Ultimo aggiornamento: 02/08/2021

Il nostro metodo

12Prodotti analizzati

18Ore di lavoro

7Fonti e riferimenti usati

82Commenti valutati

Per alcuni, è il loro lavoro. Per altri, è la loro vocazione e il loro passatempo preferito. Non importa quale sia la tua ragione per dipingere, l’importante è che tu lo faccia, e sicuramente lo fai bene. Ma, ovviamente, è arrivato il momento di fare il grande passo e procurarsi un cavalletto. Per la cronaca, non è una decisione facile.

Ma non preoccuparti, siamo qui per questo. Con la guida che abbiamo preparato per te oggi, vogliamo aiutarti a scegliere il migliore in modo che tu possa sfruttare al massimo l’artista che è in te. Che ne pensi? Unisciti a noi e scopri tutto quello che devi sapere su questi articoli pratici.




La cosa più importante da sapere

  • Un cavalletto è un accessorio essenziale per chiunque dipinga o trascorra lunghi periodi di tempo a dipingere. Oltre ad essere molto più comode, forniscono una buona prospettiva per le tue opere d’arte.
  • Fortunatamente, al giorno d’oggi possiamo trovare cavalletti in molte forme e dimensioni, quindi troveremo sempre quello che meglio si adatta alle nostre esigenze.
  • Tuttavia, per prendere la decisione giusta, è essenziale prendere in considerazione criteri di acquisto come i materiali utilizzati, il tipo di ancoraggio, l’uso che ne faremo e altre caratteristiche.

Cavalletto: la nostra selezione

Guida all’acquisto: quello che devi sapere sui cavalletti

Anche se a prima vista possono sembrare oggetti molto semplici, la verità è che quando ti metti all’opera, ti rendi conto che non sono poi così semplici. Per questo motivo, è molto probabile che tu abbia qualche dubbio quando consideri di averne uno per la prima volta. In questa seconda sezione risponderemo a tutte per te.

Un cavalletto è un accessorio essenziale per chiunque dipinga o trascorra lunghi periodi di tempo a dipingere. (Fonte: Shironosov: 57068027/ 123rf.com)

Quali tipi di cavalletti esistono?

Cominciamo dall’inizio. La prima cosa da fare è distinguere tra i diversi tipi di cavalletti che possiamo scegliere. Così, anche se ci sono diversi modelli all’interno di ogni tipo, possiamo distinguere

  • Cavalletto da tavolo o da appoggio: sono di dimensioni molto compatte e, come suggerisce il nome, sono posizionati su un tavolo. Uno dei loro principali vantaggi è che sono molto facili da conservare. Tuttavia, di solito non sono molto stabili.
  • Cavalletto a treppiede: il più comune, quello che ci viene in mente ogni volta che pensiamo ad un cavalletto. Sono molto leggeri e stabili. Generalmente, sono regolabili in altezza e di solito hanno piedi antiscivolo. Possono essere verticali o orizzontali.
  • Cavalletto a scatola o a valigetta: probabilmente il più pratico di tutti. Occupano pochissimo spazio e all’interno del cavalletto stesso puoi riporre tutto il materiale di cui hai bisogno per dipingere.
  • Cavalletto a scatola Pochade: molto simile ai precedenti, ma la sua struttura è qualcosa di simile ad un leggio. Quando apri la scatola, la parte superiore serve come supporto per la tela.
  • Cavalletto da studio: il più sofisticato. Sono utilizzati dai professionisti o dalle scuole di belle arti. Sono molto più robusti e la qualità è solitamente migliore rispetto agli altri, dato che sono preparati a sostenere lavori più grandi e pesanti.

Di quale manutenzione ha bisogno un cav

alletto? Una cosa che dobbiamo tenere a mente quando usiamo un cavalletto è la sua manutenzione. Anche se è un articolo di uso quotidiano, è essenziale prendersene cura per garantire il suo corretto funzionamento e una maggiore durata. A questo proposito, dobbiamo differenziare la manutenzione in base al materiale di fabbricazione del cavalletto:

Cavalletto di legno Cavalletto di metallo
Sarà necessario idratare frequentemente il legno per evitare che compaiano delle crepe. Puoi applicare olio di lino crudo (per le finiture oliate o naturali) o cera d’api (per quelle verniciate). Di solito sono protetti da uno strato di vernice abbastanza resistente, quindi questo tipo di cavalletto non richiede una manutenzione speciale oltre alla regolare pulizia.

