Un giradischi vintage

Benvenuto nel nostro articolo dedicato al giradischi vintage. Ti è mai capitato, per caso, di riscoprire la vecchia collezione di Vinili di tuo padre e trovare alcuni tra i grandi album che hanno fatto la storia della musica, dal mitico Bob Dylan ai Queen. Se ripensando a queste epoche passate, prive di etichette e piene di libertà, ti viene voglia di passare all’analogico, il giradischi vintage è quello che fa per te.

Rispetto a tutti i dispositivi di riproduzione audio sul mercato, questo prodotto ti conquisterà. Non vuoi mettere da parte i  tuoi CD, ma allo stesso tempo ti passa per la testa di comprare uno dei  migliori giradischi vintage? Non sai da dove iniziare e come? Qui puoi trovare svariate informazioni che ti aiuteranno a trovare il prodotto più giusto per te.

 Le cose più importanti in breve

  • Non tutti i giradischi vintage sono uguali. Esistono alcuni sistemi compatti che presentano  più opzioni (riproducono vinili, CD, cassette e file audio digitali), sistemi da libreria (incentrati più sul vinile) o portatili. Prima di passare all’acquisto informati sulle caratteristiche importanti dei giradischi vintage
  • Essendo dei prodotti semplici ed economici, i giradischi vintage sono un ottimo acquisto se hai da poco a che fare con i prodotti digitali o se vuoi fare un regalo a tuo padre o a tuo nonno per fargli rivivere ricordi passati.
  • Tra i criteri di acquisto, che ti spiegheremo dettagliatamente nella sezione finale, spiccano la connessione RCA e la digitalizzazione USB. La prima ti permette di integrare altri dispositivi altoparlanti o casse per migliorare la qualità del suono, la seconda ti offre la possibilità di trasformare in formato digitale la tua raccolta di dischi o brani preferiti.

I migliori giradischi vintage sul mercato: la nostra selezione

Prima di passare all’ascolto di grandi dischi come Songs of Leonard Cohen, Masters of puppets, che nel formato LP hanno un sound originale e unico, devi comprare uno dei migliori giradischi vintage. Questo è un’ottimo dispositivo per avvicinarti al mondo della musica, essendo generalmente economico ed esteticamente più versatile. I nostri giradischi vintage preferiti li trovi qui:

Il giradischi vintage più completo

Bellissimo esemplare di giradischi vintage è questo prodotto proposto da Auna. Si chiama “Belle Epoque 1908” che unisce la caratteristiche tradizionali insieme alle moderne. Con esso puoi infatti leggere i vinili, ma anche ascoltare la radio, gli MP3, i CD e le cassette, il tutto con due altoparlanti stereo. Misura 50 cm in larghezza, 22 in altezza x 33 di profondità, e pesa 8 kg. Disponibile anche in altri colori, è uno dei giradischi vintage più venduti. Le recensioni lo giudicano molto bello da vedere, completo e funzionale, anche se qualcuno critica un po’ la qualità dell’audio.

Il giradischi vintage con il design più semplice

Rispetto al modello precedente, questo giradischi vintage ha una linea molto semplice, a valigia, con cui è possibile ascoltare dischi in vinile da 7,10 e 12 pollici a tre diverse velocità (33/45/78 Rpm). Funziona anche come altoparlante bluetooth e può riprodurre audio anche tramite USB o SD. Ha due altoparlanti integrati posizionati frontalmente che hanno una potenza di 6W, ma si possono anche connettere casse esterne o cuffie. Le recensioni lo definiscono molto bello, funziona perfettamente e il suono esce pulito e piacevole da ascoltare.

Il miglior giradischi vintage con stend 4 gambe

Con un design che ricorda un po’ un mobile degli anni ’50, questo giradischi – sempre proposto da Auna, chiamato ‘Sarah Ann’ – è la soluzione ideale se non hai un posto dove posarlo in casa. Le gambe possono essere rimosse, quindi è versatile e facilmente trasportabile pur avendo una struttura più complessa dei prodotti precedenti. Ha gli altoparlanti integrati e la possibilità di essere connesso anche a casse/cuffie esterne, legge vinili (33/45/78 giri) e riproduce anche file audio connettendosi con il Bluetooth. L’estetica è il principale punto di forza esaltato da chi ha acquistato questo prodotto, che funziona bene anche se la qualità audio non è eccezionale.

Il giradischi vintage più venduto

Anche questo giradischi proprosto da Musitrend con design a valigetta risulta essere uno dei più venduti e meglio recensiti. Ha 3 velocità di riproduzione dei vinili (33, 45 o 78 giri), ma può riprodurre file audio tramite software, o collegandolo a un lettore CD. Ha due altoparlanti stereo e viene fornito di un tappetino antiscivolo in feltro e una copertura antipolvere. Secondo gli acquirenti è, come i precedenti, bello da vedere, ma anche l’audio sembra soddisfare la maggior parte di loro.

Guida all’acquisto: tutto quello che devi sapere sui giradischi vintage

Anche se i giradischi vintage sono dei dispositivi progettati per essere usati da tutti, ci sono molte cose che dovresti sapere al riguardo. Per fare i primi passi verso questo pianeta sonoro, ti daremo qui sotto alcune informazioni che potranno risolverti eventuali dubbi.

Uomo che usa un giradischi

I giradischi vintage a buon mercato sono una valida scelta per iniziare a cimentarti nel mondo della musica analogica. (Fonte: Rawpixel: 103994759/ 123rf.com)

Quanti tipi di giradischi vintage esistono su mercato?

Negli ultimi anni i giradischi sono tornati a suonare. Prendendo spunto dai giradischi retrò utilizzati in passato dagli amanti della musica, sono stati riproposti sul mercato nuove versioni di giradischi vintage, che pur rifacendosi esteticamente ai loro antenati, presentano una tecnologia tutta moderna al loro interno. Esistono tre tipi di categorie in cui puoi dividere i giradischi.

Giradischi vintage da libreria

Il giradischi vintage da libreria è progettato esclusivamente per riprodurti vinili da 33, 45 e a volte da 78 giri (rpm). Solitamente hanno un design minimal: base in legno e metallo, o in plastica, con dei cuscinetti integrati, che lo ammortizzano. I modelli base presentano delle casse incorporate, ma tramite l’entrata RCA puoi collegare degli altoparlanti per migliorare la prestazione e la qualità del suono.

Esistono opzioni interessanti di gamma medio-alta come il Rega Planar 3: si tratta di un giradischi da tavolo che presenta come caratteristiche strutturali un contrappeso di acciaio zincato, con piastra in vetro resina e la base in lamina acrilica. La fascia di prezzi di questi giradischi vintage va dagli 800 € ai 1000 €.

Giradischi vintage compatto

Se vuoi regalare un giradischi vintage, la versione compatta è una tra le migliori scelte. Ideale per persone di età media, che sono alla ricerca di un dispositivo per poter ascoltare i propri vinile, cassette, CD. è un’ottimo impianto se non hai bisogno di uno di alta gamma, se non sei ossessionato dalla qualità del suono e lo usi sole poche volte durante il giorno.

D’altra parte, i giradischi vintage compatti sono un’ottima scelta per tutti gli amanti della musica, principianti in questo campo. Non ti consigliamo di acquistare subito un giradischi costoso. Questo potrebbe rivelarsi un errore poiché non sapresti sfruttare al massimo le potenzialità del dispositivo, oppure potresti finire per metterlo da parte senza più utilizzarlo.

Giradischi per vinili da 45 giri

I giradischi vintage portatili fanno al tuo caso se sei sempre in movimento, o viaggi con frequenza e vuoi portare con te la tua selezione di dischi. (Fonte: Rawpixel: 82939682/ 123rf.com)

Giradischi vintage portatili

Per i giradischi vintage portatili, o anche fonovaligie, girano voci contrastanti. Alcuni dei modelli che vedi in commercio, tra i più economici, sono degli articoli di scarsa qualità, sia per il suono che per la cura dei vinili. Altri modelli risultano essere più accettabili, anche se sembrano essere opzioni per casi specifici.

Infatti, i giradischi vintage portatili fanno al tuo caso se sei sempre in movimento, o viaggi con frequenza e vuoi portare con te la tua selezione di dischi (per esempio, quando vai in vacanza per un po di giorni con i tuoi amici, o trascorri del tempo in una casa in campagna). Tuttavia, come detto prima, non eccelle per la qualità del suono e la buona cura dei vinili, ma non è male per un appassionato di musica.

Quali sono i vantaggi di ascoltare la musica da un giradischi vintage?

Se sei innamorato del suono analogico potrai rimanere male con alcuni dispositivi che puoi trovare sul marcato. Se invece ami più l’aspetto estetico e ascolti solo ogni tanto i tuoi dischi preferiti, avrai molte possibili a prezzi convenienti. Ecco un breve riassunto dei pro e contro dei giradischi vintage.

Vantaggi
  • Sono economici
  • Possibilità di disporre di un lettore CD, di cassette e file audio digitali in un solo prodotto
  • Marche come Lauson o Numark hanno un straordinario rapporto qualità prezzo.
  • Ti permettono di convertire i dischi in Vinile in File MP3 o WAV
  • Alcuni ti offrono la possibilità di cambiare la puntina e la testina con modelli migliori
  • La maggior parte incorpora la connessione RCA per il collegamento di altoparlanti addizionali
  • Molti presentano il segnale Bluetooth, ideale per ascoltare la musica sul tuo smartphone o Pc
  • Il design è elevato
  • Le versioni portatili ti permettono di averlo con te dove desideri
Svantaggi
  • Non sono le migliori opzioni per qualità audio
  • Quelli di bassa qualità possono danneggiare i tuoi dischi in vinile
  • In alcuni dispositivi non puoi sempre adattare qualunque altoparlante

Cosa fare per ottimizzare al massimo il giradischi vintage?

I giradischi vintage a buon mercato sono una valida scelta per iniziare a cimentarti nel mondo della musica analogica: potrai sperimentare dei viaggi nella storia musica attraverso le copertine e gli album, passando dal pop, con Sgt. Pepper’s lonely hearts club band, arrivando al reggae. Cosa devi sapere prima di comprare un giradischi vintage top gamma?

  • La testina insieme alla puntina, determinano in gran parte la qualità del suono. Puoi avere delle casse o altoparlanti eccezionali, ma senza una buona puntina, non ti serviranno a molto. Anche se il giradischi vintage hanno un grado di compatibilità inferiore rispetto ad altre opzioni, non avrai problemi a reperire la puntina e la testina nuove, per poterli sostituire alle versioni standard installate nel tuo dispositivo.
  • Nel caso in cui il tuo giradischi vintage abbia la connessione RCA, potrai connettere delle casse o altoparlanti a tuo piacimento. Anche se i giradischi di serie ed economici presentano dei difetti, con qualche accorgimento riuscirai ad ottenere un suono onirico.
  • Oltre ad un robusto e stabile mobile dove sistemare il tuo giradischi per evitare vibrazioni e movimenti, hai bisogno di detergenti e strumenti per la pulizia dei vinili e di un luogo adatto dove poterli riporre. In questo articolo puoi trovare tutti i tipi di interventi per restaurare i tuoi vecchi dischi, così come poter conservare i nuovi in modo che rimangano intatti.

Se il giradischi vintage che compri non ha l’amplificazione interna, ricordati che, non puoi collegare qualunque tipo di altoparlante. In questo caso, dovrai comprate un altoparlante attivo, cioè con amplificazione integrata, o un amplificatore e separatamente delle casse compatibili con esso, solitamente sono altoparlanti passivi, senza alcuna amplificazione integrata.

Giradischi visto dall'alto

Il giradischi vintage da libreria è progettato esclusivamente per riprodurti vinili da 33, 45 e a volte da 78 giri (rpm). Solitamente hanno un design minimal: base in legno e metallo, o in plastica, con dei cuscinetti alla base, che lo ammortizzano.(Fonte: Chitsanupong: 37664995/ 123rf.com)

Criterio di acquisto

Ti sarà sicuramente capitato di camminare per le vie di diverse città del mondo e scorgere un piccolo negozio di vinili dove potevi acquistare uno dei grandi classici della musica come l’album “IV” dei Led Zeppelin, o “Il mio canto libero” di Lucio Battisti, ma non avevi modo di riprodurli. Ora grazie ai consigli che ti proponiamo potrai arrivare a scegliere il giradischi vintage che fa più per te:

Materiali e meccanica

Nel comprarti uno dei migliori giradischi vintage in commercio, a buon mercato o no, devi considerare il materiale con cui è fatto. Solitamente si utilizza la plastica. Assicurati che sia di buona qualità. Cerca materiali robusti con una struttura interna solida, in modo tale da avere una più lunga vita utile. Le finiture in legno, oltre a rinforzare la struttura, rendono il giradischi vintage un oggetto di design.

In quanto alla meccanica, il giradischi vintage che cerchi può riprodurre i vinili con due o tre velocità. È anche vero che ad oggi è difficile trovare dischi da 78 giri (rpm). Un’altra caratteristica che puoi scegliere nel tuo giradischi vintage è la trazione, che può essere diretta o con cinghia. In quest’ultima devi sostituire la cinghia ogni qualvolta di deteriora.

Modelli e connessioni

Possiamo stabilire tre tipologie di giradischi vintage: da libreria, compatto e portatile. Gli ultimi sono quelli che presentano una bassa qualità audio, ma in compenso ti danno la possibilità di portarli dove vuoi. I giradischi vintage compatti offrono una qualità audio media, ma riproducono CD, cassette e musica digitale. Quelli da libreria sono più sofisticati, ma presentano meno optional.

Dopo di che, se tra le vene ti scorre la passione per la musica, cerca di acquistare una versione che abbia integrata la connessione o entrata RCA. Effettuando tramite un cavo questo collegamento, potrai aggiungere delle casse per migliorare la qualità del suono. Metti in conto che le opzioni di serie che ricevi in dotazione con queste tipologie di giradischi non sempre sono potenti (watt) e non offrono una grande qualità di suono.

Puntina e testina

Solitamente la puntina e la testina di serie dei giradischi vintage non è di ottima qualità. Se per te il suono è un fattore principiale, dovresti cambiarle con modelli più tecnici per migliorarlo. Se questo è il tuo caso, assicurati che il dispositivo presenti le opzioni Audio-Tecnica o Ortofon

Taylor SwiftCantante e attrice

“.Le persone non sempre sono state qui per me. La musica sì”.

Digitalizzazione USB e conversione multimediale

Se ti piacciono i dischi in vinile non vuol dire che rifiuti le nuove tecnologie o la musica in streaming. È per questo che può essere una buona idea acquistare un giradischi vintage che ti permette di trasformare in formato digitale la tua collezione di vinili, di CD o audiocassette. In questo caso i giradischi vintage compatti possono essere un’ottima soluzione per te e con un prezzo più basso di quello che pensi.

foco

Lo sapevi che i vinili da 78 giri sono apparsi insieme al primo grammofono nel 1888 e sono stati tolti dal mercato nel 1965?

Design

Per ultimo, ma non per importanza, ti parliamo del design. I giradischi vintage sono considerati anche degli elementi che contribuiscono all’arredo degli interni, con i loro colori retrò e con la loro struttura che ricordano i primi giradischi. In relazione all’arredamento di casa e a dove vuoi posizionare il prodotto che sceglierai, esistono alcuni modelli che si adattano meglio rispetto ad altri.

Conclusioni

In questa era di sviluppo digitale e di internet, sono molte le persone rimaste appassionate dell’analogico e ne esistono altre che ci si approcciano per la prima volta. Qualunque sia il tuo caso, sappi che i dischi in vinile, inclusi i CD, rispetto allo streaming, possono offrire un’ottima qualità audio, in quanto si presentano in un formato che non penalizza la qualità della musica.

Se stai facendo i primi passi verso l’analogico, non c’e niente di meglio che iniziare con i giradischi vintage. Questo ti permetterà di rispolverare la vecchia collezione di vinili di tuo padre e iniziare a custodire vinili rari. Ma, per comprare il giradischi vintage più adeguato a te ti consigliamo di seguire i criteri proposti nella sezione apposita. Solo così sarai sicuro di non sbagliare!

Speriamo di averti aiutato con la nostra guida sui giradischi vintage. Se hai dubbi od ulteriori curiosità lasciaci un commento qui sotto e noi ti risponderemo il prima possibile. A presto!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Jaceknowak: 111007010/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di noi?

Tommaso Randazzo Redattore e traduttore
Sono uno stagista specializzato nel settore ingegneristico, ma oltre ad occuparmi di testi tecnici, trovo interessante spaziare in differenti settori, tra cui anche lo sport e la musica.
Come redattore e traduttore di contenuti, per me la scrittura è un'opera orafa che dovrebbe servire a decorare e completare la vita del lettore. Per quanto riguarda la mia vita personale, non concepisco il mondo senza dischi in vinile, la poesia di Jaime Gil de Biedma, i miei due gatti (Molly e Cohen) e il clutch time della NBA.