Ultimo aggiornamento: 30/07/2021

Il nostro metodo

13Prodotti analizzati

22Ore di lavoro

8Fonti e riferimenti usati

78Commenti valutati

Quante volte hai dovuto fare i piatti? Sono sicuro che ricordi con nostalgia quei giorni d’infanzia in cui aiutavi i tuoi genitori in questo compito. Forse il tuo compito era quello di asciugare i piatti, mentre tu chiacchieravi su come era andata la giornata. Questi momenti sono probabilmente lontani, ma avere un buon lavandino è ancora importante.

Anche se le lavastoviglie stanno diventando sempre più comuni nelle case, il lavaggio viene ancora fatto a mano. Ci sono anche coloro che non desiderano avere questi apparecchi per varie ragioni. Senza dimenticare che un lavandino viene utilizzato per lavare frutta, verdura e altri alimenti. Vuoi trovare il migliore? Allora presta attenzione a questa guida che abbiamo preparato per te.




Le cose più importanti

  • È essenziale che tu compri un lavandino che si adatti al design della tua cucina e che soddisfi le tue esigenze. Pertanto, non limitarti ad un design attraente.
  • Non è la stessa cosa comprare un lavello insieme al resto della cucina che cambiare quello che hai già. Lungo le linee seguenti troverai le opzioni per questi due casi.
  • Vuoi sapere perché è meglio che il lavandino non abbia angoli retti? Qual è la dimensione migliore o il numero di vasche di cui hai bisogno? Allora non perdere la nostra sezione “Criteri di acquisto”, troverai la risposta a questa e ad altre domande.

Lavello: la nostra selezione

Guida all’acquisto: cosa devi sapere su un lavello da cucina

Le cucine dovrebbero essere progettate con la stessa cura del resto della casa. È molto importante creare uno spazio funzionale, ma senza trascurare l’estetica. Un lavandino attraente può essere la chiave per raggiungere questo obiettivo. Infatti, ci sono modelli che possono diventare il centro della stanza. Nelle righe seguenti scoprirai quale soddisfa meglio le tue esigenze.

Mujer lava lechuga

Se stai per rinnovare la tua cucina, puoi scegliere dove posizionare il lavello. Gli esperti raccomandano di creare un triangolo immaginario con le aree di cottura, stoccaggio e lavandino. (Fonte: Polc: 40802271/ 123rf.com)

Che forma possono avere i lavandini?

La prima cosa è determinare la forma che dovrebbe avere il tuo lavello, è chiaro che dipenderà dai bisogni della tua cucina. Non è lo stesso avere uno spazio grande come uno più piccolo. Inoltre, i piani di lavoro sono disponibili in diverse forme e non tutti i modelli saranno validi. Pertanto, presta attenzione alla seguente tabella.

Tipo di lavello I suoi vantaggi I suoi svantaggi
Quadrato Si adattano agli spazi più piccoli Di solito non sono grandi.
Rettangolare Sono i più spaziosi Hai bisogno di un piano di lavoro di buone dimensioni.
Rotondo Puliscono molto bene e sono adatti alle cucine piccole Sono abbastanza limitati nelle dimensioni.
Angolo Ti aiutano ad ottimizzare lo spazio nella tua cucina. Non sono sempre convenienti.
Con sgocciolatoio Ti permettono di scolare ciò che lavi a mano. Non sono adatti se hai un piano di lavoro piccolo.
Due lavandini Sono molto convenienti e ti danno più opzioni di utilizzo. Occupano più spazio.

È meglio un lavandino a lavabo singolo o doppio?

Ovviamente, è sempre meglio avere un lavandino a doppio lavabo. Ti dà spazio extra che puoi usare in modi diversi. Ma se hai un piano di lavoro piccolo, è meglio optare per un modello a lavabo singolo. Un’opzione intermedia è un lavandino con un lavandino e mezzo, cioè uno più grande e uno più piccolo.

Di quali materiali possono essere fatti i lavandini?

Il materiale di cui è fatto il lavandino è la chiave per determinare le sue prestazioni. Troverai diverse opzioni sul mercato, è bene che tu sappia quali sono quelle principali. In questa tabella ti mostriamo i più comuni e le loro caratteristiche più rilevanti, i più favorevoli e quelli che non sono così favorevoli.

Tipo di lavello A favore Contro
Acciaio inossidabile È un materiale molto resistente ed è facile da pulire È abbastanza colpito dal calcare e si graffia facilmente.
Granito Resiste molto bene al calore, agli urti e ai graffi ed è facile da pulire. È facile da pulire il suo prezzo è più alto.
Stone Ha un aspetto molto attraente e resiste molto bene al calore, agli urti e ai graffi È un po’ costoso.
Ceramica La sua estetica è ideale per una cucina rustica È molto delicata, si macchia facilmente ed è un materiale molto antico.
Resina Sono molto lisci e c’è una vasta gamma di colori e sottotipi, come il composito È abbastanza resistente, ma non quanto l’acciaio inossidabile.
Vetro È molto igienico e resistente ai graffi. È ideale per le pratiche mediche non è raccomandato nell’ambiente domestico a causa della sua delicatezza.

Dove posizionare il lavandino in una nuova cucina?

Se stai per rinnovare la tua cucina, puoi scegliere dove posizionare il lavandino. Gli esperti raccomandano di creare un triangolo immaginario con le aree di cottura, stoccaggio e lavandino. Questo è conosciuto come un triangolo di lavoro. La seguente lista ti mostra la migliore disposizione, che dipenderà dal design della tua cucina. Se possibile, posiziona il lavandino sotto una finestra.

  • Cucina in linea. Questa disposizione si trova di solito nelle piccole cucine. Ti consigliamo di posizionare il lavello tra il frigorifero e il piano cottura.
  • Cucina parallela. Posiziona il lavello e il piano cottura su un lato e la zona di stoccaggio sull’altro. Assicurati che le porte del forno e della lavastoviglie non siano di fronte alla porta del frigorifero.
  • Cucina a L. Posiziona uno degli elementi nella parte più stretta e gli altri due nell’altra. Cerca di assicurarti che il triangolo che formano non abbia lati molto lunghi per ridurre lo spostamento.
  • Cucina a forma di U. In questo caso ti consigliamo di posizionare ciascuna delle zone su una delle tre pareti. Sempre ad una distanza che ti permette di lavorare comodamente.
  • Cucina con un’isola. Lascia almeno un metro libero intorno all’isola per facilitare il movimento. Posiziona la zona cottura sull’isola e, se hai lo spazio, anche la zona acqua. Altrimenti, mettilo sul muro dietro di te insieme al frigorifero.

Cocina hogareña

Comprare un lavandino è una decisione a cui devi pensare.
(Fonte: Rodgers: 1597018/ 123rf.com)

E se stai cambiando solo il lavandino?

Se stai solo sostituendo il lavandino, il nuovo lavandino dovrà essere simile per forma e dimensioni a quello vecchio. Tieni presente che la maggior parte dei modelli ha una serie di condizioni relative alla loro installazione. Per esempio, l’armadio sottostante, lo scarico o il rubinetto. In questo caso, le opzioni saranno più limitate ed è meglio consultare il produttore.

Quali tre tipi di installazione può avere un lavandino?

È ovvio quando vai in diverse cucine, o in negozi specializzati, che i lavelli hanno vari tipi di installazione. Quando opti per un particolare modello, dovresti controllare che sia compatibile con il design della tua cucina. Per farlo, è importante che tu sia consapevole delle opzioni a tua disposizione:

  • Sul piano di lavoro o a incasso. Viene fatto un foro nel piano di lavoro e il bordo del lavandino viene posizionato sopra di esso. Viene unito utilizzando del silicone o un prodotto simile. Devi tenere a mente che i giunti accumulano sporco, quindi devi essere costante con la loro pulizia. Sono raccomandati per i piani di lavoro in legno o in laminato, in quanto forniscono un migliore isolamento contro l’umidità.
  • Sotto il piano di lavoro. È posizionato sotto il piano di lavoro ed è fissato ad esso per mezzo di viti. È più facile da pulire, dato che non ha giunture come nel caso precedente. È ampiamente utilizzato nei piani di lavoro in pietra o granito. È meglio evitare questo tipo di installazione se il piano di lavoro è in legno o in laminato, perché potresti avere problemi di umidità.
  • Integrato. Questa è l’installazione più estetica delle tre, poiché dà un senso di continuità al piano di lavoro. Lo svantaggio è che viene prodotto nello stesso momento del piano di lavoro ed è valido solo per alcuni materiali. Inoltre, il prezzo finale è più alto di altre opzioni.

Come pulire il lavandino?

Pulire il lavandino ogni giorno eviterà che perda la sua lucentezza. Ti consigliamo di utilizzare sempre prodotti adatti al materiale di cui è fatto. Non utilizzare mai detergenti aggressivi o spugne abrasive che potrebbero graffiare la superficie. Ti suggeriamo di utilizzare un sapone neutro e un panno morbido. Se lo asciughi bene dopo, sarà perfetto.

Cocina rústica

Pulire il lavandino ogni giorno eviterà che perda la sua lucentezza.
(Fonte: Jarmoluk: 2094707/ Pixabay.com)

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dei lavandini?

L’acquisto di un lavandino è una decisione che dovresti considerare. Probabilmente hai già abbastanza indizi per trovare il modello più adatto. Tuttavia, non tutto il lavoro è fatto, dovrai ancora considerare altri aspetti importanti. Come ogni prodotto, anche questo ha i suoi vantaggi e svantaggi, ti invitiamo a conoscerli prima di finire questa guida.

Vantaggi
  • Sono essenziali in ogni cucina
  • Sono molto facili da usare
  • Troverai un modello per ogni cucina
Svantaggi
  • Hanno bisogno di essere assemblati
  • Devi fare attenzione quando li pulisci

Criteri di acquisto

Sicuramente non vedi l’ora di vedere la tua cucina completa, ma ti consigliamo di farlo ancora per qualche minuto. Solo il tempo necessario per conoscere alcuni ultimi aspetti che dovresti prendere in considerazione quando fai il tuo acquisto. Queste sono le domande chiave che non puoi trascurare se vuoi fare le cose per bene. Dopo di che, dovrai solo prendere la tua decisione finale.

Angoli retti

Cerca di assicurarti che il lavandino non abbia angoli retti, perché rendono difficile la pulizia. Si trovano spesso in alcuni modelli dal design moderno. D’altra parte, le forme arrotondate rendono questo compito molto più facile. Non è necessario che abbiano un bacino arrotondato, ci sono modelli quadrati e rettangolari che hanno questo tipo di forma.

Cocina aseada

Se stai solo sostituendo il lavandino, il nuovo lavandino dovrebbe essere simile per forma e dimensioni a quello vecchio. (Fonte: Nakhjavani: 100260260/ 123rf.com)

Dimensione

La dimensione della tua cucina, specialmente il tuo piano di lavoro, può limitare le dimensioni del tuo lavello. Ma se possibile, scegli un modello profondo che sia largo almeno 60 cm. La ragione è semplice: ti permetterà di lavare utensili di grandi dimensioni. In un piccolo modello, pulire una pentola a pressione può essere una vera impresa, non dimenticarlo.

Numero di seni

Lo spazio potrebbe essere il tuo più grande limite, ma se non è così, opta per un lavandino a doppio lavabo. Questo è meglio di un modello a vasca singola con uno scolapasta. Diciamo questo perché la seconda ciotola può essere utilizzata per asciugare le stoviglie. Tuttavia, cerca di assicurarti che uno dei due lavandini sia di buone dimensioni, come menzionato nel criterio precedente.

Accessori

A volte, i lavelli vengono forniti con una serie di accessori che possono essere molto utili quando si lavora in cucina. Ti aiutano a semplificare il loro uso e a rendere la tua vita più facile. Di seguito, passiamo in rassegna i più comuni. A proposito, se non sono inclusi nel modello che hai scelto, alcuni di essi possono essere acquistati separatamente.

  • Cestello di drenaggio. Utilizzato per lavare diversi cibi e poi scolarli facilmente.
  • Secchio di spugna. Usato per tenere in ordine le spugne e i panni.
  • Fondo anti-schizzo. È posizionato alla base del lavandino in modo che l’acqua non schizzi. Inoltre, evita che il fondo venga graffiato o che le stoviglie si rompano così facilmente se gocciolano mentre stai lavando i piatti.
  • Distributore di sapone integrato. Ti permette di avere il sapone sempre a portata di mano e di non avere la zona dell’acqua ingombra.
  • Cestino per i rifiuti. Questo è un serbatoio con un coperchio in cui puoi mettere piccoli rifiuti. Viene utilizzato in modo da non dover andare a buttare la spazzatura tante volte mentre stai cucinando.

Usa

Tieni presente per cosa userai il lavandino. Non è la stessa cosa avere una lavastoviglie e doverla usare per lavare tutti i piatti. In quest’ultimo caso, dovrà essere molto resistente. L’acciaio inossidabile è una grande opzione, resiste molto bene all’uso continuo e ci sono modelli abbastanza economici. Se vuoi investire un po’ di più, la grafite è una grande idea.

Riassunto

Non vedo l’ora di vedere la tua cucina finita! Grazie alle informazioni contenute in questa guida, sarai in grado di acquisire uno dei suoi elementi più importanti. Che tu abbia o meno una lavastoviglie, un lavandino è essenziale in questo tipo di stanza. Naturalmente, a seconda dell’uso che ne farai, sceglierai un modello o un altro. Puoi anche decidere di investire più o meno soldi.

Ora sai che i lavandini non sono fatti solo di acciaio inossidabile, ci sono anche altri materiali molto attraenti. La forma e le dimensioni dipenderanno dai tuoi bisogni, ma soprattutto dallo spazio disponibile nella tua cucina. Hai scoperto una serie di accessori che possono essere interessanti e che renderanno il tuo lavoro più facile.

Non ti resta che prendere la tua decisione. Vuoi che la tua famiglia e i tuoi amici beneficino di tutte le informazioni che abbiamo analizzato? Allora condividi questa guida sui tuoi social network, ma prima di andare, lasciaci un commento.

(Fonte dell’immagine in primo piano: Brooks: 37228071/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni