Lavasciuga in una lavanderia

La lavasciuga è una grande soluzione per le case in cui non c’è sufficiente spazio per due elettrodomestici separati. Probabilmente anche tu stai optando per questa possibilità perché nella tua cucina o lavanderia non hai molto posto. E comunque bisogna ammettere che è un gran vantaggio e una comodità avere un unico apparecchio che realizza due funzioni.

Esistono moltissimi modelli di lavasciuga, che si differenziano in base a varie caratteristiche, quali ad esempio la loro efficienza energetica, il livello di rumore emesso durante i cicli di lavaggio e asciugatura o la massima capienza del cestello. Sono ormai lontani quei tempi in cui acquistare uno di questi elettrodomestici era proibitivo per molte famiglie. In questa guida noi ti aiuteremo a trovare la migliore lavasciuga per le tue esigenze e secondo le tue possibilità.



Le cose più importanti in breve

  • Le lavasciuga rappresentano un’opzione molto interessante sia per abitazioni piccole, sia per chi non ha il tempo di aspettare che il bucato si asciughi. Ce ne sono di tre tipi: ad evacuazione, a condensazione e a pompa di calore. Quest’ultime sono le più efficienti a livello energetico. Possono essere anche divise a seconda del modo in cui il cestello va caricato: frontalmente o dall’alto.
  • Il consumo di una lavasciuga dipende dal suo sistema di asciugatura, oltre che dal suo livello di efficienza energetica. Gli apparecchi di classe A+++ possono consumare fino al 50 % in meno di una lavasciuga di classe A. Come tutti i grandi elettrodomestici, anche questi hanno bisogno di alcune specifiche operazioni di manutenzione e pulizia periodica.
  • Poiché stiamo parlando di due elettrodomestici in uno, dobbiamo essere molto cauti nel pianificarne l’acquisto. Bisogna dunque considerare alcune variabili, quali ad esempio il budget a disposizione, la capacità di carico, la velocità della centrifuga, il consumo energetico dell’apparecchio e le sue funzioni extra.

Le migliori lavasciuga sul mercato: la nostra selezione

Comprare un nuovo elettrodomestico non è un compito da prendere alla leggera, soprattutto se si tratta di un prodotto cosiddetto “bianco” (frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie ecc.). Perché? Per il semplice fatto che ci sono moltissimi e diversi aspetti da tenere in considerazione prima di scegliere. Con la selezione che ti proponiamo, speriamo di facilitarti il lavoro, aiutandoti a trovare la lavasciuga perfetta per le tue esigenze.

La lavasciuga con il miglior rapporto qualità-prezzo

La lavasciuga Indesit XWDE 861280X WKKK IT è a libera installazione e a carica frontale. La capacità di lavaggio è di 8 kg mentre per l’asciugatura è 6 kg. Le dimensioni sono 60 cm di larghezza, 54 cm di profondità e 85 cm di altezza. Ha vari programmi tra cui quello speciale per i jeans, per i capi sportivi, il programma breve e, l’asciugatura è programmabile con una durata da 30 a 180 minuti.

Il prezzo viene considerato molto buono dalle recensioni. Qualcuno la definisce “una meravigliosa macchina” e in generale un prodotto ottimo, anche se le istruzioni sembrano essere poco chiare.

La migliore lavasciuga Candy

Candy ha molti elettrodomestici di ottima qualità e tra i tanti, questa è una delle migliori lavasciuga ed è il motivo per cui l’abbiamo inclusa nella nostra selezione. Ha una capacità di lavaggio di 8 kg e quella di asciugatura di 5 kg. La centrifuga arriva a 1400 giri/min e le dimensioni sono 85 cm di altezza, 60 cm di larghezza e 58 cm di profondità.

Le recensioni, anche se non moltissime, sono al momento tutte positive. È bella, funzionale, è conveniente e anche a distanza di tempo è come nuova.

La lavasciuga con la maggiore capacità di carico

La Hoover WDXOA 6106AH-01 è una lavasciuga che ha una capacità di carico di 10 kg e 6 kg per l’asciugatura, mentre la centrifuga arriva a 1600 rpm. Le dimensioni sono 60 cm di larghezza, 85 cm di altezza e 54 cm di profondità. Tra i tanti programmi ha il trattamento a vapore ed ha una certificazione Woolmark.

Si capisce dai commenti e dalle risposte su Amazon, che gli acquirenti sono soddisfatti dell’acquisto. Ha infatti solo recensioni positive, anche se il prezzo non è dei più economici.

La lavasciuga più silenziosa e hi-tech

La lavasciuga Bosch Serie 6 WDU28540IT è, come la precedente, ad alta capacità di carico (10 kg per il lavaggio e 6 kg per l’asciugatura), ma è un modello particolarmente silenzioso. In centrifuga infatti raggiunge un massimo di 71 dB (A) (solitamente arrivano a superare gli 80) mentre durante il lavaggio non supera i 47 dB (A). Le dimensioni sono 85 cm di altezza e 60 cm di larghezza e ha un grande oblò di 51 cm di diametro.

Secondo le recensioni e le risposte date su Amazon, è una lavasciuga che vale quello che costa, asciuga perfettamente e soddisfa le aspettative.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sulle lavasciuga

La lavasciuga è diventata un elettrodomestico essenziale nelle nostre case. Oltre ad unire, in un unico ciclo, le funzioni di lavaggio ed asciugatura, ci permette di risparmiare spazio e denaro, senza dover installare due apparecchi diversi. Di seguito, proveremo a risolvere i dubbi più frequenti del pubblico interessato a queste macchine utili e complete.

Uomo davanti alla lavatrice

Il risparmio di spazio, tempo e denaro sono tra i vantaggi principali della lavasciuga. (Fonte: Popov: 44591963/ 123rf.com)

Perché acquistare una lavasciuga?

Le lavasciuga non sono più quegli apparecchi costosi, rumorosi ed inefficienti di qualche anno fa. Oggi, grazie ai progressi della tecnologia, sono diventate degli elettrodomestici dal prezzo abbordabile, silenziosi e a basso consumo energetico.

  • Risparmio di spazio. Non tutti hanno a disposizione una cucina, o una stanza adibita a lavanderia, di 1,2 metri di larghezza per potervi installare, insieme, una lavatrice ed un’asciugatrice. Sebbene vi sia chi scelga di mettere l’asciugatrice sulla lavatrice, questa soluzione rischia di essere controproducente e di danneggiare le macchine se non è applicata correttamente, senza menzionare il rischio che una delle due cada.
  • Versatilità. Queste apparecchiature permettono di lavare ed asciugare il bucato in un unico ciclo oppure di svolgere entrambe le funzioni autonomamente. Bisogna considerare che il carico massimo per l’asciugatura va dai due ai tre chili in meno rispetto a quello del lavaggio. In tal modo, ci si assicura che i capi siano completamente asciutti a ciclo terminato.
  • Risparmio di tempo. A volte, non possiamo aspettare che il bucato si asciughi sullo stendino, soprattutto se parliamo dei vestiti dei bambini o di una divisa da lavoro. Con una lavasciuga, i nostri abiti saranno puliti ed asciutti in breve tempo. In quanto, esattamente, dipende anche da fattori quali il tipo di tessuto, il carico o l’umidità che rimane sui capi dopo la centrifuga.
  • Risparmio di denaro. A meno che non acquisti una lavasciuga top di gamma, difficilmente la pagherai di più che se comprassi i due elettrodomestici separatamente. E, anche se il suo consumo è maggiore rispetto a quello di una semplice lavatrice, è invece minore se paragonato a quello dei due apparecchi utilizzati autonomamente, soprattutto grazie alla sua certificazione di efficienza energetica A o superiore.

Come funzionano le lavasciuga ad evacuazione?

Le lavasciuga ad evacuazione furono tra le prime ad apparire sul mercato. Aspirano aria dall’ambiente esterno, la riscaldano tramite alcune resistenze e la fanno poi circolare nel cestello durante l’asciugatura. Durante questo processo, l’aria calda assorbe l’umidità dai capi e la evacua attraverso un condotto che soffia aria all’esterno tramite un tubo.

Donna davanti a molti panni sporchi

La maggior parte delle lavasciuga in commercio include una serie di funzioni extra che facilitano e migliorano i processi di lavaggio ed asciugatura. (Fonte: Amikishiyev: 90785702/ 123rf.como)

Come funzionano le lavasciuga a condensazione?

In pratica, funzionano allo stesso modo dei modelli ad evacuazione. La differenza è che l’aria calda carica di umidità assorbita dal bucato non viene emessa all’esterno, ma raffreddata con aria esterna, tramite un dispositivo detto “scambiatore di calore”. Cosi facendo, l’umidità viene condensata in acqua, che finisce in un serbatoio o nello scarico.

Una volta privata dell’umidità grazie allo scambiatore, l’aria circola di nuovo attraverso le resistenze elettriche. Questo sistema risulta più efficace poiché non è necessario riscaldare aria fredda dall’esterno, ma semplicemente mantenere la temperatura di quella già in circolo nel dispositivo, permettendo dunque un notevole risparmio energetico.

Come funzionano le lavasciuga a pompa di calore?

Sebbene siano simili ai modelli a condensazione, queste lavasciuga si servono di una pompa di calore, simile a quella dei condizionatori, per riscaldare e raffreddare l’aria. Benché non riscaldino l’aria allo stesso livello delle resistenze elettriche, sono tre volte più efficienti dei due sistemi precedenti.

Queste lavatrici asciugatrici hanno un ciclo di asciugatura più lungo rispetto agli altri due modelli, questo perché l’aria non viene riscaldata ad altissime temperature. Per lo stesso motivo, sono però l’alternativa migliore per i tessuti delicati. Sono anche meno rumorose, e durano di più grazie ai loro efficienti motori di tipo inverter.

Uomo con camicie stirate e piegate

Oggigiorno non è più necessario spendere molto per acquistare una lavasciuga con ottime prestazioni. (Fonte: dolgachov: 36669691/ 123rf.com)

Quanto consumano le lavasciuga?

Il risparmio energetico è uno degli aspetti più attraenti di questo elettrodomestico tanto versatile. La maggior parte dei modelli rientra nella classe energetica A o superiore, grazie ai loro sistemi di asciugatura e agli efficaci programmi automatici. Di seguito, ti proponiamo una tabella che mette a confronto il consumo di alcuni dei modelli più comuni di lavasciuga in commercio.

Consumo di acqua (lavaggio e asciugatura) Consumo energetico (lavaggio e asciugatura) Consumo di acqua annuale (lavaggio e asciugatura)
Indesit IWDC 71680 ECO (EU) 96 litri 4,8 kWh 18 400 litri
Candy CBWD 8514 D-S 115 litri 5,44 kWh 23 000 litri
Teka SPA TKD 1610 WD 160 litri 6,8 kWh 10 000 litri
Indesit XWDA751680XW 92 litri 4,76 kWh 18 400 litri
AEG L9WE86605 115 litri 6,7 kWh 23 000 litri

Come si fa la manutenzione e pulizia di una lavasciuga

Le lavasciuga, come anche i due elettrodomestici separatamente, hanno bisogno di mantenimento e pulizia periodici. Dopo ogni ciclo di lavaggio e asciugatura, bisogna eliminare, sia dal filtro che dal tamburo, i pelucchi residui. Puoi toglierli con acqua calda o aspirarli con un’aspirapolvere. Se lo farai regolarmente, assicurerai lunga durata al tuo apparecchio.

Se la tua lavasciuga è a condensazione, almeno una volta al mese dovrai pulire il serbatoio in cui viene raccolta l’acqua assorbita dai capi. Assicurati di svolgere quest’operazione sempre dopo che l’asciugatrice si sia raffreddata. Se questo serbatoio è connesso allo scarico, non servirà svuotarlo manualmente dopo ogni utilizzo. I modelli a pompa di calore includono un condensatore autopulente che non ha bisogno di alcuna operazione di mantenimento.

Le asciugatrici possiedono dei sensori che misurano il livello di umidità dei capi.

L’uso continuato potrebbe causare la comparsa di calcare su di essi, riducendone l’efficacia. Ti consigliamo quindi di pulirli, ogni tre o quattro usi, con un panno umido in microfibra ed asciugarli con uno straccio asciutto. Dovrai anche pulire la griglia di ventilazione con un’aspirapolvere 3 o 4 volte l’anno.

Per la pompa, usa semplice acqua e sapone oppure prodotti specifici per lavatrici, facendo un lavaggio di mantenimento a vuoto, ad alta temperatura, per eliminare batteri e sporco incrostato. Devi anche lavare regolarmente il filtro dell’acqua ed il cassettino in cui viene versato il detersivo. Per le parti in gomma, usa carbonato di sodio, candeggina concentrata o detergente per lavastoviglie, sempre munendoti di guanti e mascherina appositi.

Cosa sono le lavasciuga intelligenti?

Sempre più aziende decidono di integrare, nelle proprie lavasciuga, delle funzioni che ne permettono il controllo a distanza. Molti modelli di fascia media e alta dispongono già di connettività wifi o bluetooth, che permette, tramite semplici app per cellulari e tablet, di programmare il dispositivo e ricevere notifiche sullo stato del bucato.

Uno dei vantaggi degli elettrodomestici intelligenti è quello di poter controllare, tramite la stessa applicazione, tutti gli apparecchi della stessa marca che possiedono questa funzionalità. Potrai controllare, quindi, non solo la tua lavasciuga, ma anche la tua caffettiera, la lavastoviglie ed altri strumenti che hai in casa. Esistono addirittura modelli con riconoscimento vocale e funzione di memorizzazione dei programmi di lavaggio che impostiamo più di frequente.

Donna con panni in mano

La maggior parte delle lavasciuga in commercio appartiene come minimo alla classe energetica A.
(Fonte: Białasiewicz: 83100930/ 123rf.com)

Criteri di acquisto

Acquistare un elettrodomestico di grande taglia può risultare complicato, data la notevole varietà di marchi, modelli e caratteristiche chiave di cui tener conto. Nel caso delle lavasciuga, dobbiamo essere ancora più cauti nella scelta, visto che stiamo parlando di ben due dispositivi in uno.

Capienza del cestello

Il numero di persone che vive in casa determinerà il tipo di lavasciuga che dovremo comprare. Se vivi da solo, un apparecchio con una capienza tra i sei e i sette chili sarà più che sufficiente. Tieni però presente che la capienza per l’asciugatura è, di solito, di due o tre chili inferiore rispetto a quella per il lavaggio, anche in base al marchio ed al modello.

Per famiglie di tre o quattro componenti, l’ideale è scegliere una lavasciuga con capienza tra i sette e gli otto chili. Se invece il nucleo familiare è più grande, dovrai orientarti su modelli con capienza tra i nove e i dieci chili per il lavaggio ed i sei/sette per l’asciugatura.

Consumo energetico

Il consumo energetico di una lavasciuga dipende essenzialmente dal suo sistema di asciugatura e dalla classe di efficienza energetica a cui appartiene. Di solito, i modelli a pompa di calore consumano meno elettricità degli altri. Costano di più, ma il prezzo si ammortizza in poco tempo grazie al risparmio energetico che assicurano.

La maggior parte delle lavasciuga in commercio appartiene, come minimo, alla classe energetica A. Quelle di categoria A+, A++ e A+++ sono modelli di gamma medio-alta, dunque solitamente più costosi, ma che permettono un notevole risparmio energetico sul medio e lungo termine. Un esempio: una lavatrice di classe A consuma in media 270 kWh all’anno; una di classe A+++ solo 140 kWh.

Velocità di centrifuga

Ovviamente, più alta è la velocità di centrifuga, meno sarà l’umidità che rimarrà sugli abiti. A ciò corrisponderà quindi un tempo di asciugatura più breve, e dunque un maggior risparmio energetico, poiché la centrifuga consuma meno elettricità dell’asciugatura. La maggior parte delle lavasciuga sul mercato possiede una velocità di centrifuga dai 1200 fino ai 1600 rpm.

Funzioni aggiuntive

Quasi tutte le lavasciuga in commercio attualmente dispongono di alcune funzioni extra che facilitano e migliorano il processo di lavaggio ed asciugatura. La funzione ECO, ad esempio, presente in molti modelli, permette di risparmiare fino al 50 % di energia in più rispetto ad altri programmi.

Alcune includono la funzione vapore, per ridurre le pieghe e rendere la stiratura dei capi più semplice.

Troviamo anche apparecchi di gamma medio-alta con funzioni molto interessanti, quali ad esempio programmi disinfettanti ed elimina-odori, prelavaggi con schiuma, controllo vocale o profumazione tramite vapore, tanto per citarne alcune. Molte di queste sono esclusive di alcune marche; altre, invece, sono disponibili in diversi modelli di varie aziende.

Conclusioni

Fino a non molto tempo fa, le lavasciuga erano tra gli elettrodomestici più costosi. Oggigiorno, invece, esistono in commercio modelli che vanno dai 380 ai 1500 euro, tutti con caratteristiche e funzioni che ti faciliteranno un po’ la vita. Il risparmio di spazio, tempo e denaro sono i vantaggi principali di questo dispositivo.

Per aiutarti a scegliere la tua nuova lavasciuga, abbiamo selezionato alcuni modelli che rispondono a diverse esigenze. Ti abbiamo poi spiegato, tra le altre cose, come funzionano i vari tipi in commercio, come fare a mantenerli efficienti nel tempo, quanta energia consumano e quali sono le opzioni di connessione dei modelli più avanzati.

Se il nostro articolo ti è sembrato utile ed interessante, condividilo su Twitter, Facebook o i tuoi social. Se vuoi farci sapere qualcosa, non esitare a lasciarci un commento o farci una domanda nella nostra sezione dedicata, ti risponderemo il prima possibile.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Atamanenko: 84975599/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di noi?

Dalila Coviello Redattrice e traduttrice
Le parole sono il mio più grande amore: ne ho scritte di mie, in italiano (Alice nel Paese dei call center, Nike Editrice, 2014), e da più di sei anni ne traduco da altre lingue, divertendomi ogni volta. Sono anche appassionata di digital, e social media e storytelling sono il mio pane quotidiano.
Innamorato della letteratura in generale e della fantascienza in particolare. Utente Internet autodidatta, blogger esperto e geek nel suo senso più ampio da prima che esistesse il termine.