Serie di estintori
Ultimo aggiornamento: 09/02/2020

Il nostro metodo

Products

14Prodotti analizzati
Hours

28Ore di lavoro
Studies

8Fonti e riferimenti usati
Comments

61Commenti valutati

Una distrazione. Basta una telefonata mentre cucini per avviare un fuoco in casa. Quando questo accade, i primi momenti sono cruciali per evitare che divampi. Molte volte, puoi spegnere il fuoco semplicemente a mano o con un panno, ma in altre occasioni può essere necessario l’uso di un estintore.

Gli estintori sono attrezzature molto utili. In alcuni ambienti, come negli uffici o sui posti di lavoro, sono persino obbligatori. In questo articolo spiegheremo tutto ciò che devi sapere sugli estintori. Vedremo i differenti modelli adatti ad esigenze diverse e risponderemo alle domande più frequenti poste da chi ne vuole acquistare uno. Iniziamo!



Le cose più importanti in breve

  • Gli estintori servono solo per spegnere gli incendi appena formatosi. Non sono adatti per le fiamme già divampate. Nemmeno i più potenti estintori saranno utili contro grandi incendi.
  • La legge italiana prevede che vi debbano essere estintori nei luoghi di lavoro, negli edifici pubblici e anche in alcuni condomini.
  • Esistono diversi fattori che dovresti considerare prima di acquistare un estintore. Uno di questi è il tipo, che va da A a F, ognuno indicato per un tipo di incendi. Per la casa, ad esempio, il più adatto è un estintore di tipo A, per incendi di tipo solido.

I migliori estintori sul mercato: la nostra selezione

Esistono molti estintori sul mercato e scegliere il migliore non è facile. Per aiutarti, abbiamo studiato e analizzato a fondo il mercato per scegliere i modelli migliori per ogni diversa esigenza. Vuoi sapere quali sono? Eccoli, sono i seguenti:

Il miglior estintore a polvere

L’estintore a polvere in esame è prodotto da ANAF Group, ha una gittata di 4 m ed è adatto allo spegnimento di incendi di tipo 5A, 34B e C. Ha un’altezza di appena 30 cm ed un diametro di 82 mm, mentre il corpo in alluminio lo rendo pesante poco meno di 1,5 kg. Si tratta di un prodotto piccolo, leggero ed estremamente maneggevole, perfetto da avere in un veicolo. Gli acquirenti sono più che soddisfatti e lo reputano pratico ed affidabile, anche se c’è chi avrebbe preferito erogatore e manettini in metallo piuttosto che in plastica.

Il miglior estintore ad acqua

Mobiak propone un estintore da 6 L a base di acqua nebulizzata con additivo, adatto ad incendi di tipo 8A 113B. Garantisce una pressione di 10 bar a 20 °C, ed è omologato per essere usato ad una temperatura compresa fra i 5 °C ed i 55 °C. Gli acquirenti che hanno avuto modo di provarlo sono soddisfatti dell’affidabilità del prodotto, che risulta efficace e relativamente maneggevole, anche se il peso totale supera i 7 kg. È incluso un supporto a muro in metallo.

Il miglior estintore a CO2

L’estintore a CO2 proposto da FSS UK contiene 2 kg di agente estinguente per un peso complessivo di quasi 5 kg, conforme allo standard BSI Kitemark e adatto a spegnere incendi provenienti da liquidi o componenti elettrici. Alla temperatura di 20 °C garantisce una pressione di 55 bar, con un tempo di scarica di quasi 10 secondi e con una gittata di circa 4 metri. Il parere degli acquirenti è molto positivo, anche se qualcuno è rimasto deluso dalla velocità di scarica del prodotto, perfettamente normale essendo da soli 2 kg. Sono inoltre inclusi ugello e staffa per il montaggio a muro.

