Ultimo aggiornamento: 20/10/2020

Il nostro metodo

8Prodotti analizzati

23Ore di lavoro

5Fonti e riferimenti usati

48Commenti valutati

Se cerchi una stampante ad aghi, probabilmente sai che, nonostante sia un modello un po’ datato, ha ancora determinati vantaggi in alcuni ambienti lavorativi. Il motivo principale per cui è ancora utilizzata è perché il lavoro che svolge e il risparmio che ti fa ottenere sui materiali di consumo, è imbattibile.

Esistono modelli multifunzione che sembrano togliere valore a questo tipo di stampanti (ormai con qualche anno addosso), che invece sono ancora molto richieste. Risultano pratiche ed economiche. Quindi, se anche tu sei interessato all’acquisto di questo articolo, ti conviene conoscere le caratteristiche essenziali e altri dettagli di questo tipo di stampante. In questo articolo, ci occuperemo proprio di questo.




Le cose più importanti in breve

  • Questo tipo di stampanti è destinato quasi esclusivamente alla stampa di moduli, fatture e altri documenti che non necessitano di grande risoluzione o di colore.
  • Il loro funzionamento si basa sull’impatto diretto di una matrice di aghi sulla carta: una matrice di punti, cioè, batte contro un nastro inchiostrato e, attraverso questi colpi, forma i caratteri.
  • Una delle caratteristiche più interessanti di questo tipo di stampante è il fatto che il suo utilizzo riduce i costi di stampa per pagina e, inoltre, offre prestazioni eccellenti nella gestione della carta. Il budget sarà decisamente inferiore rispetto a quello delle stampanti che funzionano con toner o laser. Sono comunque importanti anche la connettività, la velocità di stampa e la quantità di caratteri.

Le migliori stampanti ad aghi sul mercato: la nostra selezione

Nelle righe seguenti potrai trovare una lista da noi preparata con le migliori stampanti ad aghi sul mercato, incentrata sulle loro caratteristiche. Ottieni maggiori informazioni sulle prestazioni e funzioni che questi dispositivi possono offrire e avrai così certezza di un acquisto efficiente: evita quindi di prendere una decisione affrettata.

Epson LX-350

Il primo prodotto è del celebre e affidabile marchio Epson: si tratta di una stampante economica a 9 aghi e 80 colonne che garantisce 10.000 ore di funzionamento e durata del nastro pari a 4 milioni di caratteri. Ideale per applicazione di front e back office che richiedono la stampa di numerosi moduli e multi-copie.

Per gli acquirenti, è un prodotto consigliatissimo. È facile da installare, intuitiva nell’uso e silenziosa. La connessione via USB è ottima, stampa senza sbavature e il caricamento della carta non presenta problemi nemmeno in caso di angoli piegati o altri simili difetti.

OKI Microline 3321

Anche questa stampante è dotata di 9 aghi, ma con formato a 136 colonne. La velocità di stampa è pari a 435 caratteri al secondo e la cartuccia nastro in dotazione garantisce fino a 3 milioni di caratteri. La tecnologia di gestione energetica riduce il consumo, diminuendo così i costi di gestione.

Chi ha acquistato questa stampante la ritiene perfetta, in particolare, per gli uffici contabili che hanno necessità di stampare numerosi moduli ed elenchi di dati. Il dispositivo, tra l’altro, permette la stampa di codici a barre. Molto comoda anche la possibilità di stampare in multicopia (fino a 5 copie).

Lexmark Forms 2591

Al terzo posto troviamo invece una stampante a 24 aghi, dotata di connessione USB e di un nastro che garantisce fino a 4 milioni di caratteri. Offre una risoluzione di 360×360 dpi e una velocità di stampa fino a 465 caratteri al secondo. Versatile, permette caricare i fogli in maniera automatica e anche due moduli continui contemporaneamente.

Le recensioni relative a questa stampante sottolineano l’ottimo rapporto qualità/prezzo e la sua compatibilità con i sistemi operativi più recenti. L’installazione è semplice, così come il funzionamento, perfetto ed intuitivo.

OKI ML5521ECO

Un’altra stampante del marchio OKI, anche questa a 9 aghi e formato 136 colonne. Ecocompatibile (certificata Energy Star), offre una velocità di stampa pari a 570 caratteri al secondo e stampa multicopia fino a 6 copie. Il nastro in dotazione garantisce 4 milioni di caratteri. Ideale per la stampa veloce di dati e testo.

Secondo le opinioni, il prodotto è fedele a quanto dichiarato dal produttore. Stampa in maniera precisa e rapida e i costi di gestione sono ridotti al minimo, grazie alla tecnologia SoC (System on Chip) per il risparmio energetico.

