Uomo con casco per bicicletta

Se stai pensando di uscire con la tua bici, o l’hai già fatto in alcune occasioni, è tempo di prendere in considerazione l’acquisto di un casco. Non importa quale disciplina pratichi, poiché il casco da bicicletta è un elemento fondamentale per quanto riguarda la sicurezza. Tuttavia, ci sono molti ciclisti che ne sottovalutano l’importanza e lo usano solo su strade extraurbane.

Il ciclismo ha molti benefici sia fisici che mentali, ma la sua pratica non è esente da determinati rischi. Nessuno è esente da cadute e colpi accidentali, quindi è altamente raccomandato, tra le altre precauzioni, l’uso del casco. Hai iniziato a cercarne uno, ma vuoi conoscere meglio concetti come l’aerodinamica e la ventilazione necessarie? Leggi la nostra guida, troverai tutte le risposte che cerchi!



Le cose più importanti in breve

  • Il casco da bicicletta aiuta a proteggerci da qualsiasi colpo o impatto sulla testa.
  • A seconda dell’uso, possiamo scegliere tra diversi tipi di caschi.
  • L’aerodinamica e la ventilazione sono alcuni dei criteri, sebbene non i soli, che devi prendere in considerazione prima di acquistare il tuo casco da bici.

I migliori caschi da bicicletta sul mercato: la nostra selezione

Il casco è un elemento fondamentale per gli amanti della bicicletta. È essenziale, indipendentemente dal percorso che stai per fare, poiché protegge la testa dagli impatti, quindi il casco aumenta la tua sicurezza. Qui sotto puoi trovare alcuni dei migliori modelli attualmente presenti sul mercato.

L’opzione migliore per la città

L’Abus HYBAN è un casco con struttura in ABS rigido, disponibile in una decina di diverse colorazioni e in due misure, M ed L. Offre un’ottima ventilazione del capo ed ha un LED bianco posto sulla parte posteriore. Si tratta di un prodotto semplice, versatile e leggero, perfetto da utilizzare negli ambienti cittadini, che gode di ottime recensioni. Viene apprezzato per il design pulito e la qualità dei materiali.

Il preferito dagli amanti della disciplina enduro

Ventura propone un casco da enduro in ABS composto da tre blocchi, con visiera e mento removibil. È di colore nero opaco e disponibile in taglie M ed L. Chi ha comprato il prodotto non tarda a lodarne l’ottima qualità costruttiva e la resistenza dei materiali, nonché la buona imbottitura, l’adeguato numero di fori per la ventilazione ed il prezzo conveniente.

La nostra scelta per bicicletta da corsa

Il casco prodotto da Shinmax è piccolo, leggero e aerodinamico, perfetto da impiegare in combinazione con una bici da corsa. È composto da PVC e PC, con imbottitura protettiva in EPS. È inoltre provvisto di un LED rosso sul retro, con funzione di luce fissa o lampeggiante, e di visiera frontale rimovibile con magneti, che offre un’adeguata protezione da vento e raggi UV. Gli acquirenti sembrano apprezzare tale visiera in modo particolare, assieme all’ottimo prezzo.

Il casco bici più apprezzato da chi sfida il vento

Il casco Exclusky Cicada è progettato per offrire protezione e comfort da vento e freddo superiori rispetto ai caschi tradizionali, merito di una forma più affusolata, della visiera frontale e di un numero ridotto di fori per il ricircolo dell’aria. Ha una scocca di policarbonato composta da un unico blocco, con imbottitura interna in EPS. I recensori ne apprezzano il design meno convenzionale e l’eccezionale rapporto qualità-prezzo.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sul casco per bicicletta

Acquistare un buon casco da bicicletta non è così scontato. Esistono diversi fattori che possono influenzare la scelta e talvolta la terminologia utilizzata in questo sport può disorientare. Non ti preoccupare, in questa sezione cercheremo di chiarirti tutti i dubbi che possono sorgere sui tipi di caschi, materiali di produzione e altri aspetti da non trascurare. Iniziamo!

Persone in bicicletta con il casco

Il ciclismo ha molti benefici sia fisici che mentali, ma la sua pratica non è esente da determinati rischi. (Fonte: Jozef Polc: 116381389/ 123rf.com)

Esistono vari tipi di caschi per bicicletta?

Il ciclismo è uno sport che ospita molte discipline diverse, quindi sia l’equipaggiamento che gli accessori utilizzati variano da una modalità all’altra. Questo è esattamente ciò che accade con il casco per bici, quindi avrai bisogno che abbia determinate specifiche a seconda dell’attività che vuoi svolgere. Qui sotto ti spieghiamo i principali tipi:

Tipo di casco Ventilazione Aerodinamica Design Disciplina
Casco da città Urban Pochi fori. Non viene tenuta in considerazione. Estetico. Ciclismo città.
Casco da MTB Con visiera Molto buona. Molto buona. Con una piccola visiera sulla parte anteriore che si può rimuovere. Per discipline XC (Cross country).
Da trail Molti fori per favorire il passaggio dell’aria. Non ha la stessa aerodinamica dei caschi con visiera. Con una visiera molto più grande del precedente. Per il trail (disciplina meno tecnica della precedente).
Da enduro Buona. Buona. Simile al casco di una moto. Protegge testa e volto. Per l’enduro (disciplina più tecnica).
Casco bici da corsa Classico Molto buona. Molto buona. Simile al casco da MTB con visiera, ma senza quest’ultima. Ciclismo su strada.
Semi aero Si sacrifica la ventilazione. Maggiore aerodinamica rispetto ai “caschi classici”. Ce ne sono alcuni con visiera, mentoniera e altre zone del viso. Ciclismo su strada.
Aero Si sacrifica completamente la ventilazione. I più aerodinamici. Disegno compatto e chiuso. Utilizzato dai velocisti delle squadre professioniste. Sono anche utilizzati per le cronometro e il ciclismo su pista.
Triathlon /corsa a Cronometro Senza coda Senza fori di ventilazione. Grande aerodinamica. Estetica simile a quella del ciclismo tradizionale. Incorporano una lente per proteggere gli occhi Corsa a cronometro e triathlon a media e lunga distanza.
Coda media Alcuni fori di ventilazione. Con più aerodinamica dei precedenti. Design allungato. Con lente protettiva. Corsa a cronometro e triathlon a media e lunga distanza.
Coda lunga Con pochissima ventilazione. Quelli più aerodinamici. Sono duri e abbastanza pesanti. Possono essere scomodi. Corsa a cronometro e su pista.

Di che materiali sono fatti i caschi da bicicletta?

La stragrande maggioranza dei caschi sono realizzati in polistirene e polipropilene, i materiali più leggeri e sicuri sul mercato. La parte interna dello scafo (polistirolo espanso) è la più importante, poiché è responsabile dell’assorbimento degli impatti. Questa schiuma è distribuita in strati di densità diverse a seconda della necessità di assorbimento di ciascuna area.

La calotta protettiva o esterna del casco in plastica ABS (molto resistente agli urti), protegge il polistirolo interno mantenendolo compatto e garantendo la sua unione in caso di impatto. La durezza della carcassa può variare a seconda del tipo di ciclismo decidi di praticare. Nei modelli di alta gamma possiamo trovare caschi fabbricati con il metodo in-mold.

Cos’è il metodo In-Mold con cui vengono fabbricati alcuni caschi da bicicletta?

Il metodo in-mold consente di fondere il guscio e l’interno del casco in un unico blocco. Grazie alla sua fabbricazione nello stesso stampo, la qualità del casco aumenta in modo significativo. Grazie a questa tecnologia, i caschi in-mold risultano molto più leggeri e resistenti agli urti rispetto ai modelli in cui questo tipo di fusione termica non viene utilizzato.

Il metodo in-mold consente di fondere l’involucro e l’interno del casco in un blocco unico.

Possiamo anche trovare caschi il cui guscio interno è attaccato o incollato alla parte interna. Questo tipo di produzione, molto più economico, è il più utilizzato nei modelli per principianti. Tuttavia, presenta alcune carenze come l’invecchiamento precoce e la leggerezza. Offre una risposta peggiore agli impatti.

Dal risultato della combinazione di entrambe le formule otteniamo la tecnologia ibrida nello stampo. È utilizzata nei modelli multistrato ed è molto insolito. Il prodotto è spesso molto costoso.

Come posso trovare la giusta taglia per il mio casco da bicicletta?

Prima di acquistare qualsiasi tipo di casco da bicicletta dovrai conoscere la taglia ideale per te. Per fare questo, prendi un metro flessibile e misura la testa di un paio di centimetri sopra le sopracciglia (la parte della testa in cui il cranio è più largo). La misura che otterrai sarà la circonferenza della tua testa. Guarda la tabella con le equivalenze:

Misura casco XS S M L XL
Circonferenza della testa 53-54 55-56 57-58 59-60 +60

Quando devo sostituire il mio casco da bicicletta?

Pur non avendo subito incidenti, è consigliabile sostituire il casco ogni 5 anni. Questo periodo stimato è dovuto alla schiuma interna (polistirolo) e altri materiali utilizzati nella sua fabbricazione che si deteriorano nel tempo. In caso di impatto, sostituire sempre il casco, anche senza danni apparenti. Prima di acquistarne uno, controlla sempre la data di produzione.

Ciclista

Il ciclismo è uno sport che comprende molte discipline diverse, quindi sia i kit che gli accessori utilizzati variano da una modalità all’altra. (Fonte: Avemario: 76042900/ 123rf.com)

Come devo prendermi cura del mio casco da bicicletta?

Prima di tutto dobbiamo proteggere il nostro casco dalle alte temperature, poiché la colla utilizzata per accoppiare le diverse parti può deteriorarsi o addirittura diventare liquida. Ricorda, inoltre, che non dovresti pulire il casco con sostanze chimiche, poiché possono essere molto aggressive e danneggiarlo. Un panno umido e sapone saranno sufficienti.

Puoi rimuovere il cuscinetto prima di proceder al suo lavaggio.

Lascialo asciugare in un luogo ventilato ed evita di usare l’asciugacapelli. Inoltre, non è consigliabile posizionare telecamere, luci o altri oggetti sul casco, poiché possono alterarne le proprietà meccaniche, oltre ad essere controproducenti in caso di caduta.

Come posso sapere se il mio casco da bici è completamente sicuro?

Se acquisti un casco in qualsiasi paese appartenente all’Unione Europea, deve aver superato una serie di approvazioni e certificazioni. Infatti, il casco dovrà essere approvato dalla Direttiva Europea 89/686 / CEE, ottenuta grazie alla certificazione standard per ciclisti e utenti di skateboard e pattini in linea (certificazione EN1078).

Pertanto, è importante cercare il codice 1078 accanto al simbolo CE nella confezione o nel manuale del casco. Se il tuo casco proviene dagli Stati Uniti o dall’Australia, dovresti sapere che questi paesi hanno le loro entità di certificazione con le loro approvazioni corrispondenti. Anche i test di sicurezza sono molto impegnativi, quindi puoi stare tranquillo.

Ciclista fuoristrada

La stragrande maggioranza dei caschi sono realizzati in polistirene e polipropilene, i materiali più leggeri e sicuri sul mercato. (Fonte: Maksym Protsenko: 93693246/ 123rf.com)

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi del casco per bicicletta?

Nei mesi caldi il ciclismo a qualsiasi livello guadagna più seguaci, ma non sono poche le persone che anche d’inverno decidono di pedalare per andare a lavorare. Chiunque gira in bicicletta dovrebbe capire che è importante indossare un casco, a prescindere da quello che impone la legge. Non bisogna per forza pensare a incidenti, ma anche a semplici urti o graffi che si possono causare passando per esempio sotto gli alberi. Qui sotto ti riepiloghiamo alcuni dei pro e contro del casco per bicicletta.

Vantaggi
  • Protezione della testa dai colpi, cadute e impatti: Protezione dalla pioggia
  • Protezione dai corpi contundenti
Svantaggi
  • Scomodo da indossare quando è per solo un breve tragitto
  • D”estate fa sudare di più
  • Non ha una copertura completa dagli infortuni

Criteri di acquisto

Prima di optare per l’uno o l’altro casco, devi prendere in considerazione una serie di criteri di acquisto che ti aiuteranno nella tua decisione. Finora, ti abbiamo detto le cose più importanti di questo elemento di sicurezza, ma non devi ignorare anche i seguenti aspetti chiave:

Ventilazione

La ventilazione facilita la circolazione dell’aria mentre si viaggia in bicicletta. È importante che, prima di scegliere il tuo casco da bici, tenga conto del tipo di disciplina che eseguirai e studi se hai bisogno di una buona ventilazione o se, al contrario, preferisci sacrificarla a favore di maggiori prestazioni sportive.

Il fatto che il casco abbia più o meno numero di fori non significa che sia meglio o peggio ventilato. Per scoprire se il tuo casco ha una buona ventilazione, osserva il posizionamento delle prese d’aria. Mettiti di fronte a un muro che non sia bianco e sorreggi il casco. Se riesci a vedere il colore del muro attraverso i fori, è ben ventilato.

Coppia di ciclisti con i caschi

La ventilazione facilita la circolazione dell’aria mentre si viaggia in bicicletta.(Fonte: Dmytro Sidelnikov: 110475719/ 123rf.com)

Aerodinamica

Dovresti tenere presente che l’aerodinamica di solito rinuncia alla ventilazione, quindi alcuni caschi tendono ad essere molto caldi per marce lunghe e lente. Il vento è uno dei peggiori nemici per i ciclisti. In effetti, una leggera brezza può costringere a raddoppiare lo sforzo per mantenere la stessa velocità. Qui entra in gioco l’aerodinamica del casco.

Visiera

Esistono caschi senza visiera e altri con visiera fissa o intercambiabile. Insistiamo nuovamente sulla necessità che tu identifichi prima di tutto la modalità che stai per praticare, poiché la presenza della visiera di solito dipenderà in gran parte da questo. Indipendentemente dalla modalità ciclismo, ci sono le persone che preferiscono i caschi con visiera per proteggersi dal sole.

Comodità e design

Il comfort è uno dei punti chiave da non trascurare quando si acquista un casco da bicicletta. Oltre alle dimensioni, l’interno svolge un ruolo fondamentale. Ci sentiremo più a nostro agio con l’imbottitura posizionata nei punti di contatto della nostra testa con il casco per la nostra bici.

Il design è un altro aspetto da considerare. Esistono innumerevoli modelli per tutti gli stili. In questo senso, puoi scegliere secondo il tuo gusto personale. Considera anche che, oltre alla visiera, ci sono reti anti-insetti, con occhiali attaccati e con proteggi mento. Quando trovi il tuo casco, ti consigliamo di indossarlo ogni giorno!

Conclusioni

Il casco è un elemento fondamentale che non dovrebbe mancare in nessuno dei nostri viaggi in bici. A seconda del percorso che seguiremo, dovremo scegliere tra uno o l’altro tipo di casco. Design, aerodinamica e ventilazione faranno la differenza. Ricorda anche di dare sempre un’occhiata alla legge in vigore e al codice stradale della tua regione.

Ricorda inoltre che i caschi da bicicletta non durano per sempre, ed è consigliabile sostituirli dopo 5 anni. Se hai subito qualche impatto, dovresti buttarlo via immediatamente anche se apparentemente non ha danni. Adesso sai proprio tutto, rimane la scelta. Quale comprerai?

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi lasciarci un commento e condividerlo sui social network con la tua famiglia e i tuoi amici. Potrebbe tornare utile a tutti coloro che vogliono viaggiare sicuri quando vanno in bici!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Katarzyna Białasiewicz: 21930944/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Marco Lombardi Il nostro esperto in viaggi e sport
Mi sto laureando in lingue e viaggio per il mondo da quando avevo 12 anni. Sono anche un tipo sportivo e mi piace l'avventura. Grazie a queste mie passioni riesco a scrivere articoli su ciò che mi interessa cercando sempre di essere il più utile possibile per il lettore.