È anche importante che di tanto in tanto, soprattutto per i cavalletti in legno, controlliamo e stringiamo tutte le viti e i dadi per assicurarci che siano in buone condizioni. Ricorda che il legno si espande e si contrae a causa dell’umidità e della temperatura, quindi dovremmo prestargli un po’ più di attenzione. Gli

artisti consigliano di dipingere su un cavalletto?

Quando si tratta di arte, non c’è niente come i consigli e le opinioni degli esperti del settore. Ecco perché spesso ci chiediamo perché preferiscano i cavalletti al dipingere in piano su un tavolo. A questo proposito, la pittrice e insegnante di pittura Núria Durán è chiara. Lei dice che, soprattutto quando sei agli inizi, è molto più facile dipingere in verticale (su un cavalletto), poiché il tuo sguardo andrà molto più direttamente dalla realtà alla tela.

Núria DuránArtista e insegnante di pittura al Nuria Duran Art Workshop.
“Disegnare e dipingere dal vero richiede osservazione, riflessione e anche risvegliare l’intuizione. La posizione verticale del supporto ci aiuta a non perdere la connessione tra ciò che guardiamo e ciò che rappresentiamo, poiché il nostro sguardo non deve cambiare piano quando si passa dalla terza dimensione alla nostra carta bidimensionale”.

Perché è pratico usare un cavalletto per dipingere?

Oltre a ciò che l’esperto ha menzionato, ci sono molte altre ragioni per cui è molto utile e pratico usare un cavalletto per i nostri dipinti. Dai un’occhiata alla seguente tabella di vantaggi e svantaggi e scoprilo da solo.

Vantaggi
  • È un oggetto molto durevole e resistente
  • È facile da usare e rende il nostro lavoro più confortevole
  • Ci aiuta a mantenere una postura corretta mentre dipingiamo, che evita problemi alla schiena
  • Alcuni modelli (inclinati) impediscono alla polvere di cadere sulla vernice prima che si asciughi
  • Ci sono modelli molto economici
Svantaggi
  • Occupano spazio
  • È necessario occuparsi della loro manutenzione
  • Possono non essere adatti a tutte le opere che dipingiamo (a seconda delle dimensioni o dell”orientamento della tela)

Come puoi vedere, i vantaggi superano gli svantaggi, che peraltro non sono nemmeno un grosso problema. Per tutte queste ragioni, i cavalletti stanno diventando sempre più diffusi, anche tra i principianti e coloro che dipingono solo nel loro tempo libero.

Quale cavalletto è meglio per me?

Ci sono così tante situazioni in cui possiamo usare un cavalletto che è difficile scoprire quale sia il migliore per noi in ogni caso. Inoltre, non possiamo avere un cavalletto diverso per ogni situazione, vero? E, anche se ci sono diversi colori per soddisfare diversi gusti, vorremmo mostrarti una classificazione generale che può servire da guida

  • Se sei un pittore professionista e le dimensioni delle tele che userai variano molto, è meglio avere un cavalletto da studio o un cavalletto che sia il più robusto possibile.
  • Se invece la pittura è il tuo passatempo preferito, un cavalletto da tavolo sarà sufficiente.
  • Per la pittura ad acquerello, è meglio utilizzare un cavalletto dritto e orizzontale che impedisca la gocciolatura del colore.
  • Per dipingere con colori acrilici o ad olio, è meglio utilizzare un cavalletto leggermente inclinato in avanti per evitare che la polvere cada sulla tela.

Fortunatamente, al giorno d’oggi possiamo trovare cavalletti in molte forme e dimensioni, così troveremo sempre quello che meglio si adatta alle nostre esigenze. (Fonte: Deklofenak: 103438358/ 123rf.com)

Criteri di acquisto

Ora arriviamo al momento più importante: scegliere il miglior cavalletto per te. È probabilmente il momento più importante e anche il più difficile perché, con il numero di modelli disponibili, è difficile scegliere. Prova a prendere in considerazione i seguenti criteri di acquisto che ti suggeriamo, così sarà un gioco da ragazzi!

Materiale

In articoli come i cavalletti, che influenzano notevolmente i risultati dei nostri dipinti, i materiali sono fondamentali. In generale, possiamo trovarli fatti di legno o metallo.Ognuno di loro ha diverse caratteristiche che saranno utili in uno o nell’altro caso:

Caratteristiche Cavalletti di legno Cavalletti di metallo
Materiale principale Faggio, bambù o “lyptus” Alluminio
Resistenza e durata Alta Alta
Estetica Classico e sofisticato Più moderno
Portabilità Più piccoli, sono meno compatti Più grandi, tendono a piegarsi di più
Manutenzione Cura del legno Attenzione alla ruggine
Uso abituale Professionisti o amanti della pittura Scuole d’arte o corsi di pittura
Costo Più costoso Più economico

Una delle ragioni principali per cui i cavalletti sono così pratici è che ti permettono di lavorare più comodamente regolando l’altezza o la posizione della tela. Così, possiamo differenziare diversi tipi di ancoraggi o modi in cui possiamo regolare l’altezza della tela per un maggiore comfort

  • Cricchetto o cremagliera metallica: solleva la tela in modo sfalsato. Questo è un sistema molto semplice e funzionale che impedisce al legno di deteriorarsi. Si consiglia di azionarlo quando la tela non è sul cavalletto per evitare che il suo peso danneggi il meccanismo.
  • Con telecomando (elettrico): questi si trovano di solito sui cavalletti professionali più robusti progettati per sostenere grandi opere d’arte. In questo modo, non dovremo fare alcuno sforzo per alzare la tela. Possono essere azionati a pedale o tramite un interruttore.
  • Manovella: il sistema più classico e si trova solo sui modelli top di gamma. Ha un design più tradizionale, è più pratico e facile da usare.

Questo si riferisce principalmente ai cavalletti da treppiede o da studio, anche se in tempi recenti troviamo anche questo tipo di sistema nei modelli da tavolo. Tuttavia, in questi ultimi e in alcuni cavalletti a scatola, troviamo anche degli ancoraggi a pressione che fissano la tela con delle leve in modo che non si muova mentre lavoriamo.

Una delle ragioni principali per cui i cavalletti sono così pratici è che ci permettono di lavorare più comodamente grazie alla regolazione dell’altezza o della posizione della tela. (Fonte: Shironosov: 57068023/ 123rf.com)

Utilizzo e portabilità

E se parliamo di comodità, dobbiamo anche fare riferimento alla portabilità. Perché, a meno che tu non abbia intenzione di usare il cavalletto sempre nello stesso posto, è importante che tu prenda in considerazione la facilità o la complessità del suo trasporto.

E, anche se lo usi sempre nello stesso posto, è molto probabile che tu abbia bisogno di spostarlo anche di qualche metro.

Per questo motivo, ci sono già molti modelli che hanno delle ruote sulle gambe per facilitare il loro spostamento. Assicurati che le ruote abbiano un blocco robusto per assicurare la stabilità mentre dipingi. Controlla anche che ognuno possa essere piegato. Inoltre, se sei qualcuno a cui piace andare fuori a dipingere (in un bel parco o in un gazebo), troverai anche i cavalletti a valigetta o a scatola molto utili. Questi sono i più portatili di tutti. Infatti, molti artisti ne hanno uno per la casa e un altro cavalletto per quando dipingono fuori.

Altre caratteristiche

Sapevi che ci sono anche cavalletti adattati per le persone con mobilità ridotta? Sì, ci sono. Questo tipo di cavalletto ha la forma di un cavalletto da tavolo con una superficie incorporata su cui viene posizionato. Qualcosa come una scrivania su ruote dove hai tutto il necessario per dipingere a tua disposizione.

Dariel MirandaCo-direttore di Arte Miranda
“I cavalletti di metallo di solito presentano meno problemi contro gli agenti atmosferici, essendo ideali per facoltà, scuole d’arte e altri luoghi dove il cavalletto sarà usato intensamente e senza attenzione. D’altra parte, sono meno esteticamente piacevoli di quelli in legno e, dato che una volta nel nostro studio, il cavalletto diventa solo un altro mobile in casa, molti di noi preferiscono quelli in legno a quelli in metallo”.

Riassunto

Ci sono molti studi che affermano che la pittura è una delle attività più rilassanti e che libera la mente. Dillo a coloro che si dedicano ad essa! Sia come sia, sempre più di noi appassionati di pittura non possiamo sopportare un altro giorno senza un cavalletto. Oltre ai benefici più ovvi di un cavalletto, specialmente il comfort e la corretta postura, questo tipo di oggetto migliorerà la qualità dei nostri dipinti.

Grazie a loro, avremo una prospettiva molto migliore di ciò che stiamo dipingendo. E con così tanti modelli là fuori, come possiamo non trovare il nostro cavalletto ideale? Se hai trovato utile la nostra guida al cavalletto, condividila sui social network e lasciaci un commento. Saremmo felici di dipingere con te!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Lightfieldstudios: 120052456/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni