Schermo video

Nell’era digitale di oggi, non è più una novità trovare online famosi videogiocatori che condividono le loro partite in diretta o famosi youtubers che portano sui loro canali YouTube le ultime uscite videoludiche. Che siano professionisti o semplici appassionati, sono in molti ad utilizzare schede di acquisizione video, sia per trasmettere in diretta sia per condividere le loro partite.

Questi dispositivi sono estremamente versatili, perché consentono non solo di registrare e analizzare partite, ma anche di fare dei backup degli episodi delle proprie serie preferite e di migliorare le proprie trasmissioni, che siano esse in diretta o in differita. Per questo motivo, è fondamentale scegliere il modello adeguato alle proprie necessità.

Le cose più importanti in breve

  • Le schede di acquisizione video stanno diventando sempre più popolari nel mondo dei videogiochi, ma non solo tra i videogiocatori: anche gli youtubers si stanno avvicinando sempre di più a questo universo, portando sui loro canali le ultime uscite.
  • Grazie alle schede di acquisizione video, è possibile sia registrare sia trasmettere in alta qualità il contenuto che si sta giocando; tutto questo con una bassa latenza e con la possibilità, tra le tante cose, di sovrapporre l’immagine proveniente da una webcam e il suono di un microfono.
  • Quando si deve acquistare una scheda di acquisizione video, il primo criterio da tenere in considerazione è l’utilizzo che se ne andrà a fare. Inoltre, il dispositivo deve essere compatibile con la console o il PC che si possiede e, ovviamente, deve anche offrire una buona qualità dell’immagine e un’ottima capacità di elaborazione.

Le migliori schede acquisizione video: la nostra selezione

Nella sezione che segue, andremo a presentarti una breve selezione che comprende le quattro migliori schede di acquisizione video presenti sul mercato. Abbiamo cercato di includere prodotti vari, con delle caratteristiche uniche e studiate per ogni tipo di utente, tutti fabbricati da marche piuttosto note e con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

La migliore per i dispositivi più obsoleti

La scheda prodotta da MyGica viene venduta insieme ad un DVD contenente il software per l’editing dei video: esso è compatibile con tutti i sistemi operativi Windows, a partire da Windows XP fino ad arrivare a Windows 10. Il software (completamente in italiano) consente inoltre di caricare il video direttamente su YouTube tramite l’apposita funzione.

La più venduta

La scheda di acquisizione video di Rybozen possiede un’entrata USB 2.0 ed è compatibile con connettori RCA, VHS, VCR e DVD. L’interfaccia plug and play supporta il controllo della luminosità e la regolazione della saturazione dell’immagine; l’immagine possiede una risoluzione 720×480 a 30 FPS e 720×756 a 25 FPS. È possibile anche registrare l’audio senza la scheda audio.

La più facile da trasportare

La scheda di acquisizione prodotta da Techside è in grado di convertire qualsiasi segnale analogico in digitale e consente anche di catturare un’istantanea del video grazie al pratico pulsante centrale. I formati video supportati sono MPEG 1, 2 e MPEG4 (Psp e Ipod), mentre la codifica video è disponibile fra PAL, NTSC e SECAM. Il peso dell’articolo (poco più di 27 grammi) lo rende perfetto per il trasporto.

La più veloce a trasferire dati

La scheda Strenter è dotata di un adattatore per la porta HDMI e si connette tramite cavo USB 3.0 per una massima velocità di trasferimento dati: grazie a questa caratteristica, è possibile realizzare registrazioni anche con risoluzione 4K a 60 FPS e trasmettere partite in streaming e videoconferenze. L’installazione del dispositivo è estremamente semplice, tanto che non è richiesto nessun driver.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sulle schede acquisizione video

Se stai pensando di acquistare una scheda di acquisizione video, devi tenere in considerazione una serie di fattori, fondamentali per assicurarti che tu stia facendo un buon investimento. Oggi esistono molti modelli, e non tutti offrono le stesse prestazioni: per questo motivo, in questa sezione andremo a chiarire tutti i dubbi che potrebbero esserti sorti.

Uomo davanti al PC

Se vuoi trasmettere in alta qualità le tue partite, le schede di acquisizione video sono un alleato fondamentale. (Fonte: Sean Do: EHLd2utEf68/ Unsplash.com)

Cosa sono esattamente le schede di acquisizione video?

Le schede di acquisizione video sono dei dispositivi elettronici che vanno collegati a un computer o a una console per la registrazione in una massima qualità del segnale video utilizzando la connessione tramite cavo HDMI. Grazie a questo apparecchio, è possibile anche trasmettere partite in streaming di alta qualità.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi delle schede di acquisizione video?

