La società odierna si è evoluta a tal punto che quasi tutti ormai abbiamo un PC portatile in casa, che sia per lavoro, per studio o per svago. Un tempo era impensabile ed erano pochi i fortunati che potevano permetterselo. Oggi ne esistono per tutte le tasche e, anche se alcuni offrono solo delle funzioni basilari, non bisogna più essere ricchi per poterne comprare uno da sfruttare per lavoro e svago.

Se stai cercando anche tu un nuovo computer portatile, saprai già che sul mercato esistono svariati modelli, destinati a vari tipi di consumatori e a diverse attività. Quindi magari vuoi conoscere i dettagli base prima di finalizzare l’acquisto. Nella guida che stai leggendo potrai conoscere altre informazioni sui componenti dei PC portatili, dalla scheda grafica alle dimensioni dello schermo. E troverai più facilmente il computer adatto alle tue esigenze.

Le cose più importanti in breve

  • Un portatile con un buon rapporto qualità/prezzo può offrire ottime prestazioni in varie circostanze. Le specifiche del PC determinano fino a che punto esso può essere spinto.
  • Scegliere le dimensioni dello schermo è importante, esattamente come la scelta del processore, della memoria RAM, della scheda grafica e del sistema di archiviazione.
  • I criteri di acquisto che andremo a descriverti verso la fine della guida sono la chiave per effettuare un acquisto che rispecchi appieno le tue necessità.

I migliori PC portatili sul mercato: la nostra selezione

Nella lista che segue andremo a mostrarti i PC portatili con un buon rapporto qualità/prezzo. Leggendo le loro caratteristiche puoi iniziare a farti un’idea su quello che può offrire un dispositivo rispetto a un altro. Prendi nota, uno di questi potrebbe essere il tuo prossimo computer!

Il migliore per rapporto qualità prezzo

Il Notebook di HP possiede un processore AMD a4 9125 da 2,3GHz con scheda grafica AMD Radeon R3 (a 2 core). Dotato di un HDD da 500 GB e di un masterizzatore che funge anche da lettore CD e DVD, dispone del sistema operativo Windows 10 Professional a 64bit. Possiede inoltre 3 porte USB: due 3.1 e una 2.0; seguono poi un’uscita HDMI e una VGA. Il rapporto qualità/prezzo è estremamente valido, poiché è possibile ottenere un portatile abbastanza valido per un prezzo estremamente basso.

Il preferito dalle recensioni

Huawei propone un modello dallo schermo di 15,6″ e con un processore Intel i3. Dotato di un disco SSD da 256 GB e di una RAM da 8 GB, il notebook monta il sistema operativo Windows 10 e la tecnologia Dolby, che permette di godere di una qualità audio superiore. La batteria da 43,3 Wh è inoltre estremamente durevole, tanto che sono garantite almeno 7 ore di autonomia. Il MateBook D resiste bene anche alle sollecitazioni più intense, riuscendo a reggere anche videogiochi (seppur non molto pesanti) e programmi di editing (Photoshop).

Il miglior rapporto qualità prezzo della fascia alta

Apple propone un portatile con un processore Intel Core i5 dual-core di quinta generazione e di una scheda grafica Intel HD Graphics 6000. Fornito di un’archiviazione SSD da 128 GB e di una memoria RAM di 8GB, il dispositivo monta (come tutte le produzioni Apple) il sistema operativo OS. Secondo le recensioni, il Macbook Air è praticamente il non plus ultra dei prodotti Apple. Anche se ad oggi può essere considerato un po’ datato, può comunque offrire delle ottime prestazioni.

Il miglior rapporto qualità prezzo con SSD

Acer Swift 1 ha un display Full HD da 14″, un processore Intel Pentium Silver N5000, una memoria RAM da 4 GB e un’archiviazione SSD da 128 GB. Il notebook monta Windows 10 Home e una scheda grafica Intel UHD 605. Sono presenti inoltre 3 porte USB (due 3.0 e una 2.0) e un’uscita HDMI. Con questo portatile, Acer è riuscita a soddisfare ampiamente coloro che hanno deciso di acquistare il prodotto: si avvia velocemente, funziona con fluidità impressionante ed è dotato di uno schermo dai colori degni di nota.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sui portatili

A questo punto, hai potuto vedere vari modelli con delle caratteristiche diverse, e tutti con dei prezzi variabili. Probabilmente ti starai chiedendo: come faccio a sapere quale acquistare? Nella sezione che segue, infatti, andremo a rispondere alle domande più frequenti sui portatili, che spaziano su diversi campi.

pc-portatile-prima-xcyp1

Un portatile ti consente di realizzare vari compiti, come navigare in Internet o lavorare con programmi. (Fonte: Etienne Boulanger: aafOjsh/ Unsplash.com)

Cos’è un portatile, e a cosa serve?

Un computer portatile consente di realizzare una moltitudine di compiti, tra cui navigare in Internet, lavorare con programmi, editare fotografie, video e suoni e, ovviamente, anche videogiocare. La caratteristica principale che li differenzia dai computer fissi è la possibilità di trasportarli in qualsiasi luogo si voglia.

Fino a poco tempo fa, i portatili erano molto pesanti, e la loro trasportabilità ne risentiva; oggi, grazie al progresso tecnologico, sul mercato sono presenti molte opzioni che sono anche leggere oltre che prestanti. In base alle loro specifiche, i portatili possono essere più adatti per un compito piuttosto che per un altro.

Quali tipi di portatili è più facile trovare?

Ora che sai cos’è un portatile (probabilmente lo sapevi già), andremo a parlare delle differenti tipologie che sono presenti sul mercato: vedremo anche i modelli che non sono convenzionali, magari non reperibili facilmente nei comuni negozi. Nella maggior parte dei casi, le differenze sono minime, ma meglio conoscerle tutte:

  • Portatili da gaming: Sono ottimi per i videogiochi e sono i più popolari tra i gamers. Solitamente, possiedono un processore potente e una memoria RAM che va dagli 8 ai 16 GB, o addirittura oltre. Offrono anche una buona capacità di archiviazione e, ovviamente, una scheda grafica molto potente per supportare videogiochi pesanti.
  • Portatili convertibili: La caratteristica principale è lo schermo, che possiede delle barre specifiche che consentono di trasformarlo in un tablet.
  • Chromebook: Piccoli portatili, solitamente di 11 pollici, che hanno come sistema operativo Chrome OS di Google al posto di Windows. Sono destinati alla navigazione in Internet o a piccoli compiti, come l’archiviazione di file. Tuttavia, il disco rigido è di poca capacità, perché questi pc si focalizzano soprattutto sull’archiviazione su Google Drive o in altri cloud.
  • Ultrabook: Portatili leggeri, solitamente tra i 13 e i 14 pollici, molto sottili ed efficienti; sono stati ideati da Intel per contrastare i MacBook di Apple. Possono equipaggiare processori come i5 o i7, e si caratterizzano per l’accensione molto rapida, per il sistema di archiviazione SSD e per una batteria molto longeva.
  • Netbook: Simili ai Chromebook, possiedono il sistema operativo Windows. Probabilmente, sono i meno potenti, perché le loro specifiche consentono esclusivamente di navigare in Internet o di editare testi. Al momento del lancio erano molto richiesti, ma oggi hanno perso popolarità.

Che differenza c’è tra gli hard disk HDD e SSD?

La capacità di archiviazione e la rapidità nel trasferimento di dati sono dei fattori molto importanti. Ci sono due tipi di sistemi che sono molto popolari: l’HDD (Hard Drive Diske l’SSD (Solid State Drive). La tabella sottostante andrà a mostrarti le caratteristiche principali, in modo che tu possa farti un’idea delle differenze tra le due opzioni.

Sistema HDD Sistema SSD
Possiede varie parti mobili, quindi, può rovinarsi. Non ha parti mobili ed è più resistente agli urti e alle perdite di dati.
Sono più economici. Sono più complessi, recenti e, di conseguenza, anche più cari.
Hanno una grande capacità di archiviazione. Minor capacità di archiviazione.
In termini di velocità, perdono con l’SSD. Sono molto più rapidi del sistema HDD e, quindi, permettono un funzionamento più fluido.
Più grandi. Di piccole dimensioni. Vengono utilizzati anche nei portatili ultra sottili.
Emettono qualche rumore. Perfettamente silenziosi.

Quali dimensioni sono meglio per un portatile?

Questo dipende se lo utilizzerai esclusivamente in casa o se dovrai spostarlo frequentemente. Se devi utilizzarlo per giocare o per fare editing, meglio optare per uno schermo non troppo piccolo; se invece lo porterai frequentemente con te, meglio scegliere qualcosa di più semplice da trasportare.

In ogni caso, meglio che sia dotato di una scheda grafica potente, e i computer da gaming sono i migliori in questo. Se invece cerchi un portatile che offra un buon rendimento a 360°, gli ultrabook di ultima generazione sono l’opzione migliore, anche perché i loro prezzi si sono stabilizzati e non sono eccessivamente alti.

pc-portatile-xcyp1

Se un portatile è dotato di almeno 4 GB di RAM, non rischi che ti abbandoni sul più bello. (Fonte: Anete Lusina: zwsHjakE_iI/ Unsplash.com)

Abbiamo detto che, al momento del lancio, avevano dei prezzi da capogiro, ma ora non è più così. I loro punti di forza sono molteplici: sono leggeri ma potenti, veloci all’avvio (con un’accensione praticamente istantanea), con un sistema di archiviazione SSD, batteria e connettività ottime e, oltretutto, ci sono anche modelli con grafica dedicata.

Quali sono le specifiche chiave per un portatile?

Una volta deciso l’uso che si farà del portatile, bisogna dare un’occhiata ai vari processori (il “cervello” del dispositivo) presenti sul mercato, in modo da non optare per uno di scarsa qualità o non adatto per le proprie esigenze. Qui sotto troverai i più famosi:

  • Intel Celeron: Si tratta del modello più semplice di Intel. Inutile se vuoi fare uso di applicazioni avanzate. Con questo, dimenticati dei giochi.
  • Intel Pentium: Meglio di Celeron, ma va bene solo per editare testi, visualizzare video e immagini, navigare su Internet e poco altro.
  • Intel Core i3/i5/i7: Oggi, sono i più utilizzati. L’i3 è il più modesto, mentre l’i5 è il migliore per un utilizzo a 360°. L’i7, invece, è il più avanzato e moderno. Quelli della serie U sono migliori di quelli della serie Y, perché questi ultimi sono a basso consumo e meno potenti. Ci sono anche differenti generazioni.
  • Intel Xeon: Sono i più potenti ed avanzati di Intel. Sono destinati ad un uso professionale.
  • AMD Athlon: Sono i processori basilari prodotti da AMD.
  • AMD serie A ed E: Hanno un buon rendimento per i portatili non destinati all’utilizzo di programmi o videogiochi pesanti.
  • AMD FX: I processori di questa serie possono avere dai 4 agli 8 core e, in base al modello, potrai godere di prestazioni più o meno potenti. Ad esempio, l’FX 8300 supporta giochi di una certa potenza.
  • AMD Ryzen: Il competitor diretto degli Intel i5 ed i7.
  • AMD Epyc: Il suo rendimento è fantastico e il prezzo è molto alto. È nato per competere contro Intel Xeon, che anche battuto. Ad ogni modo, la guerra tra le due marche è ancora aperta.

Un altro aspetto da tenere in considerazione è anche la memoria RAM: solitamente, i portatili più modesti e piccoli sono dotati di solo 2 GB. Meglio avere un portatile di almeno 4 GB di RAM, per evitare che ti abbandoni sul più bello; ci sono anche modelli potentissimi che possono arrivare a 128 GB.

pc-portatile-particolare-xcyp1

Gli ultrabook sono portatili leggeri, solitamente tra i 13 e i 14 pollici, sottili e molto efficienti. (Fonte: Cowomen: hG1MJ6alVfU/ Unsplash.com)

Meglio disporre di una grafica integrata o dedicata?

Questa decisione dipende dalla tua attività al computer: per utilizzare programmi leggeri e per navigare in Internet, va bene anche una grafica integrata. Se invece avvierai programmi potenti e videogiochi, anche se non molto pesanti, meglio optare per un modello dotato di grafica dedicata.

Inoltre, quando un compito richiede un “appoggio” extra, la grafica dedicata aiuta a far funzionare il tutto con fluidità: potrai quindi fare uso di programmi di editing e di videogiochi con una certa qualità grafica. Ovviamente, ci sono schede grafiche con un rendimento diverso, e le più comuni sono prodotte da Nvidia e AMD.

