Ultimo aggiornamento: 29/07/2021

Il nostro metodo

27Prodotti analizzati

16Ore di lavoro

5Fonti e riferimenti usati

70Commenti valutati

Per essere a proprio agio in cucina, abbiamo bisogno non solo di buone materie prime, ma anche degli utensili giusti. I coltelli da cucina sono uno degli elementi essenziali. Questo è il motivo per cui è importante entrare in possesso di quelli buoni. Non importa quanto tu sia bravo a cucinare, ti saranno molto utili.

Diamo uno sguardo più da vicino al mondo dei coltelli professionali. Saremo quindi in grado di scegliere quello che meglio soddisfa le nostre esigenze. C’è una vasta gamma di offerte. Possiamo trovare tutto, dalle gamme economiche alle gamme più alte, progettate per gli chef. Sei pronto? Bene, non esitare e continua a leggere!




Le cose più importanti

  • Quanti di noi se la cavano in cucina solo con un paio di coltelli? Sicuramente molti di noi hanno un coltello da cipolla e uno spelucchino a casa. Ma ci sono più tipi di coltelli che dovremmo conoscere, poiché ognuno ha una funzione specifica.
  • Il tipo di strumenti che usiamo in cucina influenza il risultato finale dei nostri piatti. È quindi consigliabile sapere a cosa serve ogni coltello. È anche importante sapere quali sono i coltelli base di uno chef e come ottenere il massimo da essi. O la differenza tra coltelli giapponesi e coltelli occidentali.
  • Inoltre, dovremo prendere in considerazione il contesto in cui li useremo e i materiali. Anche il luogo di fabbricazione, il tipo di manico, il peso e l’equilibrio generale. Iniziamo!

Coltelli da cucina: la nostra selezione

Guida all’acquisto: cosa devi sapere sui coltelli da cucina

Tutti sappiamo cosa sono i coltelli da cucina. Ma quello che forse non sappiamo è che c’è un intero mondo dietro di loro. Dall’area di produzione, ai diversi tipi che possiamo trovare o come dovremmo prenderci cura di loro in modo che durino molto più a lungo. Spiegheremo ognuno di questi aspetti per avere una visione chiara di questi utensili.

cortando vegetales

Il coltello dello chef è uno degli elementi essenziali in qualsiasi cucina. (Fonte: Rajesh Kavasseri: Cw-vIKILluo / unsplash.com)

Quali tipi di coltelli da cucina esistono e a cosa servono?

La maggior parte di noi ha diversi coltelli nella propria cucina. Tuttavia, probabilmente non sappiamo a cosa servono. Beh, ogni coltello ha la sua funzione. Non è lo stesso tagliare una fetta di pane, sfilettare un pesce o disossare un pollo. Ogni tipo di cibo richiede un tipo di taglio diverso e questo sarà segnato dal bordo di taglio.

Oltre a quelli specifici, ci sono alcuni modelli universali. Possono essere utilizzati per tagliare, sminuzzare o tritare. Questi sono coltelli da cipolla e spelucchini. Scopriamo i diversi tipi che possiamo trovare e di cui avrai bisogno nella tua cucina.

Tipo di coltello Funzione Caratteristiche
Coltello per sbucciare Per sbucciare frutta e verdura Lama forte da 9 – 10 cm e punta molto affilata
Coltello da taglio Per sbucciare e tagliare frutta e verdura Lama piccola e forte
Coltello per cipolle o coltello da chef Multiuso: sminuzzare, tagliare a dadini e tagliare pezzi grandi e piccoli. Un coltello da cuoco di base lama larga 18 – 25 cm
Coltello Santoku coltello giapponese per verdure, carne e pesce lama larga 12 – 18 cm, base piatta, punta arrotondata, a volte con avvallamenti
Coltello da cuoco coltello multiuso: sbucciare e tagliare piccoli pezzi lama forte da 6 – 12 cm con punta appuntita
Coltello seghettato Per tagliare il pane lama lunga e forte con bordo seghettato
Coltello da formaggio Per tagliare vari tipi di formaggio Lama perforata con bordo seghettato e doppia punta
Coltello per disossare Per separare la carne dalle ossa lungo 12 – 15 cm, lama curva e sottile e punta molto affilata
Coltello per prosciutto Per affettare prosciutto e grandi pezzi di carne Lama molto lunga, sottile e flessibile con punta affilata
Coltello da bistecca Per tagliare carne e costolette Lama sottile e forte
Coltello per filettare Per sfilettare sia carne che pesce Lama lunga, sottile e flessibile
Coltello per salmone Per tagliare e sfilettare il salmone e altri pesci lama molto lunga, sottile e flessibile con punta arrotondata e punte cave
Coltello a scure Per tagliare grandi pezzi di carne senza disossare Lama grande e larga con estremità curva

Quali sono i coltelli da cucina essenziali?

È possibile che, dopo la sezione precedente, tu abbia avuto qualche dubbio. Per esempio, fino a che punto è necessario avere tutti questi coltelli in una cucina? Sappiamo che non è sempre facile da gestire con così tanti utensili. Ecco perché, per semplificare il compito, abbiamo scelto gli elementi essenziali che ogni cuoco dovrebbe avere in casa.

  • Spelucchino: Questo modello universale, grazie alle sue piccole e pratiche dimensioni, può essere utilizzato per sbucciare e tagliare frutta e verdura. Può sostituire il pelapatate e l’affettatrice. La lama di solito è lunga circa 10 cm, il che rende possibile fare tagli molto precisi.
  • Coltello per cipolle: È così chiamato per la sua capacità di tritare le cipolle. È uno dei coltelli da star che tutti dovrebbero avere. È anche conosciuto come coltello da chef o coltello da cuoco. Si usa per tritare, affettare e tagliare a dadini frutta, verdura, carne e pesce. Sono disponibili in diverse dimensioni, ma la più comune è di solito da 18 a 20 cm.

Questi due coltelli, la puntilla e il cebollero, sono essenziali. Con loro saremo in grado di svolgere la maggior parte dei compiti. Se espandiamo un po’ di più la nostra selezione, possiamo aggiungere quanto segue:

  • Coltello seghettato: Grazie alla sua grande lama seghettata, è perfetto per tagliare facilmente il pane o i biscotti a fette.
    Coltello per sfilettare: La sua lama lunga e sottile ti permette di fare tagli precisi nella carne e nel pesce, sia crudo che cotto. Ha anche la funzione di rimuovere la pelle e le ossa.
  • Coltello da prosciutto: Visivamente molto appariscente, ha una lama molto lunga, stretta e flessibile. È progettato per tagliare il prosciutto a fette sottili. Si usa anche per altri scopi, come affettare il salmone in carpaccio. Oltre a questi coltelli di base, sarà utile avere a casa delle buone forbici e un temperino.

Quali sono le parti di un coltello da cucina?

Anche se non sei un esperto di utensili da cucina, è utile conoscere le parti di un coltello. Ogni parte è importante e determinerà il tipo.

  • Punta: Questa è l’estremità superiore del coltello e di solito è appuntita. Viene utilizzato per forare e bucare il cibo.
  • Lama: Questa è la parte principale e determina la dimensione complessiva del coltello. Le sue dimensioni, la sua forma e la sua durezza variano a seconda dell’uso a cui è destinato.
  • Bordo: Questo è il bordo della lama e la parte che è sempre in contatto con il cibo. È essenziale che sia affilato.
  • Dorso: Questa è la parte opposta al bordo. Se ci appoggi la mano, può essere usato come supporto per tritare alcuni alimenti, come le erbe o le noci.
  • Paramano: Questa è la parte della lama più vicina al manico. Fornisce una maggiore sicurezza durante il taglio.
  • Virola: Questa è la parte tra la lama e il manico. Contribuisce ad un buon equilibrio.
  • Manico: La parte dove si tiene il coltello. È composto dai manici, dai rivetti e dal codolo. Dovrebbe essere ergonomico, per permettere un buon comfort e una buona presa.
  • Manici: Le due parti che compongono il manico.
  • Rivetti: Tengono il manico al codolo e assicurano una struttura solida.
  • Tang: Questa è l’estensione della lama che corre internamente lungo tutto il manico. Fornisce peso e stabilità al pezzo.
  • Tacco: Questa è la fine del coltello e permette una manipolazione sicura e controllata.

Come mantenere i nostri coltelli da cucina?

Un buon coltello può durare per molti anni se te ne prendi cura. Per fare questo, vale la pena tenere a mente alcuni consigli per lavare, curare e conservare i nostri coltelli da cucina.

  • Lavoro: Per facilitare il taglio, taglia sempre su una tavola di legno o altro materiale specifico. Questo protegge la lama ed evita di graffiare altre superfici.
  • Pulizia: Si raccomanda di lavarli a mano e di non utilizzare la lavastoviglie, poiché questo potrebbe danneggiare il materiale. È meglio utilizzare un detergente neutro e non abrasivo e non strofinare eccessivamente la lama per non danneggiarla. In seguito, dovrebbe essere asciugato bene con un panno morbido.
  • Affilatura: È essenziale avere un buon affilatore a casa, come una pietra per affilare o un acciaio per affilare. È importante affilare i coltelli regolarmente in modo che il bordo sia sempre in perfette condizioni. Si dice che un coltello mal affilato sia più pericoloso di uno affilato.
  • Conservazione: I coltelli non dovrebbero essere conservati sciolti in un cassetto con altri utensili di metallo. I blocchi di legno o le barre magnetiche sono progettati per essere conservati. Questo li mantiene ordinati e separati.
  • Trasporto: Sono disponibili valigie speciali per il trasporto.

cortando queso

A causa della loro consistenza, alcuni cibi devono essere tagliati con coltelli speciali. (Fonte: jackmac34: 3345067 / pixabay.com)

Perché investire in buoni coltelli da cucina?

È necessario sottolineare che dovremmo usare il coltello giusto per ogni compito. Alcune persone fanno l’errore di usare un unico utensile per tagliare e sbucciare tutto il cibo. Cosa succede quando lo facciamo? Probabilmente non stiamo ottenendo il massimo dai prodotti. Inoltre, il taglio non sarà ottimale.

Avere buoni strumenti da cucina non richiede un grande investimento. C’è una vasta gamma sul mercato. Possiamo trovare tutto, dal più professionale e top di gamma al più economico, senza sacrificare la buona qualità.

Tuttavia, ti consigliamo di investire nei migliori coltelli in termini di materiali e durata. Ci serviranno per molti anni. Inoltre, offrono una maggiore sicurezza ai fornelli. A questo proposito, è essenziale guardare il produttore e il tipo di materiale utilizzato.

Quali sono le differenze tra i coltelli giapponesi e quelli occidentali?

In Oriente, il cibo è tradizionalmente tagliato in piccoli pezzi. La placcatura è un fattore essenziale per il risultato finale. In Occidente, invece, serviamo il cibo in pezzi più grandi. Allo stesso modo, la presentazione, anche se sempre più importante, non è così rilevante. Ecco perché i coltelli da chef sono adattati alla cultura gastronomica di ogni zona.

Questo significa che i tagli sono molto precisi e contribuiscono ad una presentazione meticolosa. Questo è il motivo per cui è comune trovare modelli per cuochi destri e mancini. Un’altra caratteristica distintiva è l’acciaio utilizzato nella loro fabbricazione. I coltelli giapponesi mantengono il loro bordo più a lungo dei coltelli occidentali. Per quanto riguarda i coltelli occidentali, sono affilati su entrambi i lati della lama.

Questo li rende molto versatili. Ci permettono di fare una grande varietà di tagli. L’acciaio è generalmente più morbido. Questo può far apparire delle irregolarità con l’uso. Tuttavia, questo può essere corretto con una buona nitidezza. Allo stesso tempo, un materiale morbido rende il coltello più comodo da maneggiare per gli standard occidentali.

tipos de cuchillos de cocina

È consigliabile avere una buona collezione di coltelli di qualità a casa. (Fonte: Pexels: 1839061 / pixabay.com)

Criteri di acquisto

Vogliamo aiutarti a prendere una buona decisione d’acquisto. Ecco perché ti spiegheremo gli aspetti più importanti quando si tratta di comprare dei buoni coltelli da cucina. Sei pronto a scoprirli?

Usa

A seconda del grado di conoscenza e della frequenza d’uso, possiamo orientare la scelta dei coltelli da cucina verso i seguenti gruppi:

  • Base: La nostra conoscenza culinaria è limitata e non abbiamo ancora una buona padronanza della cucina? Poi andremo bene con i modelli essenziali, come il coltello da cipolla e lo spelucchino. Con entrambi possiamo eseguire i compiti di base. In altre parole, sbucciare, tritare, tagliare, tagliare a dadini e affettare. In questo caso, ti consigliamo di investire in buoni coltelli professionali. Saranno con noi per molti anni a venire.
  • Hobbista: Abbiamo certe nozioni, siamo abituati a cucinare e prepariamo ricette con un certo livello di sofisticazione? Allora le nostre esigenze di posate dovrebbero essere più ampie. Oltre al coltello per le cipolle e allo spelucchino, dovremmo avere anche un coltello seghettato per il pane. Anche un coltello per sfilettare la carne e il pesce. Potremmo anche aggiungere un porta prosciutto, sia per tagliare il prosciutto che per preparare il carpaccio. Con questi strumenti possiamo svolgere i compiti più importanti. Un’altra opzione è quella di ottenere un set di coltelli di base.
  • Professionale: Nel caso di uno chef, la varietà di coltelli professionali sarà la più completa possibile. Oltre a quanto sopra, dovremmo includere il coltello per sbucciare e il coltello per affettare. Anche il Santoku, il coltello da formaggio, il coltello da disosso, il coltello da taglio, il coltello da prosciutto, il coltello da salmone e il coltello da ascia. La scelta dell’uno o dell’altro dipenderà anche dalla specialità di ogni chef. Tuttavia, con questa selezione, saremo in grado di eseguire quasi tutti i lavori in una cucina professionale.

Materiali di produzione

Nella seguente tabella, analizziamo i materiali più comuni utilizzati per realizzare i coltelli da chef. Oltre ai loro vantaggi, svantaggi e alcune applicazioni.

Materiale Vantaggi Svantaggi
Acciaio inossidabile Facile da affilare. Resistente agli urti. Durevole Può arrugginire
Acciaio al carbonio Molto resistente. Esegue tagli molto precisi. Affilatura facile che dura a lungo Ruggine facilmente
acciaio Damasco Molto resistente. Affilatura facile. Alta qualità Prezzo molto alto
Titanio Non arrugginisce. Affilatura a lunga durata. Più leggero e più facile da maneggiare. Antibatterico Prezzo elevato
Ceramica Alta capacità di taglio. Nitidezza di lunga durata. Non trasmette i sapori Più delicato di altri materiali. Facilmente danneggiabile

Peso e bilanciamento

I materiali utilizzati ci daranno il peso e la costruzione complessiva, l’equilibrio. Il peso può essere un fattore positivo o negativo, a seconda del cibo da manipolare. I coltelli pesanti sono adatti al taglio di prodotti duri, come la carne e le ossa. In altri casi, siamo interessati ad un coltello più leggero. Questo per essere in grado di gestirlo facilmente.

In termini di equilibrio, si tratta della sensazione generale che hai quando tieni il coltello in mano. Ci dovrebbe essere un buon equilibrio tra la lama e il manico. Questo lo rende comodo da utilizzare. Idealmente, il peso dovrebbe essere sul tallone. In questo modo il taglio è meglio controllato.

hombre cortando en cocina

Il tipo di coltello utilizzato influenza il risultato finale di una ricetta. (Fonte: Jason Briscoe: 5IGprlBT5g4 / unsplash.com)

Maniglia

Il manico è il pezzo che sarà a contatto con la tua mano. Pertanto, cercheremo quelli che sono più comodi possibile. Per fare questo, cercheremo delle maniglie ergonomiche e facili da maneggiare. Dovrebbero anche avere una buona presa. È anche essenziale che ci sia una solida connessione tra il manico e la lama. Questa parte, la ghiera, fornisce stabilità ed equilibrio all’insieme. In ogni caso, è meglio testare il coltello e valutare il peso. Anche il bilanciamento e se è comodo.

In termini di materiali delle maniglie, i più comuni sono i seguenti:

  • Legno: Alcuni sono porosi e inclini ai batteri.
  • Metallo: Ppiù incline a scivolare.
  • Plastica: Più economico e di qualità inferiore.
  • Altri: Resina, gommato.

Origine

All’interno del mondo delle posate, possiamo evidenziare tre principali aree di produzione o paesi. Hanno una lunga tradizione in quest’arte. Sceglieremo una regione o un’altra a seconda dell’uso che faremo dei nostri coltelli. Dipende anche dall’investimento che faremo.

  • Giappone: Gli strumenti prodotti in questo paese hanno la loro origine nelle tradizionali spade dei samurai. La loro particolarità è che hanno solo un lato della lama affilato. Di solito sono fatti di vari tipi di acciaio. Questo li rende molto resistenti, affilati e leggeri. I coltelli giapponesi sono utilizzati per tagli puliti e belli. Il modello più diffuso nel mondo è il Santoku. In termini di funzione, è l’equivalente del coltello da cuoco occidentale, ma leggermente più corto, sottile e leggero.
  • Germania: Icoltelli tedeschi sono fatti di un acciaio più forte e più morbido di quelli giapponesi. Entrambi i lati della lama sono affilati. Questo è tipico degli stili occidentali. Sono generalmente pesanti, il che li rende perfetti per i tagli che richiedono più forza. La qualità del metallo tedesco è una garanzia per i buoni coltelli da chef. La città di Solingen ha la sua denominazione di origine.
  • Spagna: Nel nostro paese, abbiamo uno dei grandi riferimenti nelle posate a livello internazionale, che è Albacete. Questa città ha una lunga tradizione di artigianato in questo campo. Le sue origini risalgono al periodo musulmano. La Spagna si distingue per avere ottimi coltelli professionali con un ottimo rapporto qualità-prezzo.
La grande caratteristica dei coltelli giapponesi è che sono affilati solo su un lato della lama

Riassunto

Il coltello è uno degli strumenti più utilizzati in cucina. Ha un impatto diretto sul gusto e sulla presentazione di un piatto. È consigliabile avere utensili di qualità, perché ci accompagneranno per molti anni a venire. In questo modo, saremo in grado di ottenere il massimo dai nostri preparativi.

La scelta dei migliori coltelli da cucina è determinata dal loro uso previsto. È anche determinato dai materiali utilizzati, dal produttore e da altri aspetti tecnici. Per esempio, il peso, il bilanciamento e il tipo di impugnatura. Con le opzioni che ti diamo, non hai scuse per non averne una.

Speriamo di averti aiutato a scegliere il miglior coltello da cuoco. Se è così, per favore condividi questo articolo.

(Fonte dell’immagine: fortyforks: 38779071/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni