono quasi all’ordine del giorno. Per questo motivo, un’antenna per digitale terrestre dotata di filtro per il 4G può tornare molto utile, soprattutto se si vive in edifici in cui vi è una grande quantità di utenti.

Lunghezza del cavo coassiale

I cavi coassiali sono solitamente inclusi con l’acquisto di un’antenna per digitale terrestre da interno, ma la lunghezza può variare sensibilmente. Siccome è molto comune dove cambiare l’ubicazione dell’antenna per riuscire ad ottenere un segnale migliore o semplicemente per motivi logistici, meglio che il cavo sia lungo almeno 1,5 metri.

Conclusioni

Le antenne per digitale terrestre riescono a fornire alla televisione di casa tua una buona ricezione. Sono passati ormai dieci anni dall’introduzione della prima generazione di tale tecnologia e, da allora, molte persone sono riuscite a vedere i loro programmi preferiti nonostante vivessero in luoghi relativamente “sperduti”. Oltretutto, un’antenna consente anche di accedere a canali in HD che, altrimenti, non sarebbero disponibili.

Le antenne per digitale terrestre possono essere raggruppate in due grandi gruppi: da esterno e da interno. Le prime danno un segnale più intenso, ma sono più complicate da installare; le seconde sono invece più compatte, semplici da utilizzare e anche portatili, ma la ricezione non è delle migliori. In ogni caso, gli aspetti principali da tenere in considerazione sono potenza e portata del segnale rispetto al centro di trasmissione.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo con i tuoi contatti, e fai conoscere anche a loro tutto ciò che c’è da sapere sulle antenne per digitale terrestre: sicuramente, molte persone sarebbero interessate. Inoltre, puoi anche lasciarci un commento, a cui risponderemo il più presto possibile. A presto!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Julian o Hayon: w4znns7NTA0/ Unsplash.com)

Perché puoi fidarti di me?

REVIEWBOX
REVIEWBOX
Redazione
I redattori di REVIEWBOX fanno ricerche approfondite e scrivono articoli interessanti e completi per aiutare gli utenti a fare la scelta giusta nel momento in cui devono trovare il miglior prodotto per le proprie esigenze.