Ultimo aggiornamento: 30/07/2021

Il nostro metodo

21Prodotti analizzati

16Ore di lavoro

4Fonti e riferimenti usati

70Commenti valutati

L’uso costante di schermi, la lettura prolungata, l’esposizione all’aria condizionata o le lenti a contatto possono causare alcuni problemi agli occhi. Sono la parte più sensibile del nostro corpo.

Come vedremo in questo articolo, ci sono patologie più complicate che non devono essere sottovalutate. Fortunatamente, c’è un rimedio per tutto questo: l’uso del collirio. A seconda del tipo di disagio, ogni prodotto contiene alcuni componenti formulati per soddisfare tutte le esigenze. Troverai quello che stai cercando qui? Ti invito a scoprirlo!




Le cose più importanti da sapere

  • Il collirio è un liquido che contiene varie sostanze che possono curare i tuoi occhi. C’è una grande varietà di colliri sul mercato, che hanno caratteristiche diverse a seconda dei disturbi o delle patologie più gravi.
  • Come farmaco, ha molti benefici: idrata e rinfresca gli occhi, che sono continuamente sottoposti a diverse circostanze. Tuttavia, il suo uso può anche causare reazioni collaterali.
  • Prima di fare il tuo acquisto, è importante considerare i vari aspetti che compongono questo prodotto.

Collirio: la nostra selezione

Guida all’acquisto: quello che devi sapere sui colliri

Dopo le nostre raccomandazioni, probabilmente avrai un’idea di quali colliri vuoi comprare. Tuttavia, potresti non sapere ancora quali caratteristiche potrebbero essere indispensabili. La guida all’acquisto qui sotto ti darà una panoramica dei colliri, delle loro caratteristiche e dei loro vantaggi.

ojos azules

Prima di applicare qualsiasi tipo di collirio sui tuoi occhi, consulta il tuo medico. (Fonte: Elizaveta Galitckaia: 82975091/ 123rf.com)

Cosa sono le gocce oculari e quali sono i loro benefici?

Le gocce oculari sono un preparato medicinale progettato per il benessere degli occhi, indicato per migliorare o trattare un disturbo dell’occhio. Sono generalmente composti da acqua, sali, proteine e lipidi.

Come ogni prodotto, anche i colliri hanno numerosi benefici, ma ci sono alcuni rischi, che avremo modo di esplorare in dettaglio di seguito. I vantaggi e gli svantaggi di questo prodotto di visione includono:

Vantaggi
  • Effetto rapido ed efficace
  • Riduci il prurito e la pesantezza delle palpebre
  • Allevia il rossore degli occhi
  • Diversi tipi per problemi specifici
  • Facile da applicare
  • Prezzo basso
  • Molti non richiedono una prescrizione medica
  • Particolarmente utile per i portatori di lenti a contatto
  • 2 tipi di dimensioni
  • Diminuisci i sintomi dell”affaticamento degli occhi
  • Idratare e rinfrescare
  • Aiutare a riposare gli occhi
Svantaggi
  • Alcuni richiedono una prescrizione medica
  • Maggiore tendenza a contaminarsi
  • Somministrazione frequente in alcuni casi
  • Effetti collaterali
  • Un uso eccessivo può essere dannoso

Come vengono applicate le gocce oculari?

Probabilmente non tutti sanno come applicare il collirio nel modo più corretto. In generale, ti raccomandiamo di seguire queste istruzioni. Passo dopo passo sarai in grado di applicarli in modo sicuro e senza sprecare il prodotto

  1. Prima di applicare il prodotto, assicurati di avere le mani lavate e asciutte.
  2. Inclina leggermente la testa all’indietro. Guarda in alto e con due dita della tua mano tira giù delicatamente la tua palpebra inferiore.
  3. Con l’altra mano, tieni la bottiglia sopra il tuo occhio, cercando di non chiuderlo, e abbassa la punta. Per minimizzare la perdita del farmaco attraverso il condotto lacrimale, si raccomanda di applicare le gocce nell’angolo esterno.
  4. Chiudi gli occhi e sbatti le palpebre un paio di volte per distribuire le gocce su tutto l’occhio. Ora puoi ripetere gli stessi passi anche per l’altro occhio (13).

Quali caratteristiche dovrebbe avere il collirio?

Il collirio dovrebbe avere caratteristiche simili a quelle delle lacrime. Questo per non danneggiare l’occhio, in particolare la cornea e la congiuntiva. Sono disponibili in diversi tipi e prescrizioni per ogni trattamento, dato che possono contenere farmaci e conservanti. I componenti principali che compongono le gocce sono i seguenti

  • Sostanze medicinali: ad esempio cortisone, antibiotici, antinfiammatori, ecc.
  • Eccipienti / conservanti: Si tratta di sostanze che aiutano a conservare il prodotto, a regolare il pH, a promuovere la solubilità dei principi attivi nella formulazione, a regolare la viscosità del prodotto.
  • Ingredienti naturali: Con azione lenitiva, emolliente e anti-rossore. I più comunemente usati sono l’acido ialuronico e il gel di aloe vera (17)
Sapevi che l’acido ialuronico, trattenendo il fluido, è spesso usato per trattare gli occhi secchi?

Posso comprare colliri senza prescrizione medica?

In base al principio attivo del preparato, alcuni colliri sono venduti senza prescrizione medica. Mentre altri, destinati al trattamento di malattie oftalmiche, possono essere acquistati solo con una prescrizione.

Per esempio, i colliri per condizioni più complesse come l’uveite o il glaucoma sono disponibili solo su prescrizione. I colliri per gli occhi secchi o rossi, invece, sono considerati da banco. Indipendentemente dal principio attivo, prima di usare il collirio (anche in assenza di prescrizione medica), il consiglio di un medico o di un esperto di fiducia è sempre consigliato (17).

Con prescrizione Senza prescrizione
Glaucoma
Uveite
Idratazione
Secchezza
Rossore
Congiuntivite batterica

Quali sono i rischi del collirio?

Come ogni medicina, l’uso del collirio può comportare dei rischi. Questi possono sorgere se alcune cose vengono sottovalutate. Il foglietto illustrativo è presente su ogni confezione proprio perché abbiamo bisogno di conoscere tutte le informazioni necessarie prima e durante l’uso del collirio. I rischi principali possono essere legati al dosaggio raccomandato, alla durata di conservazione e agli effetti collaterali. Te li spieghiamo uno per uno in dettaglio. Fai attenzione!

Anche se è ovvio, è necessario ribadire l’importanza di seguire rigorosamente la somministrazione raccomandata dal medico o le istruzioni spiegate nel foglietto illustrativo. Ricorda, infatti, che non tutti i colliri sono uguali. Mentre alcuni richiedono solo due somministrazioni al giorno, altri devono essere somministrati ogni 3-4 ore. Se queste linee guida non vengono seguite, c’è il rischio di entrare in un circolo vizioso. Prendiamo come esempio alcuni casi che possono verificarsi a seconda dello scopo e del tipo di gocce utilizzate

  • Se sei in trattamento con gocce antibiotiche, non abusare con una dose eccessiva o per diversi giorni. Il loro abuso senza la prescrizione di un medico può essere responsabile di gravi malattie come il glaucoma e la cheratite erpetica, persino la perforazione della cornea.
  • L’uso di gocce vasocostrittrici (che riducono il flusso di sangue ai capillari), in assenza di una diagnosi accurata, può risolvere il fastidio agli occhi per un breve periodo. Ma questo verrà ripetuto, ancora più fortemente, alla fine dell’effetto.
  • Non dimentichiamo il fatto che possono essere utilizzati anche solo per scopi estetici. Il loro uso incontrollato, anche in assenza di sintomi (a causa della loro capacità di sbiancare l’occhio e renderlo “più bello”), può portare ad una forma di congiuntivite cronica, a volte difficile da trattare.

hombre aplicando gotas

Ricorda, infatti, che non tutti i colliri sono uguali. (Fonte: Monika Wisniewska: 135565860/ 123rf)

Scadenza

Può capitare spesso di non riuscire a finire il flacone o la fiala di collirio prima della data di scadenza. Quando si presenta questo problema, ci sono due cose da fare: buttare via le gocce o continuare ad usarle. Ma nel secondo caso, possiamo ancora prenderli senza rischi? Vediamo quali sono le regole e come conservarle in modo ottimale.

La data di scadenza sulla confezione di ogni soluzione indica il limite al quale è garantita la sua piena efficacia e sicurezza. L’uso di gocce scadute può causare infezioni agli occhi. È quindi meglio non correre il rischio, soprattutto perché la loro composizione e le loro proprietà possono variare. Il periodo di efficacia è influenzato dall’ambiente, dalla frequenza e dalla tecnica di utilizzo (16)

  • Ambiente: Bisogna dire che molto dipende anche da come vengono tenuti. In realtà, le gocce dovrebbero essere tenute sotto i 25 °C; in estate possono essere conservate in frigorifero.
  • Frequenza: Una volta aperte, le gocce multidose durano da 3 a 4 settimane, mentre le gocce monodose durano 24 ore. Le gocce destinate al trattamento delle infezioni oculari perdono la loro efficacia terapeutica 5-7 giorni dopo l’apertura.
  • Tecnica d’uso: L’inefficacia non è l’unica conseguenza dell’uso prolungato dopo l’apertura. I farmaci, specialmente quelli che contengono pochi conservanti, possono perdere la loro sterilità e quindi essere contaminati. C’è ancora incertezza su come questo possa influenzare la salute degli occhi dell’individuo.

In uno studio di O. Geyer, gocce e puntali sono stati testati in 109 persone con glaucoma. Ha mostrato che le punte (20%) erano più frequentemente contaminate delle gocce (8%). Hanno concluso che la frequenza di contaminazione dei farmaci aumentava con l’aumentare della durata d’uso. La contaminazione batterica si è verificata nel 19% dei colliri di meno di 8 settimane, in contrasto con il 40% dei flaconi usati per più di 8 settimane (15).

O. GeyerDepartment of Ophthalmology, Mount Sinai School of Medicine
“I nostri dati suggeriscono che i farmaci oculari per trattare il glaucoma sono frequentemente contaminati da batteri e che la contaminazione è legata alla durata di utilizzo. Pertanto, raccomandiamo la sostituzione regolare delle gocce antiglaucoma topiche aperte” (15)

Effetti collaterali

Alcune persone particolarmente sensibili sperimentano alcuni effetti collaterali dopo il trattamento con alcuni tipi di collirio. La reazione degli occhi può essere diversa a seconda del soggetto. Gli effetti più comuni sono

  • Dolore agli occhi(13)
  • Visione offuscata(13)
  • Reazioni allergiche (prurito, gonfiore delle labbra e della lingua, ecc.)(13)
  • Mal di testa(13)
  • Sapore amaro in bocca(13)
  • Lacrimazione lieve-intensa(13)

Prima di scegliere il tuo prodotto, non dimenticare di leggere attentamente il foglietto illustrativo!

Quando gli effetti collaterali sono particolarmente fastidiosi o persistenti, è consigliabile consultare un medico. In questi casi, il trattamento sarà modificato cambiando il tipo di collirio.

Posso usare il collirio negli occhi del mio cane?

Gli occhi dei nostri animali, come cani, gatti, ma anche tartarughe, sono costantemente esposti a possibili rischi di infezione o lesioni causate da corpi estranei. In caso di problemi agli occhi non complicati, il collirio può essere un’ottima soluzione sia per i cani che per gli esseri umani, a patto che sia la medicina giusta.

Anche una soluzione salina, la stessa che viene applicata dalle persone, con una garza pulita può risolvere piccole situazioni e dare sollievo immediato. Se sono presenti infezioni, congiuntiviti o allergie nelle forme più gravi, sono necessari colliri specifici.

Ci sono alternative al collirio?

Ci sono diversi rimedi naturali che possono lenire gli occhi secchi e irritati o semplicemente rinfrescarli. Tuttavia, non ti raccomandiamo di utilizzare queste alternative per risolvere condizioni o problemi specifici. Non siamo sicuri della loro sterilità

  • La camomilla è nota per le sue proprietà antinfiammatorie. Usato in passato per avvolgere direttamente negli occhi, è ancora un buon rimedio. Metti in infusione una busta o dei fiori secchi in acqua bollente per qualche minuto. Quando l’acqua si bagna, immergi un panno pulito, strizzalo leggermente e mettilo sugli occhi. Lascia riposare per circa 20 minuti.
  • L’olio di ricino contiene potenti acidi grassi e altri agenti antiossidanti che possono essere molto benefici per gli occhi. È particolarmente indicato per gli occhi secchi, l’infiammazione o la cataratta (nelle fasi iniziali). Applica una singola goccia.
  • Il succo di limone è usato per la salute degli occhi e per sbiancare il bianco degli occhi. Usato liscio, provoca una forte sensazione di bruciore, che però scompare in pochi secondi. Se non lo tolleri, puoi diluirlo con infusi di camomilla, malva, melissa o eufrasia. Sciacqua da una a tre volte al giorno.

ojos rojos

Il collirio è anche indicato nel trattamento dell’irritazione oculare dovuta a fumo, vento, acqua salata, esposizione prolungata alla luce. (Fonte: Dmitrii Kotin: 102010908/ 123rf.com)

Criteri di acquisto

Come abbiamo visto finora, la salute degli occhi è molto importante. Sia che tu voglia una pulizia quotidiana o per risolvere un problema specifico, quando scegli il collirio, ti suggeriamo di valutare i seguenti criteri.

Tipo di problema

Hai gli occhi stanchi, secchi o irritati? Hai la congiuntivite o qualcosa di più serio? Se solo ci fosse un unico collirio capace di curare qualsiasi problema! Tuttavia, questo non è il caso. Esistono diversi tipi di collirio, prodotti per soddisfare le esigenze specifiche di ogni individuo. A seconda del disturbo o della patologia che colpisce l’occhio, sono formulati in base al principio attivo disperso nella soluzione acquosa. Abbiamo raccolto in questo schema i disturbi più comuni associati alle sostanze e ai trattamenti che possono curarli.

Se hai gli occhi Hai bisogno di
Secco Sostanze idratanti ed emollienti
Rosso Soluzioni isotoniche con sostanze emollienti e rinfrescanti
Con congiuntivite Antistaminici e stabilizzatori dei mastociti: aiutano a controllare le reazioni allergiche o decongestionanti. Steroidi e gocce antinfiammatorie: aiutano a controllare l’infiammazione(9)
Con il glaucoma sostanze beta-bloccanti: abbassano la pressione all’interno dell’occhio riducendo la produzione di umore acqueo. Prostaglandine: rilasciano l’umore acqueo dall’occhio, riducendo la pressione intraoculare. Inibitori dell’anidrasi carbonica e alfa-agonisti: diminuiscono la produzione di umore acqueo(8)
Per dilatare la pupilla a scopo diagnostico Ciclopentolato cloridrato: permette l’esame del fundus(9)
Con allergia sostanze antistaminiche, se gravi, con corticosteroidi(10)
Con infiammazione Analgesici e antinfiammatori, steroidi per i casi più gravi
Con uveite Cortisone, desametasone e prednisolone: riduce l’irritazione, il rossore, il bruciore e l’infiammazione. (11, 12)

Conservanti

I conservanti sono ovunque in questi giorni. Non solo negli alimenti e nei cosmetici, ma anche in alcune medicine per gli occhi, come i colliri.

Diversi studi hanno dimostrato che possono essere potenzialmente tossici per la superficie oculare, in particolare nei trattamenti a lungo termine (1).

Detto questo, valuta la composizione del collirio che stai per acquistare in base alle tue esigenze. In questa sezione, scoprirai a cosa servono questi conservanti, quali sono le conseguenze del loro uso e perché si preferiscono i prodotti senza conservanti.

