Ultimo aggiornamento: 09/10/2019

Il nostro metodo

12Prodotti analizzati

26Ore di lavoro

7Fonti e riferimenti usati

58Commenti valutati

A meno che tu non sia un esperto in materia, l’espressione “ossimetro da polso” ti sembrerà arabo, mentre le parole “saturimetro” e “pulsossimetro” probabilmente ti risulteranno più familiari. Si tratta di un’apparecchiatura medica che, nella sua versione più popolare, si colloca sul dito per misurare la circolazione dell’ossigeno nel sangue.

Il saturimetro negli ultimi anni è diventato uno strumento molto popolare tra gli sportivi, grazie alla possibilità di migliorarne il rendimento. Infatti, il suo utilizzo viene consigliato durante gli allenamenti che mettono alla prova la capacità polmonare. Vuoi saperne di più? Non ti perdere questo articolo!



Le cose più importanti in breve

  • Il saturimetro o pulsossimetro è un’apparecchiatura che misura il grado di saturazione dell’ossigeno nel sangue. Ne esistono tipi pensati per uso ospedaliero ed altri per uso domestico.
  • Si tratta di un articolo molto popolare tra gli sportivi e gli amanti dell’altezza, visto che può aiutare ad identificare un’emergenza, nel caso in cui i livelli di ossigeno rilevati fossero inferiori a quelli consigliati.
  • La precisione e l’uso di una batteria o di pile sono fattori importanti per il tuo acquisto. Inoltre è fondamentale assicurarsi che il fabbricante fornisca un servizio clienti post-vendita.

I migliori saturimetri sul mercato: la nostra selezione

Se fai allenamenti intensi o sei un amante della montagna, il saturimetro sarà un alleato fondamentale durante la tua attività. Per questo, ti riportiamo i prodotti più interessanti presenti su Amazon. Nel caso di un utilizzo domestico esistono diverse opzioni. Ti presentiamo una lista e subito dopo le nostre opzioni preferite.

Il saturimetro più venduto

Pulsossimetro PULOX PO-200 comprensivo di custodia in silicone e anche una comoda tracolla, oltre alle pile AAA necessarie per usare da subito il dispositivo. Misura la saturazione SpO2 e le pulsazioni e, in caso di problemi, emette un allarme. Secondo chi l’ha acquistato è preciso e affidabile, oltre che pratico per essere portato a giro in caso di bisogno.

Il saturimetro più economico

Questo saturimetro proposto da WanNing ha un prezzo decisamente conveniente, pur essendo un prodotto che rispetta gli standard della CE e dell’americana FDA. Misura la saturazione e le pulsazioni in 10 secondi, visionabili sul display. Anche in questo caso è compresa una comoda custodia, ma non comprende le pile (ne servono 2 AAA da 1,5V). Ottimo rapporto qualità prezzo.

Il saturimetro da polso più affidabile

Uno dei principali vantaggi del saturimetro in questione è che funziona con batteria ricaricabile, la quale dura fino a 16 ore di uso continuato (ideale per chi deve monitorare il sonno). Inoltre deve essere posizionato sul pollice, e non sull’indice come la maggior parte dei modelli in commercio. Si collega ad una specifica app sul cellulare che registra sia le pulsazioni che la saturazione. Secondo qualche recensione è affidabile come monitoraggio, ma non come allarme, visto che non sempre vibra quando per esempio si hanno apnee notturne.

Il saturimetro preferito dalle recensioni

Saturimetro che offre un’ottima qualità prezzo e che per questo ha ricevuto vari feedback positivi da parte degli acquirenti. Si spegna dopo 8 secondi di inutilizzo e le sue dimensioni sono 62x35x31 mm con un peso di  soli 60 g comprese le pile. Secondo le recensioni i valori sono accurati, è semplice da usare e va bene per adulti e bambini.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sul saturimetro

Se sei arrivato fin qui è perché hai un obiettivo chiaro! Probabilmente desideri recuperare un buon livello di allenamento per migliorare la tua condizione fisica o forse cammini spesso in montagna e hai bisogno di tenere la tua salute sotto controllo. In entrambi i casi, hai bisogno di un saturimetro. Nelle prossime sezioni ti forniremo tutte le informazioni necessarie e ti aiuteremo a chiarire i tuoi dubbi.

saturimetro-prima-xcyp1

Un saturimetro è una piccola apparecchiatura che misura il livello di saturazione dell’ossigeno nel sangue. Ha la forma di una pinza e si può collocare sul dito. (Fonte: Belchonock: 107794599/ 123rf.com)

Che cos’è esattamente un saturimetro?

Un pulsossimetro è un piccolo dispositivo che misura la saturazione di ossigeno nel sangue. In altre parole, questo dispositivo effettua una stima della quantità di molecole di ossigeno che trasportano i nostri globuli rossi. Questa misurazione è particolarmente importante in campo sanitario, poiché consente di sapere se i nostri tessuti vengono ossigenati (se “respirano”) adeguatamente.

Il pulsussimetro più noto è il tipico a “morsetto” che può essere attaccato a quasi ogni dito. È un metodo non invasivo che utilizza onde luminose a infrarossi che vengono riflesse nel sangue e “catturate” nuovamente dal dispositivo. Questo sistema effettua una stima abbastanza accurata dei livelli di ossigeno nel sangue.

Il saturimetro è anche in grado di misurare la frequenza cardiaca, consentendo di rilevare disturbi del battito come la tachicardia. I modelli più moderni hanno sensori che possono essere posizionati sulla fronte, sul lobo dell’orecchio o intorno al polso. L’uso di quest’ultimo è di solito limitato al contesto ospedaliero (1, 2) .

Tipo di saturimetro Batteria Funzioni speciali Forma Funcionalità
Ossimetro da dito Di solito funziona con 2 pile AAA.

Uso puntuale.

Misura il livello di ossigeno nel sangue e la frequenza cardiaca.

Monitoraggio intermittente.

Il livello di ossigeno si misura tramite una grafica o una percentuale.

A pinza. Portatile, piccolo e leggero. Si posiziona il dito direttamente nell’apparecchio.

Il più economico.

Uso puntuale.

Saturimetro da polso Batteria di lunga durata. Misura il livello di ossigeno nel sangue e la frequenza cardiaca.

Controllo costante del paziente (con apnea notturne)

Simile a un orologio da polso con un cavo che lo porta fino al dito. Uso ospedaliero.
Saturimetro da banco Cavo di alimentazione. Include più prestazioni degli altri come la misurazione della pressione arteriosa. È l’unico modello non portatile. Si trova in consultori, cliniche e ospedali.
Saturimetro pediatrico o neonatale Di solito funziona con 2 pile AAA. Misura il livello di ossigeno nel sangue e la frequenza cardiaca. A pinza. Adattato alle dimensioni dei più piccoli. Ai neonati viene collegato direttamente al piede.

Per i bambini non neonati, l’apertura del dito è più piccola di quella di un ossimetro adulto.

Saturimetro a mano portatile Di solito funziona a pile AAA. Misura il livello di ossigeno nel sangue e la frequenza cardiaca.

Può essere collegato a un piede.

Consigliato per pazienti con malattie delle gambe.

Si tratta di un piccolo display simile a quello di uno smartphone. Un piccolo display delle dimensioni di un palmo della mano semplifica il trasferimento di un paziente da una camera un’altra.
Ossimetro fetale Cavo di alimentazione. Realizza la lettura dell’ossigeno del feto da dentro la pancia della mamma. A filo. Usato durante il parto.

Ho una malattia respiratoria. Può aiutarmi un saturimetro?

L’uso del pulsossimetro non è limitato all’ospedale. Altri servizi orientati alla salute, come i dentisti, possono utilizzare questi apparecchi per garantire il benessere dei propri clienti. Allo stesso modo, se abbiamo una malattia respiratoria cronica, possiamo beneficiare della vigilanza aggiuntiva che gli ossimetri ci forniranno.

Uno dei pericoli delle malattie respiratorie croniche è il loro impatto sull’ossigenazione del sangue. Se i nostri polmoni hanno un’ostruzione al passaggio dell’aria (come nell’asma o nella malattia polmonare ostruttiva cronica), il contenuto di ossigeno del nostro sangue sarà ridotto. Questa situazione si rifletterà nei risultati del saturimetro.

Se la saturazione di ossigeno che segna il pulsossimetro scende al di sotto del 95%, fai attenzione! Questo valore è il segnale di allarme che indica che l’ossigenazione dei tessuti è insufficiente. All’inizio, questa situazione influenzerà le nostre prestazioni mentali e fisiche. Lasciata alla sua libera evoluzione, la scarsa ossigenazione potrebbe mettere in pericolo la vita stessa.

Tuttavia, non lasciarti travolgere dalla paura. La maggior parte delle malattie respiratorie (asma, allergie o rinite) non compromettono l’ossigenazione del nostro sangue. In caso di una malattia grave, il nostro medico potrebbe consigliarci di acquistare un saturimetro per monitorare l’ossigenazione e andare al pronto soccorso se scende al di sotto di un certo valore (2, 3).

