Non molto tempo fa era difficile trovare microfoni wireless di qualità, dato che la tecnologia a disposizione impediva lo sviluppo di dispositivi di questo tipo capaci di trasmettere il suono fedelmente nei diversi formati esistenti. Oggi però è possibile, questo vuol dire che possiamo fare a meno del fastidio dovuto ai cavi ingombranti e attorcigliati.

Il “problema” adesso è quale microfono wireless scegliere tra i migliori sul mercato, dato che esistono tantissime opzioni. La scelta in larga parte dipende dal tuo budget e dalle tue necessità: per aiutarti a prendere la decisione corretta ti invitiamo a continuare la lettura di questo articolo sui migliori microfoni wireless economici e di fascia medio-alta.

Le cose più importanti in breve

  • A seconda dell’uso che intendi farne dovrai scegliere tra un tipo di microfono wireless e un altro. Esistono microfoni wireless tascabili, a mano o a pinza. Valuta ciò che preferisci sacrificare, sia la mobilità oppure il suono.
  • Se stai cercando un microfono wireless professionale è meglio acquistarne uno che funzioni con le frequenze UHF. I VHF sono più simili a giocattoli (e anche più economici).
  • Un buon acquisto dipende dal suo scopo. Se cerchi un microfono wireless per cantare non dovresti sceglierne uno indicato per registrare il suono dell’ambiente o predisposto per catturare i suoni secondari. Stai attento alle specifiche.

I migliori microfoni wireless sul mercato: la nostra selezione

Forse stai cercando un microfono wireless di una specifica marca, ma qui di seguito ti proponiamo quelli che, secondo le recensioni, sono i migliori prodotti su Amazon. Troverai elencate sia le caratteristiche di ognuno che un breve riassunto delle opinioni rilasciate dagli acquirenti. Puoi così confrontare le differenti opzioni e fare la tua scelta in maniera più sicura.

AKG  WMS 40

Questo microfono wireless firmato AKG è dotato di tre led per capire se l’articolo è spento, conoscere la potenza del segnale ricevuto, l’audio clipping, il controllo volume e l’uscita bilanciata tramite jack. Il microfono è a singola frequenza fissa e la larghezza della banda varia da 40 Hz a 20 Mhz, mentre il segnale rapporto/rumore è di 110 decibel.

Le recensioni degli acquirenti, principalmente positive, citano l’ottimo rapporto qualità-prezzo, poiché ad un costo relativamente contenuto il prodotto offre un’eccellente qualità del suono, con una vasta portata e con volumi ben proporzionati. Inoltre, elemento aggiuntivo è la robustezza, in quanto realizzato con materiali solidi e resistenti agli urti.

TONOR

Questo nuovo prodotto della TONOR è un microfono wireless dotato di un’ottima qualità audio, la quale raggiunge livelli professionali ed è impiegabile in diversi contesti di canto. Il sistema dispone di 25 canali UHF selezionabili, riducendo così la possibilità di interferenze e disturbi. Infine, è facile da connettere e la batteria dura circa 4 ore.

L’elevato numero di recensioni positive cita l’eccellente rapporto qualità-prezzo, in quanto per un prezzo accessibile offre un prodotto con una buona qualità audio e privo di interferenze. Inoltre, è molto leggero e maneggevole, adatto quindi in contesti sociali in cui parlano più persone. Viene consigliato per un utilizzo amatoriale oppure domestico.

LESHP S9-UHF

Questo microfono wireless dispone di una gamma di frequenza che varia dai 50 Hz fino ai 18 kHz e prevede un’ampia gamma di risposta in frequenza. Inoltre, è bassa la distorsione al suono prodotta. Le due antenne di cui è equipaggiato massimizzano la potenza e aumentano la distanza del segnale. La frequenza è fissa e subisce poche interferenze.

Il prodotto viene recensito con tanti commenti positivi, molti dei quali elogiano la sua facilità di utilizzo e velocità di connessione alla rete e al bluetooth. Inoltre, è un articolo che viene giudicato comodo e pratico nei momenti di discorsi in pubblico. Gradito anche esteticamente e una nota di merito va al rapporto qualità-prezzo.

EIVOTOR

Questo microfono targato EIVOTOR dispone di 25 frequenze selezionabili non suscettibili alle interferenze elettriche, in modo da fornire così una trasmissione del segnale stabile. Il dispositivo può, fra le altre possibilità, collegarsi ad una porta USB. Inoltre, sono presenti adattatori AUX da 3,5 mm. Il microfono riduce il rumore di fondo e sopprime l’ululato.

Le molte recensioni positive elogiano questo prodotto in quanto il rapporto qualità-prezzo è ottimo e il microfono è leggero e pratico da usare. Inoltre, la qualità audio è eccellente e non sembra riportare particolari interferenze o disturbi. Apprezzato, infine, perché è possibile utilizzarlo in qualsiasi contesto, come una festa o un karaoke con gli amici.

ARCHEER Microfono Wireless

Questo prodotto consiste nell’ultima versione di microfono wireless targato ARCHEER e dispone di una batteria ricaricabile integrata wireless e mediante USB. Non necessita di batterie aggiuntive ed è quindi eco friendly. Il microfono può essere collegato ad altri dispositivi audio, come altoparlanti o mixer, tramite il ricevitore bluetooth.

Molte sono le recensioni positive. Gli utenti elogiano in particolare il rapporto qualità-prezzo, in quanto il costo basso rispetto alla categoria offre una prestazione e qualità audio ottima. Inoltre, il microfono è leggero e pratico da maneggiare e passare ad amici o colleghi. Gradita la presenza di molti pulsanti per regolare a fondo volume e suoni.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sui microfoni wireless

Sia che servano per parlare in pubblico, cantare o divertirsi con una sessione di karaoke, i migliori microfoni wireless sono sempre un grande alleato. Grazie a loro, e in particolare alla libertà di movimento che offrono, puoi catturare l’attenzione del pubblico con più facilità. Ma cosa dovresti sapere prima di deciderti a comprarne uno?

microfono-wireless-prima-xcyp1

Devi analizzare l’uso che farai del microfono: da questo dipenderà la scelta del modello più adatto alle tue esigenze. (Fonte: Jozef Polc: 16334616/ 123rf.com)

Cos’è un microfono wireless e a cosa serve?

I microfoni wireless sono dispositivi in grado di catturare suoni e trasmetterli in radiofrequenza. Il loro vantaggio principale è l’assenza di cavi: siano scene televisive, musicali o di intrattenimento tra amici ci si imbatte spesso in questi dispositivi. Con i microfoni wireless si gode di una maggiore libertà di movimento, senza per questo dover sacrificare la qualità.

La loro utilità in realtà è molto ampia. I migliori microfoni wireless possono essere sia professionali che non e sono quindi un ottimo strumento per presentazioni di fronte a una folla e per performance musicali frenetiche, ma anche per notti di risate ed eccessi con il karaoke.

foco

L’acquisto di un tipo o di un altro dipenderà dall’uso che intendi farne.

Quali sono i vantaggi di acquistare uno dei migliori microfoni wireless?

Sai già come funziona e a cosa serve un microfono wireless, ma potresti avere ancora dei dubbi sui vantaggi di acquistare uno dei migliori modelli economici o di fascia medio-alta. Per questo ti invitiamo a dare un’occhiata alla tabella seguente, sarai sorpreso di scoprire il numero di aspetti positivi che in realtà possiedono:

Vantaggi: Facilità di installazione dovuta all’assenza di cavi e collegamenti complessi, consentono la massima mobilità e incrementano la sicurezza e le capacità di chi li utilizza. Grazie ai progressi tecnologici i migliori microfoni wireless offrono un suono all’altezza delle opzioni analogiche più avanzate.

L’autonomia dei migliori microfoni wireless non scende in genere al di sotto delle 25 ore, una durata considerevole se pensiamo che la maggior parte di questi dispositivi utilizza una o due pile AA. Esiste una vasta gamma di opzioni disponibili, dai microfoni wireless professionali ad altri più adatti per lo svago. Oggi molti di questi modelli sono composti da materiali di alta qualità e registrano una lunga vita utile.

Svantaggi: Alguni modelli possono essere molto sensibili alle interferenze radio e provocare suoni di disturbo, casi che comunque sono sempre meno frequenti.

Quanti tipi di microfoni wireless esistono?

Il mondo dei microfoni wireless presenta diversi criteri di classificazione e fra questi ovviamente c’è il tipo. I microfoni wireless variano nel design e nelle caratteristiche a seconda dell’uso per cui sono stati creati. Ad esempio per casi in cui hai bisogno di avere le mani libere esistono microfoni wireless tascabili.

Riguardo a questo tipo di microfoni i più discreti sono quelli da cravatta, invece se parliamo di qualità del suono i migliori dispositivi wireless sono quelli a mano. Molti di questi modelli presentano design ultra ergonomici che ti permettono di usarli per ore senza affaticare mani e braccia.

Luis del OlmoSpeaker radiofonico e giornalista spagnolo

“Non so cosa farei senza un microfono, sarei perso, starei nel deserto a cacciare uccelli”.

Esistono inoltre anche microfoni wireless a pinza, una variante che risulta ottima se cerchi di catturare il suono di uno strumento (come una chitarra o un basso). Anche se di norma lo strumento si collega tramite dei cavi, l’utilizzo di un sistema di microfoni wireless ti offre la possibilità di ottenere un suono più naturale ed è ideale per generi come il folk.

Cos’è il trasmettitore in un microfono wireless?

I migliori microfoni wireless sono dotati di un trasmettitore. Si tratta di una parte essenziale che consente al dispositivo di convertire il segnale audio che genera in un segnale a radiofrequenza e quindi emetterlo nell’ambiente. Sebbene abbia bisogno di un ricevitore (ne parleremo nella sezione successiva) è la base del funzionamento di questi modelli.

Oggi esistono due tipi di trasmettitore: a mano e tascabile. Il primo viene integrato nel microfono e nel dispositivo di trasmissione radio (esattamente nel tubo dell’impugnatura). Il secondo si può collegare a un microfono da testa, a uno strumento o persino a un cavo per chitarra o basso.

Cos’è il ricevitore in un microfono wireless?

Il ricevitore è un’altra delle parti fondamentali del funzionamento di un microfono wireless. Si collega all’ingresso del microfono e raccoglie il segnale radio emesso dal trasmettitore, quindi una volta ricevuto lo converte in un segnale elettrico. In genere il ricevitore funziona collegato alla corrente, sebbene ne esistano alcuni tascabili.

I ricevitori più efficienti e professionali sono conosciuti come diversity, i quali garantiscono una ricezione del segnale superlativa grazie all’uso contemporaneo di due antenne che lavorano in modo che in ogni momento sia operativa solo quella che riceve il segnale più potente. I migliori microfoni wireless di solito integrano questo tipo di ricevitore.

microfono-wireless-prodotto-xcyp1

Generalmente i migliori microfoni wireless offrono una vasta gamma di frequenze. (Fonte: Phanlop Boonsongsomnukool: 11964528/ 123rf.com)

Cos’è la radiofrequenza in un microfono wireless?

La radiofrequenza è correlata ai trasmettitori e ricevitori: affinché questi funzionino devono comunicare tra loro tramite le stesse radiofrequenze, note come frequenze operative. Ciò consente di utilizzare contemporaneamente diversi sistemi wireless, ognuno dei quali presenterà la propria frequenza operativa evitando così sovrapposizioni e interferenze.

C’è da dire inoltre che molti microfoni wireless sono multi-frequenza, cosa che rende più semplice lavorare con diversi sistemi contemporaneamente, soprattutto se si tratta di modelli simili. Generalmente i migliori microfoni wireless offrono una vasta gamma di frequenze, permettendoci così di cambiarle quando quella che funzionava fino a ieri smette di farlo nella sessione attuale.

Quali tipi di radiofrequenze utilizzano i microfoni wireless?

A seconda del tipo di radiofrequenza utilizzata dal microfono wireless, possiamo parlare di tre tipi di radiofrequenze utilizzate dai microfoni wireless, sebbene due di queste coprano difatti quasi tutte le analisi e i modelli: stiamo parlando dei più importanti, i VHF e gli UHF. In base al tuo bisogno di cercare un microfono wireless più professionale o meno, dovresti optare per l’uno o l’altro.

Di seguito trovi una tabella comparativa con i tipi di subwoofer:

VHF (de 30 a 300 MHz) UHF (de 300 MHz a 3 GHz)
Vantaggi Inconvenienti Vantaggi Inconvenienti
Sono realmente economici.

Ideali per situazioni di relax, giocose e lontane dall”ambito professionale.

Quelli di minore qualità subiscono interferenze costanti. La loro affidabilità e qualità sono fuori di dubbio.

Sono microfoni wireless destinati a soddisfare le esigenze dei professionisti.

Il loro prezzo può arrivare a essere proibitivo.

Il terzo sistema è quello di trasmissione digitale, presentato dai microfoni wireless di fascia alta. Questi microfoni funzionano con una frequenza di 2,4 GHz e il loro vantaggio principale è quello di non avere compressione del segnale, cosa che consente loro di offrire una qualità del suono praticamente ineguagliata. In compenso la distanza di trasmissione è inferiore alla UHF.

Criteri di acquisto

Ora che sai come funzionano i microfoni wireless è giunto il momento di scegliere il tuo, ma non correre, ci sono ancora alcuni quesiti da risolvere. Se vuoi acquistare uno dei migliori microfoni wireless del mercato devi essere in grado di valutare diversi aspetti: alcuni li abbiamo già analizzati nella sezione precedente, gli altri te li riveliamo qui di seguito.

  • Budget
  • Suoni e voci che vuoi catturare
  • Direzionalità e curva di risposta
  • Tipo di frequenza

Budget

Purtroppo anche questo è un punto essenziale, ma data la varietà dei modelli presenti sul mercato siamo in grado di aggirare facilmente l’ostacolo. Molti dei migliori microfoni wireless non richiedono difatti un esborso esorbitante o proibitivo: puoi sempre arrivare a pagare centinaia di euro per uno, ma esistono anche ottimi modelli venduti a meno di 100 €.

Suoni e voci che vuoi catturare

Dopo il budget questo aspetto è senza dubbio il più importante. Si tratta di analizzare la sorgente sonora e comprenderne le dimensioni: per fonte sonora ci riferiamo all’elemento che si vuole catturare con il microfono, infatti avremo bisogno di modelli diversi in base per esempio alla necessità di registrare la voce di un cantante oppure il suono ambientale di una campagna.

Quando lavori con il suono dovresti sapere prima di tutto quali sono i tuoi obiettivi, inoltre la quantità di microfoni e il loro tipo sono essenziali a tal proposito. Ad esempio se sei un insegnante forse cercherai un microfono wireless tascabile, se invece suoni in un gruppo potresti optare per un modello che integri due microfoni.

Porfirio Barba JacobPoeta colombiano

“Vale più l’oro del suono che il suono dell’oro”.

Direzionalità e curva di risposta

Anche la direzionalità è importante, trattandosi della capacità di cattura del microfono. I microfoni omnidirezionali captano suoni che arrivano da tutte le direzioni, mentre i bidirezionali solo quelli che arrivano da dietro e da davanti. Entrambe le opzioni sono ideali per catturare il suono ambientale, mentre non ti saranno di grande utilità se sei un cantante.

In questo caso preferirai sicuramente un microfono cardioide o supercardioide, dato che entrambi catturano il suono frontale. Questo sistema è tipico dei migliori microfoni wireless a mano: la differenza tra l’uno e l’altro è la distanza di cattura, che per i secondi è più lontana. Entrambi cercano di respingere i suoni laterali.

microfono-wireless-particolare-xcyp1

Il ricevitore si collega all’ingresso del microfono e raccoglie il segnale radio emesso dal trasmettitore. (Fonte: Vadym Zaitsev: 13884241/ 123rf.com)

La curva di risposta ha a che fare invece con il modo in cui il microfono risponde alle diverse frequenze. Ad esempio alcuni microfoni wireless funzionano in maniera efficace con le frequenze della voce umana, mentre altri sono progettati per catturare le frequenze che sfuggono a tale intervallo (come colpi o altri suoni ambientali).

Tipo di frequenza

Come spiegato già nella sezione precedente, i migliori microfoni wireless funzionano con tre tipi di frequenze: VHF, UHF e con il sistema di trasmissione digitale. Quella VHF è considerata di consumo massivo, ciò significa che è presente nei microfoni wireless usati per gioco e il suo suono in genere è peggiore.

La frequenza UHF e il sistema di trasmissione digitale cercano invece di offrire un suono superiore e inoltre normalmente presentano un livello di interferenza minore. Sono quindi microfoni wireless progettati per un uso più professionale (per cantanti o persone che vogliono registrare in studio) e naturalmente l’alta qualità tende ad essere costosa.

Conclusioni

I migliori microfoni wireless ti rendono la vita più facile, non solo perché ti permettono di rinunciare al fastidio dei cavi, ma perché ti offrono così tante opzioni che puoi acquistare un modello di qualità a un prezzo equo. Ovviamente prima di scegliere il tuo modello devi avere ben chiaro per cosa lo utilizzerai.

In questo senso dovresti perciò valutare diversi aspetti, come il tipo di frequenza, la direzionalità e la curva di risposta, tutti elementi che diventano essenziali al momento di acquistare uno dei migliori microfoni wireless a un prezzo economico. Perché in base al tuo bisogno di avere un’opzione più professionale o meno dovrai scegliere tra un modello o l’altro.

Con questo articolo speriamo di aver risposto a ogni tua domanda. Se ti siamo stati d’aiuto condividi la nostra guida sul microfono wireless sui tuoi social network come Twitter e Facebook!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Macor: 37352276/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di noi?

Daniele Longo Redattore e traduttore
Scrivere mi è sempre piaciuto fin da piccolo e per questo ho voluto trovare una professione che mi permettesse di farlo. Sono appassionato di fai da te e fumetti, ma scrivo anche di tecnologia, salute e benessere, perché sono curioso e mi piace fare ricerche sui diversi argomenti.
Come redattore e traduttore di contenuti, per me la scrittura è un'opera orafa che dovrebbe servire a decorare e completare la vita del lettore. Per quanto riguarda la mia vita personale, non concepisco il mondo senza dischi in vinile, la poesia di Jaime Gil de Biedma, i miei due gatti (Molly e Cohen) e il clutch time della NBA.