Sbiancante denti
Ultimo aggiornamento: 14/10/2020

Il nostro metodo

15Prodotti analizzati

23Ore di lavoro

19Fonti e riferimenti usati

368Commenti valutati

Il sorriso è lo specchio dell’anima. O era lo sguardo? Comunque sia, con il passare del tempo ci siamo resi conto dell’importanza, per il nostro aspetto fisico, di avere un bel sorriso. E così, sono sempre di più le persone che decidono di utilizzare degli sbiancanti dentali.

Ormai, infatti, non è più necessario rivolgersi ad una clinica costosa per godere di denti più bianchi. Ora è possibile ottenere ottimi risultati professionali anche comodamente da casa. Vuoi sapere come? Oggi ti raccontiamo tutto sugli sbiancanti denti.




Le cose più importanti in breve

  • Quando si sente parlare di sbiancante denti, molte persone tendono, in un primo momento, a pensare ad un trattamento costoso e molto lungo. Niente di più lontano dalla realtà.
  • Oggi, abbiamo a portata di mano sbiancanti per denti di grande qualità con cui migliorare il nostro sorriso con un minimo sforzo.
  • Ma non tutti sono uguali. Per scegliere il migliore, è importante tenere in considerazione criteri di acquisto come il tipo di macchie che conti di rimuovere, se ti conviene o meno ricorrere a questo tipo di trattamento e gli effetti collaterali.

I migliori sbiancanti denti sul mercato: la nostra selezione

Se è la prima volta che provi curiosità per gli sbiancanti dentali, questa sezione ti interesserà sicuramente. Prima di entrare in argomento, vogliamo mostrarti una selezione dei prodotti da noi consigliati, così da sapere da dove iniziare a cercare. Prendi nota!

Il migliori kit di sbiancamento denti a base di gel e LED

Il kit con gel e lampada proposto da OriHea è fra le soluzioni per lo sbiancamento dentale più vendute e meglio recensite in assoluto, con utenti soddisfatti che ne testimoniano l’efficacia apprezzandone l’ottimo rapporto qualità-prezzo.

All’interno della confezione si trovano 8 siringhe con il gel sbiancante (ognuna valida per diverse applicazioni), 2 siringhe di gel desensibilizzante (in caso si avvertano fastidi dopo il trattamento), ed una lampada da usare dopo le siringhe per almeno 10 minuti.

La miglior polvere al carbone attivo sbiancante per denti

Tra i metodi naturali più usati per lo sbiancamento dei denti, il carbone attivo è sicuramente quello più conosciuto. La proposta di Unnis va sfregata con uno spazzolino per due minuti e almeno due volte a settimana, e alla base della sua formula sono presenti l’olio di noce di cocco, l’olio di menta e naturalmente il carbone.

L’aspetto nero della polvere può inizialmente creare qualche incertezza, ma gli utenti ne confermano pienamente l’efficacia, apprezzandone anche l’effetto rinfrescante.

Le migliori strisce sbiancanti per denti

Le strisce sbiancanti sono una soluzione sicuramente comoda e semplice da utilizzare, basta applicare per 30 minuti una striscia sull’arcata superiore ed una su quella inferiore, lavandosi i denti prima e dopo. La confezione proposta da ifanze include 56 strisce con gel in totale, ovvero 28 per ogni arcata.

Secondo gli utenti funzionano molto bene già dai dalle primissime applicazioni, ed è possibile prolungare la durata della confezione riducendo con il tempo la frequenza di utilizzo, così da usarle per mantenere bianchi i denti.

Il miglior dentifricio sbiancante

Il dentifricio proposto dall’azienda inglese Pro Teeth Whitening ha una formula 100% naturale, compatibile con la dieta vegana e adatto all’uso quotidiano. Gli ingredienti principali sono il carbone attivo, che garantisce l’effetto sbiancante, e l’estratto di aloe vera, che aiuta a proteggere le gengive donando una sensazione di freschezza.

La qualità del prodotto sembra essere molto buona, come testimoniano i recensori.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sugli sbiancanti denti

Bene, ora ti sei fatto un’idea di ciò che puoi trovare sul mercato. Ma di certo avrai dei dubbi che vorresti risolvere, prima di lanciarti a provare gli sbiancanti denti, vero? Ebbene, abbiamo creato questa sezione proprio per risolverli tutti. Spara!

Donna con sorriso splendente

Oggi, abbiamo a portata di mano sbiancanti per denti di grande qualità con cui migliorare il nostro sorriso con un minimo sforzo. (Fonte: Puhhha: 61732789/ 123rf.com)

Quali tipi di sbiancanti dentali esistono?

Quando sentiamo parlare di sbiancanti dentali, solitamente pensiamo più ai meravigliosi risultati che speriamo di ottenere che non al prodotto in sé. Perciò, quando dobbiamo sceglierne uno, non sappiamo da dove iniziare. Ebbene, la prima cosa che devi sapere è che esistono tre tipi principali di sbiancanti denti:

Tipo di sbiancante denti Principali caratteristiche e utilizzo
Gel sbiancante con ferule Il gel sbiancante viene collocato nelle ferule e va tenuto in media 4-5 ore per quindici giorni.
Luce fredda LED (combinata con gel) (1) La luce fredda LED che emette il sistema di sbiancamento attiva le molecole del gel. È particolarmente pensata per coprire tutti i denti contemporaneamente e rendere così il risultato più omogeneo.
Strisce sbiancanti adesive È un sistema simile a quello del gel ma, anziché utilizzare ferule per applicarlo sui denti, si usa una striscia adesiva. Si tratta di un sistema molto comodo e rapido.

Gli sbiancanti denti sono sempre efficaci?

Sono efficaci, ma attenzione: non sono miracolosi. Questo è qualcosa da tenere presente prima di decidersi ad iniziare un trattamento sbiancante, soprattutto per non rimanere delusi o cadere nell’ossessione. Sì, nell’ossessione di avere sempre i denti più bianchi, ossessione che ha anche un nome: blancorexia (2).

Gli esperti considerano principalmente due casi in cui gli sbiancanti denti non serviranno a molto:

  1. Se le macchie o colorazioni dei denti sono state prodotte da tetracicline (3) o sono molto evidenti. In questi casi, solitamente si opta per la collocazione di capsule, poiché, esteticamente, i risultati saranno decisamente migliori.
  2. Quando si tratta di un dente non vitale. Questa è una situazione che si verifica frequentemente dopo una devitalizzazione o a causa di un forte colpo. In questi casi, il dente non presenta irrigazione (è morto), quindi si consiglia uno sbiancamento interno.

Quanto durano, solitamente, i risultati di questi trattamenti?

Senza dubbio, questa è la domanda fondamentale legata agli sbiancanti denti. Anche se i risultati non sono eterni (non si tratta di magia), di certo sono piuttosto durevoli. Normalmente, è possibile mantenere gli effetti sbiancanti per almeno dodici mesi dopo la fine del trattamento.

Naturalmente, devi essere consapevole del fatto che gli sbiancanti dentali, soprattutto quelli realizzati in casa, presentano delle limitazioni. Ma sarà sempre possibile ricorrere a certe pratiche che aiuteranno ad aumentare la durata degli effetti ottenuti con il trattamento.

Apparecchi per denti

La luce fredda LED che emette il sistema di sbiancamento attiva le molecole del gel. È particolarmente pensato per coprire tutti i denti contemporaneamente e rendere così il risultato più omogeneo. (Fonte: Belchonock: 116301761/ 123rf.com)

Quali sono le limitazioni di uno sbiancante denti?

Come con qualsiasi trattamento estetico (perché sì, lo sbiancamento dentale lo è), è importante tenere in considerazione che non si tratta di prodotti miracolosi. Quindi, presentano alcune limitazioni da conoscere per non rimanere delusi dei risultati e, soprattutto, per non ossessionarsi. Ecco cosa devi sapere:

  1. I denti si sbiancano in maniera limitata, hanno cioè un punto finale di sbiancamento. Inoltre, per quanto tu possa proseguire il trattamento, gli effetti non aumenteranno. Questo “finale” è del tutto personale e dipende unicamente dal dente.
  2. Normalmente, i denti si sbiancano tra 2 e 6 toni al di sopra del tuo nella scala cromatica dentale (4), non di più.
  3. Lo sbiancamento è omogeneo. Perciò, se hai venature più scure su qualche dente, queste si schiariranno, ma in modo parallelo al resto del dente.
  4. La durata dei risultati è solitamente qualcosa in più di dodici mesi, quindi si consiglia di effettuare delle ripetizioni annuali, se si desidera mantenere gli effetti per più tempo.
  5. Naturalmente, va da sé che questo tipo di trattamenti non è efficace su capsule, rivestimenti o ricostruzioni.

Dr. Salvo LeccisiMedico in Odontoiatria e specialista in Estetica dentale

“Per prolungare gli effetti dello sbiancamento dentale, occorre consumare cibi che non presentino troppi coloranti, come per esempio riso o latticini”.

Come posso prolungare l’effetto sbiancante del trattamento?

Quando utilizziamo uno sbiancante denti, questa è una delle domande principali. Ovviamente, l’obiettivo è quello di farne durare gli effetti il più a lungo possibile. Ma come fare? Ebbene, che tu ci creda o no, il segreto sta nel mantenere abitudini salutari nell’alimentazione e una corretta routine di igiene dentale (5). Prova con questi consigli:

Riguardo all’alimentazione e ad altre abitudini Riguardo all’igiene orale
Cerca di limitare il consumo di alimenti che favoriscono la comparsa di macchie, per esempio quelli con troppi coloranti.

Non è neppure consigliabile consumare bevande ghiacciate o molto acide.

Riduci il consumo di caffè e il tabacco (6). La tua salute in generale ti ringrazierà.

È fondamentale lavarsi i denti dopo ogni pasto.

Il filo interdentale deve diventare il tuo migliore alleato.

Presta attenzione allo spazzolino che usi: è preferibile che abbia setole morbide e che sia elettrico.

Non dimenticare di cambiare lo spazzolino (o la testina, se è elettrico) con una frequenza di circa tre mesi.

Utilizzare un collutorio o fluoro ogni sera è sempre una buona idea.

Esistono sbiancanti più aggressivi?

Bisogna sempre avere un piano B, vero? Anche se è vero che, oggi, gli sbiancanti dentali domestici sono molto efficaci, è possibile che il tuo problema non si risolva completamente. Che cosa fare, allora?

Possiamo provare altri tipi di trattamenti, talvolta però più aggressivi e costosi.

  1. Pulizia orale professionale: anche se è soltanto in grado di eliminare le macchie più superficiali, può essere una buona soluzione. Solitamente, dura circa 50 minuti e prevede uno spazzolamento con una speciale pasta e air-polishing con bicarbonato. Naturalmente, non è male sottoporsi di tanto in tanto a questo tipo di pulizia (7), indipendentemente dalle macchie.
  2. Sbiancamento professionale combinato: si tratta di fare un passo oltre il trattamento sbiancante che si effettua in casa. Questo sbiancamento consiste in due fasi: da una parte, la collocazione di ferule con gel sbiancante e, dall’altro, sedute di lampade a luce fredda. Questi trattamenti, solitamente, includono anche una pulizia orale.
  3. Capsule: è ciò a cui si ricorre solo nei casi più estremi. Quando la colorazione dei denti è notevole e non è possibile rimuoverla con nessun altro trattamento, l’unica soluzione sono le capsule. Possono essere in composito o in porcellana e non ti preoccupare, perché oggi hanno un aspetto molto naturale.

Criteri di acquisto

Ora che abbiamo esaurito tutti i dubbi, puoi passare all’azione con la tranquillità di stare scegliendo il miglior trattamento per il tuo caso particolare. Vuoi fare un passo in più? Allora, tieni in considerazione i criteri di acquisto che ti presentiamo qui di seguito e che ti forniranno la chiave per prendere la decisione finale. Avanti!

Convenienza

La prima cosa a cui devi pensare quando decidi di usare uno sbiancante denti è la convenienza del suo utilizzo. Proprio così: forse non ci hai mai pensato, ma ci sono casi in cui questo tipo di trattamento non è consigliato. Perciò, se ti trovi in una delle seguenti situazioni, consulta uno specialista:

  • Hai meno di 16 anni.
  • Sei incinta.
  • Soffri di qualche malattia orale.
Giovane uomo che sorride

Il sorriso è lo specchio dell’anima.
(Fonte: Wavebreak Media Ltd: 44813671/ 123rf.com)

Tipo di macchie dentali

Ovviamente, prima di lanciarti alla ricerca del miglior sbiancante denti, devi capire quale sia esattamente il problema che vuoi affrontare. Si tratta, cioè, di identificare il tipo di macchie che i denti presentano. Pensavi che fossero tutte uguali? Niente di più sbagliato! Questi sono i tipi principali:

Tipo di macchie Aspetto Cause Trattamento consigliato
Macchie marroni Sono le più visibili di tutte, dato che il loro colore è molto più scuro dello smalto dentale naturale. Tuttavia, sono anche le più superficiali e semplici da eliminare. Solitamente, compaiono per il consumo eccessivo di tè, caffè e tabacco. Carbone attivo.
Macchie gialle Non sono tanto visibili quanto le precedenti e, solitamente, ricoprono tutta la superficie del dente. Più che una macchia, può essere considerato il colore generale del dente. Compaiono per il consumo di alimenti acidi (arance, limoni o aceto, per esempio) o per l’uso di tetracicline (3). Carbone attivo o gel sbiancante con ferule.
Macchie bianche Nonostante siano bianche, sono piuttosto visibili. Il colore bianco di queste macchie si nota molto di più del colore naturale del dente. La loro comparsa è legata alla carenza di nutrienti (calcio o ferro), alla presenza di carie o ad un uso eccessivo di fluoro. Gel sbiancante con luce LED.

Sicurezza ed effetti collaterali

Ora che sai se usare o meno uno sbiancante denti e hai verificato il tipo di macchie che desideri eliminare, puoi fare un passo ulteriore. È il momento di domandarti se lo sbiancante denti che sceglierai sia sicuro e, ovviamente, riflettere sui possibili effetti collaterali.

Perciò, è fondamentale ricorrere sempre a prodotti di qualità consigliati da uno specialista o di un marchio considerato affidabile per i suoi anni di esperienza nel settore e le buone recensioni dei consumatori. In ogni caso, è importante tenere in considerazione che potrebbero verificarsi eventuali (e ripetiamo: possibili) effetti collaterali, come:

  • Sensibilità dentale: sia durante il trattamento che subito dopo averlo effettuato. Oltre ad essere un sintomo più che frequente, scomparirà presto.
  • Irritazione o fastidio alle gengive: è praticamente inevitabile che l’agente sbiancante tocchi le gengive. Perciò, a volte si potrebbero verificare irritazioni o fastidi in tale zona. Se questi effetti non scompaiono, devi interrompere il trattamento.
  • Reazioni allergiche di diversa indole: è qualcosa che non dipende dal prodotto, ma da te stesso. Per evitare questo tipo di reazioni, è importante leggere bene il foglietto illustrativo, la composizione e le raccomandazioni del produttore.
  • Ustioni: in questo caso, dipende dal prodotto. Se è di cattiva qualità e contiene sostanze nocive in elevata concentrazione o è in cattivo stato, potremmo subire ustioni. Ma, tranquillo: non capita frequentemente.
Dr. Salvo LeccisiMedico in Odontoiatria e specialista in Estetica dentale

“Quando la colorazione è dovuta a tetracicline, potrebbe rendersi necessario un trattamento combinato: prima uno sbiancamento e poi la collocazione di capsule”.
Carbone attivo per denti

La polvere di carbone attivo 100% naturale può decolorare i denti ingialliti a causa di macchie.
(Fonte: Annebel146: 106213822/ 123rf.com)

Conclusioni

Ogni volta che ti guardi allo specchio sogni un sorriso più bianco? Beh, sei fortunato, perché ora, grazie agli sbiancanti dentali, questo sogno può diventare realtà. Esistono diversi sistemi di sbiancamento dentale con cui è possibile ottenere risultati davvero professionali.

E, soprattutto, con il minimo sforzo. Devi solo conoscere perfettamente la tua situazione, cioè il tipo di macchie che desideri rimuovere, per poi metterti all’opera. Scegli il sistema che meglio si adatta alle tue esigenze e inizia a sorridere alla vita. Ancora di più di quanto tu già non faccia!

Se la nostra guida sugli sbiancanti denti ti è risultata utile, condividila sui social network e lasciaci un commento.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Krisanov: 33908285/ 123rf.com)

Riferimenti (7)

1. La salute in bocca - Sbiancamento denti LED, guida completa - Autore: Luigi T. - Data ultimo aggiornamento: 11 Febbraio 2019 - Consultato ottobre 2020
Fonte

2. Peláez J. Blancorexia: la obsesión por los dientes más blancos | Ferrus&Bratos.
Fonte

3. Peláez J. 【Dientes amarillos】Causas y tratamientos | Ferrus&Bratos.
Fonte

4. Dentalfix - Scala dei colori dei denti - Consultato ottobre 2020
Fonte

5. Mentadent - 7 segreti per un sorriso bianco e bellissimo - Consultato ottobre 2020
Fonte

6. López E. Tabaco y salud dental: ¿Cómo afecta el tabaco a los dientes? Formación Profesional Sanitaria - FP Claudio Galeno.
Fonte

7. SANITAS. La importancia de una limpieza de boca [Internet]. Seguros dentales Sanitas.
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Articolo informativo
La salute in bocca - Sbiancamento denti LED, guida completa - Autore: Luigi T. - Data ultimo aggiornamento: 11 Febbraio 2019 - Consultato ottobre 2020
Vai alla fonte
Articolo informativo
Peláez J. Blancorexia: la obsesión por los dientes más blancos | Ferrus&Bratos.
Vai alla fonte
Articolo informativo
Peláez J. 【Dientes amarillos】Causas y tratamientos | Ferrus&Bratos.
Vai alla fonte
Articolo informativo
Dentalfix - Scala dei colori dei denti - Consultato ottobre 2020
Vai alla fonte
Articolo informativo
Mentadent - 7 segreti per un sorriso bianco e bellissimo - Consultato ottobre 2020
Vai alla fonte
Articolo informativo
López E. Tabaco y salud dental: ¿Cómo afecta el tabaco a los dientes? Formación Profesional Sanitaria - FP Claudio Galeno.
Vai alla fonte
Articolo informativo
SANITAS. La importancia de una limpieza de boca [Internet]. Seguros dentales Sanitas.
Vai alla fonte