Il miglior estintore a schiuma

Lo Smartwares fex-15230 è un estintore a schiuma da 2 kg, adatto a spegnere fuochi di tipo 13A 70B, ovvero di solidi (metalli esclusi) e liquidi. È comprensivo di staffa per il fissaggio alla parete ed è possibile usarlo sia al chiuso che all’esterno. Si tratta di uno strumento di produzione europea con marchio CE, molto buono se usato all’interno dell’abitazione anche se un po’ ingombrante. Nel complesso, le impressioni e le esperienze dei recensori italiani e non sono estremamente positive.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sugli estintori

Ora che hai visto gli estintori che abbiamo selezionato, è il momento di conoscere ogni loro dettaglio in maniera approfondita. Gli estintori sono elementi necessari per la sicurezza a casa, al lavoro e quasi ovunque. Nel caso inizi un incendio, vorrai sicuramente averne uno nelle vicinanze. In questa sezione cercheremo di chiarire ogni tuo dubbio al riguardo.

Donna che spegne un incendio in cucina

Gli estintori sono attrezzature molto utili. In alcuni ambienti, come negli uffici o sui posti di lavoro, sono persino obbligatori. (Fonte: Andriy Popov: 116478867/ 123rf.com)

Quanti tipi di estintori esistono secondo le classi di fuoco?

Sicuramente ti stai chiedendo: cosa sono le classi di fuoco? Secondo l’origine del fuoco, questo si può classificare in diversi modi e parallelamente gli estintori contengono diversi agenti chimici per essere più efficaci nello spegnerlo. Una cosa che dovresti tenere bene a mente è di non usare mai l’acqua per spegnere un incendio, perché potrebbe essere pericoloso (1).

  • Classe A: fuoco di materiali solidi (legno, tessuto, carta, plastica). Per la sua estinzione si richiede il raffreddamento e si usano estintori di classe A, ABC o AB (polvere, schiuma).
  • Classe B: incendi di liquidi combustibili (vernici, grassi, solventi, nafta). Si disattivano rimuovendo l’ossigeno o interrompendo la reazione a catena che si verifica durante la combustione. Vengono utilizzati estintori BC, ABC, AFFF (polvere, schiuma o CO2).
  • Classe C: fuoco scaturito da gas metano, GPL, idrogeno, acetilene, butano o propano. Sono tra gli incendi più pericolosi, perché c’è rischio di esplosione. Gli estintori da utilizzare sono quelli a polvere o Co2.
  • Classe D: originato da metalli infiammabili. Gli estintori caricati con agenti in polvere di classe D sono particolarmente adatti per la protezione antincendio di questo tipo di fuoco.
  • Ex Classe E (adesso rientrano nelle classi A e B): incendio di apparecchiature elettriche a bassa tensione. L’estintore non deve essere un conduttore di elettricità, quindi non è possibile utilizzare soluzioni acquose (schiuma o acqua). Vengono utilizzati estintori di classe BC o ABC. Se l’alimentazione viene interrotta, è possibile utilizzare acqua o estintori di classe A e schiuma chimica AFFF.
  • Classe F: fuoco di oli vegetali o grassi animali. Richiedono estintori speciali, che contengono una soluzione acquosa di acetato di potassio che, a contatto con il fuoco, produce un effetto saponificante che raffredda e isola il combustibile dell’ossigeno.

Quanti tipi di estintori esistono sul mercato?

Ora che sai quali tipi di incendi esistono, è tempo di passare ai tipi di estintori che troverai sul mercato. Ognuno di essi incorpora un diverso agente estinguente e sarà più adatto per uno specifico tipo di incendio (2). Vediamoli:

Tipo di estintore Classe di fuoco Funzionamento Usi comuni
Idrici Tipo A Spruzzano acqua. Case e uffici.
Acqua nebulizzata Tipo A e B. Acqua nebulizzata. Case e uffici.
Schiuma Tipo A e B. Schiuma che raffredda. Case e uffici.
Polvere Tipo A, B e C. La polvere soffoca il fuoco. Case e uffici.
Di CO2 Tipo A, B e C. Il CO2 riduce la temperatura fino a quasi 80 gradi sotto zero. Fabbriche e stanza di macchinari.
A idrocarburi alogeni Tipo A, B e C. Interrompono chimicamente la reazione a catena del fuoco. Per fuochi di origine elettrica.
Speciale per classe D Tipo D. Soffoca e assorbe le fiamme. Specifico per fuochi di metalli infiammabili.
Speciale per classe F Tipo F. Crea una schiuma fredda che toglie ossigeno all’olio. Cucine casalinghe e industriali.

A che altezza deve essere installato un estintore?

L’estintore deve essere posizionato ad un’altezza visibile e accessibile, privo di oggetti che possono ostacolare un’azione rapida in caso di incendio. Dovrebbero essere posizionati su una parete verticale e, se possibile, vicino ai punti di evacuazione. Non esiste un’altezza specifica a cui installarlo, anche se in generale si posizionano tra i 110 e i 150 centimetri da terra, l’importante è che siano correttamente segnalati con gli appositi cartelli (3).

Particolare di alcuni estintori

Gli estintori servono solo per spegnere gli incendi appena formatosi. (Fonte: Olivér Svéd: 22470728/ 123rf.com)

Ogni quanto bisogna fare la revisione a un estintore?

La revisione degli estintori consiste in alcuni interventi tecnici che devono essere eseguiti da una persona competente secondo tempistiche regolate dalle norme antincendio (4):

  • Per gli estintori ad acqua e a schiuma che hanno un serbatoio in carbonio plastificato 24 mesi, mentre gli stessi ma con serbatoio in acciaio inox la revisione è ogni 48 mesi.
  • Per gli estintori a polvere 36 mesi.
  • Per gli estintori a Co2 60 mesi.
  • Per gli estintori a idrocarburi alogenati la revisione è ogni 72 mesi.

Come segnalo l’ubicazione del mio estintore?

Le normative sulla segnaletica di emergenza e sull’evacuazione richiedono che i segnali bioluminescenti siano posizionati sopra i principali sistemi di protezione antincendio e vicino alle uscite di emergenza. In questo modo, si cerca di semplificare il lavoro di ricerca dell’estintore durante un incendio.

La posizione dell’estintore deve essere correttamente segnalata da un cartello quadrato o rettangolare situato sulla parete sopra l’estintore. Questi cartelli dovrebbero essere rossi, con la parola estintore o un disegno di uno di essi in bianco. Il colore rosso deve occupare almeno il 50% del segnale.

Prova di estinzione di un fuoco

L’importante è che siano correttamente segnalati con gli appositi cartelli. (Fonte: Piyawat Nandeenopparit: 80429927/ 123rf.com)

Criteri di acquisto

Ora che sai tutto ciò che ti serve sugli estintori, è giunto il momento di passare ai criteri di acquisto. Questi fattori sono fondamentali nella scelta dell’attrezzatura migliore per il tuo ufficio o la tua casa, quindi devi tenerli a mente durante la tua decisione di acquisto:

Tipo di estintore

Il tipo di estintore sarà il primo fattore da considerare nella scelta dell’attrezzatura. Come hai visto, esistono diversi tipi di estintori a seconda dell’agente utilizzato per l’estinzione dell’incendio. A seconda di questo agente, saranno più utili contro determinati tipi di incendi. Ad esempio, l’acqua è ideale per il fuoco da legna, ma non per l’elettricità.

Qui entra in gioco il luogo in cui si intende installare l’estintore. Ad esempio, per un ufficio o una casa, il più comune è acquistare un estintore a polvere o a schiuma. Questi modelli coprono tutte le esigenze specifiche di una casa. Tuttavia, per una cucina, il più adatto sarebbe uno speciale per i fuochi di classe F.

Uomo che tiene in mano un estintore

La posizione dell’estintore deve essere correttamente segnalata da un cartello quadrato o rettangolare situato sulla parete sopra l’estintore. (Fonte: Lightfieldstudios: 118406574/ 123rf.com)

Uso

Dove hai intenzione di utilizzare l’estintore? Lo vuoi per casa? Per un’officina? Lo porterai in macchina? È importante sapere chiaramente dove si prevede di installare l’estintore prima di acquistarlo. Come abbiamo appena spiegato qui sopra, per la casa sono ideali quelli in schiuma. Anche se ne esistono di piccoli, potrebbe andare bene un modello portatile.

Questo fattore sarà particolarmente importante per l’acquisto di attrezzature da installare in officine, industrie o spazi di lavoro specializzati. Ad esempio, per navi e sale macchine è meglio scegliere un’attrezzatura a CO2, che di solito è più costosa, ma molto più efficace per gli incendi elettrici.

Peso

Il peso è un fattore importante. Pensa che dovresti essere in grado di staccare, sollevare e muovere l’estintore in totale comfort. Un estintore troppo pesante può essere un problema per alcune persone. Questo fattore sarà particolarmente rilevante per le apparecchiature domestiche o installate in scuole, ospedali o case di cura.

È un fattore rilevante anche se stai cercando un’attrezzatura per la tua auto. Se i modelli tradizionali sono troppo pesanti o ingombranti (di solito pesano quasi 12 kg), è meglio optare per modelli compatti o portatili, che a malapena superano i 5 kg di peso. Questi modelli sono ideali da portare in macchina, nello zaino o da tenere in casa.

Estintori portatili

Gli estintori portatili sono la migliore opzione da trasportare in auto, moto o qualsiasi mezzo di trasporto. Questi modelli sono compatti e leggeri. I più moderni hanno un altissimo potere estinguente e lavorano a schiuma. Se quello che stai cercando è un modello da portare con te, questa opzione è la migliore.

Questi modelli sono utili anche per la casa. La maggior parte degli estintori portatili hanno versioni progettate per gli incendi domestici, come quelle prodotte nelle cucine. Questi estintori portatili sono di tipo F, quindi sono progettati per spegnere incendi prodotti a base di oli e grassi. Per le auto, i  migliori sono quelli di tipo A, B e C.

Uomini con estontore davanti a un fuoco

Il tipo di estintore sarà il primo fattore da considerare nella scelta dell’attrezzatura. (Fonte: Auremar: 62931218/ 123rf.com)

Conclusioni

Gli estintori sono elementi essenziali di sicurezza in qualsiasi casa, ufficio o luogo di lavoro. Sono la migliore protezione che avrai contro il fuoco. Come hai visto, questi dispositivi possono essere installati comodamente ovunque o puoi portarli con te in auto o in moto per prevenire incendi in incidenti stradali.

In questo articolo abbiamo spiegato tutto ciò che devi sapere sugli estintori. Abbiamo risolto i dubbi più comuni degli acquirenti. Abbiamo anche esaminato gli aspetti più importanti dell’acquisto, criteri in cui è necessario soffermarsi se si desidera ottenere la migliore attrezzatura possibile. Ora tocca a te decidere: qual è il miglior estintore per te?

Se ti è piaciuto l’articolo, lasciaci un commento e condividilo con i tuoi amici e familiari in modo che possano anche loro trovare i migliori estintori sul mercato.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Olivér Svéd: 21692514/ 123rf.com)

Riferimenti (4)

1. ¿Ecco perché non si deve usare l'acqua per spegnere gli incendi sui cavi elettrici [Internet]. Leggo.it 2019 [cited 09 February 2020].
Fonte

2. CONTENIDO DE UN EXTINTOR [Internet]. Ccoo1.webs.upv.es. 2019 [cited 29 October 2019].
Fonte

3. Norme di Prevenzione Incendi [Internet] antincendio-italia [cited 09 February 2020].
Fonte

4. Norma UNI 9994-1:2013 - cipierresrl.it [Internet - cited 09 February 2020].
Fonte

Perché puoi fidarti di noi?

Marco Lombardi Il nostro esperto in viaggi e sport
Mi sto laureando in lingue e viaggio per il mondo da quando avevo 12 anni. Sono anche un tipo sportivo e mi piace l'avventura. Grazie a queste mie passioni riesco a scrivere articoli su ciò che mi interessa cercando sempre di essere il più utile possibile per il lettore.
Jaume Vicent Redattore
Mi dedico alla scrittura di testi per diversi siti web. Adoro scrivere e sono un maniaco del SEO e del marketing digitale (sono appassionato di Inbound Marketing e Content Marketing). Le mia specialità sono gli attrezzi e i prodotti tecnologici.
Articolo informativo
¿Ecco perché non si deve usare l'acqua per spegnere gli incendi sui cavi elettrici [Internet]. Leggo.it 2019 [cited 09 February 2020].
Vai alla fonte
Tavola di contenuti
CONTENIDO DE UN EXTINTOR [Internet]. Ccoo1.webs.upv.es. 2019 [cited 29 October 2019].
Vai alla fonte
Norme prevenzione incendi
Norme di Prevenzione Incendi [Internet] antincendio-italia [cited 09 February 2020].
Vai alla fonte
Manutenzione e revisione estintori
Norma UNI 9994-1:2013 - cipierresrl.it [Internet - cited 09 February 2020].
Vai alla fonte