Le schede di acquisizione video di oggi sono dei dispositivi molto facili da utilizzare, che permettono di trasmettere partite in diretta senza alcun tipo di latenza e con video di alta qualità, anche con risoluzioni in 4K a 60 FPS. Inoltre, è possibile anche processare ed editare il video prima di condividerlo.

Tuttavia, si tratta di apparecchi che costituiscono un investimento abbastanza alto; molte schede possiedono anche uno splitter HDMI che consente di registrare e condividere contenuto protetto. In ogni caso, è evidente che le schede di acquisizione video hanno più vantaggi che svantaggi: se vuoi saperne di più, dai un’occhiata alla tabella sottostante.

Vantaggi
  • Con esse, è possibile realizzare trasmissioni in streaming in diretta e senza lag
  • Consentono di realizzare trasmissioni video in alta qualità
  • Permettono di processare ed editare il video prima di pubblicarlo in rete
  • Sono abbastanza facili da configurare
  • Alcuni modelli consentono anche di sovrapporre immagini o il suono proveniente da un microfono
  • Sono l’ideale per trasmettere in diretta in alta qualità utilizzando una videocamera
  • Permettono di vedere sul PC le registrazioni provenienti dalla videocamera in diretta
  • Con esse, è possibile convertire i video dal formato analogico a quello digitale
  • Non consumano molte risorse del PC
  • Solitamente, sono compatibili con software di registrazione come OBS, FME o Wirecast
  • Possono essere trasportare e utilizzate con vari apparecchi
Svantaggi
  • Richiedono un investimento economico considerevole
  • Alcune schede richiedono un splitter HDMI per registrare certi contenuti

Chi dovrebbe acquistare una scheda di acquisizione video?

Se vuoi trasmettere le tue partite in alta qualità, le schede di acquisizione video sono un apparecchio fondamentale, soprattutto per quanto riguarda le console: alcune di esse, infatti, non consentono di registrare video attraverso un software, come succede invece nei PC.

Inoltre, potrebbe interessarti convertire i tuoi video dal formato analogico al formato digitale; interessante anche l’utilizzo in sistemi di sicurezza, perché permettono di collegare varie telecamere ad un solo PC. Infine, le schede di acquisizione video sono un attrezzo utile per gli analisti sportivi che vogliono realizzare un’analisi dell’evoluzione del gioco mentre questo si sta ancora svolgendo.

Cos’è lo splitter HDMI richiesto da alcune schede di acquisizione video?

Alcuni contenuti digitali sono protetti da HCDP: questo succede con alcuni videogiochi, con la console PS3 e con il sito di streaming Netflix. Alcune schede di acquisizione video non riescono a scavalcare questa protezione, quindi non possono registrare direttamente certi contenuti. Per risolvere questo problema, ecco che entrano in gioco gli splitter HDMI.

Uno splitter HDMI non è altro che un dispositivo elettronico di interconnessione che consente di dividere il segnale HDMI in vari segnali identici tra loro. In questo modo, è possibile sviare il segnale a un computer e registrarlo utilizzando il software di registrazione presente nella scheda di acquisizione video che si possiede. Alcuni produttori includono lo splitter nella confezione della scheda.

Criteri di acquisto

Se sei sicuro di acquistare una scheda di acquisizione video, devi assolutamente tenere in considerazione una serie di criteri di acquisto: in questo modo, non solo potrai fare un investimento sensato ed in linea con le tue esigenze, ma potrai anche distinguere meglio i vari modelli presenti sul mercato. Iniziamo!

  • Uso della scheda di acquisizione video
  • Risoluzione dell’immagine
  • Necessità di un (secondo) PC
  • Connettività
  • Potenza di elaborazione
  • Peso e dimensioni

Uso della scheda di acquisizione video

Ovviamente, la prima cosa a cui fare attenzione nella scelta di una scheda di acquisizione video è l’uso che se ne andrà a fare. Allo stesso modo, devi assicurarti che essa sia compatibile con il PC o la console che possiedi. Inoltre, una scheda per registrare partite non sarà uguale ad una studiata appositamente per trasmettere in streaming in alta qualità.

In questo senso, non avrai bisogno della stessa scheda per vedere sul computer ciò che stai registrando e per trasmettere in diretta e in alta qualità direttamente dalla tua videocamera: se utilizzerai la scheda di acquisizione video in un circuito chiuso di sorveglianza, avrai bisogno di un modello dotato di varie porte dello stesso tipo per collegarla alle varie videocamere.

Ragazzo che fa streaming video

Le schede di acquisizione video sono dei dispositivi elettronici che si collegano ad un computer o a una console per riprendere il segnale video in una qualità massima. (Fonte: Gianandrea: KWrNwBE87EY/ Unsplash.com)

Risoluzione dell’immagine

La tecnologia è arrivata ad un punto in cui non si può acquistare una scheda di acquisizione video che non abbia almeno la qualità Full HD: esistono infatti modelli che arrivano addirittura alla risoluzione 4K. In fin dei conti, si tratta di uno standard che sta prendendo sempre più piede sul mercato ma, ovviamente, ad un costo leggermente più elevato.

Inoltre, è fondamentale poter registrare e trasmettere con una buona frequenza di aggiornamento. Come minimo, si dovrebbe partire dai 30 FPS (fotogrammi al secondo), ma l’ideale sarebbe arrivare a 60 FPS. In questo modo, si potrà ottenere un’immagine molto più fluida. Di fatto, oggi esistono schede di acquisizione video che consentono di trasmettere sia in 4K e a 60 FPS.

Necessità di un (secondo) PC

Nel caso in cui si vada ad utilizzare la scheda di acquisizione video per registrare contenuti o trasmettere in streaming dal proprio personal computer, è importante sapere bene se questa ha bisogno o no di un secondo computer per svolgere il suo compito. Il vantaggio di utilizzare un secondo computer è costituito dal fatto di non dover sacrificare rendimento e qualità durante la registrazione.

Gli svantaggi sono invece il fatto di aver bisogno di due PC e, di conseguenza, anche di più spazio in cui collocarli. Se si ha poco spazio in camera, potrebbe essere molto più conveniente registrare tramite un software; nel caso invece di una console o di una videocamera, in quasi ogni caso potresti aver bisogno di un computer oltre ad esse.

Andy WarholArtista e padre della Pop Art

“Nel futuro, ognuno sarà famoso per 15 minuti”.

Connettività

Poiché le schede di acquisizione video sono dei dispositivi che fanno da intermediario, è importante tenere in considerazione le varie opzioni di connettività, sia in entrata sia in uscita. Alcune schede presentano la connessione USB 2.0, mentre altre la USB 3.0 o superiori: in questo modo, è possibile trasmettere ad una maggiore velocità di trasferimento dati.

Le schede di acquisizione video che supportano un’alta definizione si connettono tramite porta HDMI, ma è possibile trovarne altre che si connettono anche via RCA e VGA. Allo stesso modo, occorre considerare le entrate audio e l’eventuale presenza di uno slot per schede MicroSD o SD per registrare direttamente e senza l’ausilio di un computer.

Potenza di elaborazione

La potenza di elaborazione della scheda di acquisizione è fondamentale non solo per registrare immagini in alta qualità, ma anche per trasmettere il video in diretta e realizzare l’elaborazione delle immagini. Per valutare la capacità di elaborazione, è importante tenere in considerazione il processore integrato dal prodotto.

Oggi, è possibile trovare dispositivi dotati di processori davvero potenti, tra i quali troviamo gli Intel i5, i7 e simili. Allo stesso modo, devi tenere in considerazione anche la memoria RAM di cui è dotato il dispositivo, sia la quantità sia la tipologia. Come minimo, dovrebbe essere DDR3, ma ancora meglio se si tratta di una DDR4.

Peso e dimensioni

Se avrai bisogno di trasportare con una certa frequenza la scheda di acquisizione video, è importante scegliere un modello con delle dimensioni ridotte e abbastanza leggero. In questo modo, ti sarà più facile trasportare la scheda, e potrai registrare le tue partite in ogni luogo. Inoltre, potrai utilizzarla anche se parteciperai ad un torneo.

Conclusioni

Le schede di acquisizione video sono degli apparecchi estremamente versatili che consentono di trasmettere contenuti in streaming su piattaforme come YouTube o Twitch. Si tratta di apparecchi molto popolari tra i videogiocatori, anche perché trasmettono video in alta definizione e, soprattutto, con una latenza davvero bassa.

Oggi, esistono molti modelli e con varie prestazioni: per questo motivo, è fondamentale scegliere la più adeguata all’uso che andrai a farne. Importante è anche la risoluzione offerta, meglio se Full HD o 4K, e con una buona frequenza di aggiornamento. Non dimenticare poi la potenza di elaborazione!

Se pensi che questa guida ti sia stata utile nel processo di scelta, puoi lasciarci un commento o condividerla con i tuoi amici sui profili social.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Asawin Klabma: 66428048/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

REVIEWBOX
REVIEWBOX
Redazione
I redattori di REVIEWBOX fanno ricerche approfondite e scrivono articoli interessanti e completi per aiutare gli utenti a fare la scelta giusta nel momento in cui devono trovare il miglior prodotto per le proprie esigenze.