Ultimo aggiornamento: 05/10/2021

Il nostro metodo

7Prodotti analizzati

21Ore di lavoro

6Fonti e riferimenti usati

30Commenti valutati

I contenitori di vetro stanno diventando sempre più di moda e questo è dovuto alle loro caratteristiche. Tra le altre cose, possono essere completamente riciclati e possono essere utilizzati più volte a casa. È un materiale resistente con molteplici possibilità e usi senza rovinarsi. A tutto questo possiamo aggiungere la facilità di decorarli, la possibilità di acquistarli in diversi colori e il fatto che non abbiamo a che fare con un materiale grossolano o che sembra brutto. I contenitori di vetro, in generale, sono incredibilmente versatili ed è per questo che non potremmo amarli di più.




Sommario

ricordare

  • La cosa migliore dell’imballaggio in vetro è che non si degrada. Pertanto, non influenzano le sostanze che possono contenere o l’ambiente.
  • Un’altra caratteristica molto interessante è che possiamo usarli e riutilizzarli tutte le volte che vogliamo, semplicemente lavandoli bene.
  • E infine, la loro ermeticità ci aiuta a conservare più a lungo ciò che teniamo al loro interno rispetto a qualsiasi altro materiale.

Contenitori in vetro: la nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Ti portiamo una lista di alcuni dei migliori contenitori in vetro che puoi trovare sul mercato. Ci sono diversi stili e dimensioni a seconda dell’uso che vuoi farne. Dai un’occhiata ai diversi tipi e controlla le loro caratteristiche specifiche per ogni uso.

Guida all’acquisto: cosa devi sapere sui contenitori in vetro

I contenitori in vetro stanno diventando sempre più popolari. In questa guida ti spieghiamo perché ci piacciono così tanto e come sfruttarli al meglio. Ti diamo anche alcuniconsigli su come aprire quelli sigillati e decorare quelli che vuoi riutilizzare, tra le altre idee.

Alcuni alimenti che contengono molto acido sono frutta, gelatine, marmellate e creme spalmabili, salse, pomodori in salamoia, cetriolini, aceto e altri condimenti. (Fonte: Natalie Rhea: S_AqsN193U8/ Unsplash)

Perché usare i contenitori di vetro?

Se cerchiamo qualche vaso o bottiglia di vetro sul mercato, i materiali principali sono il vetro, la plastica o l’alluminio. E, anche se a volte scartiamo il primo perché è più facile da rompere, è probabilmente quello che ci interessa di più.
Vantaggi
  • È più igienico
  • Non interferisce con il gusto del cibo
  • È riciclabile al 100% e non si degrada nell”ambiente
  • Non rilascia residui o ha interazioni chimiche con il contenuto
  • Non permette all”ossigeno* di entrare, quindi la sostanza all”interno non viene alterata
  • È molto resistente, capace di conservare sostanze fredde e calde, antisettiche o abrasive
  • Mantiene in perfetto stato sostanze con caratteristiche speciali come le medicine
  • Permette la pastorizzazione e la sterilizzazione
  • Ha un carattere antibatterico che permette la conservazione a lungo termine dei prodotti
Svantaggi
  • Può rompersi più facilmente di altri materiali
  • Devi scegliere tra resistenza o peso
  • La sua creazione e il suo riciclaggio richiedono alte fonti di energia (maggiore spesa rispetto ad altri materiali)

*A patto che sia tenuto chiuso o addirittura ermetico.

Come pulire e sterilizzare i vasi di vetro

La cosa migliore dei contenitori di vetro è la facilità con cui possono essere puliti e sterilizzati. Ecco alcuni semplici passi per eliminare gli odori e rimuovere le etichette se si tratta di un barattolo di vetro che stai riutilizzando, ma anche per sterilizzare

  • Rimuovi l’aroma precedente: mescola due cucchiai di bicarbonato di sodio con acqua calda e lascia il barattolo in ammollo per una notte. Puoi anche usare l’aceto di sidro di mele.
  • Rimuovi etichette e adesivi: prepara mezza tazza di bicarbonato di sodio e un quarto di olio vegetale. Copri i vasetti di vetro (precedentemente lavati) con la miscela e lascia riposare per 20 minuti. Dopo puoi rimuoverlo con una spugna o un panno.
  • Sterilizzare: Per prima cosa riempi una grande pentola con acqua. Dovrebbe contenere tutti i contenitori di vetro perfettamente coperti e i loro coperchi (se sono di metallo o a prova di calore, fai attenzione a quelli di plastica!) Puoi aggiungere qualche cucchiaio di aceto per non farli diventare bianchi. Porta a ebollizione e lascia i vasetti di vetro per 30 minuti. Dopodiché, tirali fuori con una pinza di metallo sterilizzata e lasciali asciugare su una griglia, un tovagliolo o anche nel forno.

Come sigillare i contenitori di vetro

Per sterilizzare i vasetti di vetro devi prima farlo come ti abbiamo insegnato nel punto precedente. Inoltre, devi fare tutta la procedura nel momento in cui metti il cibo nel barattolo di vetro, poiché il barattolo di vetro deve essere caldo in modo che la catena di calore non si perda e non rimangano microorganismi all’interno. Per questo metodo di sigillatura è importante utilizzare solo alimenti che sono naturalmente acidi o conservati in qualche tipo di acido come l’aceto. Questo assicurerà che non ci siano batteri. Una volta che hai sterilizzato i tuoi barattoli di vetro, lasciali asciugare e riempili nuovamente senza togliere l’acqua dal fuoco. Poi chiudi i vasetti, facendo attenzione a non scottarti, e rimettili nella pentola. Preferibilmente su una rastrelliera o qualcosa per evitare che il contenuto si cuocia. Lasciali bollire per altri 10 minuti e rimuovili con attenzione. Non dovresti toccarli per le prossime 24 ore in modo che siano ben sigillati sottovuoto. Tuttavia, assicurati che il coperchio, che inizialmente sembra gonfio, vada fino in fondo. Puoi anche usare una macchina per il sottovuoto se ne fai molta. E, per le bottiglie, potresti essere interessato a sigillare con la cera di paraffina. Questo consiste nel sigillare una bottiglia con un tappo di sughero, avvolgerla con del nastro isolante e poi coprirla con della cera appena riscaldata.

Come dipingere o decorare i contenitori di vetro

Questo punto dipende molto da cosa ti piace e per cosa vuoi usare il tuo contenitore di vetro. Se hai intenzione di usarlo per cibo o bevande, non potrai utilizzare alcuni componenti. E se vuoi metterli in lavastoviglie per lavarli, dovranno anche essere fatti di materiali specifici

  • Marcatori lavabili in lavastoviglie: con questi puoi dipingere qualsiasi contenitore di vetro e mantenerlo anche se lo metti ad alte temperature. Idealmente, dovresti usarlo all’esterno e non dovrebbe toccare il tuo cibo, ma a seconda della marca, questo sarà più o meno importante.
  • Panno con colla: Avvolgi i vasetti di vetro con un qualche tipo di panno e fissali con la colla. Questo non funziona per i contenitori di vetro che sono per alimenti.
  • Acrilici: usa questi colori con diverse tecniche sia all’esterno del vaso di vetro che all’interno. Tuttavia, in quest’ultimo caso, non sarai in grado di versare nessun tipo di liquido nel barattolo.
  • Foto: personalizza i tuoi contenitori di vetro con le foto che ti piacciono e attaccale all’interno del barattolo di vetro in modo che funga da schermo. Come nel caso precedente, non potrai utilizzarlo con i liquidi a meno che tu non decida di mettere le immagini all’esterno del contenitore di vetro.
  • Spago e lana: Avvolgi e lega il contenitore di vetro con uno di questi due materiali, puoi fare fiocchi e nodi o anche incollarli insieme in forme diverse. È un modo molto semplice ed economico per dare un tocco personale e, dato che vanno all’esterno, sono adatti a liquidi e alimenti.

Come aprire i contenitori di vetro

A volte aprire un barattolo di vetro chiuso ermeticamente può essere difficile. Ecco perché abbiamo messo insieme i migliori consigli in modo che la prossima volta che succederà potrai aprirli più facilmente

  • Con un panno: tieni il barattolo di vetro con un panno per evitare che scivoli, dato che questo è uno dei principali problemi che tendiamo ad avere.
  • Sotto il rubinetto: metti il coperchio del barattolo di vetro in acqua calda. Questo si espanderà e renderà più facile l’apertura.
  • Con un panno bagnato: Copri il coperchio del contenitore di vetro con un panno da cucina imbevuto di acqua calda. Lascialo riposare per un paio di minuti e aprilo.
  • Dagli un colpo secco: gira il barattolo di vetro a testa in giù e batti il fondo con il palmo della mano.
  • Rompere il sigillo del vuoto: prendi un cucchiaio di legno, se possibile, e batti il coperchio del barattolo di vetro o prova a mettere il bordo di una posata attraverso il lato del coperchio. Questo lo allenterà.
  • Fora il coperchio: se non devi richiudere il barattolo di vetro, usa un coltello o un punzone.
  • Con calore diretto: puoi usare un asciugacapelli come ultima opzione. Concentralo sul coperchio di metallo del contenitore di vetro per farlo espandere un po’.

Se quello che vuoi aprire è una bottiglia di vetro con un tappo di sughero, infila una vite nella bottiglia e colpiscila con un martello da carpentiere o mettila in un preparatore per darle un colpo secco. E se non riesci ad aprire una bottiglia con una piastra metallica, puoi usare delle forbici, una fibbia della cintura o anche un paio di chiavi per aprirla.

Non mettere mai un contenitore di vetro sigillato ermeticamente nel microonde. (Fonte: Ello: 94KPme-Ibb4/ Unsplash)

Come tagliare i contenitori di vetro

Quando tagli un contenitore di vetro, fai attenzione prima di tutto. Cerca di non tagliarti o bruciarti durante il processo, perché anche se è semplice, devi prendere precauzioni con i materiali. Per fare questo avrai bisogno di:

  • Un accendino
  • Acetone
  • Un contenitore con acqua fredda che si adatti al tuo barattolo o bottiglia di vetro
  • Corda di cotone o lana
  • Carta vetrata

Per prima cosa, avvolgi lo spago intorno al contenitore di vetro dove vuoi tagliarlo. Poi, devi immergerlo nell’acetone e bruciarlo. Dovresti avere l’acqua nelle vicinanze per metterlo dentro non appena inizia a bruciare, ma anche nel caso in cui tu abbia qualche problema. L’improvviso cambiamento di temperatura lo farà spaccare. Poi asciugalo attentamente e carteggialo in modo che non ci sia nessun contenitore di vetro da danneggiare.

Criteri di acquisto

Se hai bisogno di nuovi contenitori di vetro a casa e non sei sicuro di cosa comprare, ecco alcune idee su cosa cercare e a cosa prestare attenzione. Leggi attentamente ogni criterio e scopri quale tipo di contenitore in vetro è migliore per diverse situazioni e usi.

Dimensione

A seconda dell’uso che vuoi fare dei tuoi contenitori in vetro, potresti essere interessato a diverse dimensioni e forme. Non è la stessa cosa voler conservare un pasto per un picnic, dove avrai bisogno di un grande tupper di vetro, che una colonia, per la quale sarà preferibile una piccola bottiglia di vetro. La cosa migliore dei contenitori di vetro è che possono essere trovati in tutti i tipi di dimensioni e formati. Se la tua idea è di impilarle nel congelatore, scegli forme quadrate e rettangolari. Se sono da portare in borsa o in valigia, cercane di più piccoli e guarda i tipi di chiusura. I vasi di vetro per i solidi non sono uguali ai vasi di vetro per i liquidi. La cosa buona è che sia che siano per il cibo o per i cosmetici, i contenitori di vetro sono sempre buoni.

Se vuoi riciclare e usare il vetro riciclato, presta sempre attenzione a questo dettaglio e vedi quale dei due stai guardando. (Fonte: freestocks: cegg5Xj0AxM/ Unsplash)

Resistenza al calore

Quando parliamo della resistenza di un contenitore di vetro al calore, di solito è per sapere se possiamo metterlo nel microonde, nella lavastoviglie o nel forno. Viene fatta una distinzione per i contenitori di vetro

  • Vetro “normale”: normalmente possono essere messi nel microonde e nella lavastoviglie. Tuttavia, dovresti fare attenzione se il cibo diventa troppo caldo nel microonde. E nel forno solo se è al di sotto dei 100º C (a meno che il produttore non abbia indicato diversamente).
  • Vetro temperato: di solito è fatto di vetro Pyrex, che è la marca che lo ha reso popolare, e borosilicato. È adatto al forno, al microonde e alla lavastoviglie. Ed è preparato per resistere perfettamente ai cambiamenti di temperatura.

Chiusura

Il tipo di coperchio dipenderà anche molto dal contenitore di vetro con cui abbiamo a che fare. Infatti, la prima possibilità che abbiamo è che abbia o meno una chiusura. Per esempio, la differenza tra una bottiglia di vetro per il vino e una brocca di vetro per l’olio (che può avere o meno un versatore). Ecco una tabella con i tipi più comuni di coperchi utilizzati su barattoli e bottiglie di vetro:

Adatto ai solidi Adatto ai liquidi è ermetico Può essere sterilizzato con il suo coperchio e sigillato
Senza coperchio Può essere sterilizzato anche se non è possibile sigillarlo
Sughero compresso
Legno o sughero non compresso
Plastica filettata o aderente
Metallo filettato
Con bordi in silicone o plastica Solo se fatto di silicone adatto
Contagocce
Spray
Roll-on

Ermetici

I contenitori di vetro ermetici sono ideali per mantenere il loro interno intatto. Alcuni possono anche essere confezionati sottovuoto. Tuttavia, questo dipende dai materiali utilizzati. A seconda del tipo di coperchio o del tipo di guarnizione ermetica, ci sono tre possibilità

  • Sughero: è solitamente utilizzato nelle bottiglie di vetro per vini e liquori. Questa chiusura è in realtà ermetica solo la prima volta. Una volta aperto, il sughero non è più così compresso e perde questa proprietà.
  • Metallo: Questi sono i più comuni per i vasi da cucina in vetro. Sono dotati di un metodo a vite e sono perfetti per la sterilizzazione completa e la sigillatura insieme al loro contenitore di vetro.
  • Con una plastica o un silicone: Questi sono fatti di vetro o plastica di solito con un rivestimento che permette una completa sigillatura. Di solito sono tupperware o vasi di vetro con un sigillo di metallo. Di solito possono essere smontati in modo da poter essere lavati in lavastoviglie. Tuttavia, se sono fatti di plastica, non possono essere completamente sterilizzati o sigillati con il cibo in una pentola.

Riciclato e riciclabile

Per poter parlare di riciclaggio o meno dei contenitori di vetro, la prima cosa da fare è fare una distinzione tra vetro e cristallo. Anche se li abbiamo trattati come sinonimi, in realtà non sono esattamente la stessa cosa

  • Vetro: è un materiale duro e trasparente (anche se può essere colorato) con caratteristiche amorfe. È normalmente utilizzato in bottiglie, flaconi, barattoli per conserve, bottiglie di colonia e cosmetici, tra gli altri.
  • Cristallo: Ha un suono e una lucentezza molto caratteristici dovuti all’ossido di piombo. È spesso utilizzato per tazze e bicchieri, finestre, specchi e lampadine tradizionali, tra gli altri.

Il vetro viene riciclato completamente e spesso. È comune che il vetro che usiamo sia già riciclato. Tuttavia, il vetro non può essere riciclato perché ha bisogno di temperature molto alte per fondersi.

Ricorda sempre di controllare le caratteristiche del contenitore di vetro che userai se vuoi sottoporlo a temperature estreme. Non esitare a riutilizzarli il più possibile e, una volta finita la loro vita utile, riciclali. (Featured image source: Fahrwasser: 94521835/ 123rf)

Recensioni