Un letto matrimoniale

Benvenuto sul nostro articolo dedicato al coprimaterasso. Forse sai giò che il riposo è una parte fondamentale della nostra routine, ma affinché la qualità del sonno sia ottimale, oltre a dormire la quantità di ore necessaria, è altresì importante mantenere il nostro materasso nelle migliori condizioni possibili. Per fortuna, i coprimaterassi ci aiutano proprio a questo.

Sono ancora molte le persone convinte che questo tipo di prodotto sia pensato solo per i più piccoli e per gli anziani che soffrono di incontinenza, ma nulla potrebbe essere più lontano dalla realtà. Scopri tutto quello che c’è da sapere in questa guida per avere un materasso sempre perfetto come quando l’hai acquistato.

Le cose più importanti in breve

  • Se abbiamo un materasso di buona fattura, ma non ce ne prendiamo cura come dovremmo, presto inizierà a perdere le sue qualità e noteremo che la qualità del nostro sonno peggiorerà notevolmente. E sappiamo bene quanto spiacevoli siano le conseguenze del mancato riposo nella nostra vita di tutti i giorni.
  • Pertanto, è fortemente consigliato utilizzare un coprimaterasso che ne mantenga sempre il buono stato. Sebbene non sia un prodotto miracoloso, né può fermare i danni che il materasso subisce col passare del tempo, fa comunque una differenza notevole.
  • Al momento di scegliere il miglior coprimaterasso, è importante tenere in conto aspetti quali le misure, il modello o il materiale di cui è fatto. Cosi facendo, saremo sicuri di portarci a casa un acquisto giusto che risponda alle nostre aspettative.

I migliori coprimaterassi sul mercato: la nostra selezione

Con il riposo non si scherza. Inoltre, i materassi sono abbastanza costosi, dunque non possiamo permetterci di cambiarne uno ogni volta che ci accorgiamo che sta perdendo le sue qualità. Per aumentarne la durabilità, i coprimaterassi sono un ottimo alleato. Te ne consigliamo alcuni in commercio nella lista che segue.

Il miglior coprimaterasso impermeabile e antiacaro

Se stai cercando un coprimaterasso impermeabile e traspirante proposto da Dreamzie potrebbe fare al caso tuo. È disponibile in moltissime misure e nello specifico quello di questa insersione misura 160 x 200. Ha una membrana poliuretanica  che blocca sudore, urina e i fluidi del corpo, lasciando allo stesso tempo passare l’aria. La parte a contatto del corpo è in cotone al 100%, ma ha un trattamento che lo rende antiacato e antibatterico.

È lavabile fino a 60 °C e può anche essere messo in asciugatrice a bassa temperatura. Il rapporto qualitù prezzo è una delle prima cose che vengono esaltate dalle recensioni. Risulta effettivamente impermeabile, anche se non tutti lo confermano.

Il miglior coprimaterasso imbottito

AmazonBasics propone un coprimaterasso imbottito a 7 zone differenziate per ottimizzare il comfort del corpo. È alto ben 4 centimetri, quindi risulta particolarmente confortevole. Il rivestimento (60% poliestere e 40% rayon) è removibile e può essere lavato in lavatrice (a 40°C). Si ferma al materasso grazie a 4 elastici che lo mentengono fermo.

Qualcuno considera questo coprimaterasso una specie di materassino da usare per materassi scomodi. È confortevole ed è disponibile in tante misure per tutte le esigenze.

Il miglior coprimaterasso in spugna

Con oltre il 96% delle recensioni positive, questo coprimaterasso in spugna proposto da Gabel è uno dei migliori sul mercato. È bianco e disponibile in 5 diverse misure (il matrimoniale misura 200×175 centimetri ed ha uno spessore di 0,5 centimetri). Può essere lavato in lavatrice a 30°.

Secondo gli acquirenti è un coprimaterasso confortevole, si adatta bene ed è resistente, anche se qualcuno suppone che, pur se piacevole, non abbia una lunga durata.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sui coprimaterassi

Nonostante si tratti di un articolo essenziale per garantirsi un sonno di qualità e assicurare il buono stato dei nostri materassi, sono ancora molte le persone che non utilizzano un coprimaterasso, probabilmente perché non ne conoscono i vantaggi. Per aiutarti in questo, nella sezione che segue risponderemo alle domande più frequenti.

Donna che si sveglia

Gli angoli dei coprimaterassi sono elastici, proprio come quelli delle lenzuola, dunque le misure devono essere le stesse del materasso. (Fonte: Ghuzva: 31233969/ 123rf.com)

A cosa serve un coprimaterasso?

Spesso, per decidere se abbiamo davvero bisogno di acquistare o meno un prodotto, è importante chiederci quale sia la sua reale utilità. Ecco perché abbiamo voluto iniziare con questa domanda. Se sei tra quelli che pensano ancora che i coprimaterassi servano solo ad evitare che le perdite di qualunque genere rovinino il materasso, fai attenzione alle altre funzioni che ti elenchiamo qui sotto:

  • Oltre ai fluidi quali l’urina, il coprimaterasso protegge anche dal sudore naturale che produciamo mentre dormiamo.
  • I coprimaterassi agiscono come barriera contro la potenziale comparsa di acari e batteri.
  • Questi accessori si lavano più facilmente che il materasso stesso, dunque aiutano anche a mantenere un livello di igiene ottimale nel luogo in cui si dorme.
  • Grazie alle loro caratteristiche, i coprimaterassi migliorano comfort e benessere durante il sonno.

Come vedi, siamo andati ben oltre la semplice necessità di proteggere il materasso per le persone con incontinenza o per i più piccoli, che ancora non hanno totale autonomia da questo punto di vista. Usare un coprimaterasso migliorerà, senza alcun dubbio, la qualità del sonno.

Quanti tipi di coprimaterasso esistono?

Possiamo, a grandi linee, differenziare due diversi tipi di coprimaterasso: quelli monouso e quelli riutilizzabili. Se approfondiamo un po’, possiamo poi parlare di imbottiti o meno, a seconda del materiale che sia stato utilizzato per fabbricarli.

Al momento di scegliere il tipo di coprimaterasso che utilizzeremo, dobbiamo tenere in considerazione sia le nostre esigenze sia le circostanze in cui lo useremo. Più avanti, vedremo come tutti questi fattori hanno un’influenza sulla nostra scelta d’acquisto finale.

Sistemazione di un coprimaterasso

La corretta pulizia dei coprimaterassi è essenziale per assicurare il necessario livello di igiene, sia per garantirsi un sonno ristoratore, sia per conservare il materasso in buono stato. (Fonte: Didkaew: 96528719/ 123rf.com)

Quali misure deve avere un coprimaterasso?

Una cosa che dobbiamo sempre ricercare quando utilizziamo un coprimaterasso è di sicuro la comodità. Si tratta di un accessorio di cui non dobbiamo neanche renderci conto, pertanto è fondamentale che calzi perfettamente aderente al nostro materasso. Ecco perché vanno sempre scelte le misure adatte:

Dimensioni del materasso Misure del coprimaterasso
90 x 190 / 200 90 x 190 / 200
105 x 190 / 200 105 x 190 / 200
135 x 190 / 200 135 x 190 / 200
150 x 190 / 200 150 x 190 / 200
180 x 190 / 200 180 x 190 / 200
200 x 200 200 x 200

Gli angoli dei coprimaterassi sono elastici, proprio come quelli delle lenzuola, dunque le misure devono essere le stesse del materasso. È essenziale che le dimensioni siano corrette per assicurarci la massima comodità durante il sonno.

Di quali materiale può essere fatto un coprimaterasso?

Affinché il coprimaterasso svolga correttamente la sua funzione, è importante che sia fatto di materiali di qualità, indipendentemente da quali essi siano. Vediamo i vari materiali che vengono di solito usati per fabbricare questi prodotti:

  • Cotone: il più comodo e morbido al tatto. È molto traspirabile, non riscalda e non fa rumore. Nella maggior parte dei casi è anche ipoallergenico, una caratteristica essenziale per i soggetti allergici.
  • Poliestere: si tratta di una fibra sintetica molto resistente, che come la precedente non surriscalda e non fa rumore.
  • Tencel: il più naturale tra tutti. Viene prodotto con fibra di cellulosa biodegradabile e naturale. È morbidissimo, ultra assorbente e molto traspirante. È ideale per le culle e i lettini dei bimbi.
  • Poliuretano: uno tra i più economici. Si elabora a partire da vari materiali che hanno la caratteristica di garantire un’ottima impermeabilità.
  • Teflon: non è un materiale in quanto tale, ma un trattamento applicato sui tessuti per creare una barriera antimacchia. Tale procedura aumenta la morbidezza e la durabilità del coprimaterasso.
  • Allergan: un altro tra i trattamenti più comuni. In questo caso, la sua funzione è quella di creare una barriera anti-acari, antimicotica e antibatterica.

Possiamo trovare in commercio coprimaterassi impermeabili fabbricati con qualunque di questi materiali. Tutti hanno le caratteristiche base per proteggere il materasso senza recare alcun fastidio durante il sonno.

Donna con neonato nel lettone

Al momento di scegliere il tipo di coprimaterasso che utilizzeremo, dobbiamo tenere in considerazione sia le nostre esigenze sia le circostanze in cui lo useremo. (Fonte: Iakovenko: 92592703/ 123rf.com)

Come e quando pulire un coprimaterasso?

La corretta pulizia dei coprimaterassi è essenziale per assicurare il necessario livello di igiene, sia per garantirsi un sonno ristoratore, sia per conservare il materasso in buono stato. A seconda di quale sia il materiale di cui è fatto, il produttore fornirà le specifiche indicazioni per il lavaggio.

Alcuni possono essere lavati in lavatrice e messi in asciugatrice, il che renderà la cura di questi prodotti ancora più semplice.

Altri, invece, hanno bisogno di attenzioni più specifiche. Ecco perché è importante seguire alla lettera i consigli del produttore, cosi da evitare di rovinarlo prima del tempo.

Per quanto riguarda la frequenza di lavaggio, si consiglia di farlo almeno una volta al mese, per eliminare tutto lo sporco che si è accumulato di volta in volta. È fondamentale assicurarsi che il coprimaterasso sia completamente asciutto prima di posizionarlo nuovamente, per scongiurare la formazione di batteri o muffa.

È vero che i coprimaterassi sono utili solo per bambini ed anziani?

Come abbiamo già accennato in varie occasioni durante questo articolo, e al contrario di ciò che si pensa di solito, i coprimaterassi non sono pensati solo per anziani con problemi di incontinenza e bambini piccoli. Al contrario: tutti dovremmo utilizzarne uno.

Se hai letto attentamente quali sono i possibili usi dei coprimaterassi (protezione contro i fluidi e lo sporco, extra comfort e supporto durante il sonno), ti sarai reso conto di quanto siano vantaggiosi per chiunque.

Criteri di acquisto

Eccoci giunti al finale di questa guida. Siamo certi che, nel corso della lettura, tu abbia cambiato idea sui coprimaterassi. Se ti sei finalmente deciso a comprarne uno, ma hai dubbi su quale faccia più al caso tuo, prendi in considerazione i criteri di cui ti parliamo di seguito. Questi fattori ti faranno da guida nella scelta del prodotto che stavi cercando. Prendi nota!

Esigenze e modelli

La prima cosa a cui dobbiamo pensare quando acquistiamo un coprimaterasso è l’uso che ne faremo. Non è ovviamente la stessa cosa comprarne uno per il letto o la culla dei nostri figli, per la nostra camera o per quella di una persona anziana. A seconda di questi elementi, dovremo orientarci su un modello piuttosto che un altro.

Sebbene i coprimaterassi monouso si utilizzino sempre meno, possono risultare utili per i bebé, poiché dovremo cambiarli molto spesso. Senza dubbio il modello riutilizzabile è molto più economico sul lungo termine, e di qualità migliore. Se sceglierlo imbottito o meno dipende solo dai nostri gusti personali e da quanto ci risulti comodo.

Misure

Una volta che abbiamo scelto il tipo di coprimaterasso che vogliamo, dovremo controllarne le misure. Ricorda: abbiamo detto che le dimensioni del coprimaterasso devono essere perfettamente uguali a quelle del materasso stesso, cosi da risultarvi perfettamente aderente senza creare scomode pieghe sotto al lenzuolo, che potrebbero darci fastidio mentre dormiamo.

Materiali

Un altro fattore importante di cui accertarsi riguarda i materiali di fabbricazione del prodotto, non solo per la comodità o l’efficienza nel rispondere alla funzione per cui sono pensati, ma anche per la durabilità. Abbiamo già visto che esiste una grande varietà di materiali e tessuti che si utilizzano per produrre i coprimaterassi.

Inoltre, vi sono alcuni trattamenti aggiuntivi (teflon o allergan sono i principali) che ci offrono benefici quali la protezione antimacchie o antibatterica. Non è il caso di risparmiare sui coprimaterassi. Anche se un prodotto è un po’ più caro, è sempre meglio scegliere materiali di qualità. Ti assicuriamo che, sul lungo termine, questo farà la differenza.

Prendersene cura

Per ultimo, ma non meno importante, tieni conto di come prenderti cura del coprimaterasso. Ci riferiamo alle varie opzioni di lavaggio consigliate per ciascun modello. In questo caso, vale la pena pensare in modo pratico, che ci faciliti la vita e ci permetta di mantenere il coprimaterasso in buono stato.

Cerca di orientarti su quelli che possono essere lavati in lavatrice e messi in asciugatrice. Cosi facendo, l’intero processo sarà più rapido e meno faticoso. Se invece scegliamo un modello che richiede cure particolari (come ad esempio il lavaggio a secco, di tanto in tanto), saremo obbligati ad averne sempre un secondo di ricambio.

Conclusioni

Sfortunatamente, ancora oggi siamo soliti sottovalutare l’importanza di usare un buon coprimaterasso. Diciamo “sfortunatamente” perché non siamo consapevoli della quantità di benefici a cui rinunciamo cosi facendo. Per cambiare la situazione, è fondamentale smentire alcuni falsi miti.

Il più importante è proprio quello che sostiene che l’utilità di questo prodotto sia limitata ai bambini e agli anziani. Abbiamo dimostrato che, invece, è proprio tutto il contrario. Grazie a questo tipo di accessorio, manterremo il nostro materasso in ottimo stato e, quindi, anche un sonno di qualità. E tu, l’hai già provato?

Se hai imparato qualcosa di nuovo e la nostra guida sui coprimaterassi ti è risultata utile, condividila con tutti e lasciaci un commento. Tutti insieme, riusciremo ad abbattere i cliché su questo utile accessorio!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Belchonock: 118400729/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di noi?

Dalila Coviello Redattrice e traduttrice
Le parole sono il mio più grande amore: ne ho scritte di mie, in italiano (Alice nel Paese dei call center, Nike Editrice, 2014), e da più di sei anni ne traduco da altre lingue, divertendomi ogni volta. Sono anche appassionata di digital, e social media e storytelling sono il mio pane quotidiano.
La traduzione è la mia vocazione (e la mia professione) e la scrittura, la mia filosofia di vita. Sono una freelance da un po' di tempo e credo che gli ingredienti fondamentali per preparare un articolo di qualità siano il rigore delle informazioni e un tocco di buone maniere. Faccio ricerche quotidiane e scrivo di cosmetici, bellezza, educazione efficace e prodotti per la casa.