Il saturimetro può aiutarmi Il saturimetro non può aiutarmi
Lo specialista che conosce il paziente consiglia l’uso domestico. L’uso del pulsossimetro è stato scoraggiato dallo specialista che conosce il paziente.
Malattia grave che richiede controllo (bronchite cronica grave, asma grave non controllato). Malattia lieve e ben controllata (asma lieve, raffreddore, allergia agli acari o rinite).
Badanti di pazienti con malattie gravi che non sono in grado di esprimere bene i loro sintomi (bambini e anziani). Non è stato fornito alcun limite di saturazione di ossigeno personalizzato oltre il quale deve essere richiesto aiuto.
È stata definita una cifra di saturazione dell’ossigeno limite e una procedura da seguire (ad esempio, andare al pronto soccorso).

Come si usa il saturimetro in modo corretto?

La pulsossimetria è un metodo non invasivo che permette di misurare in modo davvero semplice l’ossigeno presente nel sangue (SpO2). Tuttavia, sono necessari alcuni passaggi per assicurarsi che la misurazione sia corretta ed accurata, visto che la rilevazione di valori inferiori a quelli di riferimento può essere di vitale importanza.

  • Prima di iniziare, devi pulire il sensore con del cotone o con qualcosa di simile.
  • Prima di posizionare il saturimetro sul dito, ricorda che devi avere le unghie pulite, senza tracce o parti di smalto per non falsare la misurazione. Non devi muoverti.
  • Non esporre il saturimetro alla luce, naturale o artificiale, poco prima di leggere il risultato.
  • Assicurati di non avere le mani troppo fredde. In tal caso, sfregale fino ad arrivare ad una temperatura corporea più adeguata.
  • Posizione l’apparecchiatura sul dito all’altezza dell’unghia.
  • Aspetta qualche secondo fino ad ottenere la lettura della saturazione dell’ossigeno.

Cosa può influenzare il funzionamento del saturimetro?

Anche seguendo le istruzioni qui sopra, potrebbero esserci alcune condizioni che fanno sì che la lettura del tuo pulsossimetro non sia accurata come dovrebbe essere. In tal caso, dovresti andare da un professionista della salute per effettuare una misurazione con un altro metodo (come un emogasanalisi). I problemi che possono interferire con il funzionamento del saturimetro sono (3):

  • Eccesso di luce: Il sensore del pulsossimetro potrebbe non funzionare se la misurazione viene eseguita in un ambiente molto soleggiato o sotto una luce troppo forte.
  • Cattiva circolazione sanguigna: Se abbiamo una condizione che influenza il passaggio del sangue attraverso i capillari delle dita, il dispositivo non sarà in grado di darci una misurazione accurata dei nostri livelli di ossigeno.
  • Movimento: Le persone con tremori involontari (come il morbo di Parkinson) potrebbero avere difficoltà a ottenere una lettura accurata, poiché il movimento costante riduce l’accuratezza del sensore.
  • Anemia o emorragia: Se non abbiamo una quantità sufficiente di emoglobina (anemia) o se abbiamo perso molto sangue, la lettura dell’ossimetro non corrisponderà ai valori effettivi di ossigeno nel nostro sangue.
  • Intossicazione: Alcuni gas, come il monossido di carbonio emesso negli incendi, possono legarsi all’emoglobina ed espellere l’ossigeno. Il pulsossimetro rileverà questo gas “intruso” come se fosse ossigeno, dandoci valori di saturazione di ossigeno falsamente normali. In tal caso, vai al pronto soccorso anche se il tuo ossimetro ti dice che “va tutto bene”!
foco

Ricorda, se la lettura dell’ossigeno ti dà valori inferiori al 95% devi consultare il prima possibile un medico.

Come si interpretano i risultati del saturimetro?

L’interpretazione dei pulsossimetri per uso ospedaliero può essere molto complessa. Tuttavia, i saturimetri (in particolare quelli indicati per l’uso domestico) sono molto più semplici e possono essere facilmente utilizzati dalla maggior parte delle persone. Guardando lo schermo si possono vedere le seguenti abbreviazioni (3):

%SpO2: Puoi anche trovarlo con le iniziali SpO2%, SpO2 o qualsiasi variante simile. Questo “geroglifico” è l’abbreviazione di saturazione di ossigeno periferica. È il valore che determina se l’ossigenazione del nostro sangue rientra nei livelli sani.

Valore di %SpO2 Significato
Maggiore del 95% Normale
tra 94 e 90% Saturazione di ossigeno bassa. È necessario cercare subito assistenza medica.
Meno del 90 % Saturazione pericolosamente bassa. Possono apparire vertigini, agitazione o perdita di conoscienza. È un’emergenza medica.

PRbpm: In questo caso, questa abbreviazione deriva dai battiti della frequenza cardiaca al minuto in inglese. Questo valore di solito deve essere tra 60 e 100 battiti al minuto.

HR: Frecuenza cardiaca (heart rate). È lo stesso parametro che PRbpm.

Valore di PRbpm o HR Significato
60 – 100 Normale
Maggiore di 100 Tachicardia. Può essere fisiologico (normale) in stati di stress o durante l’attività  fisica. Chiedere a un medico.
Sotto 60 Bradicardia (battici cardiaci lenti). Può essere fisiologica negli sportivi molto allenati. Alcuni medicinali possono provocarla. Chiedere a un medico.

Il saturimetro potrebbe anche visualizzare altri risultati, come un’onda nella parte inferiore dello schermo (indica il flusso sanguigno e dovrebbe apparire ben definito, con alti e bassi regolari) o l’abbreviazione PI. Quest’ultima indica l’intensità dell’impulso nel dito scelto. Più alto è il PI, più accurata sarà la nostra misurazione.

Qual è la funzione del saturimetro negli allenamenti di resistenza?

Il saturimetro è uno strumento molto utile per poter migliorare la performance nei tuoi allenamenti. La fase di recupero, che è importante tanto quanto la fase attiva della sessione, si misura con il pulsossimetro. Un recupero corretto ci permetterà di migliorare la nostra condizione fisica.

Inoltre, il saturimetro risulta essenziale per gli sportivi che si allenano ad elevate altitudini. È proprio in questo tipo di allenamento che bisogna fare moltissima attenzione, visto che la diminuzione della pressione atmosferica abbassa i nostri livelli di ossigeno fino a costituire un rischio per la salute.

L’altitudine influenza direttamente la nostra performance, visto che ad altitudini più elevate corrisponde meno ossigeno. In questi casi, il nostro corpo risponde aumentando il ritmo respiratorio ed il sangue per trasportare più ossigeno, meccanismi che possono provocare la comparsa di affaticamento e giramenti di testa. Quando il livello di saturazione scende sotto il 90% si tratta di ipossia che, nei casi più gravi, può causare addirittura la morte.

Criteri di acquisto

Abbiamo già raccolto moltissime informazioni riguardo ai saturimetri, ora manca l’ultimo passo! Infatti, prima di scegliere un pulsossimetro dovrai considerare una serie di fattori fondamentali. Andiamo a vedere quali sono questi parametri da analizzare per assicurarti di acquistare un prodotto che sia di buona qualità e che si adatti alle tue esigenze.

Dimensioni

Questa categoria di prodotti può presentare dimensioni variabili a seconda del modello. I saturimetri da dito sono apparecchiature tascabili che raramente superano i 70 g di peso, però ti consigliamo di assicurati che il tuo acquisto sia adeguato all’utilizzo che desideri fare: controlla se il pulsossimetro è adatto solo per gli adulti o anche per i bambini.

saturimetro-seconda-xcyp1

I saturimetri da dito sono i più utilizzati nel caso di persone con problemi respiratori. (Fonte: Belchonock: 128232016/ 123rf.com)

Precisione

Al giorno d’oggi praticamente tutti i saturimetri disponibili sul mercato contengono tecnologie di ultima generazione. Tuttavia, alcuni offrono funzionalità aggiuntive come ad esempio un sistema di notificazioni che avvisa se la rilevazione non si può effettuare correttamente. Ti consigliamo di optare per prodotti che offrano questa versatilità, in questo modo potrai stare sicuro della veridicità dei risultati ottenuti.

Batteria

Dovrai considerare il tipo di utilizzo che desideri fare dello strumento, infatti non sarà la stessa cosa misurare la saturazione dopo un allenamento qualsiasi o durante una spedizione in montagna. In questo senso, devi pensare se preferisci un apparecchio con le pile o con una batteria. Per quanto tempo il pulsossimetro non potrà essere ricaricato? Queste sono domande che devi porti per decidere quale delle due opzioni risulta più adatta alle tue esigenze.

Schermo e lettura dei dati

Ti ricordiamo di cercare un saturimetro con uno schermo grande, che garantisca una lettura facile. In alcuni modelli si possono salvare i dati delle letture precedenti, per generare schermate comparative e tenere un tracking. Ti consigliamo di non cercare un modello troppo sofisticato se pensi che queste funzionalità non ti servano e possano crearti confusione. Puoi sempre annotare i risultati in un quaderno e tenere un tracking manuale!

Funzione di avviso

Alcuni modelli notificano, con un avviso sonoro, quando rilevano bassi livelli di saturazione. In un caso del genere, bisogna consultare il proprio medico curante, che valorerà la situazione e prescriverà un eventuale trattamento. I saturimetri più semplici non hanno questa funzione che è più comune in prodotti con un prezzo maggiore.

saturimetro-particolare-xcyp1

Il saturimetro è di grande aiuto per gli sportivi che praticano attività fisica in quota. (Fonte: Ramon Velasco Perez: 67173679/ 123rf.com)

Conclusioni

Il saturimetro, o pulsossimetro, è un apparecchio che permette di misurare il livello di saturazione nel sangue (SpO2) in modo indolore e non invasivo. Nonostante tradizionalmente si trattasse di un prodotto di uso ospedaliero usato prevalentemente per pazienti con patologie respiratorie, oggigiorno è molto popolare anche tra gli sportivi e gli amanti della montagna. Il saturimetro da dito è il modello più consigliato per l’uso domestico.

Il pulsossimetro permette agli sportivi di completare adeguatamente le fasi di recupero durante l’allenamento. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), i livelli ottimali per una persona sana si aggirano tra il 95 ed il 100%. Prima di acquistare un saturimetro devi considerare l’utilizzo che ne vuoi fare, per scegliere tra le altre cose un modello con la batteria ricaricabile o uno con le pile.

Se ti è piaciuto l’articolo, lasciaci un commento e condividilo con i tuoi amici, sportivi e non!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Clickandphoto: 53130486/ 123rf.com)

Riferimenti (6)

1. Noguerol A, Mj C, A SG. Pulsioximetría ¿Qué es? Interpretación clínica. Indicaciones.
Fonte

2. Işik AH, Güler I. Pulse oximeter based mobile biotelemetry application. Stud Health Technol Inform. 2012;181:197–201.
Fonte

3. Organizzazione Mondiale della Sanità. Pulse Oximetry Training Manual
Fonte

4. Tannheimer M, Kirsten J, Treff G, Lechner R. Usability of pulse oximetry during severe physical exercise at high altitude. Dtsch Z Sportmed. 2018 Nov 1;69(11):351–4.
Fonte

5. Hudson AJ, Benjamin J, Jardeleza T, Bergstrom C, Cronin W, Mendoza M, et al. Clinical Interpretation of Peripheral Pulse Oximeters Labeled “Not for Medical Use.” Ann Fam Med [Internet]. 2018 Nov 12 [cited 2020 May 7];16(6):552–4.
Fonte

6. FAPap – Empleo de la pulsioximetría en Atención Primaria [Internet].
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Camilla Scrittrice e traduttrice
Laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari, attualmente mi occupo di Regulatory Affairs per una multinazionale del Food. Freelancer nel tempo libero, mi dedico per lo più a traduzioni e scrittura di testi e i miei argomenti preferiti sono salute e benessere, fai da te, ma non solo! Inoltre adoro viaggiare con lo "zaino in spalla" per conoscere nuove persone, nuove culture e nuove lingue!
Guida clinica
Noguerol A, Mj C, A SG. Pulsioximetría ¿Qué es? Interpretación clínica. Indicaciones.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Işik AH, Güler I. Pulse oximeter based mobile biotelemetry application. Stud Health Technol Inform. 2012;181:197–201.
Vai alla fonte
Guida OMS
Organizzazione Mondiale della Sanità. Pulse Oximetry Training Manual
Vai alla fonte
Articolo di revisione
Tannheimer M, Kirsten J, Treff G, Lechner R. Usability of pulse oximetry during severe physical exercise at high altitude. Dtsch Z Sportmed. 2018 Nov 1;69(11):351–4.
Vai alla fonte
Articolo di revisione
Hudson AJ, Benjamin J, Jardeleza T, Bergstrom C, Cronin W, Mendoza M, et al. Clinical Interpretation of Peripheral Pulse Oximeters Labeled “Not for Medical Use.” Ann Fam Med [Internet]. 2018 Nov 12 [cited 2020 May 7];16(6):552–4.
Vai alla fonte
Guida Medica
FAPap – Empleo de la pulsioximetría en Atención Primaria [Internet].
Vai alla fonte