Criteri di acquisto

Conosci già alcuni aspetti da tenere in considerazione al momento dell’acquisto di un portatile. In questa sezione, andremo a parlati dei criteri di acquisto che ti garantiranno la migliore scelta, senza rischio di sbagliare. Abbiamo già menzionato alcuni di questi fattori, ma è giusto segnalarli ancora una volta:

  • Tipo di utilizzo
  • Prestazioni
  • Scheda grafica
  • Connettività

Tipo di utilizzo

Uno dei criteri di acquisto più importanti è, ovviamente la modalità di utilizzo. Infatti, prima di optare per delle specifiche o per delle dimensioni ben precise, devi prima di tutto avere chiaro il perché hai bisogno di un portatile, e se ne andrai a fare un utilizzo più o meno intenso.

Ci sono inoltre due altri aspetti, ugualmente importanti. Il primo è il trasporto: lascerai il portatile in un luogo ben preciso, o lo porterai sempre con te? Nel primo caso, meglio uno schermo piuttosto piccolo; nel secondo, un portatile leggero e con uno schermo di 14 pollici è la scelta migliore. Il secondo aspetto, poi, è anche l’utilizzo. In base a questo, infatti, avrai bisogno di certe prestazioni.

pc-portatile-seconda-xcyp1

I Netbook sono simili ai Chromebook, che però sono dotati di Windows come sistema operativo. (Fonte: Andrew Neel: sZYUKEWsDLA/ Unsplash.com)

Prestazioni

Se vuoi dedicarti soprattutto alla navigazione in Internet, scrivere testi e conservare fotografie, non ti serve un computer molto potente o dalle grandi dimensioni. Se invece vuoi un utilizzo più a 360°, ti consigliamo un ultrabook per la sua leggerezza, polivalenza ed efficienza.

Nel caso in cui tu voglia editare fotografie, video o audio ad un livello più o meno professionale, avrai bisogno almeno di un processore i7, di una RAM da 8 GB e di una scheda grafica potente. Stessa cosa per un portatile da gaming, che dovrà supportare giochi pesanti e con una grafica molto dettagliata.

Scheda grafica

Si tratta di un aspetto importante perché, insieme al processore e alla memoria RAM, potrà definire fino a che punto puoi spingere il tuo portatile. Ci sono molti modelli che possiedono una grafica integrata: questa è sufficiente se non utilizzerai programmi o videogiochi pesanti. Solitamente, questo tipo di grafica consente di giocare solo a giochi semplici, abbassando la risoluzione e la qualità grafica.

Ovviamente però, è meglio che il portatile possieda una grafica dedicata. Sul mercato ci sono marche e modelli sui 700€ con ottimi processori, una memoria RAM decente e una grafica dedicata.

Connettività

Questo aspetto è importante, perché un buon portatile deve avere delle caratteristiche base: oggi, molti di essi possiedono un’uscita HDMI, varie porte USB 3.0 e anche una connessione di tipo C. Inoltre, l’implementazione della connessione Bluetooth e WiFi non è da ignorare. Al contrario, sono sempre meno i portatili che possiedono un lettore CD/DVD.

Conclusioni

Avere un portatile che sia capace di accompagnarti nelle tue ore di lavoro, studio o svago è, senza dubbio, un’esperienza davvero piacevole. Al giorno d’oggi, sono disponibili così tante funzioni e modelli che è praticamente impossibile non riuscire a trovare nulla che si adatti alle proprie esigenze!

In questa guida, hai potuto visualizzare vari portatili con le relative specifiche, apprendendo tutte le differenze. Abbiamo poi cercato di rispondere alle domande più frequenti su questi dispositivi, elencando alla fine tutti i criteri di acquisto indispensabili per una scelta consapevole. A questo punto, pensiamo che tu sia pronto per fare la tua scelta!

Speriamo che l’articolo che hai appena letto ti abbia aiutato nella scelta: se è così, condividilo sui social o lasciaci un commento!

(Fonte dell’immagine in evidenza: John Schnobrich: yFbyvpEGHFQ/ Unsplash .com)

Perché puoi fidarti di me?

REVIEWBOX Redazione
REVIEWBOX
I redattori di REVIEWBOX fanno ricerche approfondite e scrivono articoli interessanti e completi per aiutare gli utenti a fare la scelta giusta nel momento in cui devono trovare il miglior prodotto per le proprie esigenze.