Ultimo aggiornamento: 29/07/2021

Il nostro metodo

13Prodotti analizzati

18Ore di lavoro

7Fonti e riferimenti usati

68Commenti valutati

Ci sono prove della tela come mezzo pittorico nell’Antico Egitto (I-III secolo d.C.), ma i suoi primi usi erano limitati ai rituali funerari e poco rimane dovuto alle tecniche utilizzate a quel tempo. A partire dal XV secolo, la tela fu introdotta come supporto e riuscì a diffondersi dalla Spagna e dall’Italia settentrionale al resto d’Europa.

La tela permise agli appassionati di pittura una maggiore libertà in termini di formati, che prima era molto limitata a causa dell’uso dei pannelli. Lo rendeva anche più facile da trasportare poiché consisteva in una tela che poteva essere facilmente arrotolata. Se sei curioso dei supporti per la pittura, qui troverai una guida completa alla tela, un magnifico supporto per le tue opere.




La cosa più importante da sapere

  • La tela è un tessuto che può essere fatto sia con fibre animali che naturali, anche se al giorno d’oggi troviamo praticamente solo queste ultime. Generalmente, queste sono fibre di lino, cotone, canapa o iuta.
  • Le tele sono solitamente vendute già primerizzate. Il priming consiste nel preparare la tela prima di dipingere con diversi strati di Gesso o altri materiali per assicurarne la durata nel tempo.
  • Prima di acquistare un pannello di tela è consigliabile considerare aspetti importanti su di esso, come le misure, la dimensione della tela o il telaio del tenditore, che può essere incollato o assemblato.

Tela: la nostra selezione

Guida all’acquisto: quello che devi sapere sulla tela

L’industria tessile è decollata dalla fine del 18° secolo ed è stata una pietra miliare nel campo dell’arte. Finalmente gli artisti potevano ordinare le tele nelle dimensioni desiderate. La lavorazione dei tessuti si è evoluta fino ai giorni nostri, dove è possibile trovare tutti i tipi di qualità. Nel caso tu abbia qualche dubbio, ecco le domande più frequenti poste dagli utenti.

Mujer pintando

La tela è un tessuto che può essere fatto sia con fibre animali che naturali.
(Fonte: Diaz: 45584402/ 123rf.com)

Cos’è esattamente una tela?

La tela è un tessuto, generalmente fatto di cotone, lino o fibre di canapa, che viene utilizzato dai pittori come supporto per i loro dipinti o opere artistiche. Ci sono altri supporti, come il legno, ma le tele tese e pretrattate sono più efficaci e durature nel tempo, specialmente con materiali come la pittura ad olio.

Possiamo anche definire una tela come una tela tesa su un telaio di legno.

Anche se puoi trovare una tela anche su una tavola o persino su un cartone. Le tele richiedono un primer o una base precedente. Puoi trovarli già trattati o devi prepararli tu stesso in anticipo in modo che la vernice si fissi e duri nel tempo. La tela è usata anche in fotografia. Nel seguente video puoi vedere come trasferire una fotografia su tela, anche se in questa guida ci riferiremo esclusivamente al legame tra tela e pittura artistica.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi della tela come mezzo di pittura?

Dal XVI secolo in poi, la tela riuscì a superare l’affresco come mezzo di pittura, in gran parte grazie alla sua capacità di sopportare l’umidità dell’inverno. Il pannello di tela supera le tavole di legno anche per la sua leggerezza, ma ha anche molti altri vantaggi e alcuni svantaggi, che ora presenteremo in una tabella:

Vantaggi
  • È un supporto più leggero della tavola, quindi può essere facilmente spostato
  • Permette grandi formati
  • È più economico della tavola
  • La sua superficie è permeabile e riceve i pigmenti senza difficoltà dopo gli strati di primer
Svantaggi
  • Se le opere sono verniciate o l”artista lavora con mezzi in resina, lo strato pittorico può creparsi
  • Grande sensibilità ai cambiamenti
  • Superficie molto fragile

Quali tipi di tela possiamo trovare nel mercato attuale?

Non è facile fare una semplice tipologia dei tipi di tela, quindi in questa domanda ci limiteremo ad una classificazione in modo che tu possa capire, nel caso tu non lo sappia, le differenze tra i vari tipi di pannelli di tela che possiamo trovare sul mercato. Come puoi vedere nella seguente tabella, sono molto diversi:

Tipi di tela Qual è il più adatto a me?
Senza primer o sulla tela naturale Il priming è la preparazione della tela prima della pittura. In altre parole, consiste nell’applicare strati di Gesso o altri prodotti per gestire il colore o lo spessore della tua pittura. Il priming è importante perché rafforza la tela. Protegge anche dai funghi e dalle alte temperature. Gli artisti che preferiscono non mettere il primer devono tenere conto della temperatura, dell’umidità o della luce diretta del sole. In questi casi, è consigliabile verniciare quando la pittura è finita.
Con primer Il primer può essere bianco o di altri colori. Gli strati di primer possono essere applicati con Gesso, materiali che forniscono texture, come la sabbia, o altre formule (come la colla di coniglio),
Su una tavola La tela è incollata su una sottile tavola di legno o cartone. Questo tipo di tela è più sottile di una tela tesa e occupa meno spazio, ma la tavola può danneggiarsi nel tempo, il che influenzerà il dipinto.
Sui telai I telai consistono in quattro doghe di legno su cui viene tesa la tela. Un vantaggio è che le tele possono essere smontate, così puoi spostare la tua tela arrotolata per un facile trasporto. Questo dovrebbe essere fatto con molta attenzione in modo che gli strati di vernice e il primer non si incrinino. Le barelle devono essere strette con punti metallici sul retro in modo da coprire il legno dal davanti. Un rischio è che le barre dei telai possano allentarsi, influenzando l’opera d’arte.

Perché è consigliabile spalmare una tela?

Perché è una tecnica che rende i colori più resistenti nel tempo. Puoi dipingere senza primer, come hanno fatto artisti come Van Gogh, ma se lo fai, la pittura sarà protetta dall’umidità e dalle alte temperature. Inoltre, le tele non dovrebbero essere esposte alla luce diretta del sole in modo che i colori non sbiadiscano.

La tela non spalmata è più flessibile, ma il pennello sfuma i colori poiché la tela è molto assorbente. La tela utilizzata dovrebbe essere sempre la più spessa possibile perché una tela rigida è più facile da dipingere.

Come vengono classificati i formati di tela e qual è la loro origine?

Per facilitare la produzione di tele su larga scala, nel XIX secolo emerse un sistema chiamato “formato di tela”, che è governato da una specifica dimensione e orientamento, a seconda del lavoro pittorico che vuoi fare. Nella seguente tabella puoi analizzare i diversi tipi in modo più chiaro e semplice

  • Figura (F): solitamente utilizzata per ritratti e nature morte. Offrono diverse dimensioni ed è per questo che sono molto richiesti dagli artisti che non sanno ancora cosa dipingeranno.
  • Paesaggio (P): sono adatti a paesaggi e sfondi, da qui il loro formato orizzontale.
  • Marine (M): anch’esse in formato orizzontale, sono più allungate del formato paesaggio e sono adatte a scenografie marittime, dove la linea dell’orizzonte può essere osservata.

Cos’è esattamente una tela “3D”?

Oltre alle tele in formato standard o semplice, cioè quelle che abbiamo visto sopra, esiste un tipo di tela chiamata “3D”, in riferimento alle tre dimensioni. Queste sono tele con bordi spessi, con cornici larghe almeno 3 centimetri (cm). Sono ideali per le mostre in quanto il dipinto va oltre la cornice, di cui si può fare a meno. È un formato popolare al giorno d’oggi e molto apprezzato dagli artisti perché l’opera può essere rifinita ai lati, fondendosi con il contesto in cui viene esposta.

Cos’è il Gesso e come aiuta nel priming di una tela?

Il Gesso, ampiamente utilizzato dagli artisti nel processo di priming, non è altro che una pasta fatta con colla, pigmento bianco e colla per preparare la tela prima della pittura. Quello che compri nei negozi specializzati di solito consiste in resine acriliche, carbonato di calcio e acetato di polivinile. In particolare, aiuta a fissare i pigmenti.

Lienzo en blanco

Le tele sono solitamente vendute già primerizzate. (Fonte: Косцов: 90148986/ 123rf.com)

Quali sono le fibre più comuni utilizzate per fare una tela?

Anche le fibre animali sono presenti nella fabbricazione di tessuti per la pittura, ma in questa occasione ci limiteremo alle fibre di origine vegetale più comuni nei supporti per la pittura o nelle tele. Nella seguente tabella puoi visualizzare meglio le loro differenze e caratteristiche:

Tipo di fibra Caratteristiche
Lino È considerata la migliore fibra per la pittura ed è stata la prima utilizzata nell’industria tessile. È resistente, ma si allunga con l’umidità. Si differenzia dalla canapa per il fatto che è più lucida. È molto adatto alla pittura ad olio.
Cotone È fatto di cellulosa e reagisce se l’umidità è molto alta, ma è molto meno influenzato dai cambiamenti del tempo rispetto al lino. È più estensibile della canapa e del lino. Può essere facilmente stirata ed è molto adatta ai colori acrilici.
Juta Fu introdotta in Europa nel 18° secolo. Non è molto usata al giorno d’oggi come mezzo di pittura perché viene rapidamente alterata dall’umidità e dai microorganismi. È più fragile e meno resistente del lino o del cotone.
Canapa La canapa (Cannabis Sativa) è un tessuto simile al lino, ma più forte, ma ruvido e grossolano. Dal XIX secolo in poi fu sostituito dal lino e dal cotone come mezzo pittorico. Più tardi fu sostituito da fibre sintetiche.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di ciascuno dei tessuti per tela?

Nella domanda precedente puoi consultare le caratteristiche di ciascuno dei tessuti più comuni per supporti di pittura. Tuttavia, ognuno di essi ha i suoi vantaggi e svantaggi quando si tratta di dipingerci sopra, li conosci? In caso contrario, ecco una rapida tabella con le loro migliori qualità e le loro peggiori “virtù”:

Tipo di tessuto per tela Vantaggi e svantaggi
Lino ✓ È la fibra più stabile contro i cambiamenti di temperatura e umidità. ✓ È facile da stirare grazie alla sua resistenza. x Il suo prezzo è molto più alto.
Cotone ✓ Dà buoni risultati. ✓ Ideale per i principianti. ✓ Ideale per gli acrilici. ✓ Più economico del lino. x Instabile all’umidità
Juta ✓ Biodegradabile. ✓ Proprietà antistatiche e isolanti. x Richiede un primer molto spesso. x Molto influenzato dall’umidità. x Basso coefficiente di estensibilità. x Scurisce molto e non assorbe uniformemente gli strati di primer.
Canapa ✓ Economico e biodegradabile. ✓ Ideale per il legno. ✓ Più forte e più durevole del cotone. ✓ Molto resistente all’umidità e alla muffa. x Non si allunga facilmente. x Richiede una o due mani di gesso nel primer affinché i colori non sbiadiscano. x Aspetto ruvido e grezzo.

Cos’è la densità di un tessuto quando ci riferiamo alla tela per dipingere?

Tra le proprietà meccaniche di un tessuto c’è la densità del tessuto, che è solitamente espressa in grammi/metro quadrato o gr/m². La densità del tessuto indica la struttura del tessuto. La densità influenza anche le proprietà alle alte temperature, la rigidità o la traspirabilità del tessuto, tra gli altri aspetti.

Quale manutenzione è necessaria per una tela usata come supporto per la pittura?

Soprattutto, è importante mantenere linee guida preventive quando si tratta di prendersi cura della manutenzione di un dipinto su tela. La prevenzione, come puoi immaginare, è molto più economica della pulizia o del restauro. Per prendersi cura di un’opera d’arte una volta che è stata esposta, è necessario seguire una serie di misure che sono elencate di seguito

  • Spolverino o spazzola. Puoi usare uno spolverino usa e getta per rimuovere la polvere perché le particelle di sporco vi si attaccano. Un’altra opzione è quella di utilizzare un pennello morbido e asciutto. Assicurati che il pennello sia asciutto.
  • Vernice. Se sei l’artista che ha composto l’opera, una buona opzione è quella di verniciare il dipinto dopo che è finito. In questo modo, puoi usare facilmente uno spolverino o una spazzola per eliminare le particelle di polvere.
  • Pulizia profonda. Se la tela ha bisogno di essere pulita in profondità, consulta un restauratore. Meglio prevenire che curare.
  • Altri consigli. Non esporre le tele alla luce diretta del sole. Sono molto sensibili alla luce del sole e ai cambiamenti di temperatura, quindi potresti anche dover considerare l’acquisto di un deumidificatore. Inoltre, tienili lontani dai fumi e dai detriti organici. E non conservarli nella plastica, ma piuttosto nel panno o nella carta.

Criteri di acquisto

Prima di acquistare una tela o un pannello telato devi avere ben chiari una serie di criteri in modo da non commettere un errore nel tuo acquisto. Supponendo che tu sia già un principiante avanzato, tieni presente che il tipo di pittura determina anche la scelta della tela. In ogni caso, ecco alcuni criteri importanti da prendere in considerazione.

