Ultimo aggiornamento: 02/08/2021

Il nostro metodo

12Prodotti analizzati

19Ore di lavoro

7Fonti e riferimenti usati

74Commenti valutati

Quando tornano i mesi freddi, tornano anche le fastidiose malattie respiratorie. E se abbiamo neonati o bambini a casa, sappiamo quanto può essere complicato un semplice raffreddore. Tuttavia, possiamo essere più rilassati se abbiamo un nebulizzatore che ci aiuta a dissipare una terribile tosse secca o a pulire i bronchi dei più piccoli.

Tuttavia, è essenziale prendere alcune misure di igiene e pulizia quando si nebulizza a casa per prevenire varie condizioni di salute. Per esempio, se il nebulizzatore non è stato sterilizzato, la persona “può inalare particelle batteriche o virali e una condizione banale può essere complicata da una grave infezione”. Risponderemo alle tue domande qui!




Le cose più importanti da ricordare

  • Un nebulizzatore è un sistema utilizzato per trattare le malattie respiratorie, come l’asma, la bronchiolite, la rinite, tra le altre. Ci sono anche altri dispositivi per controllare queste condizioni. Si tratta di inalatori pressurizzati a dosi misurate (MDI) e inalatori a polvere secca. In questo articolo forniamo maggiori informazioni su questi dispositivi.
  • Trattare le malattie delle vie respiratorie e dei polmoni attraverso la nebulizzazione ha i suoi pro e contro. Un vantaggio è che non sono richieste tecniche speciali per utilizzare un nebulizzatore. Uno svantaggio è che ci vuole più tempo per erogare il farmaco che con un inalatore e, se non vengono prese misure igieniche adeguate, si possono portare germi.
  • Ci sono diversi tipi di nebulizzatori: a getto, a ultrasuoni e a rete. Ma oltre a considerare il tipo di nebulizzatore, è importante pensare ad altri aspetti quando si sceglie il dispositivo migliore per te. Per esempio, assicurati che le particelle atomizzate non siano più grandi di 5 micron e scegline una che non sia rumorosa. Analizza il peso e le dimensioni.

Nebulizzatori: la nostra selezione

Sul mercato sono disponibili nebulizzatori elettronici, ad ultrasuoni e a rete vibrante. Alcuni sono piccoli e portatili, ma altri sono più grandi e devono essere collegati alla rete elettrica. Data questa varietà, è importante sapere come scegliere il più adatto ai nostri interessi e bisogni. Ecco alcune buone opzioni.

Guida all’acquisto: cosa devi sapere su un nebulizzatore

Se ti è stato prescritto un farmaco liquido da inalare, saprai che un nebulizzatore ti permette di trasformare quel liquido in un aerosol. Questo permette al farmaco di arrivare in profondità nei tuoi polmoni ed essere più efficace. Tuttavia, è normale che tu abbia dei dubbi su quale tipo di nebulizzatore sia meglio per te. Queste e altre domande possono trovare risposta qui sotto.

Niño con tratamiento de nebulizador

Se abbiamo neonati o bambini a casa, sappiamo quanto può essere complicato un semplice raffreddore. (Fonte: Oksana: Kuzmina: 53471277/ 123rf.com)

Cos’è esattamente un nebulizzatore?

Un nebulizzatore è un dispositivo che converte una medicina liquida (usata per trattare le vie respiratorie) in piccole gocce che vengono inalate dal paziente in una nuvola di gas, attraverso una maschera facciale. In altre parole, un gas compresso (aria o ossigeno) agisce su un farmaco (situato in un serbatoio) e genera particelle aerosolizzate.

I broncodilatatori possono essere somministrati attraverso un nebulizzatore, ma anche attraverso inalatori pressurizzati a dosi controllate (MDI) e dispositivi a polvere secca. L’MDI fornisce una dose precisa di farmaco e viene inalato direttamente nelle vie respiratorie. A proposito dei dispositivi a polvere secca sottolineiamo che sono piccoli e portatili.

Por Estefanía Arias SánchezDel Semillero de Periodismo UAO- El País
“La terapia di nebulizzazione viene eseguita utilizzando un compressore o una fonte d’aria che rimuove le secrezioni respiratorie, riducendo i rischi futuri o le complicazioni nei bronchi”.

Quali tipi di nebulizzatori esistono?

Ci sono tre tipi di nebulizzatori: pneumatici o a getto, ad ultrasuoni e a rete. I nebulizzatori pneumatici hanno un compressore per fornire il flusso d’aria. E hanno un serbatoio – dove si deposita il liquido da nebulizzare – collegato ad un tubo attraverso il quale entra l’ossigeno.
Questo, a contatto con il liquido, ad alta velocità, provoca la produzione dell’aerosol.

Nei nebulizzatori ad ultrasuoni, come suggerisce il nome, le particelle da inalare sono prodotte da onde ultrasoniche ad alta frequenza, che passano attraverso un contenitore di acqua che serve da base per la medicina. Questo tipo di nebulizzatore non è adatto a tutti i tipi di farmaci comunemente prescritti.

I nebulizzatori a rete, d’altra parte, fanno vibrare una piccola piastra a rete e il farmaco passa attraverso fori microscopici, ottenendo un aerosol. Di solito sono molto piccoli e leggeri (pesano meno di 100 grammi). Sono anche silenziosi e hanno un basso consumo energetico.

Quali sono le principali differenze tra un nebulizzatore e un inalatore?

Nebulizzatori e inalatori sono dispositivi utilizzati per trattare condizioni del sistema respiratorio attraverso la somministrazione di farmaci per via inalatoria. Lo scopo di entrambi è di consegnare i farmaci direttamente ai polmoni, ma hanno molte differenze. Nella seguente tabella riassumiamo i più importanti:

  Nebulizzatore Inalatore
Come viene somministrato il farmaco Minuscole gocce liquide all’interno di una nuvola di gas. Piccole particelle solide.
Vantaggi Nessuna tecnica speciale richiesta per l’uso.

Facile inalazione attraverso un boccaglio.

Capacità di mescolare i farmaci in soluzione.

Può essere usato con modelli di respirazione normali. Utili in tutti i tipi di pazienti.

Acceso rapido al sistema respiratorio.

Richiede una dose inferiore di principio attivo.

Pochi effetti collaterali.

Picolo e facile da transportare.

Svantaggi Ci vuole piú tempo (10 minuti) di un inalatore (20 secondi). Richiede una fonte di alimentazione. Puó causare iperreattivitá bronchiale. Richiede una corretta tecnica di somministrazione. La mancata agitazione puó alterare la dose del medicinale.
 

I nebulizzadori sono dispositivi molto facili da usare. Tuttavia, “affinché l’aerosolterapia sia efficace, il sistema di erogazione del farmaco appropriato deve corrispondere alla capacità del paziente di usarlo correttamente”. Ecco i passi che generalmente dovrebbero essere seguiti:

  • Apri il coperchio della tazza dei medicinali.
  • Riempi il farmaco (≦ 10 ml).
  • Chiudi il coperchio della tazza dei medicinali.
  • Collega il boccaglio o la maschera.
  • Aspetta da 15 a 25 minuti (fino a quando il farmaco non è esaurito).
  • Smonta e pulisci ogni parte del nebulizzatore separatamente.

¿Come si disinfetta il nebulizzatore?

Si consiglia di pulire tutte le parti del nebulizzatore dopo ogni utilizzo (compresa la maschera, la parte superiore e il contenitore del farmaco). La prima cosa da fare è smontare il dispositivo. Il boccaglio o la maschera e la tazza per le medicine possono essere lavati in lavastoviglie o con sapone e acqua calda. I tubi non devono essere immersi nell’acqua.

Nonostante ciò, alcuni esperti raccomandano di non mettere le parti del nebulizzatore in acqua bollente o di pulirle con l’alcool. Invece, suggeriscono di immergere le parti (per 10-30 minuti) in una soluzione di aceto e acqua (in un rapporto di 1:3). A questo proposito, è essenziale seguire le raccomandazioni nel manuale di istruzioni di ogni dispositivo.

In ogni caso, almeno una volta alla settimana le parti dovrebbero essere lavate in una soluzione di acqua e aceto bianco. Dopo il lavaggio, è importante lasciare le parti ad asciugare in un luogo fresco e asciutto, preferibilmente all’aperto. Il compressore e i tubi possono essere puliti con un panno insaponato o un disinfettante. Ma non immergerli mai in acqua!

Criteri di acquisto

A causa della vasta gamma di nebulizzatori attualmente disponibili sul mercato (diversi tipi: a getto, a ultrasuoni, a rete; varietà di modelli e dimensioni; tra gli altri) è importante essere chiari su alcuni aspetti per fare la scelta giusta. Tieni a mente i seguenti criteri quando cerchi il nebulizzatore ideale per te o per i tuoi

  • Tipo di nebulizzatore
  • Dimensione delle particelle atomizzate
  • Intensità del suono
  • Dimensione del nebulizzatore
  • Peso

Tipo di nebulizzatore

Ci sono diversi tipi di nebulizzatori e ognuno funziona in modo diverso. Come menzionato sopra, i nebulizzatori pneumatici o a getto hanno un compressore per fornire il flusso d’aria. E hanno un serbatoio – dove si deposita il liquido – collegato ad un tubo attraverso il quale entra l’ossigeno. Questo, a contatto con il liquido, produce l’aerosol.

Sebbene i nebulizzatori a getto siano i più comuni, esistono anche i nebulizzatori a ultrasuoni. In questi, le particelle da inalare sono prodotte da onde ultrasoniche ad alta frequenza. Tuttavia, non sono adatti a tutti i tipi di farmaci da prescrizione. I nebulizzatori a rete, d’altra parte, sono di solito più piccoli, più leggeri e più silenziosi.

Niña utilizando nebulizador

I broncodilatatori possono essere somministrati attraverso un nebulizzatore, ma anche attraverso inalatori pressurizzati a dosi controllate (MDI) e dispositivi a polvere secca. (Fonte: Roman023: 92160261/ 123rf.com)

Dimensione delle particelle atomizzate

In generale, più piccole sono le particelle atomizzate da un nebulizzatore, meglio è. La loro dimensione è espressa in micron (il simbolo è µm ed è un’unità di lunghezza pari a un millesimo di millimetro). Pertanto, assicurati che le particelle nebulizzate dal nebulizzatore non siano più grandi di 5 µm, poiché si depositano meglio nei polmoni.

Intensità sonora

Il livello medio di rumore dei nebulizzatori è tradizionalmente di 46 dB (decibel). Ci sono, ovviamente, quelli più forti di 65 dB o più. Tuttavia, al giorno d’oggi troviamo dispositivi che producono un suono pari o inferiore a 30 dB. Ci sono nebulizzatori con compressori abbastanza silenziosi e altri che funzionano con gli ultrasuoni e generano pochissimo rumore. Quale sceglierai?

Ricardo Alberto JaramilloNeumólogo Pediátrico, Hospital Departamental Mario Correa Rengifo (Cali, Colombia).
“Il trattamento di nebulizzazione è favorevole al paziente, poiché è stata dimostrata una considerevole riduzione degli effetti avversi come quelli cardiovascolari, gastrointestinali e del sistema nervoso centrale, tra gli altri, grazie al fatto che viene somministrato per via respiratoria”.

Dimensione del nebulizzatore

Con il progresso dell’industria e della tecnologia, i dispositivi tendono a diventare sempre più piccoli. I nebulizzatori non sono estranei a questo fenomeno. Oggi troviamo nebulizzatori che possono essere tenuti con una sola mano. Tuttavia, i dispositivi di nebulizzazione di grandi dimensioni vengono ancora prodotti, ma questo non significa che siano di qualità inferiore.

Pertanto, dovresti considerare l’uso che farai del nebulizzatore (a casa, in viaggio, ecc.) e saprai a cosa dare la priorità quando acquisti il tuo dispositivo. Come regola generale, comunque, un dispositivo piccolo e facile da usare è solitamente più pratico. Pertanto, non dimenticare di leggere le specifiche del prodotto per controllare le dimensioni esatte.

Peso

Sulla stessa linea del criterio precedente, i moderni nebulizzatori stanno diventando sempre più leggeri. Oggi, alcuni di questi dispositivi pesano meno di 100 grammi, il che – insieme alle loro piccole dimensioni – li rende facili da portare in giro. Questi sono i famosi nebulizzatori portatili. Ma ci sono anche nebulizzatori che pesano più di un chilo.

Quindi se stai cercando un nebulizzatore che puoi portare con te ovunque, prima assicurati che pesi poco. Inoltre, assicurati che sia etichettato come “portatile”. In questo modo non avrai sorprese!

Niña en terapia de nebulizador

Ci sono diversi tipi di nebulizzatori e ognuno funziona in modo diverso. (Fonte: Serezniy: 111203985/ 123rf.com)

Sommario

Il nebulizzatore è un dispositivo utilizzato per fornire farmaci – liquidi – tramite inalazione, attraverso un boccaglio o una maschera. Ci sono diversi tipi di nebulizzatori (a getto, a ultrasuoni e a rete), ma tutti mirano a trasformare la medicina in un aerosol. Le particelle di 5 micron (millesimo di millimetro) o più piccole raggiungono i bronchi.

Un nebulizzatore è utilizzato per trattare varie malattie del sistema respiratorio, come l’asma, la bronchite, la pneumoconiosi, la fibrosi cistica, la malattia polmonare ostruttiva cronica, tra le altre. Tuttavia, le istruzioni del medico dovrebbero essere sempre seguite e il paziente non dovrebbe mai automedicarsi. Inoltre, è molto importante pulire e sterilizzare il nebulizzatore.

Grazie per aver letto questo articolo e speriamo che ti sia stato utile. Per favore, dacci la tua opinione, votaci o condividi questa guida allo shopping sui tuoi social network. A presto!

(Fonte dell’immagine: Belchonock: 98130796/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni