Ultimo aggiornamento: 05/10/2021

Il nostro metodo

29Prodotti analizzati

59Ore di lavoro

19Fonti e riferimenti usati

89Commenti valutati

Chi non l’ha sperimentato? Stai aspettando una chiamata estremamente importante e improvvisamente la batteria è scarica. Oppure sei in viaggio per un lungo periodo di tempo e la batteria dello smartphone si scarica improvvisamente.

Se anche tu sei stanco di preoccuparti costantemente della tua batteria, allora un power bank è quello che fa per te. Con un power bank, puoi risparmiarti il fastidio di cercare una presa di corrente e puoi caricare tutti i tuoi dispositivi in qualsiasi momento.

Ma quale power bank è meglio per te? Hai bisogno di un powerbank che carichi i tuoi dispositivi il più velocemente possibile? O uno con diverse porte USB? O dovrebbe essere il più piccolo e compatto possibile? Qui nel nostro test di powerbank 2021 ti mostriamo tutti i modelli così come i vantaggi e gli svantaggi di ogni prodotto. Sei sicuro di trovare il powerbank giusto per te.




Sommario

  • Un powerbank è la scelta giusta per te se sei spesso in viaggio e non puoi caricare la tua batteria in una presa di corrente. I powerbank ti permettono di caricare il tuo smartphone, tablet o molti altri dispositivi tecnici in movimento.
  • Il criterio più importante per le batterie esterne è la loro capacità. Oltre alla capacità della batteria del dispositivo da caricare, determina quanto spesso puoi caricare il tuo dispositivo senza dover ricaricare il powerbank stesso.
  • Le batterie mobili meno potenti sono adatte per brevi distanze e una o due cariche. Un power bank più potente può essere utilizzato per periodi più lunghi senza una presa di corrente e può essere utilizzato da quattro a otto cariche. Ora ci sono molte forme diverse, design e fasce di prezzo tra cui scegliere.

Powerbank: la nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Guida: Domande che dovresti farti prima di comprare un powerbank

Cos’è un powerbank?

In breve, un powerbank è una batteria esterna che può immagazzinare una certa quantità di energia (mAh). Questo può poi consegnare l’energia immagazzinata a qualsiasi dispositivo (per esempio, smartphone o tablet) attraverso le varie connessioni e quindi ricaricare la batteria integrata del dispositivo.

Con un power bank, sei al sicuro dal rimanere senza batteria anche quando sei in viaggio. (Fonte immagine: 123rf.com / Suphaksorn Thongwongboot)

Ho bisogno di un power bank?

Al giorno d’oggi, un power bank si rivela utile in molte situazioni e non dovrebbe mancare, specialmente per i pendolari e i viaggiatori. Se hai uno smartphone e altri gadget tecnici che usi principalmente quando sei in movimento, un powerbank è quello che fa per te.

Con una batteria esterna extra, puoi caricare i tuoi dispositivi in qualsiasi momento e quindi rimanere sempre online e accessibile.

Anche se vuoi lavorare in treno o in aereo, non rimarrai a secco con una batteria portatile. Dato che non sempre si ha accesso ad una presa di corrente, un caricatore portatile è un compagno indispensabile per gli utenti di smartphone.

Quali dispositivi possono essere caricati con un power bank?

Fondamentalmente, tutti i piccoli dispositivi tecnici possono essere caricati con un powerbank. Dopo tutto, tutto ciò che serve è il cavo giusto con una connessione USB. Per esempio, tutti gli smartphone da Samsung a Apple, Huawei, One Plus, Microsoft e LG possono essere caricati con una batteria mobile. Inoltre, i tablet delle stesse marche possono essere caricati anche con powerbank più grandi.

Anche la ricarica mobile dei lettori di e-book come il Tolino o il Kindle di Amazon non è un problema. È anche possibile caricare le console di gioco portatili con una batteria esterna, come Nintendo Switch o Playstation Vita. Con il cavo giusto, anche le sigarette elettroniche o i piccoli netbook possono essere caricati.

Cosa bisogna considerare quando si acquista un caricabatterie portatile?

Prima di comprare un power bank, dovresti pensare alla capacità della batteria del tuo cellulare, alle dimensioni e al peso che vuoi portare con te e ai collegamenti che la tua batteria esterna deve avere.

Prima di comprare qualsiasi power bank, dovresti scoprire quale si adatta ai tuoi bisogni e ai tuoi dispositivi. (Fonte immagine: pixabay.com / kewei0219)

A seconda dell’uso, dovresti decidere se preferisci avere un power bank leggero per un uso intermedio o una batteria più potente che è anche significativamente più pesante. Dovresti anche decidere se puoi cavartela con una sola porta USB o se hai bisogno di una seconda.

Come faccio a caricare correttamente la mia batteria esterna?

Ogni power bank viene fornito con un cavo di ricarica. Questo di solito è un cavo da micro USB a USB. Per caricare, devi utilizzare la porta micro USB del powerbank e inserire il cavo USB in un connettore adatto. È meglio non svuotare completamente il power bank quando lo carichi, questo aumenterà la durata della batteria.

Dovresti anche assicurarti che la tensione d’ingresso specificata non venga superata o che venga meno. Al giorno d’oggi, molti power bank mobili non sono dotati di un adattatore di rete. Tuttavia, il power bank può essere utilizzato anche con l’adattatore di rete del tuo telefono cellulare.

Soprattutto se sei in viaggio per molto tempo e non rimani mai nello stesso posto per molto tempo, un power bank è molto utile per caricare adeguatamente la batteria del tuo smartphone. (Fonte immagine: pixabay.com / 3D_Maennchen)

Un’altra opzione è quella di caricare la batteria portatile su un PC semplicemente collegando il cavo alla presa USB del computer. Tuttavia, devi tenere a mente che non dovresti spegnere il PC mentre il power bank è ancora in carica.

Questo può richiedere molto tempo, specialmente con capacità elevate. Informazioni esatte sul tempo di ricarica possono essere trovate nelle rispettive istruzioni per l’uso o dal produttore.

Assicurati di non caricare il tuo power bank con un alimentatore a carica rapida se non è progettato per questo scopo.

Gli adattatori di alimentazione Fast Charging sono ora inclusi nei telefoni cellulari più recenti, per esempio il Samsung Galaxy S7 e S8 o il One Plus 3 (T) e i nuovi smartphone di Huawei.

Di quali connessioni ho bisogno sul mio power bank?

Una batteria mobile ha naturalmente bisogno di alcuni collegamenti per essere in grado di caricare un dispositivo. Da un lato, il tuo power bank ha bisogno di una connessione micro-USB per potersi caricare da solo.

Alcuni caricabatterie portatili sono già disponibili con la nuova connessione USB-C. Hai anche bisogno di almeno una porta USB per collegare il cavo di ricarica del tuo dispositivo. Di solito è anche pratico se il tuo power bank ha diverse porte USB in modo che diversi dispositivi possano essere caricati allo stesso tempo.

Se vuoi collegare altri dispositivi che non supportano un cavo di ricarica USB, dovresti scoprire in anticipo quale batteria mobile fornisce questa connessione.

Di quali funzioni aggiuntive ha bisogno il mio power bank?

A volte può essere utile guardare più che la capacità e le dimensioni e il peso associati quando si acquista un power bank. Alcuni power bank mobili offrono funzioni aggiuntive. Per esempio, alcuni modelli hanno una piccola torcia, che può essere molto utile in alcune situazioni. Tuttavia, questo è di solito solo il caso dei power bank da 5.000 mAh e più.

Dovresti anche assicurarti che i caricabatterie portatili più grandi abbiano un indicatore del livello della batteria.

Vantaggi
  • Caratteristiche utili
  • Visualizzazione dello stato della batteria particolarmente importante
Svantaggi
  • Prezzo più alto
  • Peso e dimensioni maggiori

Questo ti permette di vedere quanta capacità ha ancora la batteria del cellulare e quante cariche sono ancora disponibili.

Questo non è assolutamente necessario per le batterie più piccole, dato che dovrai comunque ricaricarle dopo l’uso. Dovresti decidere tu stesso quali servizi aggiuntivi ti aspetti dal tuo dispositivo in base alle tue esigenze e necessità. Dopo tutto, a seconda del dispositivo e della portata, gli extra non sono sempre e solo positivi:

Decision: Quali tipi di power bank esistono e qual è quello giusto per te?

Fondamentalmente, si può fare una distinzione tra due gruppi di power bank portatili

  • Powerbank da 2.000 a 5.000 mAh
  • Powerbank con 5.000 mAh o più

Ci sono diversi vantaggi e svantaggi con i due tipi di caricabatterie portatili, ma questi dipendono principalmente dall’uso del powerbank. A seconda dei dispositivi che vuoi caricare e dove vuoi usare il tuo power bank in quale situazione, sono adatti diversi modelli di batterie esterne. Nella seguente sezione, vorremmo aiutarti a scoprire quale tipo di power bank è migliore per te. Per fare questo, presenteremo le categorie menzionate sopra e ti daremo una chiara panoramica dei vantaggi e degli svantaggi di ogni tipo.

Cosa distingue un power bank da 2.000 a 5.000 mAh e quali sono i suoi vantaggi e svantaggi?

Per scegliere il giusto tipo di batteria portatile, devi decidere all’inizio quale dispositivo vuoi caricare con essa. La batteria di uno smartphone medio richiede tra i 2.500 e i 3.000 mAh per una carica completa.

Puoi trovare le specifiche esatte del tuo telefono nelle specifiche tecniche del tuo telefono. Con gli smartphone più potenti, la quantità di energia richiesta può a volte salire a 4.000 mAh. Un power bank da 2.000 a 5.000 mAh è quindi perfettamente sufficiente per una carica completa del tuo smartphone.

Vantaggi
  • Peso ridotto
  • Dimensioni ridotte
  • Prezzo basso
Svantaggi
  • Solo una carica completa
  • Poche connessioni
  • Poche funzioni aggiuntive

Questo significa che il tuo smartphone può facilmente durare un giorno intero.

Inoltre, le batterie portatili con capacità inferiore sono significativamente più leggere ed economiche di powerbank più potenti. Questo significa che se opti per questo modello, ottieni un power bank compatto che è particolarmente adatto alla tasca dei pantaloni o alla borsa per l’uso quotidiano.

Cosa distingue un powerbank da 5.000 mAh o più e quali sono i suoi vantaggi e svantaggi?

Se hai uno smartphone più potente, di solito ha bisogno di più energia per essere caricato completamente. Questo è il caso della maggior parte dei modelli più costosi dei principali produttori Samsung, Apple, Huawei e Sony. Allora hai anche bisogno di un powerbank più potente. Con un caricatore mobile che ha 5000 mAh e più di capacità, puoi utilizzare il powerbank per diversi cicli di ricarica senza doverlo ricaricare.

Con un power bank più grande, hai anche la possibilità di caricare tablet e netbook

. I tablet di solito hanno bisogno da 6.000 a 8.000 mAh per una carica completa. C’è anche la possibilità di caricare le console di gioco, come la Nintendo Switch. Tuttavia, con un power bank che ha una capacità maggiore, bisogna scendere a compromessi anche per quanto riguarda le dimensioni e il peso.

Queste batterie mobili sono molto più pesanti e grandi dei modelli meno potenti. Questo significa che i power bank più grandi non sono necessariamente adatti all’uso quotidiano, ma sono più vantaggiosi per i viaggi più lunghi, in aereo o in treno. Con un powerbank con una capacità di 12.000 mAh, puoi facilmente ottenere dai 3 ai 4 giorni di autonomia con il tuo smartphone senza dover ricaricare il powerbank.

Vantaggi
  • Cariche multiple possibili
  • Più porte
  • Due o più dispositivi allo stesso tempo
Svantaggi
  • Significativamente più pesante
  • Relativamente grande
  • Prezzo più alto

Un powerbank più potente è particolarmente utile quando devi viaggiare per lunghe distanze senza la possibilità di raggiungere una presa di corrente. Un altro vantaggio delle batterie più potenti è che hanno dei collegamenti.

Le batterie mobili di queste dimensioni di solito hanno due uscite di ricarica, il che significa che due dispositivi possono essere caricati allo stesso tempo. Tuttavia, in questo caso il power bank si esaurirà più rapidamente. C’è anche l’opzione di due diverse connessioni, come una normale uscita USB e una più recente uscita USB-C. Quindi c’è qualcosa per ogni modello di cellulare. Un altro vantaggio dei power bank più grandi è che di solito sono dotati di cavi di ricarica.

Soprattutto quando sei in viaggio per molto tempo e non rimani mai nello stesso posto per molto tempo, un powerbank è molto utile per caricare adeguatamente la batteria dello smartphone. (Fonte immagine. pixabay.com / 3D_Maennchen)

Dato che le batterie dei cellulari più piccoli sono anche di piccole dimensioni, il cavo di ricarica deve essere collegato esternamente. Questo significa che il cavo a volte può essere dimenticato. Le versioni più grandi spesso hanno cavi di ricarica attaccati direttamente al power bank, che possono anche essere conservati nel power bank stesso quando non sono in uso. In questo modo, il powerbank è sempre pronto e non devi ricordarti di imballare gli accessori separatamente.

Criteri di acquisto: Puoi usare questi fattori per confrontare e valutare i power bank

Di seguito, vogliamo mostrarti quali fattori puoi usare per confrontare e valutare i caricabatterie per cellulari. Questo ti renderà più facile decidere se una certa batteria è adatta a te o no. In sintesi, questi sono:

  • Peso
  • Dimensioni
  • Colore / Design
  • Capacità
  • Connessioni
  • Corrente di ingresso e di uscita
  • Durata della carica
  • Tipo di batteria
  • Accessori
  • Qualità

Nei paragrafi seguenti puoi leggere i singoli criteri di acquisto e come puoi classificarli.

Peso

Fondamentalmente, si può supporre che più pesante è la batteria, maggiore è la sua capacità. Un power bank è principalmente un gadget per gli spostamenti, in treno, in aereo o come compagno nella tua borsa. Per questo motivo, dovresti assicurarti che la batteria portatile sia il più leggera possibile. PrestazioniLe powerbank più leggere di solito pesano poco, ma offrono anche pochi cicli di ricarica. I powerbank più pesanti, d’altra parte, offrono più capacità. Tuttavia, ora ci sono anche powerbank molto compatti che offrono molta potenza. Un confronto esplicito e intenso del peso in grammi e della capacità in mAh dovrebbe essere fatto qui. Le batterie mobili ad alta capacità hanno un peso di circa 270-500 grammi.

Powerbank con una capacità inferiore sono già disponibili a partire da un peso di circa 100 grammi. Per una capacità media, un peso di circa 300 grammi è appropriato e offre una soluzione comoda tra i powerbank molto pesanti e quelli molto leggeri.

Dimensioni

Le batterie mobili più piccole di solito hanno forme rotonde e allungate, mentre le batterie più grandi sono di solito prodotte in dimensioni rettangolari. Per inserire più potenza in un powerbank, anche la forma deve cambiare. Per esempio, una batteria rettangolare e leggermente più spessa può contenere più energia di una forma oblunga.

Tuttavia, sono raccomandate anche batterie piccole, per esempio se lo smartphone non ha bisogno di molta energia o se il powerbank viene acquistato solo per una o due cariche alla volta. I Powerbank con un’alta capacità di solito misurano circa 15 x 7 cm e sono quindi ancora molto compatti e facili da trasportare. Con dimensioni di circa 10 x 4 cm, le batterie mobili di capacità inferiore offrono meno capacità ma occupano molto meno spazio.

Colore / design

Il colore del power bank gioca un ruolo piuttosto subordinato tra i criteri di acquisto. La maggior parte delle batterie dei cellulari sono nere, spesso con accenti leggermente colorati. Tuttavia, ci sono anche alcuni fornitori che si sono concentrati sul design unico in questo settore. I Powerbank sono disponibili anche in bianco o argento. I modelli più esotici sono anche disponibili in rosa o mimetico. Oltre al colore del powerbank stesso, è anche possibile dare al powerbank un design unico con i cosiddetti paraurti e tasche.

Capacità

La capacità delle batterie dovrebbe corrispondere al comportamento dell’utente. Quindi devi chiederti di nuovo quale dispositivo vuoi caricare. Come già detto, la batteria di un normale smartphone contiene circa 3.000 mAh. Un power bank con 10.000 mAh o più ti darà diverse cariche senza doverlo ricaricare da solo.

Può anche essere utilizzato per caricare un tablet. Tuttavia, devi fare dei sacrifici in termini di dimensioni e peso. Con un power bank di 5000 mAh o più, puoi facilmente resistere un giorno con il tuo smartphone. Tuttavia, se vuoi andare sul sicuro e magari guardare video o giocare con il tuo smartphone per diverse ore quando sei in giro per un periodo di tempo più lungo, dovresti optare per un power bank più potente. La seguente tabella riassume le diverse capacità e i loro possibili usi

  • 10.000 mAh – 20.000 mAh – Powerbank medio: la capacità di carica normalmente ti permette di caricare completamente il tuo smartphone fino a 5 volte. Il powerbank medio è leggermente più grande della versione mini e di solito può caricare almeno due dispositivi allo stesso tempo.
  • 20.000 – 30.000 mAh – Powerbank Grande: grazie all’alta capacità, anche i dispositivi con un maggiore consumo energetico come tablet e laptop possono essere caricati senza problemi. Questo grande powerbank ha fino a quattro interfacce, ma è più adatto all’uso stazionario a causa delle sue dimensioni.
  • Più di 30.000 mAh – power bank XXL: questa capacità di carica è progettata per fornire un’alimentazione permanente per dispositivi più grandi come i computer portatili. Questo power bank XXL è generalmente adatto a dispositivi che richiedono molta energia e richiede un adattatore.

Connessioni

La maggior parte dei power bank hanno due porte USB con cui puoi caricare i tuoi dispositivi finali. Solo le batterie mobili più piccole hanno solo una porta. Se vuoi caricare diversi dispositivi, dovresti comprare una batteria più grande. Se hai intenzione di caricare un solo dispositivo, una batteria portatile con una sola porta USB è sufficiente. Tuttavia, con molti powerbank, le diverse uscite hanno diversi valori di ampere, così che un dispositivo compatibile può essere caricato più velocemente nella porta corrispondente.

Corrente di ingresso e di uscita

Dovresti anche selezionare il tuo powerbank in base alla corretta tensione per il tuo dispositivo. Tuttavia, la corrente di ingresso non è così importante come la corrente di uscita quando si decide quale dispositivo comprare.

Questo è il numero di ampere che vengono passati al dispositivo da caricare. La tensione di uscita della batteria mobile non dovrebbe mai superare la tensione del dispositivo finale. Se la corrente è troppo bassa o troppo alta, la carica richiederà più tempo o la batteria (del telefono cellulare) potrebbe essere danneggiata.

Gli smartphone e altri piccoli dispositivi mobili richiedono una tensione da uno a 1,5 ampere; per i tablet, questa può arrivare fino a due ampere. Puoi trovare le specifiche esatte nelle specifiche tecniche del tuo dispositivo. Alcuni powerbank hanno delle tecnologie intelligenti incorporate, che hanno nomi diversi per ogni produttore.

Fortunatamente, questi assicurano che il powerbank emetta solo il numero appropriato di ampere come intensità di corrente in uscita adatta al dispositivo collegato. Questo significa che una grande varietà di dispositivi può essere caricata in modo ottimale con la stessa connessione.

Durata della ricarica

La durata della ricarica della batteria del tuo cellulare dipende da due fattori. In primo luogo, la dimensione del powerbank e in secondo luogo gli accessori utilizzati. In media, un power bank con una capacità di 10.000 mAh o più ha bisogno di circa cinque ore per una carica completa; maggiore è la capacità del power bank, maggiore è il tempo di ricarica della batteria del cellulare. Da 15.000 mAh, dovresti aspettarti un tempo di ricarica di circa otto ore. I Powerbank con una capacità inferiore recuperano la loro piena forza dopo circa quattro ore. Se carichi il powerbank con il cavo originale, sarà caricato in maniera ottimale e tornerai alla piena potenza in pochissimo tempo.

Con i pacchetti più costosi e di maggiore capacità, assicurati di poter acquistare stazioni di ricarica dal fornitore. Anche se questo è un acquisto aggiuntivo, può ripagare se stesso in termini di tempo di ricarica, dato che può accorciarlo considerevolmente.

Tipo di batteria

Le batterie agli ioni di litio sono una categoria sovraordinata per una vasta gamma di batterie, inclusa la batteria ai polimeri di litio. Questo è un ulteriore sviluppo della batteria agli ioni di litio. In generale, la batteria agli ioni di litio è usata particolarmente spesso perché può immagazzinare molta energia anche in uno spazio molto piccolo. Inoltre, questa batteria è particolarmente ben protetta contro l’auto-scaricamento.

La batteria piuttosto economica ha una lunga durata ed è quindi perfettamente adatta a piccoli dispositivi elettrici come notebook, smartphone e piccole fotocamere. Inoltre, questo modello di batteria non è particolarmente sensibile alle fluttuazioni di temperatura. La situazione è diversa con la batteria ai polimeri di litio, perché le celle di questo modello di batteria si danneggiano rapidamente a temperature superiori ai 60 gradi e inferiori agli 0 gradi Celsius.

Dal lato positivo, però, questa batteria è molto più flessibile nella sua forma e può essere applicata anche a strati molto sottili. Inoltre, questa batteria è facilmente soggetta a sovraccarico se i componenti di ricarica non sono corretti. Tuttavia, se conservato correttamente, ha una vita utile molto lunga.

Accessori

L’accessorio standard di un power bank è il cavo micro-USB per caricarlo. Se questo non è incluso nella consegna, dovresti piuttosto cercare un’altra offerta. Il cavo micro-USB ti permette di caricare la batteria del tuo cellulare velocemente e delicatamente. I cavi più corti possono anche accorciare il tempo di ricarica. Inoltre, i power bank più grandi spesso vengono forniti con una borsa da viaggio.

Questo serve a proteggere il powerbank senza danneggiare sia l’aspetto che le porte della batteria portatile.

Sapevi che esistono anche custodie per cellulari con batterie integrate? Il grande vantaggio di queste batterie esterne è che sono facili da usare. Inoltre, non c’è bisogno di un cavo, che è sempre in mezzo ai piedi e può rompersi nel peggiore dei casi. Tuttavia, il tuo cellulare sarà più largo quando usi una custodia di questo tipo e queste custodie per cellulari con batterie ricaricabili non sono disponibili per tutti i modelli di cellulari.

Assicurati di comprare un cavo adatto per caricare il tuo dispositivo. I connettori più comuni sono Micro-USB, USB-C e Lightning.

Anche il miglior power bank può esaurirsi di tanto in tanto quando sei in giro. Le batterie mobili con pannelli solari sono state sviluppate proprio per questa situazione. In questo caso, la batteria portatile viene ricaricata dall’energia solare e può continuare ad essere utilizzata.

Qualità

Come per tutti i dispositivi elettronici, ci sono differenze nella qualità delle batterie esterne. Fai attenzione alle offerte molto economiche che sono molto al di sotto del prezzo medio di mercato e/o ai prodotti senza nome. Possono danneggiare la batteria del tuo dispositivo mobile, possono fornire poca energia o rompersi rapidamente.

Fonte dell’immagine: A casa, puoi ricaricare completamente il tuo power bank per il suo prossimo utilizzo – direttamente dalla presa o tramite la connessione USB. (Fonte immagine: pixabay.com / Elsie_huangchao2017)

Un’importante caratteristica qualitativa delle batterie esterne è la loro durata ed efficienza. Le batterie esterne di alta qualità hanno anche tecnologie di ricarica che riconoscono la tensione di uscita del dispositivo da caricare e si adattano ad essa.

Fatti da sapere sui power bank

Cosa significa mAh?

Ogni powerbank ha la sua capacità. Come per tutte le altre batterie, questo è dato in milliampere ore, o mAh in breve. Più mAh ha un powerbank, più spesso può essere utilizzato per caricare smartphone, tablet o dispositivi finali simili.

Come funziona un powerbank con un pannello solare?

Anche i power bank possono esaurirsi di tanto in tanto. Naturalmente, hanno anche bisogno di essere ricaricate regolarmente. Le batterie esterne con pannelli solari possono fornire un rimedio a questo problema. Queste batterie portatili hanno la capacità di convertire l’energia solare in elettricità e quindi ricaricare se stesse o un dispositivo. Quindi bastano pochi minuti sotto un cielo aperto e luminoso per utilizzare di nuovo il tuo dispositivo.

Un powerbank può essere caricato e scaricato allo stesso tempo?

Con la maggior parte dei powerbank, è perfettamente possibile caricarli da soli attraverso una connessione elettrica e allo stesso tempo caricare un dispositivo con l’aiuto del powerbank. Tuttavia, questa doppia funzione potrebbe non essere supportata da powerbank meno potenti con meno mAh. Ci sono

batterie portatili che supportano la ricarica induttiva?

Ci sono alcuni powerbank sul mercato che sono progettati per la ricarica wireless. In questo caso, lo smartphone stesso viene posizionato sul powerbank e inizia il processo di ricarica induttiva. La ricarica wireless sta diventando sempre più popolare. La ricarica wireless carica un dispositivo posizionandolo su un pad speciale. Tuttavia, solo gli smartphone più recenti supportano questa funzione e solo questi dispositivi possono essere caricati con questo caricatore per cellulari.

Come posso personalizzare il mio powerbank?

Con alcuni power bank portatili, non è solo la funzionalità che conta, ma anche il design. Per esempio, i caricabatterie portatili possono essere personalizzati con foto, incisioni, loghi o specchi in alcuni negozi. Tuttavia, la maggior parte di questi power bank personalizzabili non hanno una capacità elevata (solo circa 2.500 mAh). Per esempio, ci sono molti modi per stampare una foto sul powerbank. Nella maggior parte dei casi, un design metallico dà alla foto un tocco molto speciale. Ci sono anche alcuni caricatori per cellulari che hanno uno specchio integrato, il che rende il power bank un compagno quotidiano ancora migliore per la borsa. C’è anche la possibilità di avere loghi incisi su un power bank mobile. Ciò significa che questi power bank possono essere utilizzati anche come regali promozionali.

Posso costruire un power bank da solo?

In linea di massima, ci sono diverse istruzioni su Internet su come costruire batterie esterne. Tuttavia, se non hai molta familiarità con l’ingegneria elettrica, ti consigliamo di non farlo per evitare di danneggiare i dispositivi che stai caricando. Anche questi non sarebbero coperti dalla garanzia se li hai creati con il tuo dispositivo. Se vuoi ancora provare il fai da te, il seguente video ti mostrerà come:

Posso portare un powerbank su un aereo?

Sì, puoi portare una batteria con te in aereo fino ad una capacità di circa 25.000 mAh. Se il tuo dispositivo ha più capacità, dovresti informare il personale di sicurezza. Decideranno poi se permetterti di portarlo con te. Per favore, informati in anticipo in modo da poter mettere il tuo pacco batterie nella tua valigia se dovesse succedere il peggio.

Quanto dura una batteria?

La maggior parte dei produttori dichiara che la durata di vita del powerbank è di 500 cicli di ricarica in media. Qui ci saranno sicuramente delle deviazioni dovute ai miglioramenti tecnici e alla corretta gestione da parte tua.

Sapevi che puoi calcolare facilmente quanto spesso il powerbank può caricare il tuo dispositivo? Per calcolarlo, hai solo bisogno di conoscere due componenti: la capacità del powerbank e la capacità della batteria del tuo cellulare (o la batteria di un altro dispositivo). Se dividi i mAh del powerbank per i mAh della batteria del cellulare, ottieni il numero di processi di ricarica. Per esempio, se il tuo power bank ha 10.000 mAh e la batteria del tuo cellulare ha 3.000 mAh, puoi caricare completamente il tuo cellulare 3 volte (perché 10.000/3.000 = 3,33) prima di dover caricare di nuovo il power bank.

Un uso scorretto della batteria può ovviamente avere l’effetto opposto. Il numero di cicli dipende anche dalla qualità e quindi un po’ dal prezzo.

Fonte immagine: 123rf.com / Ruslan Sitarchuk

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni