immagine in evidenza
Ultimo aggiornamento: 18/09/2020

Il nostro metodo

20Prodotti analizzati

18Ore di lavoro

12Fonti e riferimenti usati

68Commenti valutati

Benvenuto sul nostro articolo dedicato alla vaporiera. L’usanza di cuocere a vapore il cibo, così diffusa oggi, ha le sue origini nella cucina tradizionale cinese e giapponese. Questo modo di cucinare preserva tutto il sapore e le sostanze nutritive del cibo evitando che venga a contatto con l’acqua di cottura. Per questo tipo di tecnica culinaria viene utilizzato un utensile chiamato appunto vaporiera.

Esistono vaporiere tradizionali di materiali diversi: vetro, acciaio inossidabile, silicone o bambù, tra gli altri. Tutte hanno in comune un contenitore in cui far bollire l’acqua per la cottura, come una pentola. Le vaporiere elettriche sono invece leggermente diverse e offrono molte più funzioni rispetto ad una tradizionale pentola per la cottura a vapore, come vedremo più avanti.




Le cose più importanti in breve

  • La cottura a vapore preserva le proprietà nutritive del cibo senza perdita di gusto, odore o consistenza. Con il termine vaporiera solitamente si intende il modello elettrico, visto che la pentola per la cottura a vapore ha un funzionamento diverso. La vaporiera è un dispositivo facile da usare, in grado di preparare più piatti in una volta sola.
  • Oltre agli indubbi benefici per la nostra salute, la vaporiera rappresenta un grande risparmio. Sfrutta il 100% di acqua ed elettricità oltre ad essere un elettrodomestico non troppo costoso. Si pulisce facilmente e può essere riposta senza occupare molto spazio.
  • La scelta di una buona vaporiera implica tenere in considerazione alcuni fattori, come il numero di persone per le quali cucineremo. Dobbiamo anche valutare se vale la pena acquistarne una digitale o un modello più semplice. Parleremo di questi e altri criteri nella sezione finale dell’articolo.

Le migliori vaporiere sul mercato: la nostra selezione

Esiste una vasta gamma di vaporiere e non è facile capire quale possa essere la migliore per le proprie esigenze. Per semplificarti la vita, abbiamo selezionato noi alcune delle migliori vaporiere. Prova a vedere se tra queste c’è anche la più adatta per te!

La vaporiera più venduta e apprezzata

Questo autentico bestseller del prestigioso marchio Russell Hobbs ha tre contenitori impilabili con una capacità di nove litri. Include una ciotola per cuocere il riso al vapore e un portauova. Ha una potenza di 800 watt e un timer da 60 minuti. I contenitori sono realizzati in polipropilene privo di BPA (bisfenolo A).

Con oltre 8500 recensioni e un punteggio totale di 4.6 su 5 stelle, questa vaporiera è sicuramente la più venduta e apprezzata sul mercato, al momento.

La vaporiera con il miglior rapporto qualità-prezzo

Con 800 W di potenza e un sistema di protezione contro il surriscaldamento, questa vaporiera ha tre ripiani di plastica priva di BPA. Dispone di un timer di 60 minuti ed è possibile aggiungervi acqua durante la cottura. Quando il cibo è pronto, suona un allarme acustico. Produce vapore in soli 30 secondi ed è quindi una delle più veloci vaporiere. Ha una capacità totale di nove litri.

Le recensioni sono molte e raggiunge un punteggio di 4,6 su 5 stelle. Risulta facile da usare e da pulire. Un paio di persone lamentano che dopo poco tempo il timer smette di funzionare (non segnalato da altre).

La miglior vaporiera in acciaio inossidabile

Il produttore tedesco WMF propone una vaporiera realizzata in acciaio chromargan, una lega speciale molto resistente e facile da pulire. Con 900 W di potenza, ha due zone di cottura, ciascuna con una capacità di 2,5 litri, e un serbatoio dell’acqua da 1,1 litri. Ha uno schermo LCD per selezionare i tempi di cottura predefiniti, oltre a una funzione di mantenimento in caldo.

Il principale beneficio per gli acquirenti è la sua praticità nel lavaggio, visto che può essere messa quasi tutta in lavatrice. Come punteggio ha ottenuto 4.3 stelle su 5.

La miglior vaporiera per due persone


Letzte Preis-Updates: Amazon.de (05.12.21, 03:31 Uhr), Sonstige Shops (23.11.21, 12:59 Uhr)

Piccola per dimensioni e prezzo, ma grande per prestazioni. La vaporiera Jata ha 2 contenitori con una capacità massima di 3,5 litri. Ha un serbatoio dell’acqua da mezzo litro e un timer di cottura di 60 minuti. È ideale per cucinare per due persone.

Gli acquirenti ne esaltano le piccole dimensioni, quindi il poco spazio che richiede, come anche la sua efficacia, nonostante la sua potenza di 400W. Non adatta a nuclei familiari più grandi. Punteggio totale ad oggi ottenuto: 4.1 su 5 stelle.

La miglior vaporiera programmabile

Questa vaporiera elettrica con tre cestelli e 10 litri di capacità ha una potenza di 900 W. Ha una funzione di scongelamento, mantiene il cibo in caldo e ha diversi programmi. Un grande vantaggio è che dopo l’uso, i contenitori si raccolgono uno dentro l’altro e occupano pochissimo spazio. I cestini sono realizzati in plastica alimentare priva di bisfenoli.

Una vaporiera che ancora non ha recensioni italiane, ma che ha al momento un punteggio di 4.2 su 5 stelle. L’abbimo scelta proprio perché viene giudicata ottima da chi l’ha acquistata, soprattutto per la cottura uniforme degli alimenti e per la sua compattezza.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sulla vaporiera

I cibi cotti al vapore sono sempre stati associati a poco gustosi. Questa convinzione ha sempre meno fondamento, soprattutto grazie ai nuovi modi di cucinare offerti da dispositivi come la vaporiera elettrica. Successivamente, tratteremo alcuni degli aspetti più interessanti di questi versatili apparecchi, rispondendo alle domande più frequenti che possono sorgere al momento di sceglierne una.

Verdure impiattate

La cottura a vapore preserva le proprietà nutritive del cibo senza perdita di gusto, odore o consistenza. (Fonte: Marctran: 124780839/ 123rf.com)

Perché usare una vaporiera?

I vantaggi della cottura a vapore sono indiscutibili. Il più ovvio è che il cibo conserva quasi tutti i suoi nutrienti dopo il processo di cottura. Tuttavia, ci sono altri vantaggi che dovresti tenere in considerazione.

  • Meno grassi. Generalmente non è necessario aggiungere olio o alcun tipo di grasso agli alimenti durante il processo di cottura. È, quindi, un modo sano di cucinare che ci aiuterà a tenere sotto controllo la bilancia.
  • Sfruttamento a pieno degli alimenti. Non entrando in contatto con l’acqua e cuocendo sotto i 110 °C, il cibo non perde nessuna delle sue qualità. Odore, colore, sapore e consistenza rimangono praticamente inalterati dopo la cottura.
  • Rapidità. La maggior parte delle vaporiere consente di cucinare più cibi contemporaneamente grazie al fatto che hanno diversi cestini. In questo modo è possibile preparare due o più pietanze insieme, risparmiando tempo.
  • Risparmio. Le vaporiere sono elettrodomestici che consumano relativamente poca energia. Molti modelli hanno programmi che permettono di regolare i tempi di cottura in base al tipo di alimento.
  • Il cibo non brucia. Con questo modo di cucinare, gli alimenti non ti si attaccheranno più. La maggior parte delle vaporiere elettriche in commercio dispone anche di un sistema di allarme nel caso in cui la temperatura si alzi troppo.
  • Basso costo. Le vaporiere elettriche non sono affatto costose, soprattutto considerando la quantità di utensili da cucina che risparmierai. A partire da 20€ puoi acquistare un dispositivo di discreta qualità.

Come si usa una vaporiera elettrica?

La vaporiera è un elettrodomestico altamente intuitivo e facile da usare. Tuttavia non dovresti dimenticare di leggere bene le istruzioni del produttore prima di usarla la prima volta. Prima di accenderla è necessario riempire d’acqua il suo serbatoio, altrimenti si potrebbe danneggiare l’apparecchio.

Non aggiungere olio, né all’acqua né al cibo.

È importante che il serbatoio non rimanga mai senza acqua anche durante la cottura. La maggior parte delle vaporiere consente di aggiungere acqua anche mentre è in funzione. Alcuni modelli hanno un avviso acustico o luminoso che ci avverte se il livello dell’acqua è basso.

Il cibo viene posto nei cestini in base alla sua consistenza: il più duro in basso e il più tenero in alto. I tempi di cottura degli alimenti variano notevolmente. Il pesce può essere cotto in circa 10 minuti, mentre le verdure come il cavolfiore possono essere pronte in appena 12 minuti. In ogni caso va rispettata la quantità massima di cibo per cesta, altrimenti potrebbero non cuocere correttamente.

Pesce cotto al vapore

Oltre agli indubbi benefici per la nostra salute, le vaporiere elettriche rappresentano un grande risparmio. (Fonte: Kramar: 94617986/ 123rf.com)

Ci sono dei trucchi per cucinare con una vaporiera?

Sebbene questi elettrodomestici siano estremamente facili da maneggiare, ci sono una serie di trucchi che faranno guadagnare aspetto e sapore ai tuoi piatti.

  • Raffredda le verdure. Una volta cotte, togli le verdure dalla vaporiera e passale sotto l’acqua fredda corrente. In questo modo darai un taglio alla cottura e le verdure acquisiranno miglior sapore e aspetto.
  • Condimento. Per ottenere i migliori risultati, una volta cotte, è meglio condire prima le verdure con l’olio e lasciare il sale per ultimo.
  • Avvolgi il pesce. Per cuocere il pesce è consigliabile avvolgerlo in un foglio di carta da forno o di alluminio a cui avrai praticato dei buchi.
  • Carne. Le carni magre come pollo e tacchino sono più succose se cotte al vapore.
  • Separa verdure e legumi. Si consiglia di separare le verdure e i legumi in diversi scomparti.
  • Aromi. Puoi aggiungere spezie all’acqua per insaporire il cibo durante la cottura.

Come si pulisce una vaporiera elettrica?

Molti produttori consigliano di decalcificare l’apparecchio dopo un numero di utilizzi (circa 10). Questo viene fatto semplicemente aggiungendo un po’ di aceto all’acqua seguendo le istruzioni del manuale. Alcuni modelli sono lavabili in lavastoviglie, anche se i contenitori per alimenti si puliscono meglio a mano.

La pulizia dei cestelli sarà più facile se posizioniamo il cibo su carta oleata a cui bisogna fare dei fori affinché il vapore possa circolare correttamente. Quando si pulisce l’esterno della vaporiera, bisogna evitare di esercitare troppa pressione sulla manopola di controllo o sui pulsanti, poiché si potrebbero cancellare i numeri.

Che alternative ci sono alla vaporiera elettrica?

La vaporiera elettrica è lo strumento ottimale per la cottura a vapore. Tuttavia, ci sono alternative – meno efficaci, sì – per cucinare il cibo in questo modo.

  • Vaporiera per microonde. Sono contenitori di plastica o silicone che consistono in una base per l’acqua, una griglia dove appoggiare il cibo e un coperchio.
  • Vaporira di bambù. Sono usate per preparare piatti asiatici. Il legno assorbe parte dell’umidità dal vapore e mantiene il cibo asciutto.
  • Cestello per vapore. Sono le vaporiere più semplici ed economiche. Realizzate in plastica, silicone o acciaio, sono costituite da un cestello che viene posto direttamente su una pentola.
  • Vaporiera impilabile. Sono contenitori normalmente realizzati in acciaio inossidabile che vengono posti impilati su una pentola.
  • Robot da cucina. La maggior parte dei produttori di robot da cucina multifunzione include accessori per la cottura a vapore nei propri apparecchi.
  • Forno a vapore. Alcuni modelli di forno hanno un serbatoio dell’acqua integrato che possiamo riempire senza aprire la porta.

Verdure cotte al vapore

I cibi cotti al vapore sono sempre stati associati a poco gustosi. (Fonte: Kramar: 94968552/ 123rf.com)

Perché è importante che la vaporiera sia priva di BPA?

Il bisfenolo A (BPA) è un composto chimico utilizzato nell’industria per produrre plastiche più forti e resistenti. Molti studi hanno evidenziato i suoi effetti nocivi sulla salute, anche in piccole quantità. Molti paesi ne hanno limitato l’utilizzo nell’industria alimentare, altri lo hanno addirittura bandito, come la Francia o il Giappone.

È stato dimostrato che il BPA viene rilasciato quando la plastica è sottoposta a temperature elevate. Quindi, è importante che i contenitori di plastica delle vaporiere siano privi di questo composto chimico. Assicurati che il modello che scegli non contenga BPA controllandone bene le specifiche tecniche.

Criteri di acquisto

Quando si acquista una vaporiera elettrica, è necessario tenere conto di alcuni fattori. Uno dei più importanti è, ovviamente, quante persone siamo in casa. Interessante anche optare per un modello programmabile, cioè che incorpori pre-impostati i diversi tempi di cottura per i vari cibi. Oltre a questi, di seguito troverai i criteri di acquisto che noi di REVIEWBOX.it riteniamo più importanti per fare il miglio acquisto.

Dimensione

Le dimensioni della vaporiera dipenderanno da quante persone vivono nella casa. Normalmente, le vaporiere elettriche hanno da due a tre contenitori o vassoi per posizionare il cibo. L’altezza totale può variare, ma di solito è di circa 25 e 35 cm di altezza, quindi dovrai pensare ad un posto dove posizionarla in sicurezza.

Se prevedi di utilizzarla spesso, è consigliabile scegliere un modello con tre vassoi. In questo modo, puoi preparare fino a tre cibi diversi in una volta. Tieni presente che la capacità del serbatoio dell’acqua deve essere costante, poiché la cottura con tre vassoi richiede molto più vapore.

Una vaporiera bianca e verde

I vantaggi della cottura a vapore sono indiscutibili. La più ovvia è che il cibo conserva quasi tutti i suoi nutrienti dopo il processo di cottura. (Fonte: Kramar: 94735016/ 123rf.com)

Manuale o digitale

La maggior parte delle vaporiere elettriche ha semplicemente una manopola per scegliere il tempo di cottura. Altri modelli, invece, hanno un pannello LCD attraverso il quale è possibile selezionare con precisione il tempo di cottura di ogni alimento. Avendo tempi di cottura preimpostati, sono molto facili e intuitive da gestire.

Potenza

La potenza elettrica di una vaporiera ci dice la velocità alla quale è in grado di cuocere il cibo. Più potenza, meno tempo ci vorrà per cucinare. Ci sono modelli che hanno solo 400 W (watt), mentre altri raggiungono 1800 e 2000 W, e più.

Il numero di cestelli influenza la potenza richiesta: più ne hai, più potenza hai bisogno.

Una vaporiera a due cestelli cuoce bene con una potenza di 900 W. Se ne hai tre, potresti restare corto. Se scegli una vaporiera a tre cestelli con meno di 1000 W, il cibo impiegherà più tempo per cucinare. Inoltre, corri il rischio che cuocia in modo non uniforme. L’ideale per una vaporiera elettrica da tre cestelli da 9 o 10 litri di capacità è, almeno, 1500 W di potenza.

Pentola elettrica

Le vaporiere elettriche sono elettrodomestici altamente intuitivi e facili da usare.
(Fonte: Belchonock: 116359105/ 123rf.com)

Capacità

La capacità di una vaporiera elettrica indica la quantità di cibo che può stare nei suoi cestelli. La capacità dipende dal modello che sceglierai. Ci sono vaporiere da soli tre litri e modelli pensati per famiglie numerose fino a dieci. La capacità di ogni cestello oscilla solitamente tra 1,5 e 3 litri.

Deposito dell’acqua

La dimensione del serbatoio dell’acqua è un fattore importante nella scelta di una vaporiera. Un elettrodomestico con una vasca capiente significa che l’acqua di cottura durerà più a lungo e non dovremo aspettare per riempirla. È meglio scegliere un modello che abbia un serbatoio con una capacità superiore a un litro.

È importante che tu possa controllare visivamente il volume d’acqua rimanente. La maggior parte dei modelli consente di aggiungere acqua durante la cottura. Alcune vaporiere elettriche hanno spie luminose che avvisano di un basso livello dell’acqua; altre hanno un sistema di sicurezza che spegne l’apparecchio in caso di esaurimento dell’acqua.

Accessori

Oltre ai cestelli, molte vaporiere includono accessori come recipienti per cuocere il riso, vassoi e zuppiere. È anche interessante che la vaporiera includa un ricettario o, almeno, una tabella dei tempi di cottura per i diversi cibi. Se scegli una vaporiera digitale non dovrai preoccupartene, poiché i tempi sono predeterminati.

Sicurezza

Praticamente, tutte le vaporiere elettriche hanno meccanismi di sicurezza che impediscono loro di funzionare senza acqua. I modelli programmabili si spengono anche dopo aver raggiunto il tempo massimo di cottura del cibo che abbiamo scelto. In questo modo possiamo svolgere altri compiti mentre il cibo viene preparato, senza timore che sia troppo cotto.

Le vaporiere elettriche sono molto sicure, poiché è molto difficile per il vapore fuoriesca e ci bruci. Questo non accade con le vaporire tradizionali, poiché non sono stagne. Bisogna però fare attenzione quando si toglie il coperchio a fine cottura, in modo che il getto di vapore non ci colpisca le mani o il viso.

Pulizia

Molte vaporiere includono cestelli e accessori resistenti alla lavastoviglie. Tuttavia, non è una condizione indispensabile. Non entrando in contatto con l’acqua, il cibo fa pochissimo sporco sulle pareti dei cestelli. Dopo l’uso, basta lavarli con un po ‘di acqua e sapone e asciugarli bene con un panno morbido.

Funzioni extra

Le vaporiere elettriche non sono apparecchi costosi. Con un piccolo investimento puoi ottenere un modello con un buon rapporto qualità prezzo. Tuttavia, se desideri un dispositivo con funzioni aggiuntive che ti semplificano la vita, dovrai spendere un po’ di più. Esistono modelli, ad esempio, che consentono di cuocere cibi a temperature diverse contemporaneamente.

Alcuni elettrodomestici di fascia alta consentono di mantenere il cibo caldo dopo che è stato cotto per un’ora o due. In alcuni casi, questa è una funzione che si avvia automaticamente al termine della cottura e richiederà sempre che ci sia acqua nel serbatoio dell’acqua.

Conclusioni

La cottura a vapore è uno dei modi più salutari per preparare il cibo. Grazie alle vaporiere elettriche però non devi più andare in giro a usare pentole e padelle per cuocere a vapore i cibi. Con questo semplice elettrodomestico otterrai cibo ricco e sano con tutte le sue sostanze nutritive intatte.

Con il nostro articolo abbiamo cercato di rispondere ad alcune domande riguardanti le vaporiere elettriche, come il loro utilizzo o la loro pulizia. Ti abbiamo anche svelato alcuni trucchi per trarne il meglio dalla tua vaporiera. Infine, ti abbiamo proposto una serie di criteri di acquisto da tenere in considerazione nella scelta della vaporiera elettrica più adatta alle tue esigenze.

Se pensi che il nostro articolo ti sia stato utile nel processo di scelta della migliore vaporiera, faccelo sapere lasciandoci un commento e condividilo sui tuoi social network. A presto!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Kramar: 94735499/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni