Un cavo HDMI
Ultimo aggiornamento: 13/08/2020

Il nostro metodo

13Prodotti analizzati

21Ore di lavoro

8Fonti e riferimenti usati

74Commenti valutati

Benvenuti sul nostro articolo dedicato allo splitter HDMI. I cavi HDMI (High Definition Multimedia Interface) sono attualmente il modo più comune per trasmettere audio e video digitali tra i diversi dispositivi. Attraverso di essi è possibile collegare, tra gli altri, un lettore Blu-Ray a una Smart TV, una console a un proiettore o un personal computer a un monitor.

L’uso dell’interfaccia HDMI è così comune che a volte esauriamo le porte HDMI per collegare le nostre apparecchiature. Quando ciò accade, ci sono due soluzioni. Il primo è installare uno splitter HDMI se dobbiamo collegare più monitor o televisori allo stesso computer. Il secondo è ricorrere a uno switch HDMI se abbiamo bisogno esattamente dell’opposto.




Le cose più importanti in breve

  • Gli splitter HDMI consentono di dividere un segnale in ingresso in più uscite in modo che possa essere riprodotto contemporaneamente su più schermi.
  • La differenza tra uno splitter HDMI e uno switch HDMI è che il primo divide un ingresso in più uscite e il secondo consente di collegare più ingressi a un unico schermo.
  • Al momento di acquistare uno splitter HDMI, può aiutarti tenere conto di criteri di acquisto come il numero di uscite, le risoluzioni che supporta e la sua compatibilità con le diverse versioni HDMI.

I migliori splitter HDMI sul mercato: la nostra selezione

Ecco una selezione completa di splitter HDMI. L’abbiamo preparata per facilitare il tuo processo di scelta del tuo sdoppiatore. Tutti gli articoli che abbiamo inserito offrono un ottimo rapporto qualità prezzo. Per fare ciò, abbiamo condotto un’analisi approfondita dei migliori splitter HDMI attualmente sul mercato.

Lo splitter HDMI più venduto

Uno splitter con due uscite che supporta risoluzioni 4K ed è compatibile con una moltitudine di dispositivi. Può essere utilizzato con console, lettori DVD e Blu-Ray, computer e Apple TV, tra gli altri. Supporta diversi formati audio.

È molto facile da installare in quanto è plug and play. Supporta HDCP (High-Bandwidth Digital Content Protection) 1.4. Può funzionare senza alimentazione, anche se è meglio collegarlo a una porta USB.

Il miglior splitter HDMI bidirezionale

Uno sdoppiatore bidirezionale che può fungere da splitter e switch. In questo modo, hai un connettore che ti permette di collegare due ingressi a un’uscita o due uscite a un singolo ingresso. Supporta risoluzioni 4K a 30 Hz (hertz) e 1080p a 60 Hz.

È compatibile con la versione HDMI 1.4 e con una moltitudine di tipi di apparecchiature come console, lettori DVD, proiettori e così via per completare un lungo elenco. Inoltre, è plug and play.

Lo splitter HDMI a quattro uscite più venduto

Uno splitter a quattro uscite con un ottimo rapporto qualità-prezzo e con supporto per risoluzioni 4K a 30 Hz. Inoltre, supporta i contenuti 3D. Con esso, puoi goderti il ​​contenuto trasmesso dallo stesso segnale su quattro schermi contemporaneamente.

È compatibile con la versione HDMI 1.4 e, naturalmente, con una moltitudine di apparecchiature, come console, tablet e computer, tra gli altri. Inoltre, supporta un gran numero di formati audio.

Il miglior splitter HDMI per risoluzioni 4K a 60 Hz

Splitter HDMI di alta qualità con cui è possibile riprodurre contenuti in 4K a 60 Hz su quattro schermi contemporaneamente. Supporta HDR 10, Dolby Vision e una moltitudine di formati audio digitali. È compatibile con lo standard HDMI 2.0.

Ti consente di riprodurre contenuti con risoluzioni diverse contemporaneamente su dispositivi diversi. È molto facile da configurare e utilizzare. È compatibile con computer, console e lettori DVD, tra gli altri.

Il miglior splitter HDMI 1.4 con otto uscite

Uno sdoppiatore HDMI ad un ingresso e otto uscite con supporto per risoluzioni 4K a 30 Hz. È compatibile con le versioni HDMI 1.4 e inferiori. Ovviamente richiede alimentazione esterna. Supporta i formati audio digitali più diffusi.

Si installa molto facilmente e non richiede alcun tipo di configurazione. Inoltre, con il cavo HDMI AWG26 standard, la distanza di trasmissione può arrivare fino a 30 metri.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sullo splitter HDMI

Sebbene non siano molto conosciuti dalla maggioranza degli utenti, gli splitter HDMI sono sempre più necessari. In effetti, potresti persino usarne già uno senza nemmeno saperlo. Pertanto, non sorprende che tu possa avere alcuni dubbi sul suo funzionamento. Affinché tu possa risolverli, abbiamo preparato questa sezione per te.

Persona che collega il televisore

Gli splitter HDMI consentono di dividere un segnale in ingresso in più uscite in modo che possa essere riprodotto contemporaneamente su più schermi. (Fonte: Amikishiyev: 102839725/ 123rf.com)

Cosa sono esattamente gli splitter HDMI?

In inglese, split significa divisione, quindi uno splitter HDMI viene utilizzato per dividere un segnale audio e video da una singola sorgente in più uscite. Gli splitter HDMI non modificano né alterano il segnale, quindi tutti gli schermi ad esso collegati mostreranno esattamente lo stesso.
Di solito viene fatta una distinzione tra passivi e attivi.

I primi non richiedono energia elettrica e sono molto meno comuni. Gli ultimi, invece, devono essere collegati a una presa di corrente e sono i più comuni. Come è logico, tendono a offrire risultati molto migliori di quelli passivi. In generale, sono normalmente attivi tutti quelli con più di due uscite.

Qual è la differenza tra uno splitter HDMI e uno switch HDMI?

Gli splitter HDMI consentono di dividere o duplicare un segnale da una singola sorgente in modo che possa essere riprodotto su più schermi. Pertanto, hanno un singolo ingresso e più uscite. Gli switch HDMI fanno esattamente l’opposto, consentendo di collegare più dispositivi a un singolo monitor, televisore, proiettore o dispositivo di output.

Sapevi che gli splitter HDMI sono sempre più necessari, poiché c’è sempre più bisogno di collegare più schermi alle apparecchiature?

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi degli splitter HDMI?

Gli splitter HDMI sono indispensabili se si desidera dividere un segnale e riprodurlo su più uscite. E, come puoi vedere nella tabella seguente, i vantaggi che offrono superano chiaramente i loro svantaggi.

Vantaggi
  • Consentono di collegare più schermi contemporaneamente.
  • Non causano la perdita della qualità del segnale.
  • Il loro prezzo è davvero economico.
  • Sono molto facili da usare e da installare.
  • Non c”è perdita di qualità dell”immagine.
  • Le loro dimensioni sono molto ridotte, quindi non occupano molto spazio.
Svantaggi
  • Ad eccezione di alcuni modelli con due uscite, richiedono alimentazione esterna.

Per chi è conveniente acquistare uno splitter HDMI?

Puoi aver bisogno di uno splitter HDMI se devi collegare più schermi allo stesso computer, console di gioco, lettore Blu-Ray o qualsiasi altro dispositivo simile. Pertanto, sono essenziali sia per la casa che per applicazioni professionali o commerciali e anche per gli organizzatori di eventi, come competizioni sportive o di videogiochi.

Con loro, più schermi possono essere collegati alla stessa console per i videogiochi, facilitando la possibilità per due giocatori di giocare contemporaneamente su schermi diversi. Sono ideali anche per le attività ricettive che desiderano collegare più schermi allo stesso decoder digitale per guardare il calcio o qualsiasi altro evento su più di uno schermo.

Uno splitter HDMI

La differenza tra uno splitter HDMI e uno switch HDMI è che il primo divide un ingresso in più uscite e il secondo consente di collegare più ingressi a un unico schermo. (Fonte: Shinji: 4656224578/ Flickr.com)

Quali connettori HDMI puoi trovare sui diversi dispositivi che puoi collegare a uno splitter HDMI?

Attualmente, ci sono tre tipi di connettori HDMI: standard, mini e micro. Successivamente, ti spieghiamo su quali tipi di dispositivi puoi trovarli.

Standard o tipo A: è il più comune e quello utilizzato da console per videogiochi, televisori e praticamente da tutti i dispositivi di grandi o medie dimensioni.

Mini o tipo C: le sue dimensioni sono più compatte e sebbene sia simile al tipo A, la verità è che è molto più piatto. È quello utilizzato dalle videocamere.

Micro o tipo D: è ancora più piccolo, e il suo aspetto lo rende simile a quello di un connettore microUSB. Viene spesso utilizzato nelle fotocamere.

Criteri di acquisto

Quando scegli uno splitter HDMI, è necessario tenere conto di alcuni criteri di acquisto. Da REVIEWBOX.it, vogliamo proporti quelli che a nostro avviso riteniamo i più importanti. Li presentiamo di seguito. Puoi usarli come guida per fare un acquisto ottimale e trovare così il miglior rapporto qualità-prezzo dello splitter che acquisterai.

Numero di uscite

Come è logico, la prima cosa da tenere in considerazione è il numero di uscite necessarie. Gli sdoppiatori HDMI più comuni hanno una entrata e due uscite. In tal caso, puoi scegliere tra uno splitter HDMI passivo o uno attivo. Anche così, la verità è che uno attivo offrirà sempre vantaggi migliori.

Dopo quelli con due uscite, i più comuni sono quelle con quattro uscite. Anche gli sdoppiatori HDMI a otto uscite sono abbastanza richiesti. Meno comuni sono gli splitter con più di una entrata. Tuttavia, alcuni dispositivi possono essere bidirezionali e fungere da splitter e switcher, trasformando gli ingressi in uscite e viceversa.

Primo piano su HDMI

Gli splitter HDMI consentono di dividere o duplicare un segnale da una singola sorgente in modo che possa essere riprodotto su più schermi. (Fonte: Wavemovies: 93719295/ 123rf.com)

Risoluzione supportata

Oltre a considerare la risoluzione che supporta, è importante controllare anche la frequenza con cui lo fa. Pertanto, in caso di risoluzioni 4K, considera che in molti splitter è comune che la frequenza di aggiornamento massima accettata sia di 30 HZ. Quindi, se vuoi riprodurre contenuti in 4K a 60 HZ, non ti sarà sufficiente un modello basico.

D’altra parte, devi anche tenere presente che anche la lunghezza del cavo HDMI che collegherai avrà una notevole influenza su questo aspetto. Potresti così ritrovarti con lo splitter compatibile con le risoluzioni 4K, ma non in grado di trasmettere il segnale al meglio se non tramite cavi di lunghezza inferiore rispetto a quella prevista.

Compatibilità audio

Dato che trasmetterai sia il video digitale che l’audio attraverso lo splitter, devi controllare quali formati audio supporta. Ecco un elenco di alcuni dei più popolari.

  • LPCM
  • Dolby-AC3
  • DTS 7.1
  • DSD
  • Dolby TrueHD
  • DTS-HD master audio
Sapevi che la versione HDMI 2.1 ti permette di trasmettere risoluzioni 8K a 60 Hz?

Compatibilità con le differenti versioni HDMI

Attualmente esistono diverse versioni dello standard HDMI. Logicamente, ogni nuovo aggiornamento è un miglioramento in termini di prestazioni rispetto ai precedenti. Ad oggi, non è consigliabile acquistare uno splitter che non sia, almeno, compatibile con 1.4. Successivamente, puoi controllare le caratteristiche di ciascuno, in modo da poter decidere quale ti si addice di più.

  • HDMI 1.0: ovviamente è stata la prima versione ad apparire. Permette di trasmettere contenuti in risoluzione Full HD a 60 Hz.
  • HDMI 1.1: simile alla precedente, sebbene abbia aggiunto il supporto per DVD Audio.
  • HDMI 1.2: aggiunge la possibilità di usufruire di risoluzioni e impostazioni personalizzate.
  • HDMI 1.3: supporta risoluzioni 2560 × 1440 a 60 Hz e supporto per audio Dolby TrueHD e DTS-HD Master Audio.
  • HDMI 1.4: supporta risoluzioni 4K fino a 24 Hz. È anche compatibile con contenuti 3D.
  • HDMI 2.0: con questa puoi riprodurre in streaming contenuti 4K a 60 Hz.
  • HDMI 2.1: supporta risoluzioni a 8K a 60 Hz e 4K a 120 Hz e include il supporto HDR dinamico. In ogni caso, per ottenere il massimo da questa versione, sono necessari cavi di tipo 48G.

Installazione

In generale, gli splitter HDMI più basilari sono plug and play o sono molto facili da installare. Sono pochi i modelli non professionali il cui processo di installazione implica la configurazione del dispositivo. Ad ogni modo, se le tue competenze informatiche sono molto basilari, è meglio scommettere su uno sdoppiatore HDMI che si connetta e sia pronto all’uso.

Conclusioni

Negli ultimi anni, lo standard HDMI è diventato il più utilizzato per la trasmissione di audio e video digitali. Il suo utilizzo è cresciuto a tal punto che spesso è necessario ricorrere a uno splitter o switch HDMI. Tanto per dividere un segnale di ingresso o assegnare più ingressi alla stesso schermo.

Fortunatamente, gli splitter HDMI sono dispositivi molto economici, molto facili da usare e configurare. Tuttavia, nonostante il loro utilizzo diventi sempre più necessario, sono ancora abbastanza sconosciuti a molti utenti. Per scegliere quello giusto, è importante tenere conto del numero di uscite di cui hai bisogno e della massima risoluzione d’immagine che supporta.

Infine, se ritieni che questa guida all’acquisto sullo splitter HDMI sia stata utile nel tuo processo di scelta, puoi scriverci un commento o condividerlo attraverso i diversi social network.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Gudella: 111494963/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di noi?

Recensioni