Monopattino elettrico
Ultimo aggiornamento: 24/09/2020

Il nostro metodo

10Prodotti analizzati

21Ore di lavoro

18Fonti e riferimenti usati

62Commenti valutati

Il monopattino elettrico va decisamente di moda. Inizialmente presente nelle città con pochi esemplari, in pochissimi anni è diventato un mezzo di trasporto popolarissimo. È rapido, ecologico, economico e anche molto semplice da usare. Inoltre, a differenza di quanto accade con le biciclette, non c’è il rischio che venga rubato.

E la cosa più interessante di tutte è che può arrivare ad essere anche più veloce dei mezzi pubblici, o anche di moto e auto. Soprattutto nelle ore di maggior traffico, quando si verificano ingorghi. E, naturalmente, comporta minori spese. Ma non tutti i monopattini elettrici offrono le stesse prestazioni. Vediamo insieme le diverse opzioni e caratteristiche!




Le cose più importanti in breve

  • Il monopattino elettrico, essendo comodo, sicuro, ecologico ed economico, rappresenta una fantastica alternativa per gli spostamenti urbani.
  • Oggi, i monopattini elettrici si trovano in una specie di limbo legale: le regole al riguardo tendono a cambiare, quindi devi sempre rimanere aggiornato per usarne uno tranquillamente.
  • Quando scegli un monopattino elettrico prima di tutto devi avere ben chiaro l’uso ne farai. Alla fine dell’articolo troverai alcuni criteri di acquisto da tenere in considerazione, come la potenza, la velocità e l’autonomia.

I migliori monopattini elettrici sul mercato: la nostra selezione

Prima di iniziare con la nostra guida all’acquisto, vogliamo offrirti la nostra selezione di alcuni dei migliori monopattini elettrici. Vi troverai modelli popolari come lo Xiaomi Mi Electric Scooter Pro, fino ad altri di fascia alta, come il Kugoo G2 PRO.

Il monopattino elettrico preferito dagli acquirenti

Non c’è da stupirsi se il monopattino elettrico favorito dai consumatori sia prodotto da Segway, azienda leader nel settore degli scooter elettrici. Il modello in esame, il Ninebot ES2, offre il giusto equilibrio fra costo e prestazioni, con una struttura solida e leggera (appena 12,5 kg) ed un’autonomia nella media, pari a circa 25 km per carica.

È dotato di cruise control per le lunghe distanze, display per la velocità, ruote ammortizzate e fanalini LED. Le recensioni sono tante e generalmente molto positive, e lo descrivono come un prodotto pratico e di ottima qualità. Molto buona anche l’applicazione per smartphone, che tramite connessione bluetooth si collega al monopattino per una più fine configurazione.

Il monopattino elettrico più conveniente

Il Lexgo R9 Lite è un monopattino relativamente economico che, a dispetto dei modelli venduti a qualche decina di Euro in meno, è in grado di offrire una buona qualità dei materiali, prestazioni adeguate, ed una certa sicurezza per il guidatore. Il motore elettrico da 350 W può essere impostato per raggiungere 3 velocità, ed è alimentato da una batteria da 6 Ah che garantisce al mezzo un’autonomia di circa 18 km.

È pieghevole ed è dotato di fanalini e display LED. Per gli utenti si tratta di un prodotto valido ed affidabile, capace di affrontare anche le strade dissestate o in pendenza.

Il monopattino elettrico con la migliore autonomia

Il monopattino Xiaomi Mi Pro 2 è una proposta che gode di un certo successo fra gli utenti online, per merito dell’ottima autonomia dichiarata di 45 km per singola carica. In base al peso e alla velocità, gli acquirenti dichiarano che l’autonomia scende fino ad un minimo di 30 km, che resta comunque un valore notevolmente sopra la media.

Le ruote sono ammortizzate ed è omologato per utenti fino a 100 kg, mentre la velocità massima del motore da 300 W è di 25 km/h. È altamente personalizzabile tramite app, ed è dotato di cruise control e KERS (sistema per il recupero dell’energia cinetica). Gli acquirenti sono soddisfatti delle migliorie e delle novità rispetto ai modelli Xiaomi precedenti, e lo considerano uno dei monopattini migliori in assoluto.

Il miglior monopattino elettrico di alta gamma

Il Kugoo G2 PRO è un monopattino di fascia alta che garantisce prestazioni e qualità costruttive ai vertici. Monta un motore da 800 W alimentato da una batteria da 48 V e 13 Ah, ed è capace di affrontare senza difficoltà salite di 15° e di raggiungere una velocità di 50 km/h. Gli pneumatici sono da 10″, quindi più grandi rispetto ai modelli meno costosi che sono invece da 8,5″.

È dotato di fanalini, freni a disco ed ammortizzatori, mentre il peso massimo dell’utente è di 120 kg. Gli acquirenti ne sono entusiasti e lo reputano un prodotto affidabile e di ottima qualità, potente ed anche bello da vedere.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sui monopattini elettrici

Se stai pensando di acquistare un monopattino elettrico, può darsi che tu abbia qualche dubbio circa il funzionamento, il costo o le leggi che ne regolano l’uso. Noi di REVIEWBOX ne siamo consapevoli e, per questo, abbiamo preparato questa completa sezione che ti aiuterà a risolverli.

Mujer en su patinete

I monopattini elettrici, essendo comodi, sicuri, ecologici e molto economici, rappresentano una fantastica alternativa per gli spostamenti urbani. (Fonte: Hootie2710: 133298176/ 123rf.com)

A chi si consiglia l’acquisto di un monopattino elettrico?

Il modo di percepire i monopattini elettrici è cambiato molto e molto rapidamente, negli ultimi anni. Inizialmente, venivano considerati più che altro come giocattoli, mentre oggi rappresentano una delle proposte più promettenti per trasformare la mobilità urbana. E così, sono sempre più numerosi i giovani – e anche meno giovani – abitanti di città che puntano su questi mezzi.

Tuttavia, i monopattini elettrici non rappresentano soltanto un’interessante alternativa di trasporto per le grandi città. Di fatto, le loro particolari prestazioni in termini di velocità e autonomia li rendono un’eccellente scelta sia per piccole capitali che per paesi di medie dimensioni. Senza dimenticare i modelli per bambini e adolescenti.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi del monopattino elettrico?

L’elenco dei vantaggi dei monopattini elettrici è davvero lungo. Nella seguente tabella, puoi consultare i più importanti, insieme ai principali svantaggi.

Vantaggi
  • Il costo per tragitto è inferiore a quello di altri mezzi di trasporto.
  • Sono più ecologici di auto e moto.
  • Occupano poco spazio, quindi si possono tenere in casa o in ufficio.
  • Il prezzo non è molto elevato, a confronto con quello delle biciclette elettriche.
  • Sono molto facili da utilizzare.
  • Sono davvero versatili, puoi usarli in diverse circostanze.
  • Sono divertenti e spensierati.
  • Al contrario delle biciclette, utilizzarli non richiede alcuno sforzo.
Svantaggi
  • Non possono circolare in determinate zone della città.
  • In alcuni modelli, l’autonomia è piuttosto ridotta.

Come funziona un monopattino elettrico?

In un monopattino elettrico, la batteria alimenta il motore che, a sua volta, è azionato da una centralina che gestisce la potenza del motore. Il motore, dal canto suo, trasmette il movimento alle ruote attraverso la trasmissione. In sintesi, le parti principali di un monopattino elettrico sono:

  • Motore elettrico: Sono solitamente motori brushless, che offrono una grande affidabilità e hanno un prezzo piuttosto economico. Normalmente, presentano una vita utile superiore a quella degli altri elementi.
  • Batterie: Anche se, in passato, si trovavano solitamente monopattini con batterie piombo-acido, oggi è decisamente comune trovare batterie al litio. Questo tipo di batterie, in generale, consente fino a 1.000 cicli di carica e presenta un formato da 12 V (volt) o multipli di 12 V.
  • Centralina: È il dispositivo che controlla la potenza che il motore trasmette alle ruote.
  • Trasmissione: Può essere a cinghia, a catena o diretta. Quest’ultima è quella che richiede meno manutenzione.

Come si carica un monopattino elettrico?

Caricare il monopattino elettrico è davvero semplice, ma è comunque importante tenere in considerazione una serie di questioni e, naturalmente, seguire sempre le istruzioni del produttore. Per iniziare, per caricare la batteria, devi soltanto collegarla ad una presa di corrente. A partire da qui, ti consigliamo di tenere presenti le seguenti questioni:

  • La prima carica non deve necessariamente essere di otto ore. Attualmente, le batterie sono offerte di fabbrica con il 60% di carica, quindi non è necessario lasciarle in carica per più tempo del necessario.
  • Non conviene far scaricare completamente la batteria. Di fatto, l’ideale sarebbe caricare il monopattino con la batteria meno carica possibile. Quando una batteria si scarica completamente, c’è il rischio che si rovinino alcune celle interne, cosa che, alla lunga, tende a danneggiare la batteria.
  • Devi sempre caricare la batteria con il monopattino spento. Questa è una vera regola d’oro: non metterlo mai in carica acceso.
  • Se il monopattino si carica per tutta la notte, non succede nulla. Le batterie dispongono di un sistema di protezione dai sovraccarichi, quindi non sussiste alcun rischio.
  • Utilizza sempre caricabatterie compatibili con la batteria. E, naturalmente, anche batterie compatibili con il monopattino.
Hombre relajado

Uno dei vantaggi dei monopattini elettrici è che occupano poco spazio, quindi si possono tenere in casa o in ufficio. (Fonte: Apolka: 127501194/ 123rf.com)

Quanto costa caricare la batteria di un monopattino elettrico?

Caricare un monopattino elettrico è davvero economico. Per farti un’idea, la batteria dello SmartGyro Xtreme SpeedWay V2.0, uno dei modelli con maggiore autonomia, ha una capacità di 13.000 mAh (milliampere-ora). Ciò equivale all’incirca a due volte e mezza la capacità della batteria di un Samsung Galaxy S20 Ultra 5G. Ma facciamo qualche calcolo.

  1. Partiamo da questo stesso modello di monopattino. Le specifiche della sua batteria sono: 13.000 mAh, 48 V e sette ore di tempo di ricarica.
  2. Quindi: 13.000 mAh x 48 V = 624.000 mWh (milliwattora) = 624 Wh = 0,624 kWh.
  3. Il prezzo del kWh delle diverse compagnie energetiche varia a seconda della fascia oraria e del periodo dell’anno, ma possiamo considerare 0,030 €/kWh, il valore medio secondo la tariffa regolamentata ARERA (Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente). Quindi, risulta: 0,624 kWh x 0,030 €/kWh = 0,01872 € ogni volta che carichi il monopattino.

Quale tipo di manutenzione richiede il monopattino elettrico?

La manutenzione dei monopattini elettrici è piuttosto semplice. Ma ciò non significa che non sia necessario seguire una serie di raccomandazioni. Quindi, si consiglia di:

  • Non mettere in carica la batteria subito dopo essersi fermati: è preferibile aspettare per un po’ e lasciar raffreddare il monopattino.
  • Regolare la pressione delle ruote in base al peso della persona e controllarla ogni dieci giorni.
  • Utilizzare liquido antiforatura per le ruote.
  • Non lasciare la batteria in luoghi molto caldi. L’ideale è che la temperatura sia inferiore ai 30 ºC.
  • Non lasciare la batteria totalmente scarica per lunghi periodi di tempo, dato che potrebbe smettere di funzionare.

Quali leggi regolano l’uso dei monopattini elettrici?

La legge 28 febbraio 2020, n. 8, contiene disposizioni sulla circolazione dei dispositivi per la cosiddetta micromobilità elettrica, disciplinando quindi anche la circolazione dei monopattini elettrici. Prima di tutto, i monopattini possono essere usati soltanto dai maggiori di 14 anni e, per i minorenni, è previsto l’obbligo dell’uso del casco.

Possono circolare soltanto sulle strade urbane dove è previsto un limite di velocità pari a 50 km/h e sulle piste ciclabili delle strade extraurbane. Il limite di velocità è di 25 km/h sulle strade e 6 km/h nelle zone pedonali. Si è inoltre tenuti a reggere il manubrio con entrambe le mani, quindi è vietato, ad esempio, utilizzare il cellulare.

Criteri di acquisto

Non tutti i monopattini elettrici offrono le stesse prestazioni. Perciò, al momento di scegliere quello che ti conviene di più, può risultare utile contare su una serie di criteri di acquisto. Qui di seguito, puoi consultare quelli che riteniamo essere i più importanti.

Uso che farai del monopattino

A seconda della lunghezza del tragitto che devi effettuare, avrai bisogno di tipi diversi di monopattino elettrico. La stessa cosa vale a seconda che tu voglia utilizzarlo come un giocattolo o come un vero e proprio mezzo di trasporto. Nella seguente tabella, ti offriamo alcuni consigli per ciascun caso.

A che cosa ti serve il monopattino Ti può interessare
Per un bambino. Un modello più piccolo, con meno potenza e con velocità più ridotta.
Per spostamenti urbani lunghi o interurbani. Un modello con notevole autonomia.
Per spostamenti urbani corti, ma molto frequenti. Un modello leggero e che si apra e chiuda facilmente.
Per una persona anziana. Un modello con sistema di controllo e guida semplici.
Per un uso intensivo. Un modello con un design robusto e di gamma alta per accertarti che sia durevole.
Se passi abitualmente su superfici molto irregolari. Un modello robusto, con doppio sistema di ammortizzazione e ruote larghe.

