Un fonometro in primo piano

Sai cos’è un fonometro e in quali circostanze ti può aiutare? Facciamo un esempio: ti è mai capitato di essere svegliato da qualcuno che lavorava in strada alle prime ore del mattino? Quindi sai che il rumore può diventare assai molesto e non solo mentre dormi. Controllare il livello di emissioni acustiche è sempre consigliato in determinate circostanze.

Il fonometro è un dispositivo ideato con lo scopo di misurare le emissioni sonore rilasciate da una fonte, per verificare se rientrano negli standard previsti dalla legge o meno. Calcola la pressione acustica in decibel (dB) ed ha un margine di errore risicatissimo. Se vuoi saperne di più, e magari acquistarne uno per esigenze personali, sei nel posto giusto: nel corso della guida approfondiremo l’argomento nel dettaglio.

Le cose più importanti in breve

  • I fonometri calcolano le emissioni acustiche in decibel (dB). Per comprendere il valore dei decibel, basti sapere che ogni intervallo di tre dB l’intensità della potenza sonora raddoppia.
  • Esistono alcune norme legislative in merito alle emissioni sonore, che cambiano da paese a paese; ogni stato stabilisce le proprie, che devono comunque rientrare entro certi parametri per non pregiudicare la salute uditiva delle persone.
  • Il range di misurazione è uno dei principali criteri di acquisto del fonometro. In genere è compreso tra 1 e 200 dB, ma varia in base alla qualità del prodotto.

I migliori fonometri sul mercato: la nostra selezione

I fonometri sono dispositivi piuttosto semplici, impiegati per misurare la pressione acustica e le emissioni sonore.  Per orientarti tra le varie alternative che puoi trovare in commercio, abbiamo deciso di descrivere i migliori modelli disponibili online. Sono stati selezionati in base ai numeri di vendita e mediante le recensioni positive lasciate dagli acquirenti:

Il fonometro preferito dagli utenti

Fonometro digitale a cristalli liquidi. Rileva misure accurate con intervallo di decibel da 30 dB a 130 dB e intervallo di frequenza da 31,5 Hz a 8 KHz. La retroilluminazione schiarisce lo schermo e permette di leggere i valori anche in ambienti bui, e il dispositivo si spegne automaticamente dopo 3 minuti se non viene utilizzato. È inoltre in grado di monitorare la qualità del sonno, rilevando le onde sonore che attraversano gli ambienti interni come la camera da letto.

Il miglior fonometro per rapporto qualità prezzo

Fonometro calibrato prima della spedizione, dotato della funzione di conservazione dei dati e segnale di sovratensione. Il rivestimento robusto previene danni causati da cadute, e il microfono registra intervalli di frequenza da 31,5 Hz a 8 KHz, e intervalli di decibel da 30 dB a 130 dB. Le batterie sono incluse ed è prevista una garanzia di 12 mesi in caso di rottura. Gli acquirenti hanno valutato positivamente soprattutto il rapporto quaità prezzo.

Il fonometro più completo

Fonometro professionale, utilizzato anche dalle forze dell’ordine e in ambito industriale. Può essere connesso al PC per registrare i dati grazie all’apposita interfaccia, ed è dotato di una memoria esterna spaziosa. Assieme al prodotto riceverai un set da 4 batterie di ricambio, un cavo USB e una custodia per riporre il prodotto dopo l’utilizzo; da segnalare il manuale di istruzioni redatto in sola lingua inglese.

Il fonometro più economico

Fonometro digitale dotato di display LCD retroilluminato con torcia. La barra di avanzamento indica la potenza delle emissioni sonore, e il dispositivo è in grado di memorizzare i dati registrati. Il materiale di fabbricazione di qualità garantisce un’uso prolungato nel tempo, e il design intelligente offre un’impugnatura confortevole e antiscivolo. Nella confezione riceverai una batteria da 9 volt inclusa, e la garanzia del prodotto è di 24 mesi.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sui fonometri

I fonometri sono strumenti già largamente diffusi, utilizzati soprattutto dalle forza dell’ordine per tenere sotto controllo i rumori nei centri abitati; anche nel campo dell’industria e delle costruzioni hanno la loro utilità, e si stanno diffondendo sempre più a livello internazionale. Se conosci poco l’argomento e ti interessa approfondirlo, presta attenzione a quanto segue.

Fonometro

I fonometri misurano i livelli di pressione sonora di un determinato spazio. (Fonte: Choksawatdikorn: 83667001/ 123rf.com)

 Cosa sono i fonometri?

Abbiamo già spiegato che si tratta di dispositivi in grado di misurare il rumore emesso da una fonte. Devono rispettare alcuni standard internazionali in merito a frequenza e a caratteristiche del dispositivo, e la legislazione italiana prevede una taratura periodica biennale obbligatoria, da parte di enti dello stato, per assicurarne sempre un buon funzionamento.

Il rumore influisce sulla salute delle persone.

Per esempio, essere sottoposti a onde sonore elevate per un tempo prolungato può causare ipertensione, perdita dell’udito, malattie cardiache, disturbi del sonno, stress… Ecco perché i governi di tutto il mondo hanno ritenuto utile fissare dei paletti, ponendo limiti legali alle emissioni acustiche per preservare la salute dei cittadini.

Perché acquistare un fonometro?

I fonometri possono essere acquistati tanto dai professionisti, che li impiegano nelle faccende lavorative, quanto dai semplici appassionati. Sono strumenti facili da utilizzare, molto pratici e leggeri, perfetti per essere portati ovunque; ne esistono tipologie diverse in base alle funzioni che sono chiamati a svolgere. Ma nello specifico a cosa servono?

  • Misurano le emissioni sonore in fabbriche, cantieri, ambiti lavorativi in generale.
  • Sono utilizzati anche negli auditorium e nelle sale musicali per registrare l’impatto sonoro.
  • Misurano la pressione sonora in ambienti esterni.
  • Effettuano calcoli statistici completi su più livelli per tradurre le onde sonore in dati.
  • Calcolano i rumori prodotti da automobili e macchinari durante la riparazione o la revisione.
Un fonometro su un tavolo

I fonometri possono essere utilizzati in ambiti diversi, non soltanto lavorativi.
(Fonte: Choksawatdikorn: 83667127/ 123rf.com)

Come funzionano i fonometri?

Il funzionamento di questi apparecchi è meno complicato di quello che può sembrare; sono provvisti di microfono, circuito elettronico e schermo LCD; il microfono è posto a un’estremità dello strumento, per effettuare una misurazione più precisa: basta avvicinarlo alla fonte sonora e alla registrazione delle onde penserà lui.

È dotato infatti di una particolare membrana flessibile che si muove leggermente quando viene urtato dalle onde sonore; questo movimento, per quanto impercettibile, genera energia elettrica in modo proporzionale alle vibrazioni, e il fonometro, dopo aver misurato l’intensità della corrente prodotta, converte il parametro in un indice numerico, che costituisce il valore finale.

Quali tipologie di fonometri esistono sul mercato?

La norma CEI EN 61672 del 2003 prevede 4 classi di strumenti a cui corrispondono quattro livelli di precisione via via decrescenti:

  • Classe 0 – fonometri da laboratorio di riferimento
  • Classe 1 – fonometro per misure da laboratorio o sul campo in condizioni acustiche definite
  • Classe 2 – fonometro per uso generale per misure sul campo
  • Classe 3 – fonometro per indagini sul campo di carattere preliminare e per verificare se eventuali limiti stabiliti vengano significativamente violati.

Bisogna precisare che la legislazione italiana di controllo dell’inquinamento acustico prescrive un controllo periodico per i fonometri di classe 1, al fine di verificarne il corretto funzionamento.

Quali sono i livelli di emissione sonora adeguati?

Come anticipato nelle righe precedenti, ogni paese ha adottato delle norme specifiche a proposito delle emissioni sonore, ma esistono dei limiti internazionali da rispettare; Sono stati fissati dei paletti dai governi di tutto il mondo per evitare il superamento degli standard che garantiscono la salute acustica delle persone, e chi infrange le regole viene multato dagli enti preposti. Nella tabella in basso abbiamo riportato i livelli di emissione permessi in funzione delle diverse zone o settori lavorativi.

Settore Sotto-settore Standard massimi consentiti in merito alle emissioni sonore (espressi in decibel)
Settore A. Tranquillità e silenzio Ospedali, biblioteche, asili. Giorno: 55, Notte: 45
Settore B. Tranquillità e rumori moderati Zone residenziali o destinate esclusivamente allo sviluppo abitativo, inclusi gli hotel. Giorno: 65, Notte: 50
Settore B. Tranquillità e rumori moderati Università, scuole, centri studio, centri di ricerca. Giorno: 65, Notte: 50
Settore B. Tranquillità e rumori moderati Parchi situati in zone urbane. Giorno: 65, Notte: 50
Settore C. Rumore intermedio e limitato Zone commerciali, magazzini, locali, officine, centri sportivi, bar, ristoranti, discoteche, casinò e sale bingo. Giorno: 70, Notte: 65
Settore C. Rumore Intermedio e limitato Zone industriali. Giorno: 65, Notte: 60
Settore C. Rumore Intermedio e limitato Zone adibite a usi istituzionali. Giorno: 65, Notte: 60
Settore C. Rumori intermedi e limitati Parchi meccanici all’aria aperta, aree destinate a spettacoli, autostrade e strade principali. Giorno: 80, Notte: 70
Settore D. Zone suburbane e rurali Complessi residenziali suburbani. Giorno: 55, Notte: 45
Settore D. Zone suburbane e rurali Zone destinate a complessi agricoli. Giorno: 55, Notte: 45
Settore D. Zone suburbane e rurali Parchi naturali. Giorno: 55, Notte: 45

Criteri di acquisto

La salute acustica spesso viene sottovalutata. Gli esperti sostengono che sottoporsi in modo prolungato alle emissioni sonore può causare stress e disturbi di diverso tipo, per questo i fonometri si stanno diffondendo così tanto. Possono essere utilizzati in ambito lavorativo o domestico, ad esempio per monitorare la qualità del sonno o la rumorosità degli ambienti. In questa sezione finale, elencheremo e descriveremo brevemente i criteri più importanti da valutare al momento di un eventuale acquisto.

  • Tipologia
  • Range di misurazione
  • Batteria
  • Memoria
  • Peso e design
  • Accessori

Tipologia

I fonometri si dividono in classi in base alla precisione con cui registrano le emissioni. Quelli di classe 0 hanno il minor margine di errore, e vengono utilizzati soprattutto nei laboratori, mentre i meno precisi, di classe 3, servono soprattutto per indagini preliminari. Ricorda che ogni due anni devi sottoporre a verifica il tuo fonometro, gli enti preposti ne valuteranno il corretto funzionamento e, nel caso, aggiusteranno la taratura.

Tutti i fonometri sul mercato sono provvisti di indicazioni che ne inquadrano i luoghi e le modalità di utilizzo. Non avrai bisogno di un fonometro ultra preciso se lavori in fabbrica o in posti rumorosi come le discoteche, ma se devi effettuare misurazioni più specifiche, ad esempio in laboratorio o in ambienti di ridotte dimensioni, devi puntare su prodotti articolati.

Fonometro grigio

I fonometri vengono utilizzati soprattutto dalle forze dell’ordine per effettuare verifiche.
(Fonte: Choksawatdikorn: 83667065/ 123rf.com)

Range di misurazione

Il range di misurazione è uno dei fattori più importanti da analizzare: ogni modello offre range distinti, che possono essere compresi tra 1 e 200 dB o avere un intervallo molto inferiore, in base alle esigenze del caso. Anche gli indicatori di frequenza sono importanti, e influiscono sulla capacità di rilevazione del dispositivo.

I fonometri tradizionali, che in genere sono anche i più venduti, prevedono un range di decibel da 30 a 130, ottimi per un uso domestico o per essere utilizzati in spazi aperti non troppo rumorosi. Se invece cerchi un dispositivo più performante, in grado di effettuare misurazioni precise, dovrai puntare su fonometri con un range di decibel più elevato.

Batteria

Solitamente i fonometri funzionano a batteria. I migliori utilizzano batterie agli ioni di litio, che garantiscono un’autonomia prolungata ed un ottimo rendimento, e spesso vengono vendute assieme al prodotto per sostituirle quando si scaricano. I 9 volt delle batterie agli ioni di litio consentono di lavorare per 50 ore consecutive, e alcuni modelli sono provvisti della funzione di risparmio energetico per durare ancora di più.

Gif fonometro

Memoria

I dati registrati dai fonometri possono essere parecchi, è importante che la memoria del dispositivo sia sufficientemente ampia per ospitarli. Alcuni sono collegabili direttamente con il computer mediante porta USB e comunicano le informazioni direttamente all’apparecchio informatico, altri registrano i dati al suo interno nello spazio di archiviazione. I fonometri più all’avanguardia possono consentire anche l’ingresso di una scheda di memoria esterna.

Peso e design

La progettazione del fonometro incide sul suo utilizzo: i migliori sono rivestiti con materiali resistenti per preservare il corretto funzionamento del dispositivo anche in seguito a urti o cadute, e sono provvisti di prese anti scivolamento per tenerli saldi fra le mani. Il microfono integrato è posto su una delle due estremità, per poterlo avvicinare il più possibile alla fonte del rumore.

Anche il peso non è da tralasciare: chi utilizza spesso i fonometri sa che deve tenerli in mano per tempi più o meno lunghi, e deve muoversi molto su un perimetro. Meglio evitare apparecchi troppo pesanti che possono stancare in fretta chi li utilizza, in genere i modelli ergonomici non superano i 150 grammi.

Accessori

I fonometri, essendo strumenti utilizzati soprattutto in ambienti esterni, devono essere in grado di assorbire le condizioni atmosferiche, non facendosi influenzare dagli effetti sonori di vento, pioggia, grandine… Ecco perché la maggior parte dei modelli professionali conta su un apparecchio che protegge il fonometro dai rumori esterni che provocano disturbo sonoro e possono pregiudicare una corretta rilevazione.

I fonometri professionali spesso vengono venduti assieme a un tripode, soprattutto se devono rimanere in una postazione fissa per un tempo prolungato (ad esempio per misurare le emissioni sonore nelle strade). Alcuni hanno degli accessori incorporati quali auricolari o dispositivi di navigazione, che rendono il prodotto ancora più completo. Valuta le tue esigenze e scegli il modello più adeguato per te.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo parlato dei fonometri, dispositivi che servono per misurare la pressione acustica e le emissioni di onde sonore. Anche se sono utilizzati prevalentemente in ambiti professionali, negli ultimi tempi sono tanti quelli che scelgono di acquistarne uno per verificare l’impatto dei rumori nella propria vita quotidiana. Tra le altre cose, un fonometro consente di monitorare la qualità del sonno e la vivibilità degli ambienti domestici, misurando in decibel (dB) le onde sonore provocate da fonti esterne che attraversano la casa.

Se stai pensando di acquistarne uno devi sapere che il range di misurazione è il principale criterio su cui focalizzarsi, ma anche altri aspetti come lo schermo, il peso, la progettazione e gli accessori del prodotto non sono da sottovalutare. Speriamo che le informazioni fornite in questa guida ti tornino utili! Se acquisti online non dimenticarti di dare un’occhiata alle recensioni degli acquirenti, che offrono sempre spunti interessanti.

L’articolo ti è piaciuto? Lo hai trovato utile? Se la risposta è sì, condividilo sui social per dare la possibilità ad altri di conoscere il prodotto. A presto!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Sintapanon: 82343002/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

REVIEWBOX
REVIEWBOX
Redazione
I redattori di REVIEWBOX fanno ricerche approfondite e scrivono articoli interessanti e completi per aiutare gli utenti a fare la scelta giusta nel momento in cui devono trovare il miglior prodotto per le proprie esigenze.