Epson Lq-350

All’ultimo posto presentiamo un’altra stampante Epson, a 24 aghi e 80 colonne. Dal design compatto (dimensioni 45x35x52 cm, perfetta per essere collocata su una scrivania), stampa fino a 300 caratteri al secondo ed è dotata di interfaccia parallela, seriale e USB standard. Il nastro assicura 2,5 milioni di caratteri.

Come sempre, Epson è garanzia di qualità: gli acquirenti si dichiarano infatti soddisfatti anche di questa stampante, veloce, robusta, ideale soprattutto per front e back office che necessitano di stampare multi-copie e moduli continui. Perfetta anche per la stampa di documenti di trasporto in alta qualità.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sulle stampanti ad aghi

Se vuoi scegliere nel modo giusto e trovare la stampante ad aghi più adatta a te, è utile conoscere i dettagli da tenere in considerazione prima di acquistarne una per il tuo luogo di lavoro. Nelle righe seguenti troverai tutte le informazioni per chiarire eventuali dubbi che dovessero sorgere al momento dell’acquisto.

Le stampanti ad aghi servono per mantenere l’ordine nei registri aziendali. (Fonte: Antonio Guillem: 105067779/ 123rf.com)

Che cos’è esattamente una stampante ad aghi?

Chi ha una certa esperienza in fatto di stampanti è solitamente legato a professioni che utilizzano molte carte, come ad esempio l’avvocatura. Si tratta di professioni in cui quotidianamente si possono verificare errori ed è qui che entra in gioco l’importanza di dotarsi di una buona stampante per poter svolgere un lavoro efficace. Ovviamente è necessario conoscere tutti i dettagli, ma niente è più utile della pratica.

Per definizione, una stampante ad aghi è una periferica del computer che ha la funzione di trascrivere o trasferire un documento dal computer alla carta. Per farlo, la testina di stampa si sposta da un lato all’altro utilizzando aghi che tingono la carta di inchiostro per formare le parole e la grafica che vengono stampati.

Quali tipi di stampanti ad aghi esistono?

In generale, le stampanti ad aghi tenderanno a concentrarsi sulla durabilità. Nonostante il fatto che, con il tempo, la loro popolarità sia diminuita, ancora oggi vengono fabbricati diversi modelli di questi dispositivi. Prima di tutto, le stampanti ad aghi si classificano in base al numero di aghi di cui dispongono.

  • Stampanti a un (1) ago: Spesso si tratta di calcolatori o stampanti più piccole; il loro utilizzo è comune nei dispositivi più semplici con processori non superiori agli 8 bit.
  • Stampanti a nove (9) aghi: Sono le più comuni, sul mercato ne esistono molti modelli, si contraddistinguono per i formati larghi o stretti e vengono solitamente usate per la stampa di moduli.
  • Stampanti a ventiquattro (24) aghi: Sono stampanti di alta gamma, offrono una maggiore qualità di stampa e sono ideali per grandi negozi o studi medici. Anche le marche più note producono questo tipo di stampanti.
  • Esistono anche stampanti a 18 e 27 aghi: Le prime sono utilizzate molto raramente e sono pochi i produttori che le realizzano, mentre le seconde sono un modello del gigante tecnologico Apple, chiamato ImageWriter, che finora è quello che offre maggiore risoluzione sul mercato.

Quali sono le caratteristiche di una stampante ad aghi?

Se stai pensando di acquistare una stampante ad aghi per il tuo negozio o ufficio, c’è una serie di caratteristiche da tenere in considerazione. Abbiamo raccolto in un elenco puntato le principali, che definiscono e differenziano questo tipo di stampanti. È fondamentale analizzarle una per una, prima di procedere all’acquisto della tua stampante ad aghi.

  • Velocità di stampa: Questo aspetto è essenziale, in questo tipo di stampanti, poiché la velocità può variare molto da modello a modello. Generalmente, tale velocità viene misurata in CPS (caratteri per secondo) ed è un aspetto importante a seconda del carico di lavoro o di quelle che sono le tue esigenze.
  • Qualità di stampa: Altrettanto importante, questo fattore dipenderà dalla quantità di aghi di cui la stampante dispone. Più aghi include la testina di stampa, maggiore sarà la qualità della stampa stessa.
  • Durabilità: Una delle caratteristiche più interessanti delle stampanti ad aghi è la loro vita utile. Generalmente, negli ambienti di lavoro ci si aspetta che i dispositivi mantengano la produttività e si adattino a diverse esigenze. Sotto questo aspetto, le stampanti ad aghi sono affidabili, veloci, con una buona gestione della carta e di semplice utilizzo.
  • Stampa multistrato: Un altro grande vantaggio è che questo tipo di stampanti sono in grado di stampare su carta multistrato: permettono cioè l’uso di carta carbone per moltiplicare le copie, così da ridurre i costi.

Come installare correttamente una stampante ad aghi?

Per mantenere l’ordine nei registri dell’azienda e regolare il sistema amministrativo, ti risulterà molto utile una stampante ad aghi. Queste stampanti sono essenziali per fatturare i servizi o i prodotti che offri. È importante conoscere gli elementi che le caratterizzano, così da poterle utilizzare in maniera adeguata.

Verifica il contenuto della confezione

Accertati che gli accessori della stampante siano completi. Oltre al dispositivo di stampa, devono essere presenti il nastro, la guida per la carta, un cavo di alimentazione, anche un CD con il software di installazione e i documenti di garanzia del produttore.

Il luogo perfetto dove collocare la tua stampante è una superficie piana con una presa vicina. (Fonte: Andriy Popov: 35462410/ 123rf.com)

Scegli un luogo adeguato dove collocarla

Altrettanto importante è trovare un luogo adeguato per collocare la stampante ad aghi. L’ideale è una superficie piana situata vicino ad una presa di corrente. Tieni in considerazione che è necessario collocare il dispositivo lontano da altri di tipo wireless con cui potrebbe interferire.

  • Installa il nastro di stampa: Prima di tutto, verifica che la stampante sia spenta. Dovrai rimuovere completamente il coperchio, così che non ostruisca il processo di installazione. Ruota la linguetta laterale per tendere il nastro ed evitare che si inceppi nelle testine. Tieni in mano la cartuccia e regola il nastro nell’area di montaggio, dove si trovano i due ganci laterali.
  • Poi, colloca il nastro sotto la guida della carta: Per farlo, puoi aiutarti con una matita, poi verifica che l’installazione sia riuscita con successo, azionando lo spostamento per fare una prova. Poi, riposiziona il coperchio ed è fatta.
  • Inserisci la guida per la carta: Controllando la struttura della stampante ad aghi, sicuramente troverai un paio di fessure che servono per sostenere e guidare la carta. Si tratta soltanto di recuperare tale guida e montarla in posizione verticale per regolare accuratamente le piccole lamelle, esercitando delicatamente pressione con le mani.
  • Installazione del software: Una volta collegata la stampante ad una presa elettrica e al computer, dovrai installare il software così da accedere alle varie funzioni. Per farlo, inserisci il CD incluso nella confezione e attendi che si apra una nuova finestra di dialogo. Cliccaci, segui i passaggi ed è fatta. Potrebbe anche essere necessario visitare il sito del produttore.

Come effettuare la manutenzione di una stampante ad aghi?

Come ormai sai, le stampanti ad aghi utilizzano un nastro che riceve l’inchiostro e colpisce la carta con gli aghi. Questo nastro è un elemento della stampante che di tanto in tanto va sostituito. Il mantenimento di questi dispositivi è leggermente più complesso di quello di altre stampanti.

Mantenerli puliti e in un luogo fresco non è sufficiente. Conviene anche effettuare una manutenzione periodica del rullo, il pezzo che muove gli aghi, su cui si accumulano residui di inchiostro e polvere. È necessario pulirlo con un panno intriso di alcool, applicando una leggera forza, e poi lasciarlo asciugare perfettamente all’aria.

Il carrello va pulito con aria compressa, poiché accumula residui dovuti al passaggio continuo della carta attraverso il vassoio. La guida metallica dove scorre la testina di stampa deve essere idratata, per evitare che, seccandosi, rilasci grasso a base di grafite. Ti presentiamo ora una tabella con i pro e i contro di questi dispositivi.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi delle stampanti ad aghi?

Prima di fare l’acquisto, soffermati un attimo su quali siano i vantaggi e gli svantaggi delle stampanti ad aghi. Abbiamo fatto un breve riepilogo nella tabella qui sotto:

Vantaggi
  • Stampano su carta multistrato, così da ottenere un maggior numero di copie
  • Il costo di stampa per pagina è ridotto
  • A mano a mano che si consuma inchiostro, la sua intensità diminuisce
  • Lavorano con carta ad alimentazione continua
  • Progettate per essere durevoli e resistenti
Svantaggi
  • Queste stampanti sono solitamente rumorose
  • La risoluzione di colore è limitata e di bassa qualità
  • A volte, qualche ago della testina non funziona