Velocità

Ultimamente, sono sempre più numerosi i produttori che stanno puntando sui limiti di velocità di 25 km/h per adeguarsi alle norme al riguardo. In ogni caso, oggi è possibile trovare da monopattini giocattolo che non superano i 6 km/h fino a modelli che superano i 40 km/h.

Comunque sia, per la maggior parte dei tragitti che effettuerai negli ambienti urbani, non avrai bisogno che il tuo monopattino elettrico raggiunga grandi velocità. Dall’altra parte, ti conviene tenere presenti le diverse modalità di guida che presenta e quali sono i suoi limiti di velocità. E, infine, tieni in considerazione che, in generale, una maggiore velocità influirà sul prezzo, che risulterà più elevato.

Mujer en su ciudad

Ti raccomandiamo di non lasciare la batteria in luoghi troppo caldi. L’ideale è che la temperatura sia inferiore ai 30 ºC. (Fonte: Dmytro: 88656665/ 123rf.com)

Potenza

Non solo è importante tenere in considerazione la velocità massima di un monopattino elettrico, ma devi anche concentrarti sulla sua potenza, dato che maggiore sarà, più sarà facile effettuare le salite. In alcuni luoghi o città, questo aspetto può risultare fondamentale.

Dall’altra parte, è importante distinguere tra potenza nominale e potenza massima. La prima è quella che il monopattino può fornire in maniera continuativa, mentre la potenza massima è quella che è in grado di offrire in maniera tempestiva nel caso si rendesse necessario. In ogni caso, entrambe si misurano in watt (W). Un buon valore per la prima può essere intorno ai 300 W.

Autonomia della batteria

In generale, l’autonomia dei monopattini elettrici è compresa tra i 20 km e i 45 km. Se conti di utilizzare il tuo monopattino elettrico per spostamenti brevi, potrebbe essere sufficiente un modello da 20 km, soprattutto se vivi in una grande città. Se, invece, hai bisogno di maggiore autonomia, forse ti conviene puntare su quelli da 45 km.

Inoltre, è importante verificare qual è il tempo di carica della batteria, dato che, a volte, non devi effettuare lunghi spostamenti, ma diversi brevi nel corso della giornata. In questi casi, potresti aver bisogno di un monopattino con tempi di carica piuttosto veloci. Dall’altra parte, è anche utile tenere in considerazione il numero massimo di cicli di carica che la batteria consente.

foco

Rispetto alla possibilità del noleggio, disporre di un tuo personale monopattino elettrico ti assicura massima disponibilità e migliori prestazioni. Inoltre, è più economico.

Controllo e guida

Anche se può sembrare che non esista una grande differenza nel controllo e nella guida dei diversi monopattini, in realtà c’è. Di fatto, per notarlo, è sufficiente avviare il monopattino. Quindi, ti conviene tenere in considerazione aspetti come la stabilità, le ruote, i sistemi di ammortizzazione e di frenata.

Per il resto, in conclusione, la guida è una questione di sensazioni. È inoltre consigliabile verificare se il monopattino elettrico è dotato di un display di controllo e, se sì, quali informazioni offre. Più complete e intuitive saranno tali informazioni, meglio sarà. E non dimenticare di controllare la sensibilità del sistema di frenata.

Conclusioni

L’avvento dei monopattini elettrici nelle grandi città, negli ultimi anni, ha rappresentato un vero fenomeno mediatico. Per molte persone, sono stati un’autentica sorpresa. Di fatto, si è trattato di una manifestazione ulteriore dell’attuale tendenza verso una nuova forma di mobilità urbana.

Si punta sempre più verso mezzi di trasporto comodi, ecologici, versatili e sicuri. E i monopattini elettrici offrono tutto questo e molto altro, oltre ad essere davvero economici. Inoltre, il grande vantaggio di contare su un proprio monopattino è il fatto di avere la certezza di averlo sempre a tua disposizione. E, dato che sono leggeri e pieghevoli, si possono portare facilmente ovunque.

Per concludere, se pensi che questa guida sia stata utile nel tuo processo di scelta del monopattino elettrico, puoi scriverci un commento o condividerla sui tuoi diversi social network.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Dmytro: 61799724/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Erika Scrittrice e traduttrice
Lavoro prevalentemente come traduttrice, professione iniziata quasi per caso ma che si è poi rivelata la mia grande passione. Amo leggere e scrivere e, quando si presenta l’occasione, mi dedico alla scrittura di articoli e testi di vario genere, avendo cura di renderli sempre scorrevoli e di gradevole lettura.