Ultimo aggiornamento: 03/08/2021

Il nostro metodo

24Prodotti analizzati

16Ore di lavoro

5Fonti e riferimenti usati

75Commenti valutati

Dalla nascita del cinema, gli effetti speciali sono stati una delle grandi attrazioni per lo spettatore. Questi effetti apparvero solo due anni dopo l’invenzione del cinematografo da parte dei fratelli Lumière.

Oggi, possiamo trovare molteplici strumenti per ottenere i diversi effetti speciali che vediamo sul grande schermo. Tuttavia, c’è un’opzione molto popolare che è alla portata di tutti. Ci riferiamo al green screen o chroma key, che è una delle tecniche più utilizzate nel mondo audiovisivo. Per conoscere le basi di questa tecnica, presta attenzione.




La cosa più importante

  • Il green screen è uno strumento che ci permette di spostarci in qualsiasi luogo, reale o fittizio. Registriamo su questo sfondo e poi sostituiamo l’area occupata da questo colore con un’altra immagine di sfondo o un video.
  • Il verde è spesso utilizzato perché i sensori delle fotocamere digitali sono in grado di catturare una gamma più ampia di sfumature di verde, proprio come l’occhio umano.
  • Prima di decidere quale schermo verde comprare, ci sono alcune cose da considerare: il colore, i materiali, le dimensioni, la facilità di trasporto e gli accessori inclusi.

Schermo verde: la nostra selezione

Guida all’acquisto: quello che devi sapere sugli schermi verdi

Se hai appena iniziato nel mondo dell’audiovisivo, probabilmente vorrai imparare come dare forma alle tue idee. Per fare questo, avrai bisogno di procurarti vari strumenti. In questo caso, sarai interessato alla tecnica dello schermo verde. E qui ti diremo tutto al riguardo.

grabando con pantalla verde

Lo schermo verde è una delle tecniche di montaggio più utilizzate nel mondo audiovisivo. (Fonte: Kelly: J4hxSsDZ8Lc/unsplash.com)

Cos’è il green screen?

Il green screen, chroma key o chroma key, è una tecnica usata nel mondo audiovisivo che consiste nel catturare l’immagine principale su uno sfondo di un solo colore, solitamente blu o verde. In questo modo, il colore viene sostituito da un video o uno sfondo alternativo con l’aiuto di un programma di editing. Questo processo è conosciuto come chiave o manipolazione.

Questo tipo di tecnica viene utilizzato quando è troppo costoso, poco pratico o addirittura impossibile registrare nello scenario desiderato.

Grazie a questa risorsa si possono creare innumerevoli effetti speciali, trasportando lo spettatore in mondi sconosciuti e creando incredibili illusioni ottiche.

Perché lo schermo verde è di quel colore?

Il verde è il colore più caratteristico negli sfondi di questi schermi, sebbene non sia l’unico. Oltre al verde, spicca anche il blu. La ragione è che entrambi sono considerati i colori meno predominanti o quelli che sono più lontani dal tono della pelle, il che è molto favorevole allo sviluppo di questa tecnica.

Tuttavia, anche se il blu è un colore comune nei cromatismi, il verde lo supera. Le videocamere digitali sono composte da sensori verdi, blu e rossi, con il doppio di verdi rispetto ai rossi.

Pertanto, grazie al cosiddetto modello Bayer, i sensori d’immagine di tali fotocamere sono più sensibili al verde.

Verde Blu
Utilizzo Più usato Secondo più usato Secondo più usato
Pigmentazione della pelle Scarsa Molto scarsa
Illuminazione Poco bisogno di luce Maggior bisogno di luce
Costo Più economico Più costoso

xm Qui ti mostreremo come filmare i tuoi video passo dopo passo

  1. Prepara lo schermo verde: Lo schermoverde dovrebbe essere il più liscio possibile, cioè con pochissime rughe.
  2. Posiziona il soggetto di fronte allo schermo verde: ci dovrebbe essere una distanza compresa tra 90 cm e 4,5 m tra il chroma key e il soggetto per ridurre le ombre. Maggiore è la distanza, più naturale apparirà il soggetto.
  3. Posiziona la telecamera: la telecamera deve essere abbastanza lontana da catturare tutto il corpo del soggetto nell’inquadratura, senza essere troppo lontana dal green screen in modo che sia centrato nell’inquadratura.

Questo è tutto! Puoi registrare il tuo video e trasferirlo sul tuo computer per il montaggio. Una volta fatto questo, dovrai utilizzare una piattaforma di editing per sostituire il green screen con l’immagine di sfondo o il video di tua scelta.

Come posso ottenere il massimo dal mio green screen?

Se non sei un professionista o non sai molto sull’argomento, ecco alcuni consigli per aiutarti a migliorare la qualità dei tuoi risultati

  • Illuminazione: Questo dovrebbe essere il più morbido e uniforme possibile per ottenere un’illuminazione uniforme. Il soggetto e lo schermo verde sono illuminati separatamente. Nel caso dello schermo verde, dovrebbe essere illuminato con un angolo di 45° rispetto allo sfondo.
  • Materiale: se usi la stoffa, è consigliabile tenerla tesa con dei morsetti per evitare grinze e ombre. È anche molto importante utilizzare materiali a basso riflesso, idealmente utilizzando una speciale vernice opaca.
  • Colori: Assicurati che il soggetto non abbia vestiti dello stesso colore della chiave cromatica, perché questo può causare che si confonda con la chiave cromatica e scompaia. Per la stessa ragione, non dovrebbero esserci oggetti dello stesso colore.
  • Fotocamera: dovresti impostare la fotocamera alla sensibilità più bassa che ha per ridurre il “rumore” e ottenere un’immagine più pulita. Un altro fattore chiave è la temperatura del colore, che dovrebbe essere impostata per corrispondere alla temperatura del colore delle luci che stai utilizzando. Ultimo ma non meno importante, mantieni il soggetto o l’oggetto a fuoco in modo che i bordi siano ben definiti e più facili da ritagliare.

Quali tipi di schermo verde ci sono?

Ci sono molti tipi di cromo a seconda della loro dimensione, materiale, forma, colore e altri fattori. Pertanto, il modo migliore per classificarli è in base alla loro funzione nella registrazione

  • Schermo verde portatile: è pieghevole, facile da trasportare e viene spesso utilizzato per le registrazioni all’aperto. Pertanto, può essere utilizzato ovunque, il che è un vantaggio rispetto al precedente. Di solito sono poco costosi e danno prestazioni eccellenti.
  • Schermo verde da studio o schermo cinematografico: questo è progettato specificamente per le riprese. Di solito usano enormi teloni o vernice che coprono le pareti delle loro stanze, creando grandi trame cromatiche. Questo è fuori dalla portata di molte persone perché è troppo costoso.

filmando pelicua

Per le riprese di grandi scene dovresti usare un green screen o un chroma key da studio o una pellicola. (Fonte: Brands&People: NSaR9xmmBCs/unsplash)

Quali sono i migliori software o programmi di editing per il green screen?

Ci sono molti editor video per il green screen, quindi non è facile scegliere la migliore opzione. Per aiutarti, abbiamo selezionato alcuni dei più popolari, dividendoli in base alla piattaforma che supportano (Windows, Mac o entrambi) e se sono costosi da usare o meno.

Gratis A pagamento
Mac iMovie Final Cut Pro
Windows Windows Movie Maker, VSDC Free Video Editor e AVS Editor Video Sony Vegas Pro
Entrambe le piattaforme VirtualDub Wondershare Filmora 9, Adobe Premiere Pro e Camtasia Studio

Quali alternative ci sono allo schermo verde?

Non ci sono molte alternative allo schermo verde, ma eccone alcune che potrebbero interessarti. Queste alternative sono state sviluppate dall’azienda Adobe, che si distingue nel mondo del software per i suoi programmi di editing web, video e immagini digitali

  • Adobe Premiere: Questo è un programma di editing video, con il quale saremo in grado di filmare le nostre scene senza bisogno del chroma key. Tuttavia, avremo bisogno di un muro liscio e di materiali per l’illuminazione. Una volta registrato, monteremo il video in questo programma. Tuttavia, potrebbe non produrre i risultati attesi.
  • Roto Brush: Questa è una tecnica nel programma di editing Adobe After Effects, con la quale possiamo dare ai nostri video lo stesso effetto di uno schermo verde. Selezioniamo il contorno del soggetto o dell’oggetto che è stato registrato, isolandolo. In questo modo, tutto ciò che lo circonda scompare, mettendo al suo posto l’immagine di sfondo o il video di nostra scelta.

Criteri di acquisto

Una volta che hai visto i concetti di base, dovresti conoscere i criteri da prendere in considerazione quando acquisti il tuo schermo verde. Grazie a loro sarai in grado di scegliere il modello che meglio si adatta ai tuoi gusti e alle tue esigenze.

Colore

Scegliere il colore del tuo schermo chroma è uno degli aspetti più importanti. Il verde è il colore più comune e raccomandato. Anche se è possibile acquistare lo schermo in altri colori, i colori più popolari sulle diverse piattaforme di vendita sono blu, bianco e nero

  • Verde: Questo è il più usato perché semplifica tutto ciò che riguarda l’illuminazione. Questo perché ha bisogno di meno luce rispetto agli altri colori.
  • Blu: è usato frequentemente perché è complementare al tono della pelle delle persone. Inoltre, ci sono situazioni in cui non dovremmo usare lo schermo croma verde. Per esempio, in un esterno.
  • Bianco e/o nero: Questi sono usati meno frequentemente, anche se sono molto appropriati per quelle scene dove c’è un forte contenuto di toni verdi e blu.

filmando efectos especiales

Chroma key è uno degli strumenti di editing audiovisivo più popolari. (Fonte: Brands&People: FJDuN4eQEO8/unsplash)

Materiale

Scegliere il materiale giusto per il tuo green screen è cruciale perché determina se il tuo video sarà abbastanza nitido. I teloni sono la scelta più appropriata per il tuo schermo cromatico. E tra questi, la mussola è uno dei più importanti.

E potresti chiedere, cos’è la mussola? Questa espressione si riferisce ad un tessuto sottile e poco denso, originario dell’India, fatto di cotone, lana, seta o altro materiale tessile. Possiamo anche aggiungere che previene il surriscaldamento, il che è un bene per l’illuminazione.

Dimensione

Le dimensioni dello schermo verde saranno condizionate da due aspetti fondamentali

  1. Il tipo di progetto che intendi realizzare.
  2. Lo spazio che hai a disposizione. Ovviamente, questo è il fattore più importante da prendere in considerazione quando si sceglie uno schermo verde.

Ci sono numerose dimensioni di schermi chroma, anche se una delle più comuni è quella di 2 x 3 m, che è abbastanza larga per eseguire più azioni.

Trasporto

Dovresti tenere in considerazione questo criterio se il tuo scopo è quello di registrare in posti diversi frequentemente. Se è così, dovresti comprare lo schermo verde che è più leggero e più facile da distribuire.

Ma se altrimenti hai un posto di lavoro specifico dal quale non pensi di spostarti, non devi pensare a questa caratteristica come criterio principale.

filmando videos

Molti streamer oggi usano lo schermo verde per personalizzare i loro contenuti. (Fonte: lapandr: 92228599/ 123rf)

Add-ons

In questa sezione dovresti fermarti ad analizzare tutto ciò di cui hai bisogno per registrare i tuoi video. Puoi optare per un’opzione più semplice, acquistando solo il telone verde se hai già uno stand e altri accessori.

Ma se vuoi avere qualcosa di più professionale e allestire il tuo studio privato, dovresti optare per un’opzione più completa. Questa alternativa dovrebbe includere il kit più completo possibile: cavalletto, morsetti, faretti, diffusori, tele di vari colori, borsa per il trasporto, tra gli altri articoli.

Riassunto

Come hai visto, il mondo del chroma key è molto più complesso di quanto pensi. Gli incredibili effetti speciali di cui godono i film di oggi sono il risultato dello sviluppo di diverse illusioni ottiche che si sono evolute fin dalle prime creazioni cinematografiche.

Grazie a questo, al giorno d’oggi, il green screen è un oggetto accessibile a chiunque voglia acquistarlo. Quindi hai a portata di mano uno strumento che ti permetterà di creare tutto ciò che puoi immaginare, da luoghi fittizi ad azioni allucinanti. Naturalmente, devi tenere conto di tutto quello che ti abbiamo insegnato.

Se ti è piaciuto l’articolo, sentiti libero di lasciare un commento e condividerlo sulle tue reti.

(Fonte dell’immagine in evidenza: rasslava : 71306752/ 123rf)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni