Donna con banana ricoperta da preservativo

I preservativi femminili sono dei contraccettivi “di nicchia”, ma estremamente pratici perché possono essere indossati anche molte ore prima di un rapporto. Non solo consentono di avere una protezione senza dover interrompere il momento, ma permettono alla donna di decidere da sola di proteggersi da un gravidanza o da malattie.

I preservativi maschili sono molto più accessibili e popolari, sia perché sembrano più affidabili, sia perché danno l’impressione di essere più facili da indossare: i profilattici femminili non sono da meno, ma il fatto che ci siano ancora alcuni tabù circa il loro uso rende molto più difficile la loro diffusione. In questo articolo andremo a darti alcune informazioni su questo metodo contraccettivo, in modo che tu possa proteggerti consapevolmente.

Le cose più importanti in breve

  • I preservativi femminili vanno posizionati all’interno della vagina, e possono essere indossati anche 8 ore prima del rapporto sessuale.
  • Tutti i profilattici, sia maschili sia femminili, evitano gravidanze e malattie sessualmente trasmissibili; la loro efficienza, però, dipende da un utilizzo corretto.
  • Per scegliere la tipologia di profilattico più adatta a te, dovrai tenere in considerazione il contesto in cui lo utilizzerai, così come i tuoi gusti e necessità durante il rapporto. Andremo a fare maggiore chiarezza su questi aspetti nei “Criteri di acquisto”.

I migliori preservativi femminili sul mercato: la nostra selezione

Acquistare un profilattico femminile potrebbe sembrare complicato, soprattutto perché si tratta di un articolo non molto diffuso. Per aiutarti nella scelta, abbiamo preparato questa selezione in cui andremo ad illustrarti i migliori preservativi femminili secondo il loro rapporto qualità prezzo e le opinioni delle utilizzatrici.

Il preservativo femminile senza lattice

Venduti in confezione da 3 pezzi, i preservativi Pasante hanno un’apertura di circa 50 mm ed una profondità di 180 mm; sono morbidi e già lubrificati, con uno spessore medio di 50 µm per non inibire il piacere di entrambe le parti. È un prodotto privo di silicone e spermicida, con marchio CE. Possono essere usati con i lubrificanti più comuni in commercio e non hanno controindicazioni particolari.

Il preservativo femminile con il miglior rapporto qualità prezzo

I preservativi Ormelle sono lubrificati e realizzati in lattice naturale, misurano fino a 182 mm in profondità ed hanno una larghezza media di 74 mm; lo spessore è compreso fra gli 0,08 e 0,11 mm, e non inibiscono il piacere né intralciano l’atto sessuale. Inizialmente possono risultare ostici, ma molte coppie lo preferiscono al profilattico maschile. Si tratta di un prodotto con marchio CE, la cui confezione contiene 5 unità.

Il preservativo femminile più innovativo

AirFemale offre il primo profilattico femminile con una particolare ‘bolla d’aria’ (chiamata AirBubble) che facilità l’applicazione e migliora il comfort di chi la indossa. È realizzato in AT-10, un materiale a base di resina sintetica, che lo rende particolarmente resistente pur essendo anche molto sottile. Non contiene lattice e può essere utilizzato con lubrificanti a base acquosa, oleosa e di silicone. La confezione contiene 3 preservativi lunghi 180 mm  e larghi 65 mm.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sui preservativi femminili

Senza dubbio, i profilattici più conosciuti sono quelli utilizzati dagli uomini: molte persone neanche sanno dell’esistenza dell’equivalente femminile! Fino a poco tempo fa, i preservativi per donne non erano molto diffusi, ma si tratta comunque di un contraccettivo efficace, che agisce in una maniera simile alla loro controparte. La sezione che segue andrà a rispondere alle domande più comuni in merito a questo tipo di profilattici.

Donna con dito in bocca

I profilattici maschili sono i più popolari: molte persone neanche sanno dell’esistenza dell’equivalente femminile. (Fonte: Alexander Cherepanov: 59198929/ 123rf.com)

Cosa sono i preservativi femminili?

Si tratta di una tipologia di anticoncezionali a barriera, conosciuti anche come profilattici interni: a differenza dei preservativi maschili, che vanno all’esterno, questi vanno introdotti all’interno della vagina. Possono essere indossati fino a otto ore o immediatamente prima del rapporto sessuale.

Sono simili ai preservativi maschili sia per aspetto sia per dimensioni.

La differenza principale con la versione maschile è il design, perché quelli femminili possiedono due anelli ad entrambe le estremità. L’anello esterno consente di tenere il profilattico al suo posto e di evitare che esso entri in vagina, mentre quello interno serve a tenerlo nella posizione corretta.

Come si utilizza correttamente un preservativo femminile?

Per quanto indossare un preservativo femminile possa sembrare una vera e propria sfida, basta un po’ di pratica per capire come fare. Il profilattico è già lubrificato, ma ti consigliamo di utilizzare comunque un po’ di gel o spermicida per sentire meno fastidio. Per inserirlo, devi fare pressione sull’anello interno ed introdurre questa parte del condom come se fosse un tampone vaginale.

Devi introdurlo più profondamente che puoi: quando è posizionato, l’anello esterno fuoriuscirà coprendo parte della vulva. All’inizio potrebbe essere fastidioso, ma pian piano ti abituerai. Per togliere il profilattico, devi prendere l’anello esterno, in modo che il suo contenuto non fuoriesca. È importante gettarlo nei rifiuti e non nel WC, esattamente come un preservativo maschile.

Donna che morde un preservativo

La maggior parte dei preservativi femminili non è in lattice: solitamente, sono fatti a partire da materiali come il poliuretano. (Fonte: Anton Estrada: 100684159/ 123rf.com)

Siccome non è ben fissato come un profilattico maschile, quello femminile potrebbe muoversi un po’ durante il rapporto sessuale. Se credi che invece si sia mosso o spostato, fermati per un secondo per sistemarlo.

Di quale materiale sono fatti i preservativi femminili?

A differenza dei condom maschili, la maggior parte di quelli femminili non è in lattice: solitamente, sono fatti di materiali come il poliuretano, un materiale plastico forte e sottile. I nuovi modelli, invece, sono in nitrile, che rende la produzione del preservativo più semplice ed economica.

Materiale Vantaggi Svantaggi
Poliuretano Compatibile con ogni tipo di lubrificanti e spermicidi. Con l’attrito, può mettere suoni che possono distrarre.
Nitrile Compatibile con ogni tipo di lubrificanti, e costi di produzione minori. Emette suoni, ma meno del poliuretano.
Lattice Non emette suoni durante il sesso. Si attacca meglio alla vagina, in un modo simile ai preservativi maschili. Non adatti all’utilizzo di lubrificanti a base di olio. Alcune persone sono allergiche al lattice.

Posso usare un preservativo femminile insieme a uno maschile?

No. Anche se potrebbe sembrare più sicuro utilizzare due contraccettivi a barriera, non è consigliato: quando si combinano due profilattici, l’attrito durante il sesso potrebbe romperli o spostarli. Questo aumenta considerevolmente il rischio di una gravidanza o di contrarre un’infezione.

Se non sei soddisfatta o non ti senti sicura con un solo metodo contraccettivo, ti consigliamo di aggiungere un’altra protezione: ci sono metodi ormonali (come la pillola anticoncezionale) e a barriera (come il diaframma). Ovviamente, devi ricordare che i profilattici sono l’unico modo per proteggersi dalle malattie sessualmente trasmissibili.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dei preservativi femminili?

I preservativi femminili possono sembrare più complicati della controparte maschile, ma sono egualmente efficaci: il vantaggio principale è il fatto di poterli indossare anche molte ore prima di un rapporto, senza dover per forza interrompere la magia del momento. Inoltre, sarai pronta già subito dopo i preliminari.

Si tratta di un grande vantaggio, perché le interruzioni potrebbero rovinare l’atmosfera o addirittura far perdere l’erezione. Inoltre, il fatto che questi preservativi lascino decidere a te su come utilizzare il contraccettivo è veramente eccellente: sentirsi la responsabile della propria salute sessuale e riproduttiva dà una sensazione di grande sicurezza.

foco

Sapevi che i preservativi femminili sono in commercio solo dal 1993?

Ovviamente, i preservativi femminili non sono perfetti: la maggior parte dei modelli non riesce ancora ad adattarsi alla vagina, perché si muove un po’ troppo duranti i rapporti. Inoltre, molti dei materiali emettono suoni che possono rovinare l’eccitazione del momento. Come abbiamo già detto, inoltre, è richiesta po’ di pratica per capire bene come indossare questi profilattici.

Posso utilizzare i preservativi femminili in altre parti del corpo?

Alcune persone utilizzano questi condom anche per il sesso anale: ti sconsigliamo questa forma di utilizzo, perché i profilattici sono pensati specificamente per il sesso vaginale. L’anello interno ha un design che si adatta al collo dell’utero e non per altre zone.

Anche se lo scopo principale è prevenire gravidanze, molte persone dimenticano che è possibile contrarre infezioni anche con il sesso orale. Se cerchi un profilattico che protegga anche la tua bocca, puoi optare per un dental dam: si tratta di una pellicola sottile in poliuretano o lattice, da inserire tra te e il tuo partner al momento di ricevere o fare sesso orale vaginale.

Donna che si morde il labbro

I profilattici femminili vanno indossati prima di un rapporto: sono quindi perfetti per gli appuntamenti in cui pensi di avere un rapporto. (Fonte: Puhhha: 68740304/ 123rf.com)

Criteri di acquisto

Arrivati a questo punto, speriamo di aver fugato tutti i tuoi dubbi circa i preservativi femminili. Ora devi solo decidere quale acquistare: per facilitarti le cose, abbiamo raccolto alcuni dei criteri di acquisto più importanti:

  • Tipologia
  • Materiale
  • Contesto di utilizzo
  • Esperienza
  • Sensazioni e gusti personali

Tipologia

I preservativi femminili sono di introduzione più recente rispetto alla loro controparte maschile: sono presenti sul mercato da poco più di venticinque anni, quindi non esistono molte varianti. Controlla se si adeguano all’uso che vuoi farne e se è meglio per te optare per profilattici maschili o per un dental dam.

Materiale

I preservativi femminili si stanno gradualmente evolvendo, sia per quando riguarda il design, sia per il processo di produzione. Durante la ricerca di questi contraccettivi, potresti imbatterti in prodotti in poliuretano, nitrile o lattice naturale. Fai attenzione alle necessità tue e del tuo partner, tra cui allergie e preferenze in termini di lubrificanti.

Contesto di utilizzo

Essi vanno posizionati prima di un rapporto sessuale, e sono quindi perfetti per gli appuntamenti in cui si prevede di avere un rapporto. Se ci si trova in una situazione più spontanea, dettata dalla passione, l’inserimento del profilattico potrebbe essere più difficoltoso: in questi casi, meglio optare per un condom maschile.

Esperienza

Come abbiamo spiegato anche nella Guida all’acquisto, occorre un po’ di pratica per imparare a posizionare bene i preservativi femminili: se non hai mai avuto esperienze con questo tipo di contraccettivi, dovrai comprarne alcuni prima di poterne utilizzare uno durante un rapporto. Invece, se hai già provato altri dispositivi che si inseriscono all’interno della vagina, come tamponi o palline da geisha, sei già a metà dell’opera.

Sensazioni e gusti personali

Anche i gusti personali sono un fattore non ignorare. Secondo alcuni utenti, i preservativi femminili possono dare più piacere ad entrambi i partner: il pene non si sente “confinato” nel profilattico tradizionale, e l’anello esterno del condom riesce a stimolare meglio l’area della vulva, dando maggiore piacere alla donna.

Conclusioni

Sono disponibili sempre più opzioni al tradizionale profilattico maschile: anche se la controparte femminile è ancora relativamente difficile da trovare, il mercato si sta gradualmente adattando, proponendo sempre maggiori varietà di preservativi. Se vuoi essere tu stessa ad avere il pieno controllo sull’anticoncezionale da utilizzare durante il rapporto, si tratta veramente dell’opzione perfetta.

Anche se bisogna fare un po’ di pratica per posizionarli correttamente, i preservativi femminili sono un’opzione molto valida. Il nostro obiettivo era avvicinarti a questo metodo contraccettivo, ancora poco conosciuto, per darti tutte le informazioni che possono servirti. Ricorda: la cosa più importante è proteggersi ed essere sempre pronta per del sesso sicuro e soddisfacente.

Se questa guida ti è piaciuta, condividila sui profili social. Non dimenticare di farci sapere la tua opinione nei commenti!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Roman Samborskyi: 112325515/123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

REVIEWBOX Redazione
REVIEWBOX
I redattori di REVIEWBOX fanno ricerche approfondite e scrivono articoli interessanti e completi per aiutare gli utenti a fare la scelta giusta nel momento in cui devono trovare il miglior prodotto per le proprie esigenze.