Materiale

Ormai sai che dipingere su una tela di cotone non è la stessa cosa che dipingere su una tela di lino. Se hai un budget limitato, scegli il cotone perché si estende molto bene ed è più economico della tela di lino, che è più adatta ai pittori professionisti di olio. Il cotone è perfetto per la pittura acrilica e di solito viene fornito pre-impregnato.

Un’altra opzione è quella di utilizzare le fibre sintetiche, che sono più economiche e molto adatte per schizzi ed esercizi. Sono più economiche delle fibre vegetali, ma non per realizzare un’opera pittorica definitiva perché la rottura e lo scolorimento nel tempo sono comuni.

Lienzo

Prima di acquistare un pannello di tela è consigliabile prendere in considerazione aspetti importanti su di esso, come le misure, la dimensione della tela o il telaio del tenditore, che può essere incollato o assemblato. (Fonte: Shironosov: 50498564/ 123rf.com)

Dimensioni della tela

È importante conoscere in anticipo le misure della tela che userai come supporto per la pittura. Ci sono dimensioni standard internazionali per il ritratto, il paesaggio e le tele marine. Sono presentati nella seguente tabella, in modo che tu possa scegliere il più adatto alle tue esigenze. Fonte: https://www.pinterest.es/pin/312789136596462536/?autologin=true (Ultimo visto: 27.11.2019)

Tecnica utilizzata

La maggior parte delle tele indica quale tipo di tecnica di pittura è più adatta al lavoro che hai in mente. Se non lo sai già, scegli tele che ti permettono di utilizzare una gamma più ampia di tecniche.

Puoi controllare nella nostra selezione che ci sono prodotti che permettono la pittura acrilica, ma anche la pittura a guazzo o anche la pittura ad olio. Se sei già un professionista e sai quale tecnica userai, ti raccomandiamo di scegliere la massima qualità perché, senza dubbio, aiuterà la durata del tuo lavoro.

Cornice o no

Le cornici sono utilizzate per stringere la tela su tela e, generalmente, gli artisti affermati preferiscono tendere il pannello da soli. La maggior parte delle tele di oggi sono presentate con i telai montati. Vale a dire che non sono incollati. Ci sono delle differenze tra loro, che ti ricorderemo di seguito

  • Rastrelliere incollate. Questo tipo di barella comprende il legno incollato alla tela, ma non è una buona soluzione se devi spostarla. È facile che si sgualcisca durante il trasporto, rovinando il tuo lavoro, specialmente se è di grande formato.
  • Barelle assemblate. Le barelle assemblate includono pezzi di legno chiamati cunei, come avrai letto ad un certo punto nella nostra lista di prodotti. È molto più efficiente del telaio a telaio incollato perché puoi stringere tu stesso la tela in caso di stiramento, sia dovuto al trasporto che agli effetti dell’umidità.

Niño pintando

Possiamo anche definire una tela come una tela tesa su un telaio di legno, anche se puoi trovare una tela su una tavola o anche su un cartone. (Fonte: Dolgachov: 93891141/ 123rf.com)

Quantità di unità

Infine, considera di quante unità di tela avrai bisogno perché anche questa caratteristica è legata al prezzo. Se hai intenzione di eseguire degli schizzi, potresti volere un set di diverse tele di media qualità perché sarà sempre più economico. Se sei un pittore professionista, opta per una qualità elevata perché non te ne pentirai.

Riassunto

Il tocco del pennello sulla tela, l’odore o la miscela di colori sono aspetti che sono inestricabilmente legati all’atto della pittura, un’attività per gli artisti che richiede anche disciplina e conoscenza, sebbene possa non sembrare così. La tela e le sue caratteristiche sono elementi fondamentali nella composizione di un’opera pittorica, da qui l’importanza del supporto.

La scelta di una tela richiede una conoscenza preliminare della tecnica pittorica utilizzata, anche se è sempre possibile acquistare un pannello di tela che sia tollerante all’olio, all’acrilico o alla gouache.

In ogni caso, prima di scegliere il nostro supporto per dipingere, è consigliabile sapere quali misure useremo e qual è il materiale preferito per lasciare il nostro segno nel tempo. Speriamo che la nostra guida sulla tela ti sia piaciuta. Se è così, condividilo sui tuoi social network in modo che altri possano saperne di più sull’argomento. Se preferisci, lasciaci un commento e saremo felici di risponderti, grazie mille!

(Fonte dell’immagine: Косцов: 65666374/ 123rf.com)

Recensioni