Ultimo aggiornamento: 01/10/2021

La tua lettera di candidatura è la prima pagina che il selezionatore vede della tua candidatura. Di conseguenza, dovrebbe essere formulato e progettato con attenzione. La primissima frase può decidere se il lettore guarderà anche il resto dei tuoi documenti o se ti dichiarerà immediatamente poco interessante e ti scarterà dal processo. Ecco perché è meglio iniziare la tua lettera di presentazione con un grande botto che catturi l’interesse del reclutatore e attiri l’attenzione di tutti su di te.

Oltre al contenuto, alcune cose formali come il layout, il design e la giusta struttura sono anche cruciali per una buona lettera di presentazione. La dimensione dei caratteri, il tipo di carattere e l’interlinea sono criteri importanti a cui anche i reclutatori danno molta importanza. Pertanto, in questo articolo ti mostriamo come puoi fare punti e distinguerti con la tua lettera di presentazione in termini di contenuto e forma, e quali errori dovresti evitare.




Sommario

  • La lettera di candidatura, conosciuta anche come lettera di copertura o lettera di candidatura, è la prima pagina del tuo portfolio di candidatura e determina tutti gli altri documenti.
  • C’è uno standard DIN per il layout che dà ai richiedenti delle linee guida per il design. Tuttavia, questo non è vincolante ed è meno importante, specialmente nelle professioni creative, che nelle industrie convenzionali.
  • Fai molta attenzione quando scrivi la tua lettera e non usare modelli. Scrivi la tua lettera di candidatura esclusivamente per una sola azienda e cristallizza la tua motivazione molto chiaramente.

Definizione: cos’è una lettera di candidatura?

La lettera di domanda è spesso chiamata anche lettera di presentazione ed è la prima pagina della tua intera domanda. È la prima pagina di tutta la tua candidatura. Il selezionatore vede prima di tutto la tua lettera di candidatura, quindi non dovresti fare errori qui.

A differenza degli altri documenti della tua candidatura, la tua lettera di presentazione serve a creare un ritratto delle tue capacità e qualifiche e a trasmettere in modo convincente la tua motivazione per il lavoro e l’azienda.

Per fare questo, combini le tue abilità con i requisiti dell’annuncio di lavoro. La tua lettera di presentazione dovrebbe anche indicare per quale lavoro ti stai candidando, perché lo stai facendo e perché sei il candidato perfetto per l’azienda.

Molti candidati trovano molto difficile scrivere una lettera di candidatura, e giustamente, perché con questa sola pagina puoi distinguerti dalla massa o perderti. Se la lettera di candidatura non è convincente, il selezionatore non guarderà gli altri tuoi documenti, non importa quante qualifiche o corsi di perfezionamento tu abbia completato.

La lettera di presentazione è all’inizio della tua candidatura. È qui che devi fare una prima impressione convincente. (Fonte immagine: unsplash.com / Green Chameleon)

Inoltre, ci sono diverse caratteristiche che una lettera di presentazione dovrebbe prendere in considerazione per ogni settore e professione. Se ti stai candidando per un lavoro come avvocato, la tua lettera di accompagnamento avrà un aspetto diverso rispetto a quando ti stai candidando per un lavoro come grafico. Non è quindi possibile utilizzare modelli o copiare frasi, il che lo rende la parte più individuale della tua applicazione.

Background: Cosa dovresti sapere sulle lettere di presentazione

Se vuoi convincere il selezionatore con la tua lettera di presentazione, dovresti prestare attenzione ad alcune cose. Questo vale sia per il contenuto che per il layout generale e il design della tua lettera di presentazione. Nelle sezioni seguenti, vorremmo darti alcuni consigli su come rendere la prima pagina della tua domanda un successo.

Come dovrebbe essere una buona lettera di presentazione?

Prima di tutto, vorremmo parlare della parte formale della lettera di presentazione, perché è meglio fare tutte queste impostazioni e formattazioni prima di iniziare a scrivere. Tuttavia, il principio di base per tutte le lettere di presentazione è che una pagina A4 è sufficiente. Per fare questo, imposta i margini in anticipo in modo da non ritrovarti con troppo testo che dovrai cancellare dopo averlo formattato.

Per darti un po’ di orientamento, esiste uno standard speciale per le domande di lavoro, DIN 5008. Questo standard specifica, per esempio, i margini, gli spazi o i paragrafi e posiziona l’indirizzo del destinatario esattamente in modo che si adatti alla finestra della busta. In linea di principio, non devi aderire strettamente a questo standard e puoi discostartene leggermente a seconda del settore. Tuttavia, per le professioni che richiedono grande attenzione, dovresti scrivere la tua lettera di presentazione secondo la DIN 5008.

Per quanto riguarda la carta, dovresti sempre utilizzare carta di qualità un po’ più alta e più spessa, e naturalmente evitare orecchie di cane, macchie di caffè o simili. Inoltre, la stampante dovrebbe anche fornire un risultato di alta qualità, altrimenti anche la migliore carta non sarà di alcuna utilità.

Dovresti usare la carta giusta per la tua applicazione. È meglio scegliere una carta più spessa. (Fonte immagine: pixabay.com / PCB-Tech)

Per quanto riguarda il font, lo standard DIN non dà delle regole precise, ma dovresti evitare di usare font ghirigori o font difficili da leggere. Vai sempre sul sicuro con i font serif come Times o Georgia; soprattutto, questi font migliorano la leggibilità per il selezionatore. Per le intestazioni brevi, d’altra parte, puoi anche utilizzare font sans serif come Arial, Verdana o Helvetica. Tuttavia, è consentito un massimo di due font diversi. Se vuoi essere un po’ più creativo, puoi ovviamente usare questi due font, ma per le lettere di presentazione convenzionali è meglio usarne solo uno.

La dimensione del font DIN 5008 per le lettere di presentazione è di 12 punti, ma se vuoi includere un po’ più di testo, puoi anche usare 11 punti. Tuttavia, non dovrebbe essere più piccola, perché lo scopo di una lettera di presentazione è quello di arrivare al cuore della questione in modo breve e succinto. I sottotitoli, gli indirizzi e la data possono essere formattati un po’ più grandi, in 13 punti, e puoi anche utilizzare il grassetto. Idealmente, l’interlinea dovrebbe essere 1,5.

Anche il design gioca un ruolo. Idealmente, dovresti anche usare i colori del design aziendale nella tua cartella di candidatura e mostrare al reclutatore che ti sei occupato anche di questi aspetti dell’azienda. Nel settore creativo, la tua lettera di presentazione può essere un po’ più libera nel suo design e contenere anche forme e grafici, ma questi non dovrebbero diventare il fulcro del documento. Soprattutto, assicurati di utilizzare colori dello stesso schema di colori e non far sembrare la tua applicazione kitsch o infantile. Nelle professioni convenzionali, un’applicazione semplice e senza tanti fronzoli è più appropriata.

Cosa dovrei includere nella mia lettera di presentazione?

Una volta che hai formattato la tua lettera di candidatura, puoi iniziare a scrivere. La prima pagina dovrebbe essere divisa in introduzione, corpo principale e conclusione. Le seguenti linee guida si applicano al contenuto

  • Introduzione: interesse per l’azienda e motivazione
  • Corpo: le tue qualifiche professionali più importanti e le tue soft skills
  • Conclusione: Informazioni sul tuo ingresso e sulle tue aspettative di stipendio

Per la tua intera lettera di presentazione, puoi usare la formula AIDA, che in realtà viene dal marketing ma ha senso anche per una lettera di presentazione, perché vuoi promuovere te stesso e attirare l’attenzione su di te

  • A = Attenzione: attira l’attenzione con formulazioni originali
  • I = Interesse: suscita interesse nella tua persona
  • D = Desiderio: suscita curiosità con successi e abilità
  • A = Azione: Invita le persone a compiere un’azione, ad esempio un invito ad un colloquio di lavoro

Nei seguenti capitoli ti mostreremo cosa puoi usare come linea guida quando scrivi e cosa dovrebbe esserci nelle singole sezioni della tua lettera di presentazione.

Introduzione

L’introduzione dovrebbe già fare colpo sul reclutatore, perché le prime quattro-sei righe decidono se lui o lei è disposto a leggere il resto della tua lettera di presentazione. Dato che qui non puoi segnare punti con le tue qualifiche, la tua motivazione per l’azienda e la posizione pubblicizzata dovrebbe essere chiaramente riconoscibile e convincente.

Dovresti assolutamente lasciare fuori le frasi standard come “Mi candido con la presente”, perché sono impersonali e annoiano il reclutatore. Rispondi alle seguenti domande nella tua introduzione

  • Perché vuoi lavorare specificatamente per questa azienda?
  • Quali sono i tuoi punti di forza che aggiungeranno valore all’azienda?
  • Infine, perché sei il candidato perfetto per il lavoro?

Nell’introduzione puoi anche dare al reclutatore un assaggio del tuo lavoro descrivendo una visione per l’azienda che alla fine attueresti se dovessi ottenere il lavoro. L’importante è che tu non metta alla gogna le debolezze dell’azienda, ma piuttosto prendile e trasformale in qualcosa di positivo, senza apparire arrogante.

Corpo principale

Il corpo principale è praticamente il cuore della tua lettera di presentazione, perché è qui che puoi finalmente segnare dei punti con le qualifiche e le competenze che porti al lavoro.

Puoi entrare più nel dettaglio delle tue abilità hard nel tuo CV, ma dovrebbero essere menzionate anche nella tua lettera di presentazione e, idealmente, non solo ripetute nel tuo CV. Qui dovresti concentrarti sui requisiti dell’annuncio di lavoro e fornire esempi a sostegno delle tue affermazioni.

Le tue soft skills sono un po’ più difficili da dimostrare, dato che non riceverai referenze o certificati, ma dovresti dimostrare le tue abilità con esempi dalla tua vita quotidiana. Scrivere semplicemente “Sono un giocatore di squadra” è un no-go. Perché sei un giocatore di squadra? Come sei stato in grado di dimostrarlo nei lavori precedenti, negli stage o nella tua vita quotidiana?

Nella parte principale, c’è spazio per le tue soft skills, ad esempio le abilità sociali, oltre alle tue hard skills. (Fonte immagine: unsplash.com / Priscilla Du Preez)

Inoltre, non devi perdere la concentrazione sul lavoro. Naturalmente avrai molte soft skills, ma non tutte sono rilevanti per il lavoro. Pertanto, concentrati sui requisiti dell’annuncio di lavoro e includi anche altre competenze che pensi siano importanti per il lavoro.

Conclusione

Infine, l’ultimo paragrafo della tua lettera di candidatura riguarda solo la tua prima data di inizio possibile, le tue aspettative di stipendio, se queste sono richieste, e una formula di chiusura con l’invito. Anche qui, la formulazione è l’elemento fondamentale, perché così come sei entrato con il botto, dovresti anche terminare la lettera di presentazione.

Evita il congiuntivo e chiedi specificamente al reclutatore di agire.

Frasi come “sarei felice di” sembrano timide e poco convincenti. Sii sicuro di te e scrivi direttamente “Non vedo l’ora di essere invitato per un colloquio”.

Se non sei sicuro delle tue aspettative di stipendio, guarda semplicemente la tabella degli stipendi per stato federale e presta attenzione anche alle dimensioni dell’azienda. Una start-up ti pagherà uno stipendio annuale lordo più basso di una grande società globale. Soprattutto, formula i tuoi desideri e giustificali con, per esempio, “Secondo le mie qualifiche, le mie aspettative di stipendio sono…”.

Come posso giustificare un cambio di lavoro nella mia lettera di presentazione?

Non è raro che i dipendenti cambino lavoro, ma non dovrebbe essere presentato sotto una luce negativa. Le dichiarazioni negative sul precedente datore di lavoro sono assolutamente da evitare e fanno una cattiva impressione su qualsiasi potenziale nuovo datore di lavoro.

Infine, prova a giustificare il tuo cambiamento in modo positivo, per esempio, che stai cercando una nuova prospettiva, un ampliamento dei tuoi compiti o diverse opportunità di sviluppo che la nuova azienda può offrirti. Anche la dimensione dell’azienda può essere una ragione, se preferisci passare da una piccola start-up a una grande azienda internazionale e affrontare nuove sfide.

Come dovrebbe essere la mia lettera di presentazione se non ho alcuna esperienza lavorativa?

Il tema delle qualifiche è molto presente, soprattutto per i giovani professionisti, ma tutti iniziano in piccolo e senza alcuna esperienza precedente. Se hai studiato, per esempio, potresti già avere alcuni stage come riferimento. Altrimenti, l’attenzione è naturalmente ancora di più sulla tua motivazione, le tue soft skills e la tua passione per l’azienda e il lavoro.

Oltre alla lettera di presentazione, può avere senso scrivere una lettera di motivazione per mostrare al selezionatore che sei veramente appassionato al lavoro. Nella tua lettera di presentazione, puoi anche segnare punti con termini tecnici del settore e compensare la tua mancanza di conoscenza della professione con la tua competenza. Naturalmente, non dovresti esagerare e inserire tali termini il più sottilmente possibile nella tua lettera di presentazione.

Posso usare anche dei modelli per la mia lettera di presentazione?

Teoricamente, puoi ovviamente utilizzare dei modelli per la tua lettera di presentazione. L’importante è che il contenuto provenga esclusivamente da te e che tu non utilizzi formulazioni campione. I reclutatori hanno un buon occhio per queste cose e noteranno immediatamente se hai cambiato solo il nome dell’azienda e i tuoi punti di forza e qualifiche.

Per quanto riguarda l’impaginazione, i modelli possono ovviamente essere utili se non sei così creativo o non hai le competenze necessarie.

Tuttavia, se ti stai candidando come grafico o in un’altra professione creativa, dovresti idealmente creare il tuo layout e adattarlo specificamente al corporate design dell’azienda.

Come posso inviare la mia lettera di candidatura?

Al giorno d’oggi ci sono diversi modi per inviare la tua lettera di candidatura all’azienda. Il modo classico è, ovviamente, quello di inviare la tua domanda per posta. Dovresti utilizzare una busta C4 e non piegare le pagine. Se hai scritto la tua lettera esattamente secondo la norma DIN 5008, puoi anche utilizzare una busta con finestra, altrimenti non è un errore utilizzare una busta normale.

Al giorno d’oggi è molto più facile impacchettare l’applicazione come un file PDF e assicurarsi che l’allegato non sia più grande di 5 MB. Altrimenti corri il rischio che il reclutatore non riesca nemmeno ad aprire la tua email. Infine, fai riferimento ai tuoi allegati nel campo di testo dell’email e scrivi qualche breve riga sulla tua richiesta. L’oggetto è solitamente compilato semplicemente con il titolo del lavoro e il numero di riferimento. Soprattutto, è importante che il tuo indirizzo email sia rispettabile. Nel migliore dei casi, creane semplicemente uno nuovo con il tuo cognome e nome.

Le domande via e-mail o le domande online sono abbastanza comuni oggi e spesso sono anche espressamente desiderate. (Fonte immagine: unsplash.com / Kaitlyn Baker)

Molte aziende offrono ai candidati la possibilità di fare domanda tramite un portale online. Per farlo, devi caricare i tuoi documenti e riempire i campi di testo con le tue informazioni personali. Dal momento che non raggruppi tutto in un unico file, è ancora più importante “etichettare” correttamente i singoli file, ad esempio “Lettera di candidatura di XY” o semplicemente “Lettera di candidatura”. Spesso ci sono campi di testo opzionali in questi moduli online, ma dovresti comunque essere sicuro di riempirli e infine controllarli separatamente per la corretta ortografia.

Quali errori dovrei evitare nella mia lettera di presentazione?

In modo che tu possa controllare tutto per la correttezza alla fine della tua lettera di presentazione, abbiamo creato una piccola lista di controllo con gli errori più comuni

  • Errori ortografici e grammaticali
  • Menzionando la persona di contatto sbagliata o l’indirizzo generale
  • Layout destrutturato o design esagerato
  • Nessun riferimento all’azienda e mancanza di motivazione per il lavoro
  • Riferimento a qualifiche che non sono rilevanti
  • Digressioni che non arrivano al punto
  • Nessuna firma
  • Indirizzo o dettagli di contatto dell’azienda non corretti

Quindi ripassa tutta la tua lettera di presentazione prima di inviarla e controlla se hai evitato tutti gli errori.

Conclusione

Il resto del tuo portfolio sta e cade con la tua lettera di presentazione. Se riesci a convincere l’intervistatore con le tue prime righe, hai già fatto un grande passo verso il colloquio. Se segui i nostri consigli e ti concentri sui tuoi punti di forza e sull’azienda quando scrivi la tua lettera, sarai in grado di trasmettere questo e di distinguerti dalla massa.

Sii individuale e crea la tua lettera di presentazione lontano da qualsiasi formulazione che può essere già trovata su internet, perché anche frasi apparentemente moderne e nuove finiranno per diventare standard e quindi noiose per i reclutatori. In ogni caso, dovresti ripassare la lista di controllo e dormirci sopra prima di spedirla. Il giorno dopo, spesso scoprirai aree che hanno bisogno di miglioramenti e potrai portare la lettera di presentazione alla perfezione.

Fonte immagine: pexels.com / Pixabay

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni