Ultimo aggiornamento: 02/08/2021

Il nostro metodo

7Prodotti analizzati

21Ore di lavoro

6Fonti e riferimenti usati

30Commenti valutati

Le racchette da neve sono dispositivi utilizzati per rendere più facile camminare su superfici che sono state innevate. Anche se le racchette da neve esistono da molto tempo, è stato soprattutto negli ultimi tre decenni che il loro uso è diventato popolare. Puoi imparare a ciaspolare in pochissimo tempo.

Ma questo non significa che non dovresti passare un po’ più di tempo a prendere confidenza con questo strumento. Soprattutto se vuoi trovare il modello giusto per te. Per facilitare la tua ricerca, abbiamo riassunto qui tutti gli elementi essenziali.




Le cose più importanti

  • Le racchette da neve offrono la possibilità di ‘galleggiare’ e camminare sulla neve. Questo è possibile perché hanno una superficie molto più ampia rispetto agli scarponi da trekking convenzionali.
  • Le racchette da neve sono progettate per essere utilizzate in un tipo specifico di neve. Devono anche essere usati secondo una tecnica particolare, che si adatta a seconda che tu stia camminando su pendii o su terreni pianeggianti.
  • Ci sono tre elementi di base di cui dovresti essere consapevole quando cerchi delle racchette da neve. Questi sono la loro superficie di galleggiamento, la loro capacità di carico e il sistema di fissaggio di cui sono dotati.

Racchette da neve: la nostra selezione

Guida all’acquisto: cosa devi sapere sulle racchette da neve

Sapere di quale attrezzatura hai bisogno per qualsiasi attività all’aperto è fondamentale per minimizzare il rischio di incidenti. Come nel caso delle racchette da neve, ecco le domande essenziali che devi farti su come funzionano. Anche le misure di sicurezza da seguire quando le usi.

Nonostante la varietà di modelli che esistono, la maggior parte delle racchette da neve condividono le stesse caratteristiche di base. (Fonte: Carpemdiemquebec 2015: 4716791/ Pixabay)

Quali sono le parti di una racchetta da neve?

Le racchette da neve hanno una struttura semplice, composta principalmente da quattro elementi. Questi sono il guscio, i ramponi o ‘denti di presa’, i rialzi e la cinghia per attaccare lo scarpone. Ognuno di questi elementi gioca un ruolo fondamentale nel fornire un adeguato galleggiamento e stabilità all’escursionista. Scopri di più sulle parti di una racchetta e cosa fa ogni parte:

Nome della parte Descrizione Funzione
Guscio La base effettiva della racchetta Distribuisce il peso dell’utente su un’ampia superficie, in modo che l’utente possa “galleggiare’ sulla neve
Ramponi o “denti di presa’ I ramponi consistono in un “chiodo’ di metallo, che va sulla parte anteriore inferiore del guscio, e diversi piccoli denti (plastica o alluminio), disposti sui bordi inferiori della racchetta da neve Sono utilizzati per dare presa alle racchette da neve. Sono particolarmente utili per salire o scendere da pendii di neve soffice
Boosts Elementi di supporto aggiuntivi da attivare durante le salite I boost permettono un supporto orizzontale dei piedi quando si affrontano le salite
Sistema di fissaggio Sistema composto da cinghie o da un blocco a cricchetto Utilizzato per mantenere gli scarponi attaccati al guscio quando ci si muove

Come si usano le racchette da neve?

Usare le racchette da neve è relativamente semplice. Sulle superfici piane dovresti camminare con le gambe leggermente divaricate, ma senza inarcarle. E passa una racchetta da neve sull’altra, evitando le collisioni. Se vuoi camminare più velocemente, è consigliabile piegarsi leggermente in avanti (1).

Quando si cammina su un pendio, è meglio camminare a zig zag.

Sui pendii, la situazione varia. Se stai camminando in salita, dovresti appoggiarti sulle punte dei piedi (puoi portare i tacchi sciolti o con i tacchi in posizione di appoggio per facilitare la salita). In discesa, il camminatore dovrebbe appoggiarsi sui talloni (con i talloni fissi). In entrambi i casi, è importante assicurarsi che il sistema di attacchi sia regolato correttamente.

Quali tipi di racchette da neve esistono?

Le racchette da neve sono principalmente classificate in base alla loro forma. Attualmente ci sono fino a tre tipi di telai per racchette da neve sul mercato. Questi tipi sono

  • Racchetta da tennis: di forma ovale e con un’estensione o ‘coda’ nella parte posteriore. Questa coda serve come contrappeso o per tenere le racchette come un manico. Recenti prove archeologiche suggeriscono che questo modello, nella sua forma rudimentale, esisteva già 6000 anni fa (2).
  • Racchetta ovale e dissimmetrica: consiste in una base larga, che si allarga verso l’esterno (specialmente sui lati). È utile per la neve polverosa o sabbiosa, ma non è raccomandato per l’uso su neve a crosta.
  • Racchetta da neve a forma di waffle: un modello affusolato e sottile che offre un efficiente equilibrio tra buona galleggiabilità e peso leggero. Questo tipo di racchette da neve è attualmente il più popolare sul mercato.

Negli ultimi anni, la tendenza nel design delle racchette da neve è stata quella di ridurre la superficie, usare materiali più leggeri e migliorare la trazione. Per questo motivo, non è raro trovare ciaspole leggere lunghe meno di 40 cm.

Quali sono i rischi delle ciaspole?

Nella maggior parte dei casi, le ciaspole sono un esercizio a bassa intensità. Tuttavia, questo passatempo può comportare alcuni potenziali rischi. Per questo motivo si raccomanda di controllare, almeno 24 ore prima, le condizioni meteorologiche nella zona in cui hai intenzione di fare un’escursione.

Gli incidenti dovuti alle racchette da neve sono quasi sempre legati alle condizioni del terreno. Hanno anche a che fare con la mancanza di preparazione degli utenti (3). I rischi principali sono

  • Soffrire di cadute/lesioni: Questo può succedere se cammini su o giù per i pendii senza appoggiare il piede sul punto preciso della racchetta da neve. Anche se si cammina su neve solida o ghiaccio, o se gli scarponi non sono fissati correttamente alle racchette da neve.
  • Incidenti da valanga o legati alle valanghe: Per evitare questo rischio, è necessario che l’organizzatore del tour sia informato sulla stabilità del terreno. Anche sull’incidenza delle valanghe nella zona.
  • Calo di luce/temperatura: quando cala la notte, la temperatura e le condizioni di luce calano improvvisamente. Per questo motivo, è sempre consigliabile cercare di fare i percorsi nelle prime ore del mattino ed entro distanze gestibili.

Quali sono i vantaggi delle racchette da neve?

Le racchette da neve sono un’attrezzatura da viaggio piuttosto versatile. Possono essere una piacevole fonte di intrattenimento durante i mesi invernali. Scopri qui quali sono i vantaggi e gli svantaggi delle racchette da neve:

Vantaggi
  • Ti permette di muoverti sulla neve senza che gli scarponi affondino
  • Le racchette da neve sono generalmente disponibili ad un prezzo accessibile
  • Contribuisce allo sviluppo dell”adattamento motorio (4)
  • Non è necessaria una lunga curva di apprendimento per iniziare ad usare le racchette da neve
  • Basso impatto sulle gambe, a patto che ti eserciti principalmente su terreni pianeggianti o usi modelli con rialzi
  • Se compri racchette da neve speciali per correre, puoi correre sulla neve
  • Le racchette da neve sono un”attività ricreativa per tutta la famiglia
Svantaggi
  • Le racchette da neve non sono adatte per camminare sulla neve troppo dura o sul ghiaccio
  • Non è possibile scivolare in discesa con le racchette da neve, come con gli sci o lo snowboard
  • In un terreno innevato con condizioni sfavorevoli, si devono usare racchette da neve e bastoncini da trekking. Questo comporta una spesa aggiuntiva

Ci sono molte località dove è possibile noleggiare racchette da neve e bastoncini. Noleggiare questa attrezzatura ti darà un’idea migliore se questa attività ti piace abbastanza da comprare le tue racchette da neve.

Quali attività sportive possono essere praticate con le racchette da neve?

Le racchette da neve moderne esistono da almeno mezzo secolo. Tuttavia, la divulgazione del loro uso è avvenuta relativamente di recente. E, come risultato di ciò, ci sono ora varie gare di corsa con le racchette da neve. Tali gare si svolgono su distanze fino a diversi chilometri. D’altra parte, l’escursionismo e il trekking, altre attività popolari, permettono di camminare nella natura e conoscerla meglio. Questi due passatempi possono essere combinati con l’osservazione della flora e della fauna, con l’uso di un binocolo o di un monocolo.

Se si vuole fare una passeggiata o qualsiasi altra attività sportiva in montagna, è preferibile farla in gruppo per aumentare la sicurezza.

Qual è il dispendio energetico relativo quando si usano le ciaspole?

Misurare la quantità di ossigeno che il corpo consuma quando si cammina con le ciaspole è il modo migliore per conoscere il dispendio energetico relativo di questa attività. Questo valore, noto anche come VO2 max, è espresso in mill/min/kg. Il ml è la quantità di ossigeno assorbita e il kg è il peso della persona.

Una persona sana ha una capacità respiratoria massima tra i 40 e i 45

. Oggi, diversi test ci hanno permesso di sapere che il fabbisogno di ossigeno di questa attività è tra i 20 e i 25 ml/min/kg (5). In breve, questo significa che è un’attività moderatamente impegnativa.

In quali condizioni del terreno si possono usare le racchette da neve?

Per poter usare le racchette da neve, lo strato di neve accumulato sul terreno deve essere spesso almeno 15 centimetri. Deve anche essere morbido o “sabbioso”. Le racchette da neve non dovrebbero mai essere usate per camminare sul ghiaccio, poiché non funzionano su superfici lisce. Inoltre non sono raccomandati per camminare su pendii ripidi.

Escursionista con racchette da neve e bastoncini da arrampicata. (Fonte: Azero: 3295661/ Pixabay)

Ci sono racchette da neve per bambini e cani?

Sì, ci sono racchette da neve per bambini e cani. E si possono trovare a prezzi accessibili. Se compri un paio di racchette da neve per il tuo animale domestico o per i tuoi bambini, dovresti tenere a mente che la ciaspolata richiede una certa resistenza. Quindi dovresti sempre iniziare con passeggiate brevi. Inoltre, se il tuo cane ha un pelo denso, dovrai raccogliere o tagliare il pelo in eccesso sulle zampe e tra le dita dei piedi per adattarlo correttamente alle racchette da neve. È anche possibile acquistare la cera per zampe. Questo è poco costoso e aiuterà a mantenere le zampe del tuo cane calde durante il tuo viaggio.

Criteri di acquisto

Sapere se le racchette da neve che ti interessano si adattano al tuo numero di scarpe è solo uno dei tanti fattori che devi conoscere quando acquisti delle racchette da neve. Scopri qui tutti i criteri essenziali che devi conoscere per scegliere delle racchette da neve veramente efficienti e pratiche.

Dimensioni

Le dimensioni delle racchette da neve servono per determinare se stai cercando un modello più pesante con una maggiore stabilità. Oppure un modello più leggero, ma che richiede anche uno sforzo maggiore da parte dell’utente per muoversi sulla neve. Le dimensioni delle racchette da neve di solito variano tra 50-75 cm di lunghezza e 17-25 cm di larghezza. Bisogna tenere presente che le misure delle racchette da neve possono variare a seconda della misura delle scarpe di chi le indossa. Tuttavia, alcuni modelli si adattano a diverse misure.

Materiali

Alluminio, plastica, fibra e poliestere sono i materiali più comuni usati per fare le racchette da neve. Il motivo per cui vengono utilizzate è che sono leggere, flessibili e resistenti. In passato, le racchette da neve erano fatte di legno (il guscio) e di cinghie di cuoio (per le cinghie). Tuttavia, questi modelli sono ora fuori produzione. Questo perché il loro sistema di fissaggio è considerato non sicuro.

I modelli da corsa con le racchette da neve offrono una mobilità molto maggiore. (Fonte: Tantot: 3611366/ Pixabay)

Attacco

L’attacco è ciò che permette ai piedi dell’utente di adattarsi alla racchetta da neve. Nel corso del tempo sono stati sviluppati diversi tipi di sistemi, con l’intenzione di ottenere una migliore presa e rendere possibili diversi tipi di movimento. Nella seguente tabella, spieghiamo quali sistemi di legatura esistono attualmente:

Tipo di sistema Descrizione Permette
Con cinghie Questo è il sistema di legatura più antico. In questo sistema, le cinghie sono fissate sopra i piedi e intorno alle caviglie, in modo che i piedi rimangano sempre attaccati alla base del guscio. Camminare sulla neve a passo d’uomo, su superfici orizzontali.
Con cinturini e solette rigide Sistema composto da un cinturino con chiusura a scatto, solette rigide (che trattengono la parte anteriore della pianta del piede) e un’asta girevole, che lascia libero il tallone. Camminare sulla neve con una sensazione più naturale, simile a quella di camminare su un terreno asciutto. Adatto per superfici piane e pendii leggeri.
Automatico Questo sistema utilizza un fermo a cricchetto per fissare il piede alla base della calotta. Una migliore tenuta del piede quando si cammina sulla neve. A differenza dei due precedenti, il sistema a cricchetto non si allenta. Adatto per superfici piane e pendii leggeri.
Per la corsa Utilizza una chiusura a cricchetto. Corsa sulla neve.

Da notare che alcuni modelli auto-aderenti e da corsa sono progettati per essere utilizzati con un tipo specifico di scarponi da trekking. L’utente dovrebbe assicurarsi di esserne adeguatamente informato prima di effettuare l’acquisto.

Mobilità e trazione

Alcuni modelli di racchette da neve sono dotati di sistemi di trazione e ammortizzazione. Queste aiutano a ridurre l’impatto delle racchette da neve sulle gambe (specialmente le ginocchia). Logicamente, l’efficacia di entrambi i sistemi aumenterà con l’aumentare della qualità delle racchette da neve. La trazione è una caratteristica importante.

Questo è particolarmente importante per gli escursionisti che incontrano diversi intervalli di pendenza sullo stesso percorso. L’uso di elementi ammortizzanti è un’aggiunta utile a qualsiasi tipo di ciaspolata.

Galleggiamento

La bassa densità della neve è ciò che impedisce al piede di rimanere sulla superficie della neve. Per superare questo problema, le racchette da neve offrono una superficie di supporto maggiore. Questo serve a distribuire meglio il peso, permettendo di “galleggiare” sulla neve. Il fattore di galleggiamento dipende sia dal design della racchetta da neve che dallo spessore dello strato di neve che si è depositato sul terreno.

Distribuzione del peso

Affinché una racchetta da neve possa galleggiare sulla neve, bisogna tenere conto delle dimensioni della sua superficie. Anche la capacità di peso che la racchetta può distribuire.

Questo è il peso totale del peso dell’utente, più il peso dell’abbigliamento e dell’attrezzatura da alpinismo portata.

Due gamme di distribuzione del peso si trovano più comunemente tra le racchette da neve attualmente in commercio. Queste gamme sono le seguenti

  • Piccola gamma: pesi tra i 40 e gli 80 kg.
  • Ampia gamma: supporta pesi tra 70 e 140 kg.

Sommario

La ciaspolata è un’attività che richiede poco tempo per imparare. In cambio, può portare grande divertimento a tutta la famiglia. A questo si aggiunge il fatto che il design delle racchette da neve è abbastanza semplice. Se ne vuoi una, la cosa più importante è guardare la sua capacità di carico e il tipo di attacco.

Sapere di che materiale sono fatte le racchette da neve che ti interessano è forse l’altra cosa che dovresti controllare. A parte questo, la cosa più importante è seguire le misure di sicurezza convenzionali per evitare potenziali rischi. Se hai trovato interessante il nostro contenuto, ti invitiamo a condividerlo sui tuoi social network e a lasciarci i tuoi commenti.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Dudko: 33472453/ 123rf)

Riferimenti (5)

1. Browning R, Kurtz R., Kerhervé H. Biomechanics of Walking with Snowshoes. Sports biomechanics [Internet]. 2011 (9). 73-84.
Fonte

2. Ibabe E, Lujanbio M.J., Lujanbio M. L., Taldea L. Raquetas de Euskal-Herria para andar sobre la nieve. Kobie (Serie antropología cultural) [Internet]. 1997/1998 (8). 141.
Fonte

3. Sánchez Hernández A. Evaluación de riesgos en un guía de actividades de media y alta montaña. [Internet]. Salamanca: Universidad Camilo José Cela; 2013. [3 de mayo de 2021].
Fonte

4. Del Campo Vecino J., Navarro Barragán R., Fernández-Quevedo Rubio C. Justificando la presencia de las actividades con raquetas de nieve como contenido de secundaria. Revista Pedagógica ADAL [Internet]. 2010 (20). 36.
Fonte

5. De Pontbriand R., Hickey C. A., Knapik J. J., Nagel J. R., Ortega S. V. Energy Cost of Walking in Four Types of Snowshoes. [Internet]. 1996. 29.
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Studio scientifico
Browning R, Kurtz R., Kerhervé H. Biomechanics of Walking with Snowshoes. Sports biomechanics [Internet]. 2011 (9). 73-84.
Vai alla fonte
Artículo de revista especializada
Ibabe E, Lujanbio M.J., Lujanbio M. L., Taldea L. Raquetas de Euskal-Herria para andar sobre la nieve. Kobie (Serie antropología cultural) [Internet]. 1997/1998 (8). 141.
Vai alla fonte
Monografía sobre seguridad
Sánchez Hernández A. Evaluación de riesgos en un guía de actividades de media y alta montaña. [Internet]. Salamanca: Universidad Camilo José Cela; 2013. [3 de mayo de 2021].
Vai alla fonte
Artículo de revista especializada
Del Campo Vecino J., Navarro Barragán R., Fernández-Quevedo Rubio C. Justificando la presencia de las actividades con raquetas de nieve como contenido de secundaria. Revista Pedagógica ADAL [Internet]. 2010 (20). 36.
Vai alla fonte
Estudio científico
De Pontbriand R., Hickey C. A., Knapik J. J., Nagel J. R., Ortega S. V. Energy Cost of Walking in Four Types of Snowshoes. [Internet]. 1996. 29.
Vai alla fonte
Recensioni