Mute da sub
Ultimo aggiornamento: 29/10/2020

Il nostro metodo

19Prodotti analizzati

26Ore di lavoro

5Fonti e riferimenti usati

88Commenti valutati

Godersi le meraviglie del mare con le mute da sub è un piacere. La sensazione di fluttuare in un altro mondo, insieme a piante e animali sorprendenti, non ha eguali. Una buona muta da sub è la chiave per farlo. Ma le opzioni per acquistare delle mute da sub sono molteplici e devi scegliere bene.

A differenza di altri sport acquatici, le immersioni subacquee sono adatte a tutte le età. Non è richiesta alcuna forma fisica speciale per l’immersione. Inoltre, quasi tutte le spiagge ci permettono di immergerci nelle sue acque e fare immersioni. Che si tratti di una costa lontana o vicina, puoi trovare ottime mute da sub per vivere questa esperienza unica.




Le cose più importanti in breve

  • Le mute da sub ci permettono di immergerci sott’acqua a grandi profondità. A seconda delle caratteristiche di queste, come i loro materiali o il design, saranno indicate per diverse temperature e attività.
  • Le mute da sub sono per lo più realizzate in neoprene, ma non devono essere confuse con altri tipi di mute. La loro funzione è diversa. Quelle subacquee hanno dettagli specifici per resistere alla pressione dell’acqua. Inoltre, di solito hanno tasche, che possono essere molto utili sott’acqua.
  • Conoscere l’uso che se ne farà è fondamentale quando si sceglie una tuta da sub. Se mantenuta correttamente, può durare per anni. Il comfort della tuta non è il fattore più importante. Una muta da sub ci protegge dallo sfregamento, dalle meduse e dalla pressione del mare per poterci immergere in sicurezza.

Le migliori mute da sub sul mercato: la nostra selezione

Finalmente hai davanti a te l’occasione perfetta per fare immersioni. Ora devi scegliere una muta da sub che soddisfi le tue aspettative e non ti causi problemi. Per aiutarti, abbiamo selezionato alcune delle migliori mute da sub attualmente presenti sul mercato, per soddisfare al meglio le tue esigenze.

La muta da sub per uomo più comoda

Come lascia intendere il nome, la SEAC Relax Short è una muta a mezze maniche che fa di comodità ed elasticità i suoi punti forti, adattandosi a immersioni, snorkeling e attività sportive.

È una monopezzo realizzata in neoprene spesso 2,2 mm, con la cerniera posteriore dotata di un lungo laccio che ne facilita l’indosso. Gli acquirenti esprimono un parere generalmente positivo, confermandone la comodità e la qualità del tessuto.

La miglior muta da sub per donna

La Cressi Med X Lady Shorty è una muta da immersione e alter attività sportive sagomata per il corpo femminile, disponibile in taglie dalla XS alla XXL. È realizzata in neoprene foderato di almeno 2,5 mm, la cerniera è posteriore ed il collo ha la chiusura con velcro.

Il giudizio degli utenti è molto positivo, e la definiscono una muta piuttosto comoda e realizzata con materiali di eccellente qualità; è sicuramente molto calda, mentre sul petto potrebbe stringere un po’.

La miglior muta da sub per le acque più fredde

La Cressi Driver è una muta integrale monopezzo, con cerniera posta sul davanti. È dotata di cappuccio, mentre caviglie e polsi hanno la finitura ribattuta. Il neoprene bifoderato di cui è composta raggiunge lo spessore di 5 mm, risultando calda e confortevole anche nelle immersioni più profonde e nelle acque più fredde, come confermano gli acquirenti.

Il loro parere è molto positivo, e piace anche perché è comoda da indossare.

La miglior tuta da sub stagna

Quella in esame è una muta da sub per attività acquatiche di ogni tipo, ma particolarmente indicata per le immersioni di profondità. Realizzata da Subacqua, si tratta di una muta stagna in neoprene da 4 mm, con schiuma compressa ad alta densità e cappuccio.

Dispone di valvole si-tech, cerniera orizzontale sulle spalle e cappuccio a parte. È disponibile in diverse taglie, e si adatta a donne e uomini. Le recensioni sono positive e chi l’ha provata ne apprezza soprattutto la qualità del tessuto, caldo e resistente

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sulle mute da sub

L’ignoranza può farci credere che qualsiasi muta fungerà da muta da sub. Non è vero. L’unica muta progettata per farti trascorrere molto tempo sott’acqua è quella per immersioni subacquee. In questo modo ti saranno garantiti sicurezza, comfort e tranquillità.

Sub che durante l'immersione fa ok con la mano

Prima di immergerti, controlla sempre di avere il peso corretto. (Fonte: Lucatelles: 1849534/ Pixabay.com)

Perché acquistare una muta da sub?

La funzione principale di una muta da sub è la protezione dal freddo. Sott’acqua, il trasferimento di calore dal nostro corpo all’acqua è accelerato, raffreddandoci 25 volte più velocemente che all’esterno. Quello che fa la muta è limitare la perdita di calore. Tuttavia, ci sono altri vantaggi, come quelli elencati di seguito.

  • Nuove esperienze. Una muta da sub ti dà l’opportunità di vivere esperienze molto intense. Dalla visita di relitti sommersi alla scoperta dell’enorme varietà di fauna e flora marina delle coste italiane, per citare due esempi.
  • Versatilità. Una muta da sub ti consente di goderti le immersioni tutto l’anno, senza limitarti all’estate. Inoltre, sono adatte a quasi tutte le età.
  • Ampia varietà di modelli. L’ampia varietà di modelli esistenti significa che puoi scegliere la muta più adatta a ciò che vuoi fare. Dallo snorkeling alle immersioni di media profondità, sia in acque fredde che calde.

Quanti tipi di mute da sub esistono?

Quando si tratta di classificare le mute da sub, devono essere suddivise in tre gruppi principali. A seconda della quantità di acqua che lasciano passare sotto la muta, possono essere umide, semistagne e stagne.

  • Mute da sub umide. Lasciano passare dell’acqua sotto la muta, che forma una pellicola tra la nostra pelle e il neoprene. Lo strato d’acqua si riscalda con la temperatura corporea e quindi ci tiene al caldo. Più è spesso, maggiore è la protezione.
  • Mute da sub umide corte. Sono molto leggere, in quanto lasciano libere gambe e braccia, coprendo solo il tronco. Sono consigliate in acque calde che superano i 25 ° C. Il loro più grande svantaggio è che forniscono la minima protezione contro graffi o morsi di animali.
  • Mute da sub umide lunghe. Sono le più comuni tra i principianti e nelle scuole di sub. Coprono tutto il corpo, tranne i piedi e le mani. Alcune indossano un cappuccio e altre no. Possono essere in due pezzi, ma le intere proteggono molto meglio.
  • Mute da sub semistagne. L’acqua passa solo in parte della muta, nello specifico braccia e gambe. Il busto rimane isolato grazie alle chiusure stagne all’inguine e alle ascelle. Sono usate in acque fredde che superano i 10º C. Sono un po ‘complicate da indossare per i principianti.
  • Mute da sub stagne. Non lasciano passare l’acqua, poiché hanno chiusure su polsi e caviglie. Hanno un aspetto largo, in quanto non sono strette come le precedenti. Le valvole regolano la quantità di aria che esce o entra nella tuta. Ti permettono persino di indossare indumenti termici sotto. Sono utilizzate in acque molto fredde, al di sotto dei 10 ° C. Richiedono un addestramento preliminare.

In cosa si differenziano le mute da sub dalle mute da apnea?

L’apnea è uno sport che consiste nel restare sott’acqua per tutto il tempo che i polmoni lo consentono. Le mute per questa attività differiscono dalle mute da sub in quanto sono molto più elastiche. Quelle da immersione prevedono molta più protezione contro l’attrito, mentre quelle da apnea non ne hanno bisogno. Quest’ultime sono piuttosto delicate e più complicate da indossare rispetto a quelle da immersioni.

Sub donna in primo piano

Si consiglia di fare un corso di immersione prima di avventurarsi in acque profonde. (Fonte: Lambarri: o1ksitq1uf4/ Unsplash.com)

Che differenza c’è tra una muta da sub e una muta da surf?

Le mute da sub sono progettate per consentire l’ingresso di meno acqua possibile, anche in condizioni di bagnato. Le chiusure, quindi, sono più efficienti. Sono anche più spesse delle mute da surf. Per proteggerti sott’acqua, le mute lunghe variano in genere da 3 mm a 7 mm di spessore.

Il neoprene utilizzato nelle mute da immersione è preparato per resistere alla pressione che l’acqua esercita sul subacqueo. Portano anche accessori come tasche o rinforzi extra. Le mute da surf, d’altra parte, tendono ad essere più appariscenti e colorate, rispetto ai modelli scuri delle mute da sub.

Come scegliere la taglia corretta della muta da sub?

La scelta della taglia è qualcosa da tenere in considerazione quando si acquista la muta da sub. La cosa migliore è che prendi tu stesso le misure e poi trovi la taglia a cui corrispondono nel modello che desideri. In questo modo eviterai errori con le taglie dei vari produttori.

  • Come misurare le dimensioni del torace. Posiziona il metro a nastro sulla parte più ampia della gabbia toracica. Dovrebbe essere aderente, ma dovresti anche essere in grado di respirare senza pressione.
  • Come misurare la vita. Posiziona il nastro sulla parte più stretta, che di solito coincide con l’ombelico. Eseguire la stessa operazione di prima.
  • Come misurare i fianchi. Il nastro dovrà ricoprire di nuovo la parte in questione più ampia.

Per scegliere la taglia più appropriata, ricorda che la cosa più importante è che il contorno del torace corrisponda alle misure della tuta. Se esiti tra due taglie, ti consigliamo di scegliere la più piccola. È anche importante tenere conto del peso, poiché ogni taglia corrisponde solitamente a una certa gamma di chili.

Sub che si sta immergendo

L’immersione è considerata lo sport a rischio più sicuro al mondo. (Fonte: Balland: 3098936/ Pexels.com)

Come indossare e togliere una muta da sub?

Sapere come indossare una muta da sub è essenziale. Sia affinché svolga correttamente la sua funzione e per non danneggiarla. Ti diamo alcune brevi linee guida in modo che indossarla e toglierla non diventi un calvario.

  • Crema protettiva. Un trucco è proteggersi dove c’è più sfregamento: collo, gomiti e ginocchia. Esistono creme specifiche per questo.
  • Indossala su una superficie piana e pulita. Usa un asciugamano o qualcosa di simile se non ne hai uno a disposizione.
  • Evita di strofinarla con le unghie. Il neoprene è delicato, quindi fai attenzione alle unghie delle mani e dei piedi. Guanti o calzini di plastica potrebbero aiutare.
  • Inizia con i piedi, una gamba e poi l’altra. Verificare che le ginocchiere si adattino e che la tuta non si attorcigli, ma sia aderente.
  • Continua con la parte superiore del corpo. Una volta infilate le braccia, chiudi con cura la cerniera.

Prima di immergerti, muovi la muta e controlla di poter flettere le braccia e le gambe con facilità. Quando si tratta di toglierla, purché sia ​​una muta, è abbastanza utile far entrare l’acqua attraverso il tronco per facilitare l’uscita del corpo.

Come pulire correttamente le mute da sub?

Evita di lavare la muta in lavatrice. Né dovrebbe stare al sole, poiché degrada il neoprene. Dopo l’uso, utilizzare acqua fresca per pulire eventuali residui che potrebbero essersi attaccati. Sarà sufficiente un sapone neutro o speciale per le mute. Lasciala asciugare all’aria, girandola. Appenderla a un gancio può deformarla; fallo in vita o stesa su una superficie.

Come riparare una muta da sub?

Uno dei difetti più comuni in questo tipo di tuta si verifica nell’area della cerniera. A causa dello stress che sopportano quando sono completamente aperte, possono essere danneggiate. Cambiarle è possibile ma costoso. Non aprire completamente la cerniera se puoi scegliere e impedirai che si deformi.

Se la superficie del neoprene subisce un taglio o uno sfregamento, ci sono colle speciali che puoi usare tu stesso. Sono conosciute come neoprene liquido o adesivo per neoprene. Per procedere con la riparazione, per prima cosa asciuga bene l’area della fessura, segui le istruzioni del produttore della colla e il gioco è fatto.

Sub che illumina una reliquia sott'acqua

Le acque di Bali, in Indonesia, sono una delle destinazioni preferite dai subacquei di tutto il mondo. (Fonte: Lambarri: 4gohhxzb4ec/ Unsplash.com)

Criteri di acquisto

Quando si sceglie su una muta da sub, è importante valutare alcuni dettagli in modo da non fare un cattivo investimento. Lo spessore, il tipo di rivestimento o la temperatura dell’acqua dove la utilizzerai sono solo alcuni dei fattori che devi tenere in considerazione al momento di fare la tua scelta.

Galleggiabilità

La galleggiabilità ottimale è la chiave per godersi la propria immersione. La muta ti aiuta ad avere una maggiore galleggiabilità grazie alle bolle di azoto che contiene. Più è spesso, più la tua muta galleggerà e più dovrai compensare con la zavorra. Nelle mute stagne, la galleggiabilità è controllata dalle valvole di ingresso e uscita dell’aria.

Donna sub

Le mute da sub ci consentono di immergerci sott’acqua a grandi profondità. (Fonte: Zavgorodny: 26571559/ 123rf.com)

Spessore del neoprene

Il neoprene in queste mute varia da 3 a 7 mm di spessore. È meno adatto alle immersioni in acque calde e poco profonde, che di solito sono brevi. Ricorda che se la muta indica due spessori, come 5/4, il primo si riferisce al tronco e il secondo alle estremità. Il vantaggio del doppio spessore è che sono abiti più flessibili di quelli con spessore uniforme.

La temperatura dell’acqua dove la utilizzerai

A meno che tu non abbia intenzione di immergerti in estate o ai tropici, è meglio che la muta sia intera. La muta dovrà essere idonea per la gamma tra 15 ° C e 25 ° C, a seconda della vostra tolleranza al freddo. In Italia è la più comune. Per temperature più basse è consigliato la semistagna, che regge bene fino a circa 8-10 ° C. Se le acque sono più fredde, optare per una muta stagna.

Tasche

È un complemento molto utile alle mute da sub. Potrebbe sorprenderti, ma dovrai portare torce elettriche e altri utensili. Si consiglia che le tasche si trovino nella gamba della tuta, sulla coscia. Ci sono quelle incollate alla tuta, dove c’è poco spazio, e quelle che risaltano all’esterno, con più capienza.

Sub che esplora i fondali marini

Le mute da sub sono realizzate principalmente in neoprene, ma non devono essere confuse con altri tipi di tute. (Fonte: Zavgorodny: 26283642/ 123rf.com)

Cuciture

La qualità delle cuciture influenza sia la vita della muta che il suo comfort. Grazie a loro si impedisce all’acqua di entrare più del dovuto. Le più impermeabili sono le cuciture a punto cieco o invisibile. Il materiale non è perforato e non passa l’acqua.

Troverai anche mute da sub con cuciture piatte. Queste, durante lo stretching, lasciano passare un po’ d’acqua. Il tipo di cucitura meno affidabile è quello incollato. Non sono raccomandate anche quelle cucite e ricoperte, o quelle che si trovano all’interno della tuta.

Cappuccio

Si consiglia vivamente di avere un cappuccio incorporato nella tuta, soprattutto se si intende immergersi in acque fredde. Si perde molta temperatura attraverso la testa. Inoltre, in questo modo la proteggerai meglio da graffi o morsi di animali. In ogni caso, se non è incorporato nella tuta, puoi sempre acquistare un cappuccio separato.

Immersione in mezzo ai pesci

La funzione principale di una muta da sub è la protezione dal freddo. (Fonte: Gojda: 53581661/ 123rf.com)

Materiali

La più grande varietà di materiali si trova nelle mute da sub stagne, che sono più resistenti alla pressione dell’acqua. Possono essere realizzate principalmente in neoprene, trilaminato o tessuto gommato. Queste non vengono a contatto direttamente con la pelle, quindi è necessario indossare indumenti termici.

Le mute da sub umide e semistagne sono realizzate principalmente in neoprene. Tra queste spiccano quelle in neoprene compresso, consigliate se intendi immergerti oltre i 30 metri. Questo tipo di muta è stato sviluppato per compensare la perdita di galleggiamento e isolamento che le mute stagne in neoprene soffrono a grandi profondità.

Finiture

Le mute semplici sono leggere, aderenti e altamente idrodinamiche. Quelle rivestite in nylon sono più comode, soprattutto quando si tratta di indossarle. Alcune hanno strati interni di titanio, che migliorano l’isolamento con meno spessore. I rinforzi nelle aree flessibili, come ginocchia o gomiti, sono qualcosa da considerare.

Per evitare che più acqua del necessario entri nella muta, le estremità delle braccia e delle gambe hanno chiusure più o meno stagne. Per ottenere l’impermeabilità, la maggior parte dei modelli include neoprene liscio su caviglie e polsi. Ci sono anche mute con chiusure in lycra o con cerniere rinforzate.

foco

Sapevi che l’inventore e militare spagnolo Jerónimo de Ayanz y Beaumont è stato il primo ad immergersi con l’attrezzatura subacquea? Lo fece nel 1602 davanti al re Filippo III. Rimase per più di un’ora, ma uscì su richiesta del re. Questi si era stufato di non vedere niente per così tanto tempo.

Cerniera

Che la cerniera sia di plastica o di metallo non è così importante. Forse quelle in metallo sono quelle che più si danneggiano, ma bisogna fare molta attenzione nell’utilizzo di entrambe sia in fase di apertura che di chiusura. Prova un po’ di paraffina se si blocca. La posizione orizzontale della cerniera sul petto è considerata più efficace, ma molti preferiscono la comodità di averla sulla schiena.

Conclusioni

Godersi le meraviglie sottomarine non è un’attività esclusiva dei subacquei professionisti, ma può essere svolta da chiunque. Certo, devi essere ben attrezzato. Sia che tu stia andando a fare snorkeling o immergerti con bombole di ossigeno, devi avere una buona muta da sub e attrezzatura subacquea.

In questo articolo abbiamo affrontato come sono le mute da sub, i tipi esistenti e la loro manutenzione più elementare. Infine, ti abbiamo offerto alcuni criteri di acquisto per rendere la tua scelta molto più semplice.

Cosa ne pensi dei nostri consigli e suggerimenti? Se ti sono stati utili, condividi il nostro articolo sui tuoi social network. E non dimenticare di lasciarci un commento o una domanda, ti risponderemo con piacere. A presto!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Zavgorodny: 36811264/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?