Un metronomo meccanico
Ultimo aggiornamento: 08/08/2020

Il nostro metodo

11Prodotti analizzati

15Ore di lavoro

27Fonti e riferimenti usati

52Commenti valutati

Il metronomo è uno strumento piuttosto semplice che tuttavia svolge un ruolo importante nel mondo della musica. La sua origine risale al 1815, anno in cui fu brevettato dall’olandese Johann Maelzel, anche se sembra che il vero inventore sia stato il suo connazionale Dietrich Nikolaus Winkel.

I metronomi producono un suono con un impulso regolare e regolabile, che funge da indicatore del tempo di una composizione musicale. Al momento, ne esistono diversi modelli, che possono essere raggruppati in tre grandi gruppi: meccanici o a corda, digitali e basati su software.




Le cose più importanti in breve

  • Il metronomo aiuta ad educare l’orecchio, motivo per cui è particolarmente adatto per iniziare a suonare uno strumento.
  • Si possono distinguere tre tipi principali di metronomo: software, meccanico e digitale.
  • I criteri di acquisto che possono aiutarti a scegliere il metronomo di cui hai bisogno sono: l’uso che ne farai, il range del tempo, le sue funzioni e il suo design, tra le altre cose. Ne parleremo nella sezione finale dell’articolo.

I migliori metronomi sul mercato: la nostra selezione

Noi di REVIEWBOX siamo consapevoli che non tutti hanno il tempo di ricercare e analizzare prodotti diversi. Prima di entrare completamente nella guida all’acquisto, vogliamo presentarti la nostra selezione dei metronomi che consigliamo. Speriamo che ti sia utile per trovare quello più adatto alle tue esigenze.

Il metronomo meccanico preferito dagli acquirenti

Il Neewer NW-707 è un metronomo meccanico caratterizzato da un buon rapporto qualità-prezzo, e rappresenta la scelta preferita dagli acquirenti nella sua categoria. Il tempo può essere regolato fra 40 e 208 battiti per minuto, mentre il beat è impostabile su 2, 3, 4, 6 e 0. È disponibile nero e color legno. Misura 120x95x200 mm ed ha un peso di 434 g. È un’opzione semplice e funzionale, abbastanza comune per principianti e non.

Il metronomo digitale più venduto

Il Korg MA-2 è uno dei metronomi più economici e compatti che si possano acquistare, e nonostante queste caratteristiche soddisfa pienamente gli acquirenti, tanto da essere il più venduto in assoluto. Offre la possibilità di regolare il tempo in base alle proprie esigenze e salvare diversi preset, e garantisce un segnale luminoso, attraverso dei LED, ed uno sonoro, con l’altoparlante incorporato. È infine possibile comprarlo in due diverse colorazioni: nero e rosso, o blu e nero.

Il metronomo meccanico con il miglior design

In questo momento il prodotto menzionato non è disponibile presso il fornitore. Per questo motivo lo abbiamo sostituito con un altro dalle caratteristiche simili. Segnala un problema.

Das Problem mit diesem Produkt wurde gemeldet. Danke!

Il Donner DPM-1 è un metronomo con meccanismo a molla e pendolo in metallo, caratterizzato da un design classico e raffinato. È in grado di scandire da 40 a 208 battiti al minuto, con selettore da 0, 2, 3, 4 e 6. La base della struttura piramidale misura 115×155 mm ed è dotata di piedini, mentre l’altezza è di 220 mm. Esternamente è in plastica color legno, mantenendo così un costo moderato.

Il miglior metronomo digitale semiprofessionale

Il Tama RW30 è un metronomo semiprofessionale che assicura flessibilità e affidabilità, offrendo un range di 35-250 bpm ad un prezzo contenuto. È dotato di uno schermo LCD retroilluminato e di un altoparlante. Viene alimentato da due pile ministilo, ed include inoltre un clip per la cintura ed output per cuffie da 3,5 mm. L’RW30 garantisce un rapporto qualità-prezzo fra i migliori in assoluto, ma per i musicisti professionali Tama propone anche il più costoso modello RW200.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sul metronomo

È comune per molti utenti avere dubbi durante il processo di acquisto di un metronomo. Se è così, non preoccuparti: non sei né la prima né l’ultima persona. Questa sezione è dedicata proprio a rispondere alle domande più frequenti sul metronomo, in modo da dissipare ogni dubbio che può nascere in chi, come te, vuole conoscere meglio questo strumento.

Donna che suona al pianoforte con metronomo

Si possono distinguere tre tipi principali di metronomo: software, meccanico e digitale.(Fonte: Imagesource: 114078079/ 123rf.com)

Cos’è un metronomo esattamente?

Il metronomo è un dispositivo utilizzato per misurare e segnare il tempo e il ritmo della musica in opere musicali o composizioni. A tale scopo produce regolarmente un segnale acustico, che generalmente può essere regolato. Inoltre, oggi esistono metronomi digitali in grado di riprodurre anche segnali visivi.

In quali unità viene misurato il tempo di un metronomo?

Il tempo musicale viene generalmente misurato in beats per minute (BPM). I diversi metronomi possono normalmente essere regolati in tempi compresi tra 30 e 250 BPM. Sebbene meno comune, anche la denotazione nota come MM o Mälzel Metronome viene utilizzata per misurare il tempo del metronomo.

Quali sono le parti di un metronomo meccanico?

I classici metronomi meccanici sono costituiti da una scatola, che può essere di legno, plastica o, in misura minore, un altro materiale. Inoltre, hanno un’asta che oscilla segnando il tempo. A quest’asta è attaccato un peso, che può essere spostato lungo di essa per modificare la velocità del pendolo e, quindi, il tempo.

Per sapere dove dovrebbe essere posizionato il peso per ottenere un certo tempo, questo tipo di metronomi ha una scala. Alcuni metronomi hanno anche una campana. Con essa è possibile sapere quanti battiti sono trascorsi, il che è di grande aiuto per percepire meglio il tempo e la sua distribuzione.

Johann Wolfgang von GoetheScrittore, poeta e drammaturgo tedesco
“Il ritmo ha qualcosa di magico; ci fa perfino credere che il sublime ci appartenga”.

Che usi ha un metronomo?

Il metronomo ha una moltitudine di applicazioni, il che lo rende uno strumento essenziale sia per i principianti che per i più esperti. A seconda dello strumento e dello stile musicale che suoni, lo utilizzerai per uno scopo o per l’altro. In ogni caso, alcuni degli utilizzi più comuni sono i seguenti:

  • Per studiare tecnica del ritmo.
  • Per fare pratica sul ritmo.
  • Per correggere errori.
  • Per migliorare la velocità.
  • Per migliorare il senso del ritmo.
  • Per far sì che i musicisti che suonano in gruppo lo facciano in maniera più coordinata.
  • Per registrare una composizione.
  • Come guida per comporre in modo corretto.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi del metronomo?

Il metronomo accompagna da secoli musicisti e compositori. Non c’è dubbio che la ragione di ciò va ricercata nei numerosi vantaggi che offre. Puoi controllarli nella tabella seguente.

Vantaggi
  • È molto facile da usare.
  • Il suo prezzo è accessibile.
  • Aiuta a migliorare le prestazioni musicali.
  • Aiuta ad educare l”orecchio.
  • Offre un controllo del tempo più preciso.
Svantaggi
  • È necessario ricaricare la batteria o dargli la corda.
  • All”inizio può risultare un po” complesso da usare.

A chi è consigliato l’acquisto di un metronomo?

Il metronomo viene utilizzato principalmente nel mondo della musica. Viene usato sia da amatori che iniziano a suonare uno strumento che dai professionisti. Tuttavia ha più applicazioni. Molte persone lo usano rilassarsi e fare meditazioni. Sono anche particolarmente apprezzati da ballerini e coreografi.

Metronomo e batteria

I metronomi aiutano a educare l’orecchio al ritmo, per questo sono particolarmente indicati quando si inizia a suonare uno strumento. (Fonte: Guvenc: 98488118/ 123rf.com)

Quanti tipi di metronomo esistono?

Come ti abbiamo anticipato, in generale si distinguono tre tipi di metronomo: meccanico, digitale e software. Come puoi vedere qui di seguito, le diverse caratteristiche di ciascuno li rendono più o meno adatti ad alcuni utenti o ad altri.

  • Metronomo meccanico o a corda: tende ad offrire un’elevata affidabilità, sebbene sia più limitato in termini di funzioni. Il movimento dell’asta fornisce un ottimo segnale visivo. È l’opzione più classica e chiaramente più elegante. È necessario caricarlo di tanto in tanto.
  • Metronomo digitale: è il più usato ad oggi. Di solito è più economico di quello meccanico. Molti modelli incorporano un sintonizzatore. Inoltre, ha più opzioni per la suddivisione del tempo o dei ritmi. Funziona con pile o con una batteria integrata. È caratterizzato da un design più compatto e leggero, quindi può essere facilmente trasportato.
  • Metronomo software: è un software che puoi installare sul tuo cellulare, computer o altro tipo di dispositivo. Di solito è gratuito, sebbene la sua affidabilità sia inferiore a quella dei metronomi meccanici e digitali.

Criteri di acquisto

Per scegliere quale metronomo fa al caso tuo, ti consigliamo di tenere in considerazione alcuni criteri di acquisto. Di seguito puoi controllare quelli che abbiamo utilizzato per preparare questa guida all’acquisto.

Uso che farai del metronomo

Nella tabella seguente, ti offriamo alcuni consigli su quale tipo di metronomo potrebbe essere più conveniente per te a seconda dell’uso che ne farai.

Se cerchi un metronomo Ti conviene
Per l’uso con uno strumento a corda che richiede l’accordatura Un modello con accordatore.
Da utilizzare in luoghi diversi Un modello piccolo, digitale e facile da trasportare.
Con segnale visivo Un metronomo meccanico, visto che l’asta è un eccellente segnale visivo. O uno digitale con un segnale LED.
Per iniziare nel mondo della musica Un modello economico e facile da usare.
Per rilassarti e/o ,editare Un modello che produca un suono piacevole.
Per usarlo in eventi con pubblico Un modello che non solo sia preciso, ma che abbia anche un design elegante.

Range di tempo

Quando scegli un metronomo, non devi solo prendere in considerazione il suo range dei tempi, ma dovresti anche controllare se consente la suddivisione dei tempi o dei ritmi. Tieni presente che i termini italiani per indicare il movimento e la direzione della musica sono solitamente divisi in tre gruppi principali che vanno da 40 BPM a 208 BPM.

Pertanto, è essenziale che ti assicuri che il metronomo che scegli copra almeno questo range. Nella tabella seguente puoi vedere queste tre divisioni.

Grupoo di movimenti Range di tempi Termini che indicano il tempo
Movimenti lenti Da 40 BPM a 72 BPM. Grave, largo, lento e adagio, tra gli altri.
Movimenti medi Da 72 BPM a 120 BPM. Andante, andantino, animato e con moto, tra gli altri.
Movimenti rapidi Da 120 BPM a 208 BPM. allegro, vivace e presto, tra gli altri.

Funzioni

Ovviamente, la funzione principale dei metronomi è quella di scandire il tempo delle composizioni musicali. Tuttavia, la verità è che i modelli attuali, soprattutto quelli digitali, hanno una serie di interessanti funzioni aggiuntive. Per cominciare, ci sono quelli che fungono anche da accordatori.

Molti hanno anche una memoria per ricordare certi ritmi. Esistono anche modelli in grado di trovare il ritmo di una canzone. Senza dimenticare quelli che hanno un segnale visivo oltre al segnale acustico. E, naturalmente, quelli digitali consentono di modificare il volume del suono.

View this post on Instagram

Vi presento il mio amico #metronomo #edumusic #impara #bm

A post shared by BM (@beatricemercury) on

Design

Quando consideri il design del metronomo, devi valutare due aspetti principali. Da un lato, l’estetica, che acquista un’importanza speciale se utilizzerai il metronomo in presentazioni pubbliche o se lo terrai in un luogo visibile nel tuo studio o in sala prove.

E, d’altra parte, il suo peso e le sue dimensioni, soprattutto se dovrai portarlo spesso con te alle prove, alle lezioni o agli incontri con gli amici. In questo senso, i metronomi digitali hanno chiaramente un vantaggio, poiché sono solitamente piccoli e abbastanza compatti. Certo, esteticamente, non c’è dubbio che escano da perdenti.

A batteria o a corda

I metronomi digitali possono avere una batteria incorporata o utilizzare pile. Nel primo caso è importante che tu controlli la sua autonomia e come deve essere caricata, che solitamente avviene tramite una porta USB. Se usi le pile devi tenere conto che di tanto in tanto dovrai sostituirle.

Inoltre, potrebbe anche essere conveniente disporre di un indicatore LED che avvisa quando la batteria o le pile si stanno scaricando. Se scommetti invece su un metronomo meccanico, dovrai caricarlo ogni tanto. La frequenza con cui eseguire questa operazione varia da un modello a un altro.

Aldous HuxleyScrittore
“Dopo il silenzio, ciò che più si avvicina all’espressione dell’inesprimibile è la musica”.

Conclusioni

Il metronomo è uno strumento utilizzato principalmente dai musicisti, sia dilettanti che professionisti, e aiuta a mantenere correttamente il tempo di una composizione. Ne esistono fondamentalmente tre tipi diversi: metronomi tradizionali meccanici o a corda, digitali e software.

Prima di optare per uno o un altro, dovresti avere chiaro l’uso che ne farai. Altri aspetti importanti che devi considerare sono le funzioni che ha e il suo range dei tempi. Il resto dipende da te e dalle molte ore di pratica che impieghi per migliorare le tue abilità musicali.

Se ritieni che questa guida all’acquisto sia stata utile nel tuo processo di scelta del metronomo, puoi scriverci un commento o condividerla sui diversi social network. Puoi anche farci una domanda, a cui risponderemo il prima possibile!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Gudella: 103898019/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di noi?

Recensioni