Un pantografo professionale
Ultimo aggiornamento: 08/03/2020

Il nostro metodo

Products

8Prodotti analizzati
Hours

24Ore di lavoro
Studies

8Fonti e riferimenti usati
Comments

55Commenti valutati

Benvenuto sull’articolo dedicato al pantografo. Viviamo nell’era digitale, una realtà in cui sembra che possiamo fare praticamente tutto con computer, telefoni cellulari, tablet e altri dispositivi elettronici. Una realtà in cui sempre si parla sempre di più di dispositivi intelligenti, Internet of Things (IoT) e sviluppo dell’intelligenza artificiale.

Eppure, invenzioni antiche come il pantografo, risalenti al 1603, continuano ad essere molto utili. Dopotutto, la più grande bellezza sta spesso nella semplicità, nel risolvere i problemi nel modo più semplice ed elegante. Anche se è anche giusto riconoscere che gli attuali pantografi sono diversi dal modello originale creato da Christoph Scheiner.




Le cose più importanti in breve

  • I pantografi ti consentono di copiare figure, progetti e disegni sulla stessa scala o su una diversa dall’originale. Pertanto, con essi è possibile ottenere copie di uguali dimensioni, ingrandite o ridotte.
  • Il pantografo viene utilizzato nelle progettazioni, in ingegneria, geografia e architettura, tra gli altri rami. E sono utilizzati da studenti e professionisti.
  • Quando devi scegliere un pantografo, è importante considerare l’uso che ne farai o il materiale con cui viene realizzato. Questi sono gli aspetti chiave che approfondiremo nell’ultima sezione di questa guida, dedicata ai criteri di acquisto.

I migliori pantografi sul mercato: la nostra selezione

In questa sezione puoi consultare la nostra selezione completa di pantografi. L’abbiamo preparata dopo un accurato processo di ricerca e cercando di includere solo articoli con un buon rapporto qualità-prezzo. Per sceglierli, abbiamo preso in considerazione i criteri di acquisto che puoi trovare alla fine di questa guida. Troverai anche un pantografo tagliapasta!

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sul pantografo

Non vogliamo che tu debba scegliere un pantografo senza prima aver chiare alcune questioni fondamentali. In questa sezione abbiamo quindi cercato di rispondere ai dubbi che la maggior parte degli acquirenti si pone su questo strumento. Dopotutto, non esiste un acquisto migliore di quello che è ben informato.

Uomo che mostra il funzionamento di un pantografo

Il pantografo ti consente di copiare figure, progetti e disegni sulla stessa scala o su una diversa dall’originale. (Fonte: Stössinger: 8758589774/ Flickr.com)

Cos’è il pantografo esattamente?

Il pantografo è un meccanismo articolato originariamente concepito per riprodurre manualmente disegni in scala e figure geometriche. È costituito da una serie di aste interconnesse (di solito quattro), in modo che possano spostarsi rispetto a un punto fisso o perno.
Mantiene sempre un rapporto di parallelismo dei lati due a due.

Con il passare del tempo, le sue applicazioni sono aumentate considerevolmente. Pertanto, a seguito della sua evoluzione, furono sviluppati, tra gli altri, i pantografi ferroviari o il cric idraulico. Sono anche usati per sostenere elementi di illuminazione e stendibiancheria.

Su cosa si basa il funzionamento di un pantografo?

Il funzionamento del pantografo si basa su fondamenti di base della geometria elementare, in particolare le proprietà dei parallelogrammi. In effetti, la sua teoria è descritta nei principi di Cartesio. In pratica con il pantografo si possono ottenere figure simili, quindi con esattamente la stessa forma, ma con dimensioni diverse.

foco

Sapevi che Christoph Scheiner, l’inventore del pantografo, era un fisico, astronomo e gesuita tedesco del secolo XVII?

Chi può aver bisogno di un pantografo?

Il pantografo è uno strumento ampiamente utilizzato da ingegneri, architetti, designer e geografi, tra gli altri. È anche interessante per gli studenti di uno di questi rami. E perché no, possono anche essere un regalo eccellente per bambini e adolescenti che sono interessati al disegno manuale.

Come si usa un pantografo?

L’uso corretto di un pantografo richiede un po’ di allenamento e molta pratica. Quindi a volte può essere accompagnato da un manuale di istruzioni. In ogni caso, a grandi linee, il processo da seguire per disegnare con un pantografo è più o meno lo stesso con tutti i modelli. In primo luogo, deve essere fissato correttamente il perno.

In seguito, il punto di riferimento o la punta della guida vengono spostati sulla figura originale. Questo movimento provoca, a sua volta, lo spostamento della matita o della penna, che è stata precedentemente posizionata nel punto della copia. In questo modo, l’immagine originale viene riprodotta in scala, ottenendo una copia di dimensioni uguali, superiori o inferiori.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi del pantografo?

Il fatto che il pantografo venga ancora utilizzato oggi è una conseguenza diretta dei vantaggi offerti dal suo uso. Nella tabella seguente, abbiamo riassunto i più importanti, insieme ai suoi principali inconvenienti.

Vantaggi
  • Il suo prezzo è veramente basso
  • Il suo meccanismo è molto semplice
  • Un pantografo di qualità può durare anni
  • Godrai nel lavorare con le tue proprie mani
  • Può essere impiegato per varie attività
Svantaggi
  • Per usarlo correttamente serve un certo allenamento
  • Possono richiedere uno spazio di lavoro piuttosto ampio

Criteri di acquisto

Si dice spesso che l’informazione è potere. Questo vale anche per i prodotti da acquistare, basta non eccedere per non fare confusione. Secondo noi, sono pochi, ma buoni i criteri di acquisto da tenere presente quando si vuole comprare un pantografo. Grazie a quelli riuscirai a individuare il prodotto più adeguato alle tue necessità.

Uso che ne vuoi fare

Come con qualsiasi prodotto che stai per acquistare, la prima cosa a cui devi pensare prima di acquistare un pantografo è l’uso che ne farai. Se ne hai bisogno per applicazioni professionali e/o per un uso frequente, allora dovresti acquistarne uno di buona qualità e realizzato con materiali resistenti.

Se invece lo utilizzerai solo occasionalmente, puoi optare per uno dei modelli più economici. D’altra parte, se devi portarlo a giro regolarmente, probabilmente è meglio sceglierne uno con dimensioni più ridotte. Nel caso in cui lo regalerai ai tuoi figli, ti consigliamo di sceglierne uno con un design accattivante.

Materiale

Nelle sue origini, il materiale più utilizzato per la sua fabbricazione era il legno. Tuttavia, attualmente è possibile trovare strumenti realizzati con un’ampia varietà di materiali, come plastica, metalli e persino acrilici. In generale, il legno garantisce una lunga durata e una qualità superiore.

Legno Metallo o acrilici
Durata Offre una maggiore durata, sebbene sia sensibile all’acqua o ad altri liquidi. Di solito sono pantografi piuttosto robusti e di qualità migliore rispetto ai modelli più economici in plastica.
Vantaggi più importanti Offrono più stabilità e una grande durata. Ammettono un maggiore utilizzo dei supporti.
Principali svantaggi A volte i pantografi di legno possono essere più difficili da maneggiare. I pantografi prodotti con questi materiali non sono tanto stabili come quelli di legno.

Scala

La scala del pantografo ti consente di sapere quale intervallo di valori sarai in grado di espandere o ridurre i diversi disegni o progetti con cui lavorerai. Pertanto, è un criterio fondamentale nella scelta dello strumento. Normalmente, viene espressa indicando il valore minimo e massimo della scala.

Tuttavia, alcuni produttori offrono anche informazioni su tutte le scale possibili. I pantografi infatti sono progettati per utilizzare solo alcuni valori intermedi. Inoltre, la cosa più comune è che non presentano una separazione regolare tra le diverse scale ammesse.

Un pantografo in funzione

Il pantografo è utilizzato in progettazione, ingegneria, geografia e architettura, tra gli altri settori. E sono utilizzati da studenti e professionisti. (Fonte: Bernina International: 32628634957/ flickr.com)

Accessori inclusi

Per utilizzare correttamente il pantografo, sono necessari alcuni accessori. Prima di tutto, non dovresti mai perdere un supporto che ti permetta di fissare lo strumento al tavolo. E molto meglio se ne contiene più di uno. Generalmente sono supporti metallici. Inoltre, alcuni produttori commercializzano i loro modelli di pantografo con un pratico manuale di istruzioni, utile soprattutto per i principianti.

Conclusioni

Anche se spesso passa inosservato, il pantografo è molto più presente nella nostra vita quotidiana di quanto pensiamo. Creato dall’astronomo tedesco Cristopher Scheiner, originariamente aveva solo lo scopo di espandere e ridurre le dimensioni di disegni o stampe. Tuttavia, nel tempo sono state trovate sempre più applicazioni.

Pertanto, vengono utilizzati per trasmettere energia elettrica a treni e tram, per supportare elementi di illuminazione e persino in prese idrauliche. Come strumento di disegno sono particolarmente apprezzati in campi come ingegneria, architettura o design, utilizzati da studenti e professionisti.

Se ritieni che questa guida sia stata utile nel tuo processo di scelta di un pantografo, condividila sui tuoi social network o lasciaci un commento. Ti aspettiamo nel prossimo articolo!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Lothar Monshausen: 3429640554/ Flickr.com)

Perché puoi fidarti di noi?

Claudio Santinelli Redattore e traduttore
Sono una persona solare, che ama tutto ciò che riguarda la natura, ma amo anche la tecnologia e il fai da te. Sono un tipo sportivo, ma allo stesso tempo mi piace starmene seduto a leggere. Una volta laureato, vorrei insegnare.
Jaime Caballero Filologo e ingegnere
Ho una laurea in filologia e ingegneria mineraria, per me Reviewbox è la combinazione perfetta tra lavorare con il linguaggio e la tecnologia. Nel mio lavoro cerco sempre di prestare molta attenzione ai dettagli e di creare contenuti che possano essere veramente interessanti e utili per il lettore. Alla fine, ciò che mi motiva è fare un lavoro ben fatto e di qualità.