Ultimo aggiornamento: 05/10/2021

Il nostro metodo

7Prodotti analizzati

21Ore di lavoro

6Fonti e riferimenti usati

30Commenti valutati

Se sei arrivato fin qui è perché stai cercando di comprare un nuovo lavabo. Nel mezzo di una ristrutturazione a volte possiamo prendere decisioni rapide che poi si rivelano essere una cattiva soluzione.

Questo perché non sai cosa cercare quando scegli il prodotto in questione e finisci per pentirtene. In questo articolo ti parliamo dei diversi tipi che esistono, dei materiali di cui sono fatti, ti spieghiamo come installarne uno da solo e come pulirlo per mantenerlo come nuovo. Cosa aspetti ad iniziare a leggere?




Sommario

  • Sul mercato possiamo trovare lavabi a parete, da appoggio, da banco, sottopiano o a colonna. Scegli quello che meglio si adatta alle tue esigenze.
  • Pulire e disinfettare il lavabo è un compito settimanale, per evitare che lo sporco si accumuli. Dovresti utilizzare prodotti specifici e tener conto del materiale di cui è fatto.
  • La dimensione e la forma del tuo lavabo dipenderà dallo spazio che hai a disposizione nel bagno. Dipenderà anche dallo stile che ti piace di più.

Lavandino: la nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Per iniziare volevamo darti alcune delle nostre opzioni preferite e le migliori valutate dai clienti. Speriamo che questo ti dia un’idea generale di ciò che è disponibile sul mercato, ma più avanti ti diremo quali fattori prendere in considerazione al momento dell’acquisto.

Guida all’acquisto: cosa devi sapere sui lavabi

Se stai per comprare un lavabo per la prima volta, o stai pensando di cambiare quello che hai già, probabilmente hai qualche dubbio. Al giorno d’oggi c’è una vasta gamma di opzioni sul mercato. Tuttavia, quando si tratta di scegliere, è importante conoscere la varietà disponibile per scegliere quello che meglio si adatta al nostro spazio.

Sul mercato possiamo trovare dai lavandini per bagni grandi a quelli più piccoli.
(Fonte: Shanibell: RfLaM_sX9Og/ unsplash)

Quali tipi di lavandini esistono?

Tipo di lavabo Foto Caratteristiche
Lavabi a parete     Conosciuti anche come lavabi sospesi. Come suggerisce il loro nome, sono ancorati al muro e sospesi. Sono perfetti per piccoli spazi o spazi che non hanno bisogno di un armadio per lo stoccaggio, come i bagni di cortesia o nei negozi.
Lavabi da appoggio Questo tipo di lavandino è installato direttamente su un piano di lavoro o su un mobile da bagno. Prendono maggior rilievo perché sono così esposti alla vista.
Lavabi da appoggio I lavabi da appoggio possono essere parzialmente o completamente integrati nei mobili del bagno. La loro superficie può essere usata come un piano d’appoggio per conservare i prodotti che si usano normalmente.
Lavabi sottopiano Questo tipo di lavabo è completamente integrato sotto la superficie del mobile o del piano di lavoro, lasciando visibile solo il suo interno.
Lavabi su piedistallo   I lavabi a colonna sono sostenuti da un piede che copre anche i tubi dell’acqua e dello scarico. Sono una buona opzione per i piccoli spazi o se non abbiamo bisogno di un mobile per conservare le cose.

Come suggerisce il loro nome, sono ancorati al muro e sospesi. Sono perfetti per Anche se possiamo sempre assumere un idraulico professionista, ecco i passi da seguire nel caso tu voglia farlo da solo

  1. La prima cosa da fare è posizionare il lavabo per segnare i punti in cui verrà fissato al muro. Se va su un piano di lavoro o su un mobile, dobbiamo anche assicurarci che si adatti perfettamente. Ti consigliamo di avere una livella per assicurarti che sia dritto.
  2. Ora è il momento di fare i fori. Per fare questo abbiamo bisogno di un trapano del diametro corrispondente e inserire i tasselli ad espansione in metallo con l’aiuto di un martello. Come ultimo passo di questo primo processo, posizioniamo il lavabo con l’aiuto di un’altra persona e stringiamo le viti.
  3. Il passo successivo è quello di installare i rubinetti. Dovremo solo posizionare il rubinetto nella parte superiore, introducendo i tubi dell’acqua e con la guarnizione di gomma tra il lavabo. Nella parte inferiore, avrà anche una guarnizione in gomma e un pezzo di fissaggio che dovremo avvitare per fissare il rubinetto in posizione.
  4. Ora dovremo collegare lo scarico con il sifone che eviterà i cattivi odori, dovremo semplicemente avvitare i pezzi insieme e incollare quest’ultimo a un tubo in PVC. Usa abbastanza colla adatta a questo materiale per evitare perdite. Questo tubo è quello che va all’installazione dello scarico nel muro.
  5. Una volta finito, colleghiamo l’ingresso dell’acqua calda e fredda ai tubi corrispondenti.
  6. Infine, sigilliamo i giunti tra il lavabo e il muro con del silicone per evitare perdite d’acqua o l’accumulo di sporco.

Di cosa ho bisogno per installare un lavandino?

Ecco di cosa potresti aver bisogno per installare il tuo nuovo lavandino: Materiali Strumenti Lavello Trapano Rubinetti Trapano per cemento Per mantenere una corretta igiene, è consigliabile pulire e disinfettare il lavandino una volta alla settimana.

Materiali Strumenti
Lavabo Trapano
Rubinetti Punte per calcestruzzo
Viti e tasselli Matita
Tubo in PVC Martello
Due tubi per l’ingresso dell’acqua Cacciavite
Silicone speciale per bagni e pistola per applicarlo Chiave inglese
Piano di lavoro o mobile se montato Livella
Kit di fissaggio per lavabi Seghetto alternativo o sega radiale (se dovete tagliare le parti in eccesso del piano di lavoro)

Questo impedirà l’accumulo di sporco, batteri o funghi e i temuti odori sgradevoli. Di seguito ti spieghiamo il modo più efficace per igienizzarlo. Ci sono molti articoli sul mercato per pulire i lavandini e i bagni in generale, tenendo presente che la maggior parte dei sanitari sono fatti di porcellana.

I prodotti più comunemente usati sono la candeggina e l’ammoniaca, in quanto sono disinfettanti, anche se dovrebbero essere usati diluiti in acqua

  • La prima cosa da fare è rimuovere tutti i detriti che possono essere sul lavandino.
  • Strofina la superficie con una spugna e il detergente scelto.
  • Risciacqua il lavandino con acqua per rimuovere qualsiasi residuo.

Non possiamo dimenticare di pulire i rubinetti. Possiamo usare una piccola scopa per raggiungere tutte le aree, facendo attenzione a non usare spugne che potrebbero graffiare il materiale.

Useremo prodotti adatti in base alla finitura dei nostri rubinetti per ottenere i migliori risultati ed evitare di danneggiarli. Per una finitura perfetta dovremo asciugare i pezzi dopo averli risciacquati con un panno asciutto e pulito.

Scegli prodotti adatti al materiale del tuo lavandino per garantire la sua pulizia. (Fonte: Sanibell: mFQo2uJNf2c/ unsplash)

Posso installare un lavandino all’esterno?

La risposta rapida è sì, puoi installare un lavandino all’esterno. Forse hai un bagno che si apre su un patio o una zona lavanderia aperta dove vuoi mettere un lavandino per facilitare il lavaggio di una macchia difficile. Se questo è il caso, puoi installare un lavandino in porcellana o anche in altri materiali come la pietra o il marmo.

La maggior parte di essi sono progettati per essere collocati su un piano di lavoro, ma li troverai anche in versioni montate a muro. Infine, tieni presente che dovrai pulirli più spesso, dato che la sovraesposizione allo spazio aperto e alle intemperie può danneggiare il lavandino più presto.

Criteri di acquisto

Se stai cercando il lavabo perfetto, vorrai certamente esaminare tutte le opzioni e sapere cosa cercare per scegliere l’alternativa che meglio si adatta al tuo bagno e, ovviamente, che ti piace. In quest’ultima sezione ti diremo quali sono i principali fattori da considerare per aiutarti a decidere.

Misure e bisogni

La prima cosa da prendere in considerazione sono le dimensioni che hai e quali sono i tuoi bisogni. Possiamo iniziare misurando lo spazio dove andrà il lavabo, se abbiamo un bagno piccolo o, al contrario, uno grande.

Non vogliamo che occupi più spazio del necessario. Per fortuna ci sono molte misure, più grandi, più piccole o anche con doppio lavandino. Poi dobbiamo decidere se lo vogliamo con un mobile che serva da deposito e per avere i soliti prodotti a portata di mano o non ne abbiamo bisogno perché abbiamo già un posto dove riporli.

Alcune persone preferiscono posizionarlo su un piano di lavoro e creare una sorta di scaffali con mensole sotto per riporre asciugamani o cestini. O semplicemente metti il lavabo sospeso, che indubbiamente occupa meno spazio. Scegliere un’opzione o l’altra dipenderà dalle tue esigenze.

Oggigiorno possiamo trovare lavabi in diversi stili. (Fonte: Sanibell: 530lZQXMKGw/ unsplash)

Materiali

In termini di materiali, c’è anche varietà sul mercato. Tutte sono adatte ai bagni e possono sopportare l’umidità e lo scatto di cui hanno bisogno. Tuttavia, ognuno può richiedere diversi metodi di pulizia per assicurare un’adeguata disinfezione e una manutenzione ottimale.

Materiale Caratteristiche
Ceramica Comunemente chiamato terracotta, sono i più comuni per lavandini e servizi igienici. Lo strato esterno è smaltato che lo rende impermeabile e resistente. È un materiale poco costoso ed è ampiamente utilizzato. Anche se di solito sono bianchi, lo smalto può essere tinto con pigmenti di altri colori.
Vetro Anche se non sono i più comuni, possono essere davvero belli da vedere. Tuttavia, sono più delicati, anche se di solito hanno diversi strati. Un altro svantaggio è che lo sporco si segna al minimo tocco.
Acciaio inossidabile Fatto di acciaio inossidabile di alta qualità per prevenire la corrosione da acqua e umidità. Non troppo comune, perché ha un costo più elevato. Le macchie d’acqua sono più evidenti, quindi bisogna anche pulirle più frequentemente per tenerle fuori dalla vista.
Pietra e marmo sono fatti intagliando il pezzo grezzo e lucidandolo per ottenere una buona finitura. Hanno un costo più elevato e sono spesso realizzati su misura per l’utente in negozi specializzati. Bisogna anche tener conto del loro peso, non sono affatto leggeri.
Terrazzo Questa è un’alternativa più economica e leggera alla pietra. È composto da leganti e pietra frantumata, il che permette di personalizzarlo con diverse forme, dimensioni, pigmenti e disegni. È usato principalmente per i lavabi all’aperto.
Cemento Sono un’opzione economica e moderna, ma sono abbastanza pesanti. Il cemento ci permette di modellare il nostro lavabo secondo il gusto di ogni persona e sono impermeabili una volta lucidati.
Quarzo compatto, corian e materiali sintetici Queste sono resine che ci permettono di creare qualsiasi disegno e di pigmentarlo a nostro piacimento. Sono utilizzati non solo in bagni e cucine, ma per qualsiasi stanza della casa. Con questo tipo di materiale, il lavabo è di solito integrato con il piano di lavoro, creando un mobile in un unico pezzo, eliminando qualsiasi giunto.

Comunemente chiamata terracotta, è la più comune per lavandini e bagni. Lo strato esterno è smaltato che lo rende impermeabile e resistente. È un materiale economico e il suo uso è diffuso.

Anche se sono solitamente bianchi, lo smalto può essere tinto con pigmenti di altri colori Non c’è nessuna limitazione in termini di design, dato che la varietà di materiali che abbiamo appena visto ci permette di usarli come vogliamo.

Naturalmente, se ne compri uno standard, le forme più comuni sono rotonde, quadrate o rettangolari, anche se dipenderà anche dalla varietà di ogni negozio. Scegliere una forma o l’altra dipenderà principalmente dal tuo gusto e dallo spazio che hai.

Ma qualcosa che a volte dimentichiamo è la comodità, non tutte le forme sono ugualmente comode quando si compiono azioni basilari come lavarsi la faccia o i denti senza riempire tutto d’acqua.

I lavabi di forma quadrata e rettangolare tendono ad avere più spazio, ma sono meno profondi. D’altra parte, i lavabi rotondi o ovali sono più piccoli ma più profondi e incassati.

Style

Il gusto nella decorazione è un altro criterio da prendere in considerazione e sta diventando sempre più importante in casa. Quindi anche lo stile del lavabo dovrebbe essere considerato in modo che si integri bene con il resto del design interno della casa, o almeno con quello che hai deciso per il bagno.

Potrebbe piacerti il design moderno o minimalista, quindi sceglierai linee pulite e dritte, magari con un piano d’appoggio in cemento o sintetico. Se invece preferisci uno stile classico, i lavabi in ceramica con forme curve e un mobile in legno ti piaceranno.

Se anche a te piace sentire la natura in casa tua, sicuramente amerai i lavabi in pietra.

Resume

Abbiamo già visto i tipi di lavabi che esistono, come installarli facilmente, i materiali di cui sono fatti e tutte le opzioni di personalizzazione che ci sono per averne uno a nostro piacimento. Dato che sappiamo già l’importanza di conoscere lo spazio e le necessità che abbiamo, così come lo stile che vogliamo seguire, sicuramente è un po’ più facile scegliere.

Se pensavi che comprare e installare un lavabo fosse un compito più difficile, con questa guida speriamo di aver risolto tutti i tuoi dubbi e di averti aiutato a scegliere il miglior lavabo che durerà per molti anni. Dicci nei commenti quale hai scelto! Non vediamo l’ora di conoscere la tua scelta.

(Fonte dell’immagine: Gudakov: cEZNJ-wk1VY/ unsplash)

Recensioni