Basso acustico in primo piano

Sei un amante della musica e vorresti iniziare a suonare uno strumento? Oggi te ne proponiamo uno che potrebbe fare al tuo caso: il basso acustico. Ascoltando i tuoi brani preferiti, avrai di sicuro notato quel suono bombato e ritmato che avvolge il resto degli strumenti dando originalità e movimento alla canzone.

Se il tuo desiderio è acquistare uno dei migliori bassi acustici, ti trovi nel posto giusto. Il basso acustico è infatti un ottimo strumento per iniziare a muovere i primi passi verso il mondo della musica. Esso, per quanto impopolare rispetto alle classiche chitarre e pianoforti, è di grande importanza nella struttura di una canzone e la sua assenza si farebbe notare.

Le cose più importanti in breve

  • Il basso è uno strumento che strutturalmente ricorda la chitarra. è anch’esso uno strumento a corda, ma differisce per il suono prodotto e per le dimensioni di manico, paletta e corpo.
  • Il basso acustico, come il tradizionale basso elettrico, ha lo scopo di riempire un brano musicale da tutti quei vuoti lasciati dall’acuto delle chitarre e dagli altri strumenti. Il suo suono corposo e ricco di ritmo ti permetterà di dare una solida struttura a tutta la musica che componi o alle cover delle canzoni che esegui.
  • Rispetto a quello elettrico, il basso acustico conserva un suono classico grazie alla sua cassa armonica. Questa ti permetterà di poter suonare ad un volume discreto anche senza l’ausilio di un amplificatore.
  • Sul mercato esistono alcuni modelli di basso acustico con connettore jack che ti permetterà di poter amplificare il suo suono classico attraverso altoparlanti o specifici amplificatori. Inoltre sono presenti modelli progettati per musicisti mancini.

I migliori prodotti sul mercato: la nostra selezione

Esistono tanti bassi acustici sul mercato che differiscono per tipologia di legno utilizzato, di vernice, meccanica montata e ovviamente per prezzo. Inoltre potrai scegliere tra il semplice modello acustico o la versione elettroacustica. Quest’ultima ti permetterà di suonare a volumi più alti. Di seguito ti proponiamo la nostra selezione dei miglior bassi acustici sul mercato.

Il miglior basso elettroacustico con il manico in abete

Il basso elettro acustico di Gear4music a quattro corde è l’ideale per chi cerca un rapporto qualità prezzo e una linea leggermente country grazie alla finitura nera. Ha un top in abete e il corpo in sapele, mentre la testiera e il ponte sono in pioppo. Consigliato sia per fare pratica che per i concerti unplugged.

Le recensioni sono solo positive (tranne un caso di reso per prodotto sbagliato). Suona bene e la fattura è ottima, quindi viene considerato un ottimo acquisto.

Il miglior basso acustico per rapporto qualità-prezzo

Questo basso acustico Ibanez PCBE12MH a 4 corde è, oltre a essere molto bello da vedere, è costruito tutto con legno in mogano (tastiera e ponte in palissandro) con un corpo Grand Concert che offre un tono versatile e una postura confortevole.

Chi l’ha acquistato giudica il rapporto qualità prezzo ottimo, che offre un suono splendido sia unplug che amplificato. Ha solo recensioni positive.

Il miglior basso acustico a 5 corde

Un altro ottimo basso acustico Gear4Music, ideale per chi ama le 5 corde e una leggerezza maggiore rispetto al modello a 4 corde. Il corpo è stato realizzato in abete e ha un equalizzatore integrato a 3 bande con accordatore e un indicatore della batteria che torna particolarmente comodo nelle esibizioni dal vivo.

Secondo quanto si legge nei commenti lasciati dagli acquirenti di tutto il mondo il basso supera le aspettative per l’ottima qualità offerta, anche se qualcuno consiglia di cambiare subito le corde che risultano fragili.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sul basso acustico

Prima di procedere con l’acquisto di un basso acustico è importante che ti siano chiare alcune caratteristiche che potranno essere determinanti nel scegliere un modello rispetto ad una altro. Se vuoi trovare un buon compromesso tra suono, materiale e prezzo, a breve ti daremo dei consigli che ti chiariranno alcuni aspetti fondamentali.

Testa di un basso acustico

Rispetto al basso elettrico, il basso acustico conserva un suono classico grazie alla sua cassa armonica. Questa ti permetterà di poter suonare ad un volume discreto anche senza l’ausilio di un amplificatore. (Fonte: photo/1481297 – Pxhere.com)

Che cosa è un basso acustico?

Il basso acustico è uno strumento a corde come la chitarra. Esso è utilizzato per dare una struttura ritmica solida, insieme alla batteria, all’interno di un brano. Il basso acustico si differenzia dal basso tradizionale in quanto presenta una cassa armonica, “il corpo”, che da allo strumento un suono classico con un ottimo volume anche in assenza di un amplificatore.

Essenziale all’interno di un gruppo musicale, il basso acustico predomina nelle composizioni sonore per il suo suono grave e per i suo “giri” dinamici. Grazie alla scala musicale riportata sul manico, potrai riprodurre i principali ritmi dei più svariati generi musicali.

Quali sono le componenti di un basso acustico?

Il basso acustico, come vedrai, è costituito dall’assemblaggio di più componenti. In base al materiale di costruzione di alcuni di essi e alla qualità di altri, lo strumento potrà presentare un suono piuttosto che un altro. I componenti principali di un basso acustico sono:

  • Corpo: Nel basso acustico è solitamente chiamato anche “cassa armonica”. è il componente con dimensioni maggiori nel complesso dello strumento. Grazie alla sua particolare struttura, caratterizzata da curvature, parti bombate e un foro, solitamente ricavato al suo centro, è possibile avere un’amplificazione naturale del suono. I volumi raggiunti sono discreti.
  • Manico: Solitamente ottenuto da più strati di legno compattato, è fissato al corpo tramite viti o colla ed è lambito dalle corde. Al suo interno è contenuta una lunga vite  detta “anima” o “Truss rod”, essenziale per mantenere le corde ad una determinata trazione ed  evitare la curvatura del manico. In quest’ultimo è riportata una scala musicale, caratterizzata dalla presenza di differenti “Tasti”, alcuni dei quali contrassegnati da un pallino di madreperla. Ogni tasto scandisce differenti note in base al numero di corde presenti.
  • Paletta: è la parte terminale del manico. Nella paletta sono inserite le meccaniche, strumenti che ti permettono l’accordatura e il loro mantenimento. Esse sono costituite da meccanismi, che tramite la rotazione delle chiavette ti permettono di selezionare il tono di ogni singola corda.
  • Ponte: è la seconda estremità in cui sono fissate le corde ed è situato nel corpo. Esso ti permette di regolare la distanza delle corde dal manico, in modo da trovare l’impugnatura e la sensibilità giusta mentre lo suoni.
  • Corde: Tenute in tensione dalle meccaniche sulla palette e dal fissaggio del ponte, sono il principale elemento sonoro. Tramite la loro vibrazione, in concomitanza con la pressione di  tasti del manico, è possibile riprodurre le note in differenti scale. Lo spessore delle corde del basso, molto maggiore rispetto a quello delle corde di una chitarra, permette di avere il suono grave che lo caratterizza.
  • Pickup: solitamente montati sul corpo, sono presenti soltanto nelle versioni elettroacustiche. I pickup  a sua volta sono collegati ad una connessione jack che permette il collegamento del basso acustico con un amplificatore o un altoparlante.
Primo piano su due teste di strumenti

Il basso acustico è un’ottimo strumento per iniziare a muovere i primi passi verso il mondo della musica. Esso, per quanto impopolare rispetto alle classiche chitarre e pianoforti, è di grande importanza nella struttura di una canzone e la sua assenza si farebbe notare. (Fonte: PactoVisual/ 1717338/ pixabay.com)

Qual è la differenza tra un basso acustico e una chitarra?

Il basso acustico differisce dalla chitarra per il numero di corde e per la struttura. Le prime conferiscono ai due strumenti, un suono diverso ed unico. Il basso può presentare 4 o 5 corde, a secondo delle scale musicali che necessiti per poter suonare i tuoi brani preferiti o comporre. Le corde del basso acustico hanno uno spessore maggiore delle corde della chitarra. Esse permettono di raggiungere suoni tutt’altro che acuti.

Nel caso della struttura, il basso acustico ha delle dimensioni maggiori rispetto alla chitarra. Esse differiscono per corpo, manico e paletta. Avendo corde più spesse, la struttura risulta essere più massiccia e il suono più bombato, ritmico e con toni bassi.

Come scegliere un basso acustico?

In base alla tua esperienza musicale, la scelta di uno dei miglior bassi acustici può essere più o meno immediata. Sul mercato sono presenti prodotti che differiscono molto nel prezzo. A partire dai modelli base, ideali per i principianti e con prezzi molto contenuti, si passa ad edizioni custom dei più grandi musicisti, con prezzi altissimi ma con materiali, meccaniche e suoni eccezionali.

Tra queste due fasce di prezzo, si collocano molti bassi acustici con un ottimo compromesso qualità prezzo. Facendo bene le tue ricerche e considerando gli aspetti fondamentali, puoi arrivare ad avere uno strumento valido e prestante, che ti accompagnerà nella tua passione.

Se sei alle prime armi scegli un modello base, perché ha un basso investimento economico.

Potrai maturare con il tempo quale sia il migliore basso acustico che fa per te e a sua volta fare un acquisto più mirato. Se hai già esperienza ma non hai un gran budget, ti consigliamo di scegliere tra i bassi acustici di media fascia.  Essi sono costruiti con legni di qualità e con qualche accorgimento successivo potrai migliorarne il suono.

Perché scegliere un modello elettroacustico?

Esiste una variante di basso acustico che ti permetterà di suonare collegandoti ad un amplificatore o a un altoparlante. Questo strumento, comunemente chiamato basso elettroacustico, è caratterizzato dalla presenza di un connettore jack, di pickup, e di potenziometri per regolare il suono quando effettui il collegamento.

è un’ottima scelta, in quanto potrai suonare, sia in versione Unplugged, sia con l’amplificazione. In questo modo non avrai limiti su nessun tipo di esibizione. Solitamente, la versione elettroacustica è alimentata da una batteria, riposta in un apposito vano. Alcuni modelli presentano integrato pure un accordatore analogico o digitale, che ti faciliterà l’intonazione dello strumento.

Criteri di acquisto

Prima di procedere all’acquisto del migliore basso acustico, devi considerare alcune caratteristiche, che si possono  rivelare determinanti nella scelta di un modello rispetto ad un altro. Se vuoi avere un ottimo basso acustico tra le mani, non devi sottovalutare nessun aspetto. Molte volte potrai farti affascinare dal design di un prodotto, ma questo non è l’unico criterio che determina la qualità del tuo strumento.  Ti mostriamo cosa considerare:

Suono e materiale corpo, manico, tastiera

Il basso acustico è uno strumento musicale solitamente costruito in legno. In base alla tipologia di legno utilizzato per ogni sua singola parte, il basso avrà un determinato suono. è proprio il materiale che ne determina questa caratteristica. Se ti capita di provare differenti bassi acustici sarai in grado di notare questa differenza da un modello all’altro.

Dato che il suono è uno dei principali criteri di scelta per l’acquisto di un modello di basso acustico rispetto ad un altro, fai attenzione quindi anche a quale legno utilizzano. Le tipologie sono svariata: dal palissandro al mogano, dal pioppo all’abete, dall’acero al noce. Se il tuo pensiero è quello di comprare un basso di media gamma, scegline uno con materiali resistenti che abbiano allo stesso tempo un ottimo suono.

Manico di basso

Sul manico del basso acustico è riportata una scala musicale, sotto forma di tastiera. I tasti presenti sul manico possono variare in numero, aumentandoti così la scala musicale per poter comporre i tuoi brani. (Fonte: Majain: 2426159/ pixabay.com)

Meccaniche

Le meccaniche sono le parti fondamentali che ti permetteranno di tener in trazione le corde del tuo basso elettrico, quindi di mantenere l’accordatura del tuo strumento. Le meccaniche sono sono solitamente montate nella paletta e presentano un meccanismo, che tramite la rotazione di una chiavetta , ti permetterà di ottenere l’intonazione giusta di ogni singola corda.

La presenza di ottime meccaniche sul tuo basso acustico ti eviterà fastidiosi problemi di accordatura. Mentre suoni una canzone, le corde sono sottoposte a continue vibrazioni ed urti. Se il tuo strumento presenta meccaniche di scarsa qualità, corri il rischio di avere una variazione della tua accordatura mentre suoni.

Solitamente, nei bassi più economici e di media fascia troverai delle meccaniche di serie che peccano proprio nel mantenimento dell’accordatura. Questa pecca, che potrai riscontrare nel tuo strumento, nonostante esso possa avere un suono eccellente, può essere risolta sostituendo le meccaniche di fabbrica con quelle di marca e di ottima qualità. Assicurati che le meccaniche che scegli siano compatibili con il tuo modello.

Tastiera e scale musicali

Sul manico del basso acustico è riportata una scala musicale, sotto forma di tastiera. I tasti presenti sul manico possono variare in numero, aumentandoti così la scala musicale per poter comporre i tuoi brani. Solitamente sono presenti 20 tasti, ma esistono versioni che presentano anche 22 o 24 tasti. Inoltre potrai trovare riportate le misure della scala in pollici, le quali indicano la distanza dal capotasto al ponte.

Alcuni modelli di basso acustico presentano una tastiera studiata appositamente per i musicisti mancini. Questa si presenta come il ribaltamento speculare dello strumento per destrimano.  è da tenere in considerazione anche il tipo di legno della tastiera che andrà ad influire sul suono dello strumento.

Uso

In base all’uso che vuoi fare del tuo basso potrai optare tra due scelte distinte. Se il tuo interesse è solo quello di avere uno strumento per esercitarti o da suonare in compagnia e portare sempre con te al mare, in lago o in montagna, ti consigliamo la versione classica acustica. Questo basso non presenta alcuna componente elettronica. Nella sua struttura puramente meccanica, potrai suonare senza aver bisogno di nessun amplificatore.

Se vuoi che il tuo basso abbia una doppia valenza, ti consigliamo di acquistare la versione elettroacustica. Questo modello si presenta in tutto e per tutto come la versione classica ma la differenza è data dalla presenza di una connessione jack, di pickup e di potenziometri. Questi ti permetteranno di amplificare il suono del tuo basso acustico non limitandoti in nessuna direzione. è una soluzione ideale per concerti unplugged.

Presso e design

Il prezzo e il design sono due aspetti che influiscono nella tua scelta. Sul mercato esistono differenti modelli di basso acustico. In base al materiali utilizzati e alle meccaniche installate i prezzi vanno dalle poche centinaia di euro alle migliaia. Se sei un principiante ti consigliamo modelli base con un costo economico contenuto. Questi bassi acustici, con alcune migliorie, possono diventare ottimi strumenti. Se sei già un veterano ti consigliamo di valutare modelli più professionali.

Il design è l’aspetto che ti colpisce a primo impatto. Le forme e i colori dei bassi acustici presenti sul mercato sono svariate. Scegliendo il tipo di vernice giusta contribuirai pure al suono del tuo strumento. Alcuni tipi di vernici, o laccature, sono sconsigliate perché deteriorano i materiali di costruzione e di conseguenza diminuiscono la qualità del suono.

Scegliere un modello di basso acustico solo per il design può rivelarsi un’idea sbagliata. In precedenza ti abbiamo mostrato i principali parametri importanti che determinano il suono del tuo strumento. Il design è uno di questi, ma non l’unico.

Conclusioni

Il basso acustico è uno degli strumenti a corda non celebre come la chitarra, ma che custodisce un suono unico e molto particolare. Con questo strumento potrai divertirti a riprodurre cover, a suonare con insieme ai tuoi amici o a comporre nuovi brani. Potrai imparare i principali “giri di basso” di ogni genere musicale e scoprire, dall’interno, il grande mondo della musica.

Cimentarsi nel mondo musicale è sempre un’avventura e una nuova scoperta. Per arrivare alla scelta e all’acquisto di uno dei migliori bassi acustici sul mercato tieni in mente i consigli che ti abbiamo proposto. Considerando i differenti fattori, potrai avere tra le tue mani un basso acustico che non ti deluderà e che ti accompagnerà nelle tue avventure musicali.

Speriamo che i nostri consigli possano esserti d’aiuto nella scelta di uno dei migliori bassi acustici sul mercato. Per eventuali domande o dubbi ti invitiamo a commentare il nostro articolo e a condividerlo sui social. Grazie.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Thomas Tolkien: 3586572666/ flickr.com)

Perché puoi fidarti di me?

Tommaso Randazzo Redattore e traduttore
Sono uno stagista specializzato nel settore ingegneristico, ma oltre ad occuparmi di testi tecnici, trovo interessante spaziare in differenti settori, tra cui anche lo sport e la musica.