Criteri di acquisto

Le stampanti ad aghi sono dispositivi molto utili, oltre che pratici ed economici. Tuttavia, esistono diverse caratteristiche da tenere in considerazione, prima di sceglierne una. Per questo motivo, abbiamo preparato una piccola guida per effettuare un ottimo acquisto e conseguire gli obiettivi aziendali risparmiando tempo. Ecco qui i fattori importanti:

  • Aghi
  • Velocità di stampa
  • Caratteri
  • Connessione
  • Carta

Aghi

Quando si tratta di confrontare diversi modelli di stampanti ad aghi, l’ideale è verificare il numero di aghi di cui il dispositivo dispone, dato che da questo fattore dipenderà la risoluzione che la stampante imprimerà sulla carta. Se non necessiti di una lettura molto dettagliata e ciò che cerchi è essenzialità, allora andrà benissimo una stampante a nove aghi.

Questa scelta, però, dipenderà dal modo in cui conti di usare la stampante. Se preferisci un elevato livello di dettagli o hai bisogno di un maggior numero di caratteri, allora ti conviene scegliere una stampante con più aghi. Questo aspetto è importante, perché influisce direttamente sul costo del dispositivo.

Velocità di stampa

A seconda delle tue esigenze, dovrai scegliere una stampante adatta. In questi dispositivi, la velocità viene misurata in CPS, cioè in numero di caratteri elaborati al secondo (un numero maggiore corrisponde a maggiore velocità). Questo aspetto è importante, regola la capacità del dispositivo e ne definisce il ritmo. Anche se, generalmente, le stampanti ad aghi sono molto veloci.

Valeria RaffaelliTraduttrice

“Per definizione, una stampante ad aghi è una periferica del computer che ha la funzione di trascrivere o trasferire un documento dal computer alla carta. Per farlo, la testina di stampa si sposta da un lato all’altro utilizzando aghi che tingono la carta di inchiostro per formare le parole e la grafica che vengono stampati”.

Caratteri

È un’altra caratteristica importante che influisce su qualità e costo. I caratteri hanno il compito di dare forma al contenuto che vuoi stampare e vengono impressi dagli aghi sulla carta. Conviene quindi verificare la durata del nastro, che solitamente viene calcolata in base al numero di caratteri che stampa prima che l’inchiostro finisca.

Devi controllare che permetta di stampare almeno due milioni di caratteri. È anche utile sapere che maggiore sarà il numero di caratteri, più costosa sarà la stampante ad aghi. Tuttavia, il risparmio è comunque notevole: la chiave sta nel trovare un equilibrio pratico, ma dipenderà comunque dalle tue esigenze.

Connessione

Le stampanti ad aghi si collegano a diversi sistemi per l’emissione di fatture, come i computer o i registratori di cassa. È per questo che devi riflettere sulle possibilità di connessione della tua stampante, via USB o via cavo di rete. Definire il tipo di connessione facilita l’installazione e la trasmissione dei dati.

Carta

Nonostante l’obiettivo principale delle stampanti ad aghi sia quello di stampare fatture o etichette, non necessariamente devono presentare formati o dimensioni ridotti. Alcune stampanti lavorano con fogli in formato A4, mentre altre con carta di dimensioni inferiori in rotoli per ottenere una stampa continua e senza interruzioni.

È utile riflettere sulla quantità di informazioni che vuoi imprimere su carta per definire le dimensioni della carta da utilizzare. Un altro fattore da tenere in considerazione è il modo di ricaricare la carta della stampante, dato che alcune funzionano soltanto con carta ad alimentazione continua, mentre altre devono essere alimentate manualmente.

Conclusioni

Nonostante le innovazioni tecnologiche che ruotano attorno alle stampanti, quelle ad aghi sono sempre rimaste sul mercato e sono ancora notevolmente utilizzate in molti settori aziendali. Quello che è certo è che svolgono una funzione estremamente importante per le operazioni di registrazione e amministrazione dei dati generati nelle varie transazioni.

Tale funzione è molto specifica e probabilmente durerà ancora a lungo, soprattutto in settori dove la registrazione dei dati e l’elaborazione di ricevute continuano a rappresentare un pilastro fondamentale. Ora che conosci il funzionamento e le caratteristiche principali di questo tipo di stampanti, hai scoperto qual è il modello di cui hai bisogno?

Se questo articolo ti è piaciuto, per favore, metti un “mi piace” e condividilo con i tuoi amici sui social network. Puoi anche lasciarci un commento qui sotto: saremmo lieti di conoscere la tua opinione.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Vladimir Mucibabic: 14972656/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?