Ultimo aggiornamento: 29/09/2021

Un bambino ha bisogno di molte attenzioni, specialmente nei primi anni di vita. Il congedo parentale offre un tempo limitato di assenza dal lavoro senza perdere il contatto con esso, in modo che il bambino possa essere adeguatamente accudito. In questo modo, la vita lavorativa e l’educazione dei figli possono essere conciliate.

Il congedo parentale ha smesso da tempo di essere una questione che riguarda solo le donne; sempre più padri ne approfittano. Nella nostra guida sul congedo parentale per i padri, ti spieghiamo tutto quello che devi sapere.

Scoprirai quali regole speciali si applicano ai padri che vogliono richiedere il congedo parentale e cosa bisogna tenere in considerazione. Rispondiamo anche a tutte le domande importanti sul congedo parentale per i padri in modo che tu sia ben informato.




Sommario

  • Proprio come le madri, anche i padri possono prendere del tempo libero dal loro lavoro per prendere il congedo parentale ed essere presenti per il loro bambino. Le stesse scadenze si applicano a loro quando richiedono il congedo parentale e la sua durata.
  • I padri non continuano a ricevere il loro stipendio quando prendono il congedo parentale, ma ricevono l’indennità parentale, che è calcolata in base al loro reddito precedente.
  • In linea di principio, c’è una protezione contro il licenziamento durante il congedo parentale, ma ci sono delle eccezioni. I padri possono anche lavorare part-time durante il congedo parentale.

Informazioni di base: Cosa dovresti sapere sul congedo parentale come padre

Prima di decidere di prendere il congedo parentale come padre, dovresti considerare alcuni punti. Ecco perché abbiamo risposto ad alcune domande per aiutarti con il tuo congedo parentale.

Cosa significa congedo parentale?

Il congedo parentale è il diritto che i dipendenti hanno quando vogliono prendersi del tempo dal lavoro per prendersi cura del proprio figlio. Il rapporto di lavoro è sospeso durante il congedo parentale, ma continua in modo che i genitori possano tornare al lavoro alla fine di questo periodo.

Alla fine del congedo parentale, la sospensione del rapporto di lavoro è quindi completamente revocata e il dipendente deve essere assunto secondo gli accordi del contratto di lavoro. (1)

Anche i padri hanno diritto al congedo parentale?

Regolamenti più flessibili sul congedo parentale sono stati fatti per le nascite dopo il 1 luglio 2015. Prima di tutto, ogni genitore ha diritto al congedo parentale fino a quando il suo bambino raggiunge i tre anni, quindi anche i padri.

Secondo l’Ufficio Federale di Statistica, più di un quarto degli uomini ora prende il congedo parentale, anche se ritorna al lavoro dopo una media di due mesi. (2) Il Federal Parental Allowance and Parental Leave Act (Bundeselterngeld- und Elternzeitgesetz, BEEG, §15 para. 1) stabilisce quando i padri in un rapporto di lavoro esistente hanno diritto al sussidio parentale

  • Devono vivere insieme al loro figlio nella stessa famiglia
  • Se si prendono cura e crescono il bambino da soli
  • Non possono lavorare più di 30 ore settimanali al mese

In questo contesto, i padri single che soddisfano tutti i punti possono anche richiedere il congedo parentale. Anche se il padre era impiegato a tempo parziale prima della nascita del bambino, è ancora in formazione, lavora da casa o ha un impiego marginale, ha comunque diritto al congedo parentale. (3)

Il congedo di paternità, i mesi di paternità e il congedo parentale sono la stessa cosa?

Chi parla di congedo di paternità intende fondamentalmente il congedo parentale per i padri. Il congedo del padre è un termine comune nel gergo, ma non esiste in termini puramente legali, quindi dovresti sempre parlare di congedo parentale per i padri.

Vätermonate significa qualcosa di diverso dal congedo parentale

Il cosiddetto Vätermonate (congedo di paternità), invece, è un’innovazione nella politica familiare in cui i giovani padri possono prendere due mesi per essere completamente presenti per il loro bambino e sono esonerati dal lavoro. La differenza con il congedo parentale è che lo stato paga l’indennità parentale alle giovani famiglie per due mesi in più se i mesi di paternità sono presi.

Tuttavia, la scadenza per la domanda è la stessa del congedo parentale per i padri. (4) A molti padri piace prendere il congedo di paternità subito dopo la nascita del bambino per poter vivere i primi mesi emozionanti del bambino insieme alla madre. La durata minima di due mesi è fissata in modo che i mesi di paternità siano diversi da un congedo ricreativo e la cura del bambino sia giustificata.

Come padre, posso prendere il congedo parentale se la madre del bambino è ancora in congedo di maternità?

Molti genitori amano prendere il loro diritto al congedo parentale insieme per vivere questo tempo insieme. Durante le prime otto settimane di vita del bambino, la madre è in congedo di maternità legale e riceve l’indennità di maternità. In senso stretto, solo il padre prende il congedo parentale durante questo periodo se lo richiede.

Il periodo di congedo di maternità è aggiunto al congedo parentale della madre. Per il padre, invece, non cambia nulla nel congedo parentale; può prenderlo se la madre del bambino è ancora in congedo di maternità. (5)

Per quanto tempo i padri possono prendere il congedo parentale?

I padri possono prendere il congedo parentale fino ad un massimo di 36 mesi dalla nascita del bambino. Tuttavia, non c’è una durata minima, quindi i padri possono prendere il congedo parentale per pochi mesi, settimane o giorni se lo desiderano.

Un prolungamento del congedo parentale richiede il consenso del datore di lavoro

È importante che tu rifletta attentamente in anticipo sul periodo per il quale stai chiedendo il congedo parentale. È consigliabile che i padri prendano almeno due mesi di congedo parentale in modo da ricevere l’indennità parentale per un totale di 14 mesi.

Questo è il motivo per cui è particolarmente popolare tra le famiglie che la madre prenda 12 mesi di congedo parentale e il padre 2 mesi. (6) I

padri possono dividere il loro congedo parentale?

I padri possono anche dividere il loro congedo parentale in diversi periodi. Tuttavia, ci sono alcune particolarità se i padri vogliono dividere il loro congedo parentale. I primi 12 mesi di un totale di 36 devono essere presi dal padre durante i primi tre anni di vita del bambino. I restanti 24 mesi possono essere presi tra il terzo e l’ottavo compleanno del bambino. (7)

Elternzeit Vater

Anche i padri possono prendere il congedo parentale per occuparsi dei loro figli. Ci sono vari regolamenti sui periodi in cui questo può essere diviso. (Fonte immagine: wesley-tingey/ Unsplash)

Tuttavia, va notato che i padri possono dividere il loro congedo parentale solo in tre periodi. Se ci sono ragioni operative urgenti per farlo, il datore di lavoro può rifiutare il terzo periodo di congedo parentale se cade tra l’inizio del terzo anno del bambino e la fine dell’ottavo anno del bambino. Se i padri vogliono dividere il loro congedo parentale in più di tre periodi, hanno bisogno del consenso del datore di lavoro. (1)

Come fanno i padri a richiedere il congedo parentale?

Per richiedere il congedo parentale, il datore di lavoro deve essere informato. Questa richiesta deve essere fatta per iscritto; gli accordi verbali non sono validi. Assicurati di chiedere al tuo datore di lavoro di confermare la ricezione della domanda.

È sufficiente una lettera informale che indichi il periodo di tempo per il quale desideri prendere il congedo parentale. È anche importante che tu firmi la lettera a mano e la invii al tuo datore di lavoro per posta raccomandata. (8)

Qual è il termine ultimo per i padri per richiedere il congedo parentale?

I padri devono richiedere il congedo parentale entro i primi tre anni di vita del bambino e non più tardi di sette settimane prima della data di inizio prevista. Dovresti sempre indicare il periodo in cui vorresti prendere il congedo parentale. Se il termine di sette settimane non viene rispettato, il congedo parentale del padre viene posticipato di questo periodo.

Se il periodo è tra il terzo e l’ottavo anno del bambino, la domanda deve essere fatta non più tardi di 13 settimane prima dell’inizio del congedo parentale. (7)

Il datore di lavoro può rifiutare la richiesta di congedo parentale per i padri?

Il datore di lavoro deve acconsentire alla richiesta di congedo parentale da parte del padre. Questo è stabilito dalla legge e il datore di lavoro non può nemmeno escludere il congedo parentale nel contratto di lavoro. Pertanto, se rispetti la scadenza e i requisiti, non devi preoccuparti che la tua richiesta di congedo parentale non venga concessa.

Come padre, sono coperto dall’assicurazione sanitaria durante il congedo parentale?

Quando i padri vanno in congedo parentale, spesso si preoccupano che qualcosa possa cambiare nel loro rapporto di assicurazione sanitaria. Anche se ci sono diversi tipi di assicurazione, possiamo rassicurarti, continuerai ad essere coperto dall’assicurazione sanitaria mentre sei in congedo parentale, non importa dove sei iscritto.

Assicurazione sanitaria pubblica assicurazione sanitaria privata
L’iscrizione rimane i contributi devono ancora essere pagati da te

I padri che hanno già un’assicurazione sanitaria e di assistenza legale prima del congedo parentale non devono aspettarsi alcun cambiamento. Rimangono membri durante il congedo parentale. Se il padre non guadagna alcun reddito durante il congedo parentale, la sua assicurazione sanitaria e di assistenza a lungo termine è anche non contributiva.

I padri assicurati privatamente che vanno in congedo parentale devono pagare i contributi come al solito, oltre al contributo del datore di lavoro. Tuttavia, ci sono anche compagnie assicurative private che si offrono di esentare i padri dal pagamento dei contributi in questo caso, in modo che non si debbano temere intoppi finanziari. (9)

Esiste una protezione contro il licenziamento per i padri in congedo parentale?

I padri in congedo parentale sono protetti contro il licenziamento e non possono essere licenziati durante il congedo parentale ai sensi della sezione 18 (1) BEEG se è entro il termine del contratto di lavoro. Lo stesso vale per i padri prima del congedo parentale in relazione ad un periodo di otto settimane.
Se il congedo parentale viene annunciato entro questo periodo prima del suo inizio, si applica la protezione contro il licenziamento. È importante sapere, tuttavia, che i padri che annunciano il loro congedo parentale prima dell’inizio delle otto settimane non sono protetti dal licenziamento.
Il datore di lavoro potrebbe usare questo tempo fino alla scadenza per licenziarlo per motivi operativi. Questa rescissione è quindi legalmente efficace. (10)

Se possibile, non registrare il tuo congedo parentale prima dell’inizio del periodo di otto settimane in modo che non ci sia un vuoto nella protezione contro il licenziamento e il tuo datore di lavoro non abbia la possibilità di licenziarti.

Come già detto, il licenziamento durante il congedo parentale non è permesso, ma ci sono alcune eccezioni

  • Carenza economica: il datore di lavoro è costretto a dare il preavviso per ragioni economiche perché non può essere garantita la continuazione del lavoro. Questo deve essere fatto con l’approvazione dell’autorità provinciale.
  • Chiusura di un reparto: Se un reparto o un laboratorio deve essere chiuso perché ritenuto improduttivo e l’impiego del lavoratore non può più essere sostenuto o non è possibile un trasferimento, il datore di lavoro può dargli un preavviso. Per farlo, ha bisogno dell’approvazione dell’autorità.
  • Violazione dei doveri: se i doveri del diritto del lavoro sono stati violati, il licenziamento può essere pronunciato anche durante il congedo parentale con il consenso dell’autorità del Land. Altri motivi per il licenziamento del padre durante il congedo parentale potrebbero essere gravi violazioni del contratto o reati penali contro il datore di lavoro. Se ricevi un licenziamento durante il tuo congedo parentale, assicurati di controllare con l’autorità statale competente se il licenziamento è legale.

I padri continuano a ricevere il loro stipendio precedente durante il congedo parentale?

Poiché il rapporto di lavoro è sospeso durante il congedo parentale del padre se non lavora a tempo parziale, non si può percepire lo stipendio dal datore di lavoro per mancanza di prestazioni. Durante il congedo parentale, il dipendente non ha diritto a nessun beneficio speciale da parte del datore di lavoro. Questo include benefici in natura o pagamenti speciali, come ferie e bonus natalizi. (9)

Elternzeit Vater

I padri non devono scegliere tra i soldi e la cura del loro bambino. Non ricevono uno stipendio durante questo periodo, ma ricevono un’indennità parentale. (Fonte immagine: Juan Pablo Serrano Arenas/ Pexels)

Questo non significa, però, che i padri non ricevano alcun sostegno. I padri ricevono un’indennità parentale dallo Stato per i primi 12-14 mesi per aiutare ad assorbire le perdite finanziarie e mantenere la libertà finanziaria.

Se vuoi fare domanda per l’indennità parentale, di solito devi presentare una prova di reddito, che viene poi controllata dall’ufficio. Questo viene fatto di solito richiedendo il cosiddetto Verdienstbescheinigung (certificato di guadagno).

Si prega di notare, tuttavia, che il congedo parentale e l’indennità parentale sono separati. Il diritto all’indennità parentale può essere distribuito come desiderato.

L’assegno parentale ammonta ad almeno 300 euro e al massimo 1.800 euro al mese e si basa sul reddito precedente del padre. In media, questo importo è attualmente di 1.204 euro per i padri nel primo mese di ricevimento. (2, 11) I padri che stanno già pensando al futuro finanziario dei loro figli hanno dei vantaggi e dovrebbero informarsi sugli investimenti finanziari per i bambini.

I padri devono stare a casa completamente quando sono in congedo parentale?

Vuoi guadagnare qualche soldo extra mentre ti prendi del tempo libero per badare ai tuoi figli? Nessun problema, i padri possono anche lavorare part-time durante il congedo parentale. Se il padre prende il congedo parentale, può lavorare part-time per un massimo di 30 ore a settimana.

Questo può essere rifiutato dal datore di lavoro solo per ragioni operative urgenti e solo fino a quando il bambino non ha raggiunto i tre anni. La giustificazione scritta è richiesta entro quattro settimane. Se il datore di lavoro non agisce entro questo periodo, questo è considerato come un consenso alla volontà del dipendente. (1)

Conclusione

I padri che vogliono prendersi cura dei loro figli possono prendere il congedo parentale proprio come le madri e hanno gli stessi diritti. In questo modo, i padri possono alleviare il peso sulle madri e passare del tempo con le loro famiglie senza perdere il contatto con il loro lavoro e senza accettare perdite economiche.

La durata del congedo parentale per i padri può variare e ci sono alcune linee guida da seguire, che abbiamo spiegato in dettaglio in questo articolo. Se decidi di prendere il congedo parentale, non devi preoccuparti di essere licenziato dal tuo datore di lavoro.

Tuttavia, ci sono alcune cose da considerare quando si fa domanda per il congedo parentale, ma se tu come padre rispetti le linee guida e le scadenze, niente ostacolerà il tuo congedo parentale.

Riferimenti (11)

1. bmfsfj.de: Elternzeit
Fonte

2. Zeit.de: Väter gehen häufiger, aber nur kurz in Elternzeit
Fonte

3. Gesetze-im-Internet.de: Gesetz zum Elterngeld und zur Elternzeit (Bundeselterngeld- und Elternzeitgesetz - BEEG) § 1 Berechtigte
Fonte

4. Eltern.de: Zwei Monate Jobpause für Väter?
Fonte

5. Kindergeld.info: Partnermonate beim Elterngeld
Fonte

6. Arbeitsrechte.de: Elternzeit als Vater: Welche Dauer ist möglich?
Fonte

7. Arbeitsrechte.de: Antrag auf Elternzeit als Vater: Was müssen Sie beachten?
Fonte

8. Gesetze-im-Internet.de: Gesetz zum Elterngeld und zur Elternzeit (Bundeselterngeld- und Elternzeitgesetz - BEEG) § 7 Antragstellung
Fonte

9. Jobrecht.de: Elternzeit – Anspruch auf Elternurlaub
Fonte

10. Elternzeit.de: Elternzeit Kündigung & Kündigungsschutz
Fonte

11. Spiegel.de: Elternzeit für Väter - die dürfen das
Fonte

Elternzeit
bmfsfj.de: Elternzeit
Vai alla fonte
Väter gehen häufiger, aber nur kurz in Elternzeit
Zeit.de: Väter gehen häufiger, aber nur kurz in Elternzeit
Vai alla fonte
Gesetz zum Elterngeld und zur Elternzeit (Bundeselterngeld- und Elternzeitgesetz - BEEG) § 1 Berechtigte
Gesetze-im-Internet.de: Gesetz zum Elterngeld und zur Elternzeit (Bundeselterngeld- und Elternzeitgesetz - BEEG) § 1 Berechtigte
Vai alla fonte
Zwei Monate Jobpause für Väter?
Eltern.de: Zwei Monate Jobpause für Väter?
Vai alla fonte
Partnermonate beim Elterngeld
Kindergeld.info: Partnermonate beim Elterngeld
Vai alla fonte
Elternzeit als Vater: Welche Dauer ist möglich?
Arbeitsrechte.de: Elternzeit als Vater: Welche Dauer ist möglich?
Vai alla fonte
Antrag auf Elternzeit als Vater: Was müssen Sie beachten?
Arbeitsrechte.de: Antrag auf Elternzeit als Vater: Was müssen Sie beachten?
Vai alla fonte
Gesetz zum Elterngeld und zur Elternzeit (Bundeselterngeld- und Elternzeitgesetz - BEEG) § 7 Antragstellung
Gesetze-im-Internet.de: Gesetz zum Elterngeld und zur Elternzeit (Bundeselterngeld- und Elternzeitgesetz - BEEG) § 7 Antragstellung
Vai alla fonte
Elternzeit – Anspruch auf Elternurlaub
Jobrecht.de: Elternzeit – Anspruch auf Elternurlaub
Vai alla fonte
Elternzeit Kündigung & Kündigungsschutz
Elternzeit.de: Elternzeit Kündigung & Kündigungsschutz
Vai alla fonte
Elternzeit für Väter - die dürfen das
Spiegel.de: Elternzeit für Väter - die dürfen das
Vai alla fonte
Recensioni