BAK, il nemico numero uno

I conservanti hanno la funzione di mantenere la sterilità e prevenire la formazione di funghi e batteri che possono apparire dopo la prima apertura. Possono anche causare effetti indesiderati ed essere dannosi per il tuo benessere. Uno dei conservanti più comunemente usati nei colliri è il cloruro di benzalconio (BAK) (1). La concentrazione raccomandata di BAK per il mantenimento di questi prodotti è 0,005% (0,05 mg / 100 ml). Ma in alcuni casi fino allo 0,02% (0,2 mg / 100 ml).

Si consiglia di conservare il collirio contenente BAK per un massimo di un mese (4). Gli effetti avversi di questo conservante possono essere reazioni allergiche e tossicità, che riguardano principalmente la cornea, la congiuntiva e i tessuti correlati come le palpebre. La tossicità è molto più frequente e il suo grado dipende dalla concentrazione di BAK e dalla durata dell’esposizione. Possiamo vederlo subito, con i relativi effetti oculari.

% concentrazione di BAK Effetti sugli occhi
0,005 % Tossicità diretta sulle cellule di superficie con erosioni epiteliali
0,004 % Scioglie lo strato lipidico della lacrima dandole instabilità
0,01 % Alterazioni epiteliali, infiltrazione corneale da parte di cellule infiammatorie
0,02% guarigione ritardata delle lesioni corneali
0,1% distruzione dell’endotelio ed edema corneale irreversibile

Uno sguardo più attento

Per darti un’idea più chiara, ti mostriamo questi dati analizzati attraverso uno studio di Beden (6). Vedremo come lo stesso trattamento può cambiare a seconda dell’uso o meno di conservanti. In particolare, sono stati analizzati due gruppi di pazienti con congiuntivite allergica che usavano colliri con (n=121) e senza conservanti (n=2712).

Con conservanti Senza conservanti
Pazienti che avevano almeno una reazione avversa 89% 24%
Formicolio e sensazione di bruciore 47% 10%
Numero medio di instillazioni al giorno 2.9 3.5
Numero di mancate instillazioni 4.2 3.6
Pazienti che hanno preso il farmaco regolarmente 74.8% 82%

Quindi, possiamo affermare che i pazienti che hanno applicato gocce oculari con conservante hanno avuto reazioni avverse più frequenti e meno aderenza al trattamento. Sulla base di tutti i dati visti finora, è preferibile evitare colliri contenenti conservanti, specialmente nel caso di

  • Somministrazione continua (più di 4-6 volte al giorno)
  • Uso di lenti a contatto
  • Allergia agli occhi (congiuntivite)
  • Sindrome dell’occhio secco grave
  • Chirurgia oculare (cataratta, glaucoma)(2)

ABAK®, una soluzione alternativa

Visti i numerosi rischi visti sopra, era necessario sviluppare un imballaggio senza conservanti. Nel tempo, questi hanno dimostrato di essere altrettanto efficaci anche senza la loro presenza. Pertanto, è stata avviata la produzione di colliri monodose, permettendo la somministrazione del collirio in singole dosi, evitando l’uso di conservanti.

A causa di alcuni problemi associati a questo tipo di confezionamento, è stata trovata una soluzione alternativa. Infine, la ricerca è stata indirizzata verso il confezionamento multidose utilizzando un sistema di filtrazione, ABAK®. La Steri-Free Technology (SFT) ha fornito il mantenimento della sterilità del prodotto fino a 3 mesi dopo la prima apertura. Oltre all’alta tollerabilità e ai risultati economici del prodotto, abbiamo una facilità d’uso e di apertura (4, 5).

Il termine ABAK deriva da “A” che significa “senza” e BAK si riferisce al conservante “benzalconio” che è il più comunemente usato.

Compatibilità

Il collirio è indispensabile per tutti i portatori di lenti a contatto. Possono offrire un rapido sollievo quando si sviluppano occhi secchi o quando c’è una sensazione di corpo estraneo. È quindi possibile applicare le gocce con le tue lenti a contatto. Tuttavia, non tutti sono progettati per questo tipo di utilizzo.

In caso di incompatibilità, il collirio può essere applicato prima di metterlo o dopo averlo tolto. Aspetta almeno 15 minuti.

Assicurati sempre di leggere il foglietto allegato per verificare la compatibilità. Infatti, alcuni conservanti presenti nelle gocce potrebbero danneggiare la struttura della lente. In generale, le lenti assorbono tutti i liquidi con cui vengono a contatto. Questo accumulo è dannoso e può peggiorare la salute degli occhi.

chica con gotas

Non usare mai gocce oculari con le lenti a contatto a meno che il tuo oftalmologo non lo raccomandi. (Fonte: Nataliya Vaitkevich: 5843362/ pexels.com)

Formato

Nel mercato delle gocce oculari, ci sono due formati tra cui scegliere: fiale monodose o flaconi multidose. Infatti, ogni contenitore varia nella forma e nel materiale, ma soprattutto nella quantità di prodotto che contiene. Queste due opportunità soddisfano bisogni diversi. Dipende innanzitutto dal tuo tempo di utilizzo e dalla comodità che stai cercando. Ma qual è la differenza tra i due formati?

  • Formato multi-dose: può essere usato più volte in un periodo di tempo che varia da 3 a 4 settimane. Per mantenere la sterilità del contenuto e prevenire la comparsa di batteri dopo l’apertura, sono necessari dei conservanti. Il dosaggio è di circa 10/15 ml. Sono adatti agli adulti perché sono più facili da maneggiare (7, 17)
  • Formato monodose: sono destinati esclusivamente all’uso singolo, quindi non richiedono conservanti. Una volta aperti, dovrebbero essere utilizzati immediatamente o entro 24 ore. Ha una piccola quantità di soluzione da 0,4/0,5 ml in comode fiale richiudibili. Pertanto il prezzo è più alto (7).

Le principali caratteristiche e differenze, come abbiamo appena detto, possono essere viste in forma semplificata in questa tabella.

Formato multidose Formato monodose
Uso Frequente Una o due volte al massimo
Sigillatura Buona Buona, ma il tappo può rompersi
Conservanti No
Quantità Più grande: 10/15 ml Più piccolo: 0,4/0.5 ml
Prezzo Basso Alto
Praticità Buono Più che buono
Durata di conservazione dopo l’apertura 3/4 settimane 24 ore
Rischi Allergie, effetti avversi per pazienti con patologie Una volta aperta, la soluzione non è sterile e quindi facilita la formazione di batteri.
Spreco Maggiore Ridotto

Sommario

I nostri occhi sono quotidianamente sottoposti a una serie di circostanze avverse di forte stress visivo. Di conseguenza, alla fine della giornata, la nostra visione può essere particolarmente compromessa. Infatti, essendo continuamente in contatto con l’ambiente o con più schermi, possono diventare irritati o secchi. Se sei arrivato alla fine, non ti resta che scegliere il tuo collirio. Una volta che hai identificato il tuo disagio, si spera che tu abbia considerato tutto ciò che entra nella tua scelta.

Ricorda di ascoltare sempre il tuo medico, anche se non hai bisogno di una prescrizione per il tuo problema. Ti è piaciuta la nostra guida? L’hai trovata utile? Facci sapere cosa ne pensi lasciando un commento o condividendolo sui social media – alla prossima volta!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Olena Yakobchuk: 115474310/ unsplash.com)

Riferimenti (17)

1. Vaede D, Baudouin C, Warnet JM, Brignole-Baudouin F. Les conservateurs des collyres : vers une prise de conscience de leur toxicité [Preservatives in eye drops: toward awareness of their toxicity]. J Fr Ophtalmol. 2010 Sep;33(7):505-24. French. doi: 10.1016/j.jfo.2010.06.018. Epub 2010 Sep 15. PMID: 20832141.
Fonte

2. Baudouin C, Labbé A, Liang H, Pauly A, Brignole-Baudouin F. Preservatives in eyedrops: the good, the bad and the ugly. Prog Retin Eye Res. 2010 Jul;29(4):312-34. doi: 10.1016/j.preteyeres.2010.03.001. Epub 2010 Mar 17. PMID: 20302969.
Fonte

3. Herrero Vanrell R.. Generalidades de los conservantes en las formulaciones oftálmicas: an overview. Arch Soc Esp Oftalmol [Internet]. 2007 Sep [citado 2021 Mar 21] ; 82( 9 ): 531-532.
Fonte

4. Torras J, Moreno S. Lágrimas artificiales [Internet]. Servei d’Oftalmologia Hospital Mútua de Terrassa; 2006 [cited 2021Mar29].
Fonte

5. Gabisson P, Briat B, Le Foll J, Conan S, Bale-Le Bescond F, Talmud M, Chibret H. Maniabilité et acceptabilité du flacon Abak nouvelle génération chez des patients traités au long cours. Étude transversale, rétrospective et multicentrique [Handiness and acceptability of the new Abak bottle in chronically treated patients. A cross-sectional, retrospective and multicentre study]. Ann Pharm Fr. 2011 Jan;69(1):22-9. French. doi: 10.1016/j.pharma.2010.10.001. Epub 2010 Nov 24. PMID: 21296214.
Fonte

6. Beden C, Helleboid L, Marmouz F, Liard F. Etude comparative de la survenue d'effets indésirables suite à l'administration de collyres anti-allergiques sans ou avec conservateur [A comparative study of the ocular tolerance after administration of anti-allergic eye drops with or without a preservative]. Therapie. 2004 Mar-Apr;59(2):259-64. French. doi: 10.2515/therapie:2004050. PMID: 15359624.
Fonte

7. Real Farmacopea Española. PREPARACIONES OFTÁLMICAS [Internet]. Agencia Española de Medicamentos y Productos Sanitarios; 2008 [cited 2021Mar29].
Fonte

8. Barnaclinic. Tratamiento médico del glaucoma: Fármacos para bajar la presión intraocular [Internet]. Barnaclinic; [cited 2021Mar29].
Fonte

9. Mayo Clinic. Conjuntivitis [Internet]. Mayo clinic; 2020 [cited 2021Mar29].
Fonte

10. Medlineplus. [Internet]. Ciclopentatolato oftálmico. 2016 [cited 2021Mar29].
Fonte

11. Medlineplus. [Internet]. Conjuntivitis alérgica. 2020 [cited 2021Mar29].
Fonte

12. Medlineplus. [Internet]. Dexametasona oftálmica. 2017 [cited 2021Mar29].
Fonte

13. Medlineplus. [Internet]. Prednisolona oftálmica. 2017 [cited 2021Mar29].
Fonte

14. Andrés S, Higueras MI, Mozaz T. EFECTOS ADVERSOS OCULARES ASOCIADOS A MEDICAMENTOS Y PRODUCTOS OFTALMICOS [Internet]. Colegio Oficial Farmacéuticos de Zaragoza ; 2008 [cited 2021Mar29].
Fonte

15. Geyer O, Bottone EJ, Podos SM, Schumer RA, Asbell PA. Microbial contamination of medications used to treat glaucoma. Br J Ophthalmol. 1995 Apr;79(4):376-9. doi: 10.1136/bjo.79.4.376. PMID: 7742288; PMCID: PMC505106.
Fonte

16. Rauz, Saaeha & Moate, Benjamin & Jacks, A & Cumberland, N & Govan, James. (1996). "In use" expiry date for eyedrops. The British journal of ophthalmology. 80. 270. 10.1136/bjo.80.3.270.
Fonte

17. Fernández Ferreiro A, González Barcia M, Lamas Díaz MJ, Otero Espinar. FJ. Lubricantes oculares en el tratamiento del ojo seco. Vocalía Nacional de Farmacéuticos de Hospital; 2014.
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Preservatives in eye drops: toward awareness of their toxicity
Vaede D, Baudouin C, Warnet JM, Brignole-Baudouin F. Les conservateurs des collyres : vers une prise de conscience de leur toxicité [Preservatives in eye drops: toward awareness of their toxicity]. J Fr Ophtalmol. 2010 Sep;33(7):505-24. French. doi: 10.1016/j.jfo.2010.06.018. Epub 2010 Sep 15. PMID: 20832141.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Baudouin C, Labbé A, Liang H, Pauly A, Brignole-Baudouin F. Preservatives in eyedrops: the good, the bad and the ugly. Prog Retin Eye Res. 2010 Jul;29(4):312-34. doi: 10.1016/j.preteyeres.2010.03.001. Epub 2010 Mar 17. PMID: 20302969.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Herrero Vanrell R.. Generalidades de los conservantes en las formulaciones oftálmicas: an overview. Arch Soc Esp Oftalmol [Internet]. 2007 Sep [citado 2021 Mar 21] ; 82( 9 ): 531-532.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Torras J, Moreno S. Lágrimas artificiales [Internet]. Servei d’Oftalmologia Hospital Mútua de Terrassa; 2006 [cited 2021Mar29].
Vai alla fonte
Handiness and acceptability of the new Abak bottle in chronically treated patients. A cross-sectional, retrospective and multicentre study
Gabisson P, Briat B, Le Foll J, Conan S, Bale-Le Bescond F, Talmud M, Chibret H. Maniabilité et acceptabilité du flacon Abak nouvelle génération chez des patients traités au long cours. Étude transversale, rétrospective et multicentrique [Handiness and acceptability of the new Abak bottle in chronically treated patients. A cross-sectional, retrospective and multicentre study]. Ann Pharm Fr. 2011 Jan;69(1):22-9. French. doi: 10.1016/j.pharma.2010.10.001. Epub 2010 Nov 24. PMID: 21296214.
Vai alla fonte
A comparative study of the ocular tolerance after administration of anti-allergic eye drops with or without a preservative
Beden C, Helleboid L, Marmouz F, Liard F. Etude comparative de la survenue d'effets indésirables suite à l'administration de collyres anti-allergiques sans ou avec conservateur [A comparative study of the ocular tolerance after administration of anti-allergic eye drops with or without a preservative]. Therapie. 2004 Mar-Apr;59(2):259-64. French. doi: 10.2515/therapie:2004050. PMID: 15359624.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Real Farmacopea Española. PREPARACIONES OFTÁLMICAS [Internet]. Agencia Española de Medicamentos y Productos Sanitarios; 2008 [cited 2021Mar29].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Barnaclinic. Tratamiento médico del glaucoma: Fármacos para bajar la presión intraocular [Internet]. Barnaclinic; [cited 2021Mar29].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Mayo Clinic. Conjuntivitis [Internet]. Mayo clinic; 2020 [cited 2021Mar29].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Medlineplus. [Internet]. Ciclopentatolato oftálmico. 2016 [cited 2021Mar29].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Medlineplus. [Internet]. Conjuntivitis alérgica. 2020 [cited 2021Mar29].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Medlineplus. [Internet]. Dexametasona oftálmica. 2017 [cited 2021Mar29].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Medlineplus. [Internet]. Prednisolona oftálmica. 2017 [cited 2021Mar29].
Vai alla fonte
Articolo accademico
Andrés S, Higueras MI, Mozaz T. EFECTOS ADVERSOS OCULARES ASOCIADOS A MEDICAMENTOS Y PRODUCTOS OFTALMICOS [Internet]. Colegio Oficial Farmacéuticos de Zaragoza ; 2008 [cited 2021Mar29].
Vai alla fonte
Articolo accademico
Geyer O, Bottone EJ, Podos SM, Schumer RA, Asbell PA. Microbial contamination of medications used to treat glaucoma. Br J Ophthalmol. 1995 Apr;79(4):376-9. doi: 10.1136/bjo.79.4.376. PMID: 7742288; PMCID: PMC505106.
Vai alla fonte
"In use" expiry date for eyedrops
Rauz, Saaeha & Moate, Benjamin & Jacks, A & Cumberland, N & Govan, James. (1996). "In use" expiry date for eyedrops. The British journal of ophthalmology. 80. 270. 10.1136/bjo.80.3.270.
Vai alla fonte
Articolo accademico
Fernández Ferreiro A, González Barcia M, Lamas Díaz MJ, Otero Espinar. FJ. Lubricantes oculares en el tratamiento del ojo seco. Vocalía Nacional de Farmacéuticos de Hospital; 2014.
Vai alla fonte
Recensioni