Ultimo aggiornamento: 23/08/2021

Il nostro metodo

13Prodotti analizzati

28Ore di lavoro

7Fonti e riferimenti usati

82Commenti valutati

Siamo felici di averti qui e desiderosi di raccontarti l’argomento di oggi, anche se teniamo presente che questo è il motivo stesso per cui ci stai leggendo, ma ci piace l’eccitazione preliminare. Quindi, senza ulteriori indugi, prendi un quaderno, una penna e siediti per saperne di più sui pianoforti a coda.

Ogni apprendista o professionista del pianoforte vorrebbe un affascinante e lussuoso pianoforte a coda e se siamo un po’ più esigenti, uno Steinway sarebbe il sogno che diventa realtà, sfortunatamente non tutti abbiamo lo spazio per inserirne uno o i soldi per acquistarlo, quindi senza scoraggiarci, possiamo optare per altre alternative più terrene. Se sei sulla strada dell’acquisto del tuo prossimo pianoforte e non puoi permetterti un pianoforte a coda ma non vuoi nemmeno uno elettronico, sei nel posto giusto.

In questo articolo ti guideremo attraverso le opzioni più squisite e quelle più convenienti per trovare il pianoforte che si adatta alle tue esigenze senza perdere una sola nota di distinzione o di sonorità.




Sommario

  • I pianoforti a coda, conosciuti anche come pianoforti a muro, sono strumenti a corde percussivi che, come il pianoforte a coda, sono composti da corde di metallo disposte dalla più grande alla più piccola in una tavola armonica, ma invece di essere orizzontali, sono verticali per risparmiare spazio.
  • I pianoforti a muro possono essere classificati in pianoforti a spinetta, pianoforti da studio, pianoforti a console e grandi pianoforti a muro. Ognuno ha le sue caratteristiche e le sue misure che potrai distinguere quando cercherai il pianoforte di tua scelta.
  • Per effettuare l’acquisto del pianoforte che ti piace, è essenziale prendere in considerazione un paio di criteri che non dobbiamo tralasciare: lo spazio, le principali marche che possiamo iniziare a cercare, il suono e la garanzia che il venditore fornisce sono alcuni dei fattori che non puoi dimenticare.

Pianoforte a muro: la nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Guida all’acquisto: quello che devi sapere sui pianoforti a muro

È arrivato il momento di sapere cos’è un pianoforte verticale, quali sono i suoi tipi, così come i vantaggi e gli svantaggi che questo prodotto ha sugli altri, per poi riconoscere quale è più vicino ai nostri obiettivi.

Un pianoforte verticale ti permette di mantenere quello spazio musicale di cui ogni pianista ha bisogno. (Foto: theartofphoto / 123rf.com)

Cos’è un pianoforte verticale e quali sono i suoi vantaggi?

Un pianoforte verticale, chiamato anche pianoforte a muro, è quello in cui il meccanismo e la tavola armonica sono posizionati verticalmente, permettendo di avere un pianoforte più piccolo ed economico nella sala prove, specialmente se lo spazio per posizionarlo è ridotto, al contrario di un pianoforte a coda.

Questo modello di pianoforte è solitamente l’opzione di acquisto per principianti, studenti e alcune scuole. Le caratteristiche di ogni pianoforte variano in qualità e prezzo a seconda della marca, ma nonostante siano meno grandi di un pianoforte a coda, sono comunque pianoforti pesanti che raggiungono più di 150 chili.

I due principali vantaggi di questo tipo di strumenti rispetto ai pianoforti a coda si basano sulla riduzione dello spazio e sul risparmio economico, due fattori importanti che definiscono la necessità di acquistare questo tipo di prodotto.

Vantaggi
  • Occupa poco spazio
  • Costa meno di un pianoforte a coda
  • Buon livello sonoro
  • È il più richiesto sul mercato
Svantaggi
  • Implica comunque un investimento
  • I pianoforti a muro digitali non eguagliano il suono di uno acustico

Pianoforte a muro Spinet, console, studio o vecchio verticale?

I pianoforti sono strumenti di alto livello che devono essere guardati con attenzione, anche se vuoi comprare il più economico, è un investimento che richiede tempo per capirli e trovare quello giusto, distinguere le loro varianti e i vantaggi che ognuno rappresenta.

Spinet. Questa è una versione più piccola che funziona con un’ottava in meno rispetto ai pianoforti normali. Può essere scambiato per un organo quando incontra la sua versione sorella con due tastiere, una sotto l’altra. Occupa poco spazio, il che lo rende molto più facile da ospitare in casa. Prende il nome dal suo creatore Giovanni Spinetti.

Console. È un pianoforte ad azione diretta poiché tutto il suo meccanismo (creazione e uscita) è alla stessa altezza della sua tastiera, permettendo un maggiore aumento dei suoi toni. È leggermente più grande del pianoforte a spinetta.

Studio. Sono più grandi dei due precedenti e sono anche ad azione diretta; il suo meccanismo è leggermente al di sopra della tastiera, le sue corde sono più lunghe e la sua tavola armonica è sottilmente più grande, di conseguenza il suo suono è di migliore qualità e il pianoforte è più resistente. Viene scelto da scuole e conservatori.

Antique upright. Questo è il più grande dei precedenti. Il suo meccanismo si trova sopra la tastiera e la sua azione è ancora più diretta producendo un suono stridente. Sono uno strumento molto durevole se curato adeguatamente.

Spinta Da consola Da studio Antico verticale
Misure Meno di 98cm Altezza da 98 a 109cm Altezza da 110 a 139cm Altezza tra 140cm e 200cm
Machine Indirect Direct Direct Direct
Meccanismo Sotto la tastiera All’altezza della tastiera Leggermente sopra la tastiera Sopra la tastiera
Suono Caratteristico Punte più alte rise Buona qualità tonale Stridente, alta tonalità

Esistono pianoforti a muro digitali?

Una divisione del pianoforte a coda è il pianoforte digitale, che è molto simile nelle caratteristiche al pianoforte acustico, ma ha 88 tasti, è meno costoso e ha lo scopo di imitare la sensazione e il suono di un vero pianoforte quando viene suonato.

Ogni giorno e grazie alla tecnologia e alla computer music questo tipo di strumenti è migliorato. Un altro grande vantaggio di questo tipo di pianoforti è l’inutile compito di accordarli, così come la loro risonanza e i timbri inconfondibili. Ci sono pianoforti a muro e altri che tendono ad essere più portatili.

Se il budget è limitato o se sei agli inizi in questo mondo musicale, questa opzione è probabilmente quella giusta, prima di investire di più.

Criteri di acquisto

La versatilità che il mercato ha dello stesso prodotto, ci offre alternative su cui possiamo definire ciò che vogliamo secondo le nostre esigenze, le probabilità sono così ampie e i costi così alti che vale la pena avere certi punti in mente.

Spazio

Probabilmente uno dei fattori più importanti per determinare il pianoforte che possiamo permetterci, è lo spazio. Se viviamo in un luogo dove l’ampiezza governa allora possiamo decidere liberamente in base ad altre esigenze come il nostro gusto, la funzionalità, il nostro grado di competenza, ecc.

Anche se abbiamo già visto alcune misure in base al tipo di pianoforte, dobbiamo considerare anche la larghezza per definire gli spazi necessari, quindi come dato culturale e complementare ti lasciamo le misure medie di riferimento che occupa un pianoforte o un altro.

Cola Verticale
Area richiesta Tra 1,5 e 2 metri di larghezza e tra 1,37 e 2,89 metri di lunghezza + il pianista e la panca 1,52 di larghezza X 1,52 di profondità, incluso il pianista e la panca

Marche principali

Il settore dedicato ai pianoforti sta diventando sempre più grande, ci sono diverse marche, alcune molto note e altre meno, soprattutto se non siamo molto familiari con il mezzo. Ci sono produttori provenienti da molti paesi, tra cui Stati Uniti, Cina, Germania, Cecoslovacchia e molti altri. Ecco un paio di opzioni:

Acoustic Verticals. Alcune marche rinomate che offrono prodotti di diverse gamme di qualità e sono alternative garantite sono: Yamaha, Kawai, Baldwin, Steinway & Sons e Bösendorfer. Se non sai molto sull’argomento, iniziare la tua ricerca intorno a queste marche può essere un buon inizio.

Montanti digitali. Casio ha alcuni pianoforti digitali di buona qualità e prezzo; un grande concorrente è Yamaha che offre una serie di opzioni a prezzi ragionevoli in diverse gamme di qualità. Roland, è un’altra marca con una grande traiettoria che sebbene venda altri strumenti ha pianoforti con riconoscimento.

Suoni

Anche se siamo dilettanti, al momento di effettuare la ricerca incessante del pianoforte dei nostri sogni, è altamente consigliabile andare in un negozio e suonare il pianoforte di nostro interesse. Questo in compagnia di un esperto al nostro fianco è ottimale prima di decidere.

Quello che possiamo e dobbiamo fare quando proviamo è suonare ogni tasto con la stessa forza e coerenza, cercando di identificare se c’è qualche deviazione imprevista nel volume. Di solito un pianoforte ha un suono rotondo e pieno; alcune persone lo preferiscono più morbido e altre più brillante.

Garanzia

Un pianoforte è uno strumento di grande valore, sia materiale che sentimentale

Un pianoforte è uno strumento di grande valore, sia materiale che sentimentale. Ci accompagna in studio e poi nelle nostre melodiose performance quotidiane. L’ultima cosa che vogliamo è che si rompa, quindi la cosa più prudente da fare è assicurarsi che il venditore includa una garanzia.

La maggior parte dei pianoforti ha una garanzia di circa 5 anni, tuttavia, se compri lo strumento in un negozio privato potresti scoprire che alcune marche come Steinway e Yamaha non hanno una garanzia estesa se il venditore non è autorizzato dalla marca a vendere i loro prodotti.

(Foto dell’immagine in primo piano: Vyacheslav Nikolaienko/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni