Ultimo aggiornamento: 29/09/2021

Il nostro metodo

21Prodotti analizzati

24Ore di lavoro

10Fonti e riferimenti usati

98Commenti valutati

Gli scarificatori sono uno degli strumenti più importanti nel tuo giardino. Ti aiutano a mantenere il tuo prato, a liberarlo dalle erbacce inutili e dal muschio e a farlo respirare di nuovo.

Con il nostro grande test dell’arieggiatore 2021 vogliamo aiutarti a trovare l’arieggiatore ideale per te. Abbiamo confrontato i quattro diversi tipi di scarificatori ed elencato i loro vantaggi e svantaggi. Questi sono scarificatori manuali, scarificatori elettrici, scarificatori a batteria e scarificatori a benzina.




Sommario

  • Gli scarificatori ti aiutano nella cura del tuo prato. Puoi scegliere tra quattro tipi di scarificatori. Scarificatori manuali, scarificatori a benzina, scarificatori elettrici e scarificatori a batteria.
  • Se hai un’area di prato di 600 metri quadrati o più, dovresti scegliere un arieggiatore a benzina, poiché di solito hanno una potenza doppia o tripla.
  • Prima di iniziare la scarificazione, devi tagliare il prato. Una lunghezza di circa 3-5 centimetri è l’ideale. Deve anche essere asciutto.

Arieggiatore: la nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Criteri di acquisto e valutazione degli arieggiatori

Vuoi comprare un arieggiatore? Ma non sei sicuro di quale sia quello giusto? Con l’aiuto di questi criteri puoi facilmente scoprire quale prodotto è il più adatto.

Nei paragrafi seguenti spiegheremo esattamente cosa è importante quando si acquista un arieggiatore.

Power

Come detto prima, ci sono quattro diversi tipi di scarificatori. Scarificatori manuali, elettrici, a batteria e a benzina. Questi variano molto nelle loro prestazioni. Con gli scarificatori manuali, è chiaro che qui è necessaria tutta la tua forza muscolare. Gli scarificatori elettrici o a batteria sono diversi. Gli scarificatori elettrici vanno da 600 a 1.800 watt.

Per 250-300 metri quadrati di prato, 1.000 watt sono sufficienti.

Un arieggiatore a batteria di solito ha un wattaggio compreso tra 800 e 1.400 watt. Questo è abbastanza sufficiente per un prato di piccole e medie dimensioni. Un arieggiatore a benzina parte da circa 1.000 watt e può avere fino a 6.000 watt, a seconda della fascia di prezzo.

Per un giardino grande, conviene comprare un dispositivo più costoso che abbia anche più potenza.

Larghezza di lavoro

Più grande è la larghezza di lavoro del tuo arieggiatore, più veloce sarà la finitura. Tuttavia, se hai zone strette nel tuo giardino, ti consigliamo di prendere la precauzione di misurarle.

In questo modo non avrai esperienze negative quando scarificherai in seguito. La maggior parte delle macchine ha una larghezza di taglio da 32 a 40 cm, a seconda del modello.

Profondità di lavoro

Quando si imposta la profondità di lavoro, è particolarmente importante non tagliare troppo in profondità nel prato, perché questo lo danneggerebbe troppo. Normalmente una profondità di 3 o 4 mm è sufficiente. Se hai molto muschio o erbacce, potresti essere meglio con 5 millimetri.

Ma perché la maggior parte delle macchine ha una regolazione della profondità di lavoro fino a 10 millimetri? Ne hai bisogno se il tuo prato è molto irregolare e non puoi raggiungere facilmente certe aree. Poi i millimetri in più possono aiutarti a raggiungere i punti più difficili.

Volume

Se hai dei vicini nelle immediate vicinanze, è utile sapere quanto sarà forte il tuo arieggiatore. Ci sono grandi differenze qui. In generale, un arieggiatore elettrico o a batteria di solito ha un livello di rumore più basso di un arieggiatore a benzina.
Il

tuo udito può essere danneggiato in modo permanente sopra gli 85 decibel. Assicurati di indossare una protezione per l’udito.

È quindi vantaggioso prendersi del tempo per confrontare le offerte prima di acquistare. Solo 10 decibel in più significano un raddoppio del volume. E dato che il tuo udito è permanentemente danneggiato sopra gli 85 decibel, è consigliabile indossare una protezione per l’udito.

Volume del sacco di raccolta

Non vuoi setacciare di nuovo il tuo giardino con un rastrello da prato dopo la scarificazione per raccogliere il materiale scarificato? Allora ti consigliamo un arieggiatore con una scatola di raccolta.

Ci sono diverse capacità a seconda del modello e del produttore. Devi valutare quanta cura richiede il tuo prato e quanto tempo vuoi lavorare senza interruzioni.

Numero di artigli e lame

Gli artigli e le lame sono attaccati al rullo, che ruota. Maggiore è la larghezza di lavoro del tuo arieggiatore, più artigli e lame ci saranno sul rullo. In ogni caso, dovresti assicurarti che il tuo arieggiatore abbia tra 15 e 20 lame e tra 10 e 26 artigli di aerazione.

Guida: Le domande più frequenti sugli arieggiatori con risposte dettagliate

Cos’è un arieggiatore?

Un arieggiatore è un dispositivo che ti aiuta a mantenere e sciogliere il tuo prato. Il muschio o le erbacce inquinano il prato e dovrebbero essere rimossi regolarmente. Scarificando il tappeto erboso, darai al tuo tappeto erboso una riposante boccata d’aria fresca.

Perché hai bisogno di un arieggiatore?

Se il tuo prato ha chiazze di muschio ed erbacce, la fornitura di ossigeno diminuirà e la crescita del prato si deteriorerà. Per questo motivo, è altamente consigliabile considerare l’acquisto di un arieggiatore.

Vertikutierer

Giardino ben curato con un bel prato fiorito. Proprio la cosa giusta per godersi una bella serata estiva. (Fonte immagine: Nicolas Picard / Unsplash)

Un arieggiatore, non importa quale tipo scegli, funziona sempre allo stesso modo. Gli artigli causano ciò che è noto come scarificazione dell’erba. Allo stesso tempo, il muschio e le erbacce vengono rimossi.

Questo aumenta la fornitura di ossigeno e il prato cresce più densamente. Il materiale scarificato viene espulso nella parte posteriore o raccolto in un cesto di raccolta.

Quali tipi di scarificatori esistono?

Ci sono quattro diversi tipi di scarificatori. La costruzione di base è quasi sempre la stessa. C’è un telaio con un rullo nella parte inferiore. Questo ha varie lame d’acciaio che sono dirette perpendicolarmente al terreno e quindi rimuovono il muschio o le erbacce dal prato. Gli artigli di aerazione assicurano un apporto ottimale di ossigeno.

Scarificatori manuali: Questi semplici modelli non richiedono un motore o un cavo di alimentazione. Il materiale scarificato rimane sul prato dopo e viene raccolto con il rastrello. Tuttavia, questo tipo di scarificazione è dispendiosa in termini di energia, dato che viene fatta tutta con la tua forza muscolare. Tuttavia, potresti risparmiarti un viaggio in palestra.

Arieggiatore elettrico: Se scegli un arieggiatore elettrico, puoi rendere il tuo lavoro più facile perché un motore elettrico fornisce l’azionamento necessario per il rullo e non devi usare tanta forza. Gli arieggiatori elettrici sono ideali per giardini di piccole e medie dimensioni.

Se hai un’area di 600 metri quadrati o più, potresti trovare difficile gestire il cavo. Molti di questi modelli hanno un cesto di raccolta. Tuttavia, spesso devi fare i conti a mano dopo perché le dimensioni dei cesti di raccolta sono troppo piccole.

Scarificatori a batteria: Questi sono solitamente simili agli scarificatori elettrici, ma non hanno un cavo. Questo può essere un vantaggio se hai un giardino più grande o molto tortuoso. Un arieggiatore a batteria ha anche un cesto di raccolta e una regolazione centrale della profondità di lavoro. La potenza della batteria può variare, ma con molti dispositivi può essere estesa.

Arieggiatore a benzina: Se stai cercando più potenza, scegli un arieggiatore con un motore a benzina. Questi sono considerevolmente più pesanti di altri dispositivi, ma non c’è bisogno di armeggiare con il cavo. Gli arieggiatori a benzina sono raccomandati soprattutto per i giardini più grandi.

Cosa devo considerare quando acquisto un arieggiatore?

È essenziale considerare l’area per la quale vuoi utilizzare il tuo arieggiatore. Da 600 metri quadrati in su, è consigliabile acquistare un arieggiatore con un motore a benzina.

Qui devi considerare quanto vuoi investire in un motore potente e quanto deve essere ampia la larghezza di lavoro. Per le grandi aree, questo fa una grande differenza su quanto tempo devi investire nella cura del prato.

Vertikutierer

Il momento migliore per scarificare il tuo prato è in primavera ad aprile e in autunno a settembre.
(Fonte immagine: Ulrike Mai / Pixabay)

Un arieggiatore elettrico o a batteria dovrebbe avere un certo wattaggio, a seconda dell’area del prato, per poter lavorare senza problemi.

Quando dovresti scarificare?

Puoi scarificare il tuo prato in primavera e in autunno. Se scarifichi per la prima volta in primavera e il tuo giardino era già molto invaso e infestato, potrebbe essere necessario ricominciare con la cura del prato in autunno. Dovresti anche prestare attenzione ai seguenti punti

  1. Passo 1: Il tuo prato dovrebbe essere asciutto e lungo circa 3-5 centimetri.
  2. Fase 2: Per una prima prova, imposta la profondità di lavoro a soli 2 millimetri e controlla se il materiale di scarificazione aderisce. Regola da 3 a 4 millimetri se necessario.
  3. Fase 3: dovresti lavorare sul tuo prato in tempi relativamente brevi per non lavorare troppo.
  4. Fase 4: Dopo la scarificazione, raccogli il materiale scarificato che può essere rimasto e spargi semi di erba se necessario.

Fonte immagine: Salyasin / pixabay

Recensioni