Le cartucce per stampante sono quasi indispensabili ormai nella nostra quotidianità. Sia che siamo studenti, professionisti o appassionati di fotografia, abbiamo tutti una cosa in comune: ci piace trasferire su carta i nostri lavori. Eppure, riflettiamo poco sul “combustibile” che rende possibile tutto questo. Che cosa sappiamo davvero delle cartucce per stampante?

La qualità dell’inchiostro è davvero così importante? E quale cartucce dovresti comprare? Probabilmente ti sarai già reso conto che questi poco considerati accessori sono ciò che davvero muove il mercato delle stampanti e che genera i maggiori guadagni. Ne esistono molti tipi e, ovviamente, di prezzi diversi. Se non sai quale scegliere, leggi questa guida che ti aiuterà a trovare il miglior prodotto per le tue esigenze.

Le cose più importanti in breve

  • Le cartucce per stampanti sono ciò che permette di trasferire immagini e testi su carta al momento di stamparli.
  • Esistono diversi modi per conservare l’inchiostro. Nelle cosiddette stampanti a getto d’inchiostro, l’inchiostro è contenuto nelle cartucce che si acquistano abitualmente. In generale, le stampanti necessitano di una cartuccia di inchiostro nero e di un’altra dove si mescolano varie quantità di inchiostro magenta, giallo e ciano.
  • Le cartucce per stampanti che scegliamo devono essere quelle giuste, altrimenti potrebbero provocare danni al dispositivo o influenzare negativamente la qualità di stampa.
  • Esistono diversi tipi di inchiostro per stampanti, a seconda della composizione chimica, degli obiettivi del produttore e dell’utente e delle stesse cartucce (per esempio, se sono rigenerate o meno).

Le migliori cartucce per stampanti sul mercato: la nostra selezione

Fortunatamente, negli ultimi anni i prezzi delle stampanti si sono notevolmente abbassati. Quelli delle cartucce, non tanto. È l’inchiostro per stampanti che costituisce davvero il business della stampa. Come possiamo, allora, scegliere i prodotti migliori sul mercato? La seguente selezione è stata preparata con questo obiettivo, quindi continua a leggere per scoprirlo.

Canon PG-545/Cl-546

Canon offre una confezione multipla con all’interno una cartuccia per stampanti di inchiostro nero da 8 millilitri e una a colori anch’essa da 8 millilitri. Queste cartucce Canon originali garantiscono al colore impresso una sensazione naturale, un’eccellente nitidezza e una lunga durata. Occorre verificare che esse siano compatibili con il dispositivo in uso.

Le recensioni rilasciate sono preminentemente positive. Gli utenti apprezzano il rapporto qualità-prezzo; soprattutto, viene gradita la qualità di stampa, giudicata come “eccelsa” ed incredibilmente nitida. Inoltre, le cartucce risultano facili da inserire e da sostituire, nonché durevoli rispetto a prodotti concorrenti.

HP 302 Combo Pack

HP offre un combo pack contenente al suo interno due cartucce standard nere e a tricromia. Compatibili con le stampanti a getto d’inchiostro HP, sono ottime per stampare qualsiasi tipo di documento, dalle fotografie alle ricerche scolastiche. In media, il nero stampa 190 pagine e la tricromia 165. Le cartucce sono prodotte con materiali riciclati all’80%.

Gli utenti consigliano di acquistare il prodotto quando è in offerta, poiché il rendimento dichiarato di pagine risulta, secondo alcuni, inferiore a quello dichiarato. Tuttavia, è ottima la qualità della stampa, molto nitida, precisa ed affidabile, così come la facilità di installazione delle cartucce. Inoltre, vengono riconosciute facilmente dalla stampante.

Epson T071

Queste cartucce firmate Epson originali sono contenute in una confezione facile da aprire. L’inchiostro è DuraBite Ultra, adatto a stampe di lunga durata e idrorepellenti, in quanto l’inchiostro regge molto bene l’usura da acqua. Il pacchetto include un set completo di 4 diversi colori: ciano, magenta, giallo e nero.

Molte sono le recensioni positive per questo prodotto. I clienti sembrano gradire molto la qualità di stampa, nonché l’eccellente resa delle cartucce. Alcuni utenti giudicano il prezzo leggermente alto, ma suggeriscono comunque di non acquistare imitazioni o cartucce rivitalizzate in quanto l’inchiostro è affidabile.

OfficeWorld 16XL

Queste cartucce OfficeWorld sono compatibili per sostituire le Epson 16XL. Le cartucce non sono originali, tuttavia sono ad alto rendimento: le cartucce nere rendono circa 600 pagine, mentre le altre circa 400. Il pacchetto include 9 cartucce nere, 3 ciano, 3 magenta e 3 gialle (18 in tutto). La garanzia di rimborso al 100% dura 12 mesi.

Gli utenti che hanno lasciato dei commenti gradiscono il rapporto qualità-prezzo. Inoltre, viene apprezzata la quantità di cartucce presenti e il rendimento di esse. Ancora, viene elogiata la facilità di riconoscimento di esse, nonostante non siano originali. La qualità di stampa è positivamente citata, mentre l’imballaggio è perfetto.

Gohepi 29XL

Gohepi offre le sue cartucce interamente compatibili e rigenerate ad un prezzo accessibile. Esse sono compatibili per varie tipologie di stampanti Epson (verificare sempre prima dell’acquisto). Il pack contiene 15 cartucce, di cui 6 nere, 3 gialle, 3 ciano e 3 magenta. Il nero rende circa 500 pagine, mentre il colore 450.

I recensori gradiscono il rapporto qualità-prezzo e la qualità di stampa, ottima nonostante siano cartucce rigenerate. Elogiata è la riconoscibilità delle cartucce nonostante non siano originali. I colori risultano nitidi e, secondo i clienti, non hanno niente da invidiare a quelli Epson. Alcuni utenti riferiscono che le cartucce possono intasarsi.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sulle cartucce per stampanti

Rimanere senza cartucce per stampanti equivale a rimanere senza batteria del cellulare. Ci impedisce di continuare a lavorare! Ma al momento di acquistarne di nuove, non sempre ci è chiaro quali siano gli aspetti da tenere in considerazione. La sezione seguente affronta gli interrogativi più comuni sull’inchiostro per stampanti e può essere molto utile prima di effettuare un acquisto.

Prima di acquistare le cartucce, è fondamentale tenere in considerazione il modello della tua stampante. (Fonte: Auremar: 71652291/ 123rf.com)

Che cos’è esattamente l’inchiostro per stampanti?

L’inchiostro utilizzato nelle cartucce per stampanti a getto d’inchiostro è un liquido che contiene vari pigmenti o coloranti e il cui fine è quello di colorare una superficie di carta. Le cartucce sono contenitori sostituibili che si installano all’interno della stampante per iniettare l’inchiostro nelle stampe.

Quali tipi di inchiostro per stampanti esistono?

Nelle stampanti a getto d’inchiostro troviamo, in generale, diversi tipi di inchiostro, soprattutto a livello di composizione chimica. Ricordiamo che i colori più comuni sono ciano, magenta, giallo e nero (CMYK). La seguente tabella mostra le caratteristiche dei tipi principali.

Tipo di inchiostro Pro e contro
Inchiostro pigmentato Conveniente quando si stampa su carta, perché il pigmento rimane sulla superficie.

Occorre meno inchiostro per generare la stessa intensità di colore rispetto ad altri.

Inchiostro basato sul colorante Generalmente, è molto più forte di quello pigmentato e può generare più colore.

Dato che i coloranti si sciolgono allo stadio liquido, ha la tendenza ad essere assorbito dalla carta.

È un inchiostro meno efficace.

Inchiostro UV A differenza dei precedenti, non può evaporare dalla pagina. Dato che si asciuga rapidamente, il tempo di stampa si riduce.

Lo svantaggio è che è costoso e richiede un dispositivo avanzato.

Inchiostro Dye Un tipo di inchiostro a basso costo che viene comunemente utilizzato nelle stampanti monocromatiche standard “bianco e nero&#8221 .

Non è resistente all”acqua e richiede un po” di tempo per asciugarsi.

Come si installano e si sostituiscono le cartucce di inchiostro per stampanti?

Le cartucce conservano l’inchiostro nella stampante, nella testina di stampa, per poi iniettarlo sulla carta. Anche se il modo di installarle o di sostituirle può variare a seconda dei modelli, in generale si segue una serie di passaggi simili. Possiamo riassumerli nei seguenti.

  • Accendere la stampante.
  • Afferrare le maniglie o i lati della stampante e sollevare lo sportello di accesso alle cartucce di inchiostro finché non rimarrà bloccato.
  • Prima di continuare, accertarsi che il carrello di stampa sia inattivo.
  • Sollevare il coperchio dello slot dove va inserita la cartuccia.
  • Se si deve sostituire la cartuccia, estrarre verso l’alto quella usata.
  • Per inserire le nuove cartucce, prima di tutto occorre rimuovere il nastro di plastica di protezione.
  • Inserire la cartuccia nuova, con gli iniettori orientati verso la stampante.
  • Chiudere il coperchio dello slot della cartuccia.
  • Ripetere i passaggi per le altre cartucce, se necessario.
  • Chiudere lo sportello di accesso alle cartucce.

Qual è la differenza tra le cartucce per stampanti e il toner?

In poche parole, le cartucce si usano nelle stampanti a getto inchiostro, mentre il toner nelle stampanti laser. La differenza principale è il materiale: l’inchiostro è un liquido, mentre il toner è una polvere. Di norma, il toner è migliore per stampare documenti in gran quantità e l’inchiostro è consigliabile per foto che richiedono una miglior definizione.

La seguente tabella riassume altre differenze:

Velocità Qualità Capacità Prezzo A chi si rivolge
Inchiostro Meno precisa e più lenta della stampante laser. Stampa in alta qualità e definizione di colore. Supporta diverse quantità di carta, a seconda delle marche. La cartuccia di inchiostro è solitamente più economica del toner, ma viene sostituita con maggior frequenza. La cartuccia di inchiostro è più utilizzata a livello domestico o in ambito famigliare.
Toner Solitamente è più rapida. Stampa con ottima qualità, anche se non molto per quanto riguarda le foto. È in grado di svolgere lavori di stampa di dimensioni significative. È più cara, anche se rende per più tempo. Le stampanti laser con toner sono ideali per piccole, medie e grandi imprese.

Quanto durano le cartucce per stampanti?

Come abbiamo spiegato in precedenza, dipende dalle marche e dai modelli. È difficile determinare un tempo di rendimento esatto, perché ciascuna pagina stampata richiede una quantità di inchiostro diversa. Ad ogni modo, per quanto non si possa avere una risposta definitiva, ci sono comunque fattori che possiamo tenere in considerazione, come i seguenti:

  • Dimensioni della cartuccia
  • Tipo di cartuccia (compatibile o rigenerata)
  • Attenzioni prestate

Che cosa sono le cartucce di inchiostro rigenerate per stampanti?

Anche chiamate ricaricabili, sono cartucce che sono già state utilizzate precedentemente. I produttori le controllano, le puliscono, le riempiono di inchiostro e, se necessario, sostituiscono dei pezzi. Utilizzare questo tipo di cartucce può comportare vantaggi e svantaggi, come mostra la tabella seguente.

Vantaggi
  • Sono più economiche delle cartucce nuove o originali.
  • Difendono l&#8217
  • ambiente, dato che rappresentano una forma di riciclo.
  • Permettono di controllare comodamente il consumo di inchiostro, a seconda delle nostre necessità.
Svantaggi
  • La qualità dell&#8217
  • inchiostro può variare da un produttore all&#8217
  • altro a causa dei metodi di perforazione e riempimento.
  • Possono non essere compatibili con i modelli di stampanti che possediamo.

Quanto tempo durano le cartucce per stampanti non aperte?

A questo proposito, quanto più fresca è la cartuccia, meglio è, dato che l’esposizione all’aria e al calore può far seccare l’inchiostro. Anche se è difficile generalizzare, tra le tante marche e i tanti produttori, la vita utile della cartuccia di inchiostro va dai 2 ai 5 anni. Per le cartucce rigenerate, un solo anno.

Per una migliore cura e conservazione delle cartucce, si consiglia di tenerle con la testina rivolta verso il basso, lontane dalla luce e dal calore eccessivo, ed evitar colocarlos o quitarlos a la fuerza de la impresora.

foco

Sapevi che, storicamente, le stampanti venivano progettate per lavorare con un solo tipo di inchiostro? Oggi, per fortuna, i produttori si sono dedicati alla realizzazione di stampanti che possono funzionare con tipi diversi.

Criteri di acquisto

Le stampanti a iniezione ci permettono di risolvere sempre più problemi della vita quotidiana. Ma abbiamo imparato che un buon dispositivo non basta, se non è accompagnato dall’inchiostro adatto. Se hai ancora qualche dubbio su quale tipo di cartucce per stampanti scegliere, presta attenzione a questi criteri. Ti aiuteranno a non dimenticare le cose più importanti al momento dell’acquisto.

  • Compatibilità dell’inchiostro
  • Pacchetti multipli
  • Sostenibilità
  • Misure di sicurezza
  • Rendimento per pagine

Compatibilità dell’inchiostro

Il primo e più fondamentale criterio da tenere in considerazione prima di acquistare cartucce di inchiostro è la compatibilità con il nostro modello di stampante. Non soltanto perché potremmo non riuscire a far funzionare il dispositivo, ma anche perché esistono cartucce non compatibili in grado di provocare danni irreversibili alle testine di stampa.

Alberto Pérez

“La cartuccia risulta essere l’elemento più complesso e studiato di una stampante. Questo accessorio potrebbe essere considerato come il motore di un’auto, di conseguenza ogni volta che si sostituisce questo pezzo è come cambiare il motore di un’auto”.

Pacchetti multipli

Se siamo soliti stampare con una certa frequenza, l’ideale è non dover uscire in continuazione a comprare cartucce per stampanti. Sul mercato esistono molti pacchetti composti da più cartucce (inchiostro nero e colorato) da tenere di scorta. È importante conservare adeguatamente quelle non utilizzate per evitare che si rovinino.

Sostenibilità

Esistono molti tipi di cartucce per stampanti che sono riciclabili e i produttori si offrono di ritirare le cartucce usate per sfruttarne i pezzi. Un’altra opzione molto interessante sono le cartucce rigenerate, che si possono riempire nuovamente ogni qualvolta abbiamo bisogno di altro inchiostro. In tal modo, contribuiamo alla sostenibilità del pianeta e ci assicuriamo un rendimento di stampa efficiente.

Misure di sicurezza

Un aspetto essenziale per il corretto funzionamento delle cartucce per stampanti è che possiedano le misure di sicurezza adeguate. Queste consistono solitamente in nastri di plastica che evitano fuoriuscite di inchiostro. A questo proposito, verifica che le cartucce che acquisti siano originali o di un produttore affidabile, al fine di evitare di danneggiare il tuo dispositivo.

I colori più comuni sono ciano, magenta, giallo e nero.
(Fonte: Vitaliy Kytayko: 13984827/ 123rf.com)

Rendimento per pagine

Esistono molti tipi di cartucce per stampanti che includono, nella loro descrizione, il numero di pagine che possono stampare. Anche se, come abbiamo spiegato, questo indicatore non è esatto, è comunque piuttosto accurato. Tenendo in considerazione questo fattore, si consiglia di acquistare cartucce che assicurino almeno un rendimento di 300 pagine.

Conclusioni

L’inchiostro è la materia prima consumabile più importante delle stampanti a getto d’inchiostro. È contenuto in recipienti chiamati cartucce e la loro installazione ed utilizzo sono molto semplici. Le cartucce possono essere di vari tipi, sono diverse dai toner delle stampanti laser e richiedono alcune attenzioni per la conservazione.

Oggi, l’inchiostro per stampanti è la cosa migliore per ottenere elevati standard di qualità nella stampa, soprattutto per quanto riguarda la definizione delle foto. Le cartucce sono ideali per l’ambito familiare e per chi vuole assegnare alla stampante un uso domestico. Le cartucce rigenerate rappresentano una scelta di stampa salutare, economica ed efficace.

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo sui tuoi social network così che altre persone possano scoprire tutto il necessario sulle cartucce per stampanti. Puoi anche lasciarci un commento e saremo lieti di risponderti. Grazie mille!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Sasidis Sasisakulporn: 37666560/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di noi?

Erika Cecchetto Redattrice e traduttrice
Lavoro prevalentemente come traduttrice, professione iniziata quasi per caso ma che si è poi rivelata la mia grande passione. Amo leggere e scrivere e, quando si presenta l’occasione, mi dedico alla scrittura di articoli e testi di vario genere, avendo cura di renderli sempre scorrevoli e di gradevole lettura.
Specializzato in traduzione e filologia, mi dedico all'editing di testi e al giornalismo e sono stato legato al settore delle comunicazioni per dieci anni. Sia in campo editoriale che accademico, mi piace avere cura di ciò che scrivo e mi impegno a una trasmissione di informazioni accurate, rigorose e vicine al lettore.