Ultimo aggiornamento: 29/07/2021

Il nostro metodo

7Prodotti analizzati

21Ore di lavoro

6Fonti e riferimenti usati

30Commenti valutati

L’uso del ghiaccio secco è aumentato esponenzialmente negli ultimi dieci anni. Infatti, le sue applicazioni sono in continua crescita. Dalla creazione di innovativi gelati (1), alla sabbiatura con ghiaccio secco, al trasporto di prodotti farmaceutici. Il ghiaccio secco viene utilizzato in tutte queste pratiche.

Il ghiaccio secco è anidride carbonica (CO₂) in forma solida. Si chiama così perché la sua temperatura è molto bassa. Cioè, sublima o evapora a -78,5 °C. Il suo aspetto è simile al ghiaccio tradizionale, ma quando evapora, non lascia traccia di acqua. Sei interessato a saperne di più? Qui ti spieghiamo cosa devi sapere per acquistare la tua neve carbonica.




Le cose più importanti da sapere

  • Ha caratteristiche di gran lunga superiori al ghiaccio normale e ha una varietà di applicazioni. Per questo motivo, il ghiaccio secco è sempre più utilizzato in sempre più settori.
  • Deve essere maneggiato correttamente per evitare i rischi del suo trattamento. Tuttavia, è un’opzione di raffreddamento con molti vantaggi.
  • Quando acquisti ghiaccio secco, dovresti considerare alcuni criteri. Per esempio, l’uso che ne farai, la forma che dovrebbe avere o i macchinari necessari, se è il caso.

Ghiaccio secco: la nostra selezione

Guida all’acquisto: cosa dovresti sapere sul ghiaccio secco

Il ghiaccio secco, come viene anche chiamato, è anidride carbonica in forma solida. È batteriostatico e fungistatico, cioè impedisce la riproduzione di funghi e batteri. Pertanto, ha molti usi in molte aree diverse, dalla sua applicazione nella pratica della ristorazione alle farmacie. Vuoi saperne di più? Continua a leggere!

Ha caratteristiche di gran lunga superiori al ghiaccio normale e ha una varietà di applicazioni. Ecco perché il ghiaccio secco si trova in sempre più settori. (Fonte: Grafvision: 66887543/ 123rf)

Perché usare il ghiaccio secco?

Il ghiaccio secco è anidride carbonica in forma solida. Per questo, è ad una temperatura di -78,5 °C a pressione atmosferica. Questo prodotto risultante, emettendo freddo, diventa un gas senza passare dallo stato liquido.

In altre parole, non produce acqua o umidità. Per questo motivo, è un gas secco che riduce l’umidificazione dell’ambiente. Quindi, è utile per la conservazione dei prodotti che sono sensibili ad essa. D’altra parte, non genera residui. È anche facile da applicare e da trasportare. Inoltre non è tossico.

Questo ghiaccio produce il 270% di freddo in più rispetto al ghiaccio d’acqua tradizionale. Questo è il motivo per cui viene utilizzato in vari settori. Una delle applicazioni principali è la conservazione dei prodotti deperibili, poiché migliora la qualità microbiologica, prevenendo l’ossidazione. In altre parole, mantiene i prodotti in condizioni ottimali.

Un singolo chilo di ghiaccio secco genera 136 chilofrigorie quando viene sublimato

Quali sono le differenze tra il ghiaccio tradizionale e il ghiaccio secco?

Il ghiaccio secco è anidride carbonica e il ghiaccio normale è acqua. Pertanto, raggiunge direttamente lo stato gassoso. Il ghiaccio tradizionale, invece, passa attraverso lo stato liquido. Pertanto, la differenza più evidente è che non lascia alcun residuo. La ragione principale del suo utilizzo, tuttavia, è la quantità di raffreddamento che offre rispetto al ghiaccio classico, fino al 270% più freddo.

Un altro vantaggio è che il ghiaccio secco impiega molto tempo a salire di temperatura, quindi mantiene il freddo più a lungo. Infatti, in volume, occuperà meno spazio per ottenere la stessa efficacia di raffreddamento. Vediamo alcuni vantaggi e svantaggi.

Vantaggi
  • Nessun residuo
  • Alta capacità di raffreddamento/congelamento. Temperatura -78.5 °C
  • Asettico, inodore e insapore
  • Non tossico
  • Non infiammabile
  • Azione antimicrobica.
Svantaggi
  • Deve essere conservato in condizioni specifiche
  • Non può essere in contatto diretto con la pelle
  • Deve essere maneggiato correttamente.

Quali sono le applicazioni del ghiaccio secco?

Anche se non è un prodotto comunemente usato dalla maggior parte delle persone, la realtà è che il ghiaccio secco ha molte applicazioni. Questi sono elencati di seguito:

  • Cibo: utilizzato nel trasporto di prodotti alimentari e nella conservazione delle materie prime. Nelle macchine impastatrici, raffredda l’impasto durante il taglio e la miscelazione.
  • Hotel e catering: utilizzato nella presentazione di piatti, cocktail e gelati, dando loro un aspetto esotico e di qualità. Molto utilizzato anche nei servizi di “catering aereo”.
  • Enologia: Refrigerazione dell’uva.
  • Agricoltura: usato per controllare i parassiti come roditori, talpe e insetti.
  • Prestazioni: Effetto nebbia in spettacoli, eventi e pubblicità.
  • Farmacia: nel trasporto di campioni, conservazione di reagenti e organi per trapianti o studi.
  • Chimica: utilizzato nei test di laboratorio. Anche per impianti di raffreddamento e reattori.
  • Metallurgia: trattamento a temperatura sotto zero, taglio parziale. Facilita anche l’assemblaggio e l’assemblaggio delle parti.
  • Sabbiatura con ghiaccio secco: Pulire le superfici che sono state alterate dall’acqua, come in alcune installazioni elettriche.

Come conservare il ghiaccio secco?

La conservazione del ghiaccio secco deve essere adeguata al suo corretto mantenimento. Pertanto, le seguenti istruzioni dovrebbero essere seguite:

  • Conservare in una stanza sufficientemente ventilata, in contenitori isotermici.
  • Se conservato in frigorifero o congelatore, fai attenzione al rischio di congelamento e alla sua possibile apertura espansiva.
  • Il contenitore non deve essere a prova di perdite.
  • Evita il trasporto in auto.
  • Non conservare CO₂ nei frigoriferi domestici, per evitare di congelare tutto quello che c’è dentro.

Come maneggiare il ghiaccio secco?

Per la manipolazione del ghiaccio secco è necessario seguire alcune regole di base. Un uso scorretto può causare ustioni e altri effetti. Non è complicato se segui i passi giusti. Di seguito li spiegheremo in dettaglio.

Raccomandazioni
Evitare il contatto con gli occhi e la pelle.
Indossare guanti protettivi.
Non conservare in contenitori ermetici.
Non utilizzare in ambienti non ventilati.
Non ingerire.
Tenere fuori dalla portata dei bambini.
Non depositare direttamente su pavimenti in laminato o ceramica.

Quali macchine producono ghiaccio secco?

Anche se puoi trovare dei manuali su internet su come fare il tuo, la realtà è che non è un prodotto da trattare con leggerezza. Pertanto, è meglio comprarlo da produttori specializzati o acquistare macchine professionali per produrlo. È fatta di CO₂ liquida, in quanto le permette di espandersi nell’atmosfera, sia in vapore gassoso che in neve solida.

La neve può essere compressa in pellet o in altre varianti. L’attrezzatura necessaria per realizzarlo include un serbatoio di CO₂ e un sistema di produzione di blocchi. Viene poi conservato in contenitori isolati per la spedizione o l’uso immediato.

Oggi, molte aziende sono coinvolte nella produzione e nella distribuzione. Questo ghiaccio può essere spedito ovunque, in modo sicuro. Per questo motivo, è sempre meglio acquistarlo da fonti affidabili.

Deve essere maneggiato correttamente per evitare i rischi del suo trattamento. Tuttavia, è un’opzione di raffreddamento con molti vantaggi. (Fonte: Datsenko: 121517389/ 123rf)

Il ghiaccio secco è pericoloso?

Anche se l’anidride carbonica in forma solida è, in linea di principio, non tossica e non infiammabile, un uso improprio può essere pericoloso. A questo proposito, il contatto con la pelle o gli occhi può causare danni agli esseri umani e agli animali. Questo può causare ustioni da freddo (2) così come altri effetti fisici sul corpo.

Uno dei pericoli è l’avvelenamento dovuto all’accumulo di anidride carbonica nell’ambiente.

La seguente tabella dettaglia i rischi che può causare:

Rischi Sintomi Come evitare
Congelamento del ghiaccio secco Il contatto con la pelle uccide le cellule, causando ustioni Usa pinze o guanti quando lo maneggi e non ingerire, anche se usato come cubetti di ghiaccio.
Asfissia In spazi chiusi riduce la quantità di ossigeno, specialmente a livello del pavimento Usa in aree ben ventilate.
Pericolo di esplosione Esercita pressione quando passa dallo stato solido a quello gassoso. In contenitori chiusi, può esplodere in pezzi che possono causare lesioni non sigillare in una bottiglia, fiasco o refrigeratore chiuso.

Criteri di acquisto

Se sei arrivato fin qui, allora sei davvero interessato a questo prodotto. Se è così, allora è il momento di aiutarti nella tua decisione d’acquisto. Di seguito, ti mostriamo i criteri che, dopo averli analizzati, ci sembrano essere i più rilevanti quando si acquista la neve carbonica. Passiamoli in rassegna!

Usa

È essenziale che tu sia chiaro sull’uso che ne farai e sui benefici che offre. Abbiamo già parlato della sua capacità di refrigerazione. Sai anche che non produce rifiuti quando viene smaltito.

Questi vantaggi possono essere ottimi per conservare il cibo quando vai in campeggio o per trasportare merci deperibili, tra molti altri. Nella ristorazione, il suo uso sta diventando sempre più comune e ci regala delle presentazioni di piatti sorprendenti.

Abbiamo già elencato le sue applicazioni abituali, quindi devi valutare se ne hai bisogno. Per fare questo, tieni conto della gestione, dello stoccaggio e del costo, dato che è più alto del ghiaccio tradizionale. Ci sono anche alcuni piccoli rischi da considerare. Anche così, se l’uso è tra quelli menzionati, è certamente un ottimo prodotto con grandi vantaggi.

Formato

Il ghiaccio secco è solitamente disponibile in tre formati. Dopo la fase di compressione della CO₂, viene definita la sua forma, a seconda della sua destinazione d’uso. I formati più comuni sono i seguenti:

  • Fiocchi: Ampiamente utilizzati nella sabbiatura con ghiaccio secco.
  • Pellet: di solito in dimensioni di 3 mm e 19 mm. Principalmente utilizzato nella conservazione degli alimenti e nelle industrie farmaceutiche.
  • Blocchi: in dimensioni da 5 kg in su.

Una volta deciso il formato, la cosa ideale da fare è comprare la giusta quantità. Tieni presente che deve essere usato immediatamente o in un breve periodo di tempo, dato che la sua manutenzione a lungo termine è molto complicata. Infatti, all’aperto, durerà solo circa 6 ore.

Quando acquisti ghiaccio secco, dovresti considerare alcuni criteri. Per esempio, l’uso che ne farai, la forma che dovrebbe avere o i macchinari necessari, se è il caso. (Fonte: Tumana: 129062594/ 123rf)

Presentazione

Per quanto riguarda la sua presentazione, la più comune è quella di trovare sacchetti individuali o piccoli carichi, chiamati anche contenitori di CO₂ per sifone. Quest’ultimo è quello comunemente usato nel cibo o nelle bevande. Un’altra opzione è in scatole da 5 a 30 kg, di solito in forma di pellet. Ricordati sempre di aggiungere guanti speciali resistenti al freddo e occhiali per proteggere i tuoi occhi. In questo modo, eviti possibili rischi nella manipolazione. Se vuoi anche scoprire come usarlo correttamente, a seconda delle sue applicazioni, alcuni fornitori hanno dei manuali scaricabili.

Fatto in casa o comprato?

Ed ecco la domanda: è consigliabile prepararlo in casa o comprarlo? Certamente, non è un prodotto al livello di costo del ghiaccio normale. Ma tieni presente che, per ottenerlo, devi maneggiare delle bombole di anidride carbonica.

Creare ghiaccio secco per uso professionale implica l’acquisto di un generatore e avere le giuste strutture (3). Anche se le macchine sono costose, se le usi continuamente, avrai un ritorno sul tuo investimento. Per trasformarla in neve carbonica, è necessario uno stampo di pressatura o una precamera.

E poi dargli la forma giusta, con una pellettizzatrice. Naturalmente, la nostra raccomandazione è che tu lo compri da fabbriche verificate. Se invece ne hai bisogno regolarmente in grandi quantità e velocemente, allora è consigliabile avere una produzione propria.

Spazio per lo smaltimento

Infine, quando acquisti ghiaccio secco dovresti considerare se hai un posto dove smaltirlo se non lo usi più o non hai bisogno di quello che hai. È essenziale considerare come trattarlo, dato che ha uno svantaggio. Non si scioglie. Dovrebbe essere smaltito per evaporazione in un luogo ben ventilato, dove la CO₂ in eccesso non causa alcun danno.

Non dovrebbe mai essere smaltito in lavandini, gabinetti, scarichi o bagni perché danneggia i tubi e i materiali attraverso cui passa. Non è nemmeno consigliabile lasciarlo in contenitori o in aree di accesso pubblico.

Pertanto, è meglio aprire il contenitore in cui si trova e lasciarlo a temperatura ambiente in una zona ben ventilata. Lo vedrai cambiare da uno stato solido ad uno gassoso. Ci vorranno 1-3 giorni per farlo evaporare.

Riassunto

Probabilmente hai visto incredibili presentazioni o spettacoli con una nebbia soffice o piatti gourmet che sembrano venire dallo spazio. È l’anidride carbonica in forma solida. Congelato ad una temperatura di -78,5 °C.

Con una moltitudine di applicazioni, questo prodotto ha una caratteristica principale. Si scioglie senza lasciare umidità. Ecco perché è conosciuto come ghiaccio secco. Speriamo di averti aiutato con le informazioni di questa guida. Se è così, non dimenticare di lasciare un commento o di condividerlo con i tuoi amici attraverso i tuoi social network!

(Fonte dell’immagine: Godja: 44069369/ 123rf)

Riferimenti (3)

1. Ceron Gómez PM. Proyecto de expansión en la producción y comercialización de helados elaborados con hielo seco en la ciudad de Quito [Internet]. Universidad politécnica Salesiana. 2012 [2021].
Fonte

2. Fernández Diego Consuelo. Quemadura por congelación con hielo seco. Caso clínico. [Internet]. Nuberos científica. 2018 [2021]
Fonte

3. Martínez Gómez J. Diseño de una unidad de producción de hielo seco [Internet]. Universidad politécnica de Valencia. 2020 [2021]
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Articolo scientifico
Ceron Gómez PM. Proyecto de expansión en la producción y comercialización de helados elaborados con hielo seco en la ciudad de Quito [Internet]. Universidad politécnica Salesiana. 2012 [2021].
Vai alla fonte
Rapporto e serie di casi
Fernández Diego Consuelo. Quemadura por congelación con hielo seco. Caso clínico. [Internet]. Nuberos científica. 2018 [2021]
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Martínez Gómez J. Diseño de una unidad de producción de hielo seco [Internet]. Universidad politécnica de Valencia. 2020 [2021]
Vai alla fonte
Recensioni