Ultimo aggiornamento: 29/07/2021

Il nostro metodo

7Prodotti analizzati

21Ore di lavoro

6Fonti e riferimenti usati

30Commenti valutati

Una dieta sana dovrebbe basarsi sul consumo di frutta, verdura e, soprattutto, ortaggi. L’abbiamo sentito tutti, vero? Lo sappiamo fin troppo bene, eppure quanto è difficile da realizzare! Gli esperti raccomandano cinque porzioni di verdura al giorno. Cinque! La maggior parte di noi trova difficile raggiungere queste quantità giornaliere. Ma soprattutto, può essere terribilmente noioso.

Fortunatamente, una scorciatoia per raggiungere questo obiettivo è diventata popolare: lo spiralizzatore. È uno strumento per tagliare le verdure in modo rapido, semplice e molto innovativo. Sotto forma di lunghe spirali, con questi “spaghetti” di verdura, possiamo fare un sacco di ricette originali per mangiare più verdure e ridurre i noiosi purè e stufati.




La cosa più importante

  • Le spirali ci permettono di introdurre le verdure nella nostra dieta in un modo nuovo, delizioso e molto sano quasi senza rendercene conto. Adatto anche ai più riluttanti.
  • C’è uno spiralizzatore per tutti, a seconda di come intendi usarlo: elettrico, manuale, multifunzione, monofunzione, grande, piccolo.
  • Ti spieghiamo quali sono i criteri importanti per scegliere un buon spiralizzatore. Di quali materiali è fatto, le sue dimensioni, la facilità di pulizia, il numero di lame e la sicurezza d’uso.

Spiraliser: la nostra selezione

Guida all’acquisto: cosa devi sapere sullo spiralizzatore

Sia che tu abbia già sentito parlare di uno spiralizzatore o che tu abbia appena iniziato, i seguenti punti riassumono le domande più frequenti quando si considera l’uso di uno spiralizzatore. Non abbiamo dubbi che alla fine avrai una comprensione molto più chiara di cosa sia una spiralizzatrice e ti sarai innamorato un po’ di più di tutte le possibilità che ha da offrire.

Gli spiralizzatori ci permettono di introdurre le verdure nella nostra dieta in un modo nuovo, delizioso e molto sano quasi senza rendercene conto. Adatto anche ai più riluttanti. (Fonte: Serezniy: 116176164/ 123rf)

Cos’è uno spiralizzatore e quali sono i suoi vantaggi?

Lo spiralizer è un affettatore di verdure. Di origine giapponese, lo spiralizzatore ci permette di tagliare le verdure in modi molto diversi da quelli a cui siamo abituati. Di solito lungo e sottile, che ricorda gli spaghetti, ma può anche creare altre forme, come fette o spirali.

In questo modo, ci permette di introdurre le verdure o la frutta nella nostra dieta in modo più vario e originale. Puoi saltarlo e mangiarlo come se fosse un piatto di pasta, usarlo crudo nelle tue insalate, colazioni, zuppe e altro.

Come si usa uno spiralizzatore?

Dipende dal modello di spiralizzatore che scegli, ma comunque lo usi, è molto semplice e facile da usare. L’idea è quella di rendere la vita più facile e risparmiare tempo quando si tagliano le verdure, ed è esattamente quello che fa. Tuttavia, ti raccomandiamo di consultare le istruzioni dell’apparecchio che scegli, poiché possono variare da uno all’altro.

Per usarlo, basta seguire questi semplici passi:

  1. Scegli una verdura o un frutto solido (questo dettaglio è importante, spiegheremo le ragioni più avanti).
  2. Seleziona la lama più adatta al taglio che vuoi fare e posizionala attentamente nel tuo spiralizer.
  3. Aziona il dispositivo, sia manualmente girando il pezzo, con una manovella, un tappo a pressione o semplicemente premendo un pulsante.
  4. Buon divertimento!

Facile, vero?

C’è uno spiralizzatore per ogni persona a seconda dell’uso che intende farne: elettrico, manuale, multifunzione, a funzione singola, grande, piccolo. (Fonte: Izzotti : 125976857/ 123rf)

Quando comprare uno spiralizzatore?

La risposta breve è: quando vuoi! La risposta che probabilmente stai cercando è quando stai cercando un modo facile e divertente per aumentare la quantità di frutta e verdura nella tua dieta. Questo può essere per molte ragioni diverse:

  • Quando voglio mangiare meglio e prendermi cura della mia salute.
  • Quando il mio stile di vita richiede un alto consumo di verdure (vegano o vegetariano).
  • Quando ci sono bambini che sono riluttanti a mangiare le verdure nelle loro forme tradizionali.
  • Quando siamo un po’ riluttanti e vogliamo ingannare la nostra mente.
  • O semplicemente quando siamo annoiati delle tipiche verdure al vapore e dobbiamo scervellarci per capire come inserirle più spesso nei nostri pasti.

Quali tipi di spiralizzatori esistono?

Ci sono due tipi principali: spiralizzatori elettrici e spiralizzatori manuali. Ognuno ha i suoi vantaggi e svantaggi, a seconda dell’uso che ne vogliamo fare. Di seguito, parliamo di ognuno di questi tipi in modo che tu possa scegliere quello più adatto a te.

Lo spiralizzatore manuale

Di solito sono semplici e compatti, anche se ci sono anche spiralizzatori da tavolo. Il loro funzionamento richiede che siamo noi stessi a gestirli, ma questo non significa che siano complicati o che richiedano un grande sforzo. Al contrario, rendono la vita molto più facile quando si tratta di cucinare.

Le verdure vengono tagliate manualmente girando e premendo sulla lama. Puoi anche utilizzare un tappo a pressione o una manovella.

Vantaggi
  • Funzionamento molto semplice
  • Di solito più piccolo e leggero
  • Facile da riporre e trasportare
  • Prezzo inferiore
  • Più facile da pulire
Svantaggi
  • Richiede più sforzo da parte nostra
  • Il processo è più lento
  • Di solito hanno meno capacità di quelli elettrici

Lo spiralizzatore elettrico

Questi spiralizzatori sono di solito più grandi e più completi, con più opzioni di taglio. Operano autonomamente e sono più veloci. Tagliare grandi quantità di verdure in meno tempo per cucinare piatti deliziosi non è mai stato così facile.

Vantaggi
  • Sono senza sforzo
  • di solito hanno più capacità
  • sono più veloci
  • i loro materiali sono di migliore qualità
  • di solito hanno degli extra
  • durano di più
Svantaggi
  • Occupano più spazio
  • il loro prezzo è più alto
  • sono più pesanti e più difficili da trasportare

Uno spiralizzatore industriale e uno da cucina funzionano allo stesso modo?

Ovviamente no. Gli spiralizzatori industriali sono più simili a taglierine e sono progettati per l’uso in ristoranti o stabilimenti che hanno bisogno di tagliare diversi chili di verdure al giorno.

Nel caso degli spiralizzatori industriali, devi solo inserire il cibo in un’ampia apertura. Di solito una grande quantità di verdure, e poi la macchina le sminuzza, le taglia a dadini e le taglia nel senso della lunghezza, in fette più sottili o più spesse, in strisce alla julienne… Ovviamente sono molto più grandi e meno economici.

Con uno spiralizzatore introdurre le verdure nella nostra dieta è più facile che mai. (Fonte: Miltsova: 111742481/ 123rf)

Accessori: Sì o no?

Cosa ti aspetti dal tuo spiralizzatore? Se vuoi fare tagliatelle di verdure senza troppe complicazioni, per poche porzioni e hai uno spazio limitato, molto probabilmente avrai abbastanza di tutti gli accessori disponibili.

Tuttavia, se vuoi sfruttare la tua creatività in cucina, hai intenzione di preparare grandi quantità di verdure e hai molto spazio in casa. Allora uno o più tupperware e diverse lame, libri di ricette e utensili per la pulizia saranno certamente utili. Tuttavia, si aggiungono al prezzo dell’apparecchio.

Quali tipi di lame esistono e a cosa servono?

Ci sono tanti tipi di lame quanti sono i tagli. I migliori sono fatti di acciaio inossidabile e generalmente variano nella forma, rendendo le spirali più larghe e spesse. Alcuni hanno diversi “denti” e altri ricordano più una grattugia, con piccoli fori.

Quali sono le alternative allo spiralizzatore?

La verità è che non esiste un altro utensile da cucina come lo spiralizzatore. Ma se quello che vuoi è tagliare le verdure in modi più tradizionali, ci sono molte affettatrici e grattugie multifunzione sul mercato che, anche se non fanno spaghetti di zucchine, hanno molte altre funzionalità. Questi modelli hanno anche accessori come tupperware e diversi tipi di lame per tritare, sminuzzare, grattugiare o affettare il cibo.

Gli Zoodles sono una grande alternativa per far mangiare ai bambini le verdure senza drammi. (Fonte: Serezniy: 112188148/ 123rf)

Ricette con lo spiralizer: cuciniamo!

Tutto questo parlare di cibo ha stuzzicato il tuo appetito, ma non la tua immaginazione? Non preoccuparti! Ecco tre deliziose ricette che vanno oltre i tipici spaghetti di zucchine con diverse salse che puoi trovare in tutto il web:

  • Frittelle di carote e broccoli: con questa ricetta conquisterai il più grande amante delle verdure e il più piccolo della casa, così difficile da accontentare a volte.

Per prepararlo, spiralizza carote, cipolle, broccoli e mescola il tutto con una combinazione di farina e uova. Puoi friggerlo in una padella con olio o scaldarlo nel forno in piccole porzioni appiattite.

  • Zuppa tailandese con spaghetti di zucca: una ricetta originale, esotica e completamente vegetale.

Per prima cosa, come sempre, fai delle spirali con la zucca (puoi tagliarle se necessario). Poi cuocili in una padella e aggiungi il succo di lime. Nel frattempo, fai bollire il latte di cocco con brodo di pollo, zenzero, peperoncino, un pizzico di lime e coriandolo. Infine, fai saltare i noodles con il brodo e aggiungi un po’ di salsa di pesce.

  • Spirali di patate al forno: E finalmente una ricetta molto semplice, popolare e sana!

Per prepararlo, tutto quello che devi fare è preparare delle spirali di patate. Poi condiscili con olio, paprika, pepe, aglio in polvere e sale. Infine, cuocili in forno per 10 minuti per lato.

Criteri di acquisto

Ora che stai pensando di comprare uno spiralizzatore e dare una svolta ai tuoi piatti, ecco alcune delle caratteristiche che dovresti considerare quando ne compri uno. Ce ne sono molti sul mercato, ma la scelta dipende dalle tue preferenze e da ciò che vuoi usare. Questo non vuol dire che uno non sia importante – dopo tutto, è quello che userai per preparare il cibo che mangi!

Materiale

Questo criterio ha a che fare con la durata e, ammettiamolo, con il prezzo. Ecco i materiali più comuni e le loro differenze.

  • Acciaio inossidabile: Questo è un componente molto comune utilizzato nelle lame. Naturalmente, ci sono anche spiralizzatori fatti di questo materiale. Sono robusti, durano di più e spesso possono essere messi in lavastoviglie. Tuttavia, tutti questi vantaggi si riflettono nel prezzo.
  • Plastica: Il materiale più comune, più economico e più facile da pulire, anche se la qualità e la durata dipendono molto dal produttore. In questo caso, l’opinione di altri utenti sarà il tuo migliore alleato per decidere. È anche consigliabile prestare attenzione al tipo di plastica di cui sono fatti. La maggior parte sono fatti di plastica ABS adatta al cibo, ma ce ne sono altri che non sono ottimali per il consumo di cibo.
  • Alluminio: L’alluminio è un altro materiale leggero ed economico, ma incline alla ruggine. Se opti per uno spiralizzatore in alluminio, dovrai fare particolare attenzione a pulirlo e asciugarlo bene, così come quando lo usi con cibi acidi.

Le ricette più varie e originali sono possibili grazie all’uso dello spiralizzatore. (Fonte: Miltsova: 84071635/ 123rf)

Dimensione

La dimensione è un fattore da prendere in considerazione quando si sceglie il nostro spiralizzatore, al quale hai già pensato: con quali verdure vuoi usarlo, hai spazio nella tua cucina, lo terresti su un tavolo o su un’altra superficie, o è strettamente necessario che stia in un cassetto?

Se hai una risposta chiara a queste domande, la buona notizia è che c’è uno spiralizzatore per ogni occasione e circostanza.

  • Sono piccoli e semplici, circa la dimensione di una mano. Vanno bene ovunque e puoi anche portarli in viaggio e spiralizzare una carota fresca sulla tua insalata. Alcuni hanno il design di un semplice temperamatite e sono altrettanto facili da usare.
  • Altri sono più completi, con una tazza per raccogliere le verdure che tagli. La tazza determina la dimensione dell’apparecchio e, a seconda delle tue preferenze, ci sono quelli monodose e quelli per conservare la zucca per l’inverno.
  • Infine, ci sono gli spiralizzatori da tavolo, per i quali dovrai riservare un posto speciale nella tua cucina. D’altra parte, sono quelli che ti permettono di tagliare la maggior parte dei tipi di verdure. Ci sono spiralizzatori molto semplici e industriali, per sfamare molte persone o risparmiare tempo prezioso nella preparazione dei piatti.

Pulizia

Sì, questo criterio sarà un mal di testa per molti di voi. Posso mettere il mio spiralizzatore nella lavastoviglie? È smontabile? Facile da smontare? Facile da pulire? Facile da asciugare? Resistente al calore?

La risposta a tutte queste domande è sì, dipende dal modello. Molti possono essere messi in lavastoviglie, o almeno smontati e mettere alcune parti dentro. La maggior parte delle parti possono essere rimosse e alcune non hanno nemmeno bisogno di essere rimosse del tutto – alcune hanno anche i loro utensili per la pulizia! La cosa importante quando si parla di pulizia è la semplicità e la velocità con cui può essere effettuata e, fortunatamente, questo è qualcosa a cui i produttori hanno pensato.

Numero di lame

Quando ci riferiamo al numero di lame, parliamo piuttosto di tipi di lame. In altre parole, quanti tipi di taglio offre ogni modello. Gli spiralizzatori più semplici hanno solo una lama, ma il numero può variare fino a 6 tipi di taglio. Vuoi fare spaghetti, fettucini, papardelle, fette, cubetti o spirali? C’è una lama per ogni uso e per ogni piatto che hai in mente.

Con uno spiralizzatore portatile, possiamo fare spaghetti di verdure ovunque andiamo. (Fonte: Miltsova: 142044961/ 123rf)

A quali verdure servono?

La maggior parte è progettata per le verdure di forma allungata, come le zucchine o le carote. Ma altri sono più versatili e il limite delle verdure spiralizzabili è nella tua immaginazione. Patate, zucca, cavolo rosso, barbabietola, rapa, cetriolo e molti altri frutti e verdure. Ma devono essere tutti solidi. Se sono troppo bagnati o troppo morbidi, il risultato non sarà una spirale ferma e la pulizia può essere difficile.

La scelta tra un modello o l’altro in questo senso dipende da ciò che vogliamo ottenere con la nostra spiralizzatrice.

Sicurezza

Quando si parla di un dispositivo con così tante lame, è normale che ci si interroghi sulla sicurezza del suo utilizzo.

Quando si sceglie uno spiralizzatore, dobbiamo considerare che le lame, anche se affilate, non siano troppo accessibili dall’esterno e durante l’uso, che le verdure siano ben fissate e che non ci sia pericolo di scivolare e che durante la pulizia l’accesso alle lame sia facile e sicuro. Dovremmo anche evitare materiali e plastiche che sono dannosi per la salute.

Spiralizzatore manuale Spiralizzatore elettrico
Materiale Plastica ABS, acciaio inossidabile e alluminio Plastica e acciaio inossidabile.
Dimensioni Più piccolo, ma ci sono quelli con maggiore capacità Più grande e più pesante.
Pulizia Semplice e lavabile in lavastoviglie Semplice e lavabile in lavastoviglie.
Numero di lame Da 1 a 6 Da 3 a 4.
Verdure indicate Verdure solide Verdure solide.

Riassunto

Gli spaghetti vegetali sono un sostituto della pasta tradizionale che ci permette di mangiare una dieta più sana, più varia e a basso contenuto di carboidrati. Si adattano a quasi tutti i piatti e, se siamo abbastanza fantasiosi e abili, possiamo scoprire che preferiamo le versioni vegetali delle nostre ricette a quelle originali. Sono anche perfetti per far innamorare i bambini e gli adulti riluttanti delle verdure.

Lo spiralizzatore sta gradualmente diventando un utensile indispensabile nelle nostre cucine che ci aiuta a raggiungere questo obiettivo più rapidamente e facilmente. Incoraggiamo sia i novizi che i ripetitori a scoprire tutte le sue possibilità e a raccontarcele in un commento.

(Fonte dell’immagine: Miltsova: 84071726/ 123rf)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni