Ventilatore ad acqua
Ultimo aggiornamento: 18/09/2020

Il nostro metodo

22Prodotti analizzati

13Ore di lavoro

12Fonti e riferimenti usati

79Commenti valutati

Benvenuto sul nostro articolo dedicato al ventilatore ad acqua. Ogni volta che arriva l’estate, non mancano momenti di intenso calore che in alcuni casi ci impediscono di dormire bene. Riconosci la sensazione, giusto? Per risolverli, non sai cosa comprare. Un ventilatore? Un condizionatore d’aria? Un ventaglio? Il ventilatore è molto limitato, l’aria condizionata, molto costosa, e il ventaglio… beh più tipico del XIX secolo.

Che cosa puoi fare allora? La risposta sta nei migliori ventilatori ad acqua. Sono molto più convenienti di un condizionatore d’aria, oltre che più efficienti. Inoltre, superano di gran lunga i ventilatori convenzionali, poiché non solo raffreddano, ma umidificano anche la stanza rendendo l’ambiente più salubre quando troppo secco. Se vuoi conoscere a fondo tutto ciò che riguarda il ventilatore ad acqua, continua a leggere!




Le cose più importanti in breve

  • I ventilatori ad acqua ricorrono spesso alla nebulizzazione. Grazie a questa espellono l’acqua dal serbatoio sotto forma di gocce micronizzate. Queste formano una nebbia sottile che umidifica l’ambiente provocando un abbassamento della temperatura.
  • I ventilatori ad acqua e condizionatori d’aria sono ottime opzioni per rinfrescarsi. Tuttavia, se vivi in ​​un luogo non eccessivamente caldo e stai cercando qualcosa di più economico, l’opzione migliore è il ventilatore ad acqua.
  • Per acquistare il miglior ventilatore ad acqua in base alle tue esigenze, devi prestare attenzione ad alcuni fattori come la capacità del serbatoio. Esaminiamo questo e altri criteri di acquisto alla fine dell’articolo.

I migliori ventilatori ad acqua sul mercato: la nostra selezione

Se vuoi rinfrescare gli ambienti senza dover investire in un condizionatore d’aria, ma vuoi che ti possa dare più di un semplice ventilatore, i ventilatori ad acqua sono ciò che fa per te. Sapendo che cerchi sempre il top, abbiamo fatto uno studio approfondito su ciò che offre il mercato e abbiamo selezionato alcuni dei migliori ventilatori ad acqua attualmente disponibili:

Il miglior ventilatore ad acqua portatile

In questo momento il prodotto menzionato non è disponibile presso il fornitore. Per questo motivo lo abbiamo sostituito con un altro dalle caratteristiche simili. Segnala un problema.

Das Problem mit diesem Produkt wurde gemeldet. Danke!

Con una dimensione leggermente più grande di quella di un iPhone 7, questo ventilatore ad acqua portatile ha un’elevata autonomia (tra 1,5 con nebulizzazione e 8 ore come ventilatore). Per caricarlo, basta collegarlo a una porta USB.

Grazie alla sua finitura compatta, puoi usarlo praticamente ovunque. La ventola incorpora un mini serbatoio dell’acqua con due modalità di nebulizzazione: continua o intermittente. Inoltre, offre un flusso d’aria regolabile a tre velocità.

Il miglior ventilatore ad acqua con telecomando

In questo momento il prodotto menzionato non è disponibile presso il fornitore. Per questo motivo lo abbiamo sostituito con un altro dalle caratteristiche simili. Segnala un problema.

Das Problem mit diesem Produkt wurde gemeldet. Danke!

Il modello AEG non è solo uno dei migliori ventilatori ad acqua per il suo design moderno, ma anche per le sue finiture di qualità. Puoi usarlo come un normale ventilatore, ma anche con acqua, ovviamente, per umidificare la stanza.

Funziona con telecomando. Inoltre, il suo consumo energetico è molto basso, quindi offre la massima efficienza. Ha tre velocità di funzionamento: bassa, media e alta.

Il ventilatore ad acqua con miglior rapporto qualità-prezzo

In questo momento il prodotto menzionato non è disponibile presso il fornitore. Per questo motivo lo abbiamo sostituito con un altro dalle caratteristiche simili. Segnala un problema.

Das Problem mit diesem Produkt wurde gemeldet. Danke!

Questo ventilatore ad acqua del produttore Zephir è considerato un articolo dall’ottimo rapporto qualità prezzo. Consuma appena 85 W, oltre ad offrire una capacità del serbatoio più che accettabile: fino a 4 l.

Inoltre incorpora un sistema ionizzatore che, oltre che nebulizzare, permette anche di purificare l’aria nella stanza. Alle sue tre velocità di ventilazione si aggiunge un timer che ne consente il funzionamento automatico fino a 9 ore.

Il ventilatore ad acqua portatile più piccolo

Nella nostra lista abbiamo voluto aggiungere anche questo simpatico ventilatore ad acqua portatile. È disponibile in tre sorprendenti colori: blu, rosa e verde. D’altra parte, è molto maneggevole, poiché le sue dimensioni ridotte raggiungono un peso di soli 260 grammi.

Ha tre modalità di nebulizzazione. Il suo serbatoio ha una capacità fino a 35 ml. Per quanto riguarda la batteria, si ricarica tramite USB e dura tra le 3 e le 7 ore a seconda della modalità in cui viene utilizzato.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sul ventilatore ad acqua

Prima di iniziare a goderti le goccioline micronizzate che turbinano nell’aria e accarezzano il tuo viso o semplicemente rinfrescano l’ambiente, devi conoscere a fondo il prodotto. Se lo farai, avrai una maggiore capacità decisionale. Questo ti permetterà di acquistare un ventilatore ad acqua più adatto alle tue esigenze. Mettiti comodo e preparati a leggere le risposte alle domande più comuni sul ventilatore ad acqua.

Donna accaldata davanti a un ventilatore

I ventilatori ad acqua utilizzano il sistema di nebulizzazione per umidificare e abbassare la temperatura della stanza. (Fonte: Citalliance: 124770009/ 123rf.com)

Cos’è un ventilatore ad acqua?

Un ventilatore ad acqua, chiamato anche a “nebulizzazione”, non è altro che un classico ventilatore a cui è integrato un vaporizzatore d’acqua. Quest’acqua viene espulsa insieme al flusso d’aria e permette di raffrescare ulteriormente la stanza o l’individuo (nel caso si utilizzi un ventilatore ad acqua a portatile).
È un prodotto relativamente economico.

I modelli più comuni di ventilatori ad acqua sono quelli a piantana. Questi hanno una base con un serbatoio alla quale è fissato un tubo in acciaio o alluminio. Generalmente hanno una ventola da tre a cinque pale protette da una griglia. Alcuni modelli incorporano una funzione di movimento oscillante, grazie al quale, hanno una portata maggiore.

Come funziona un ventilatore ad acqua?

Anche se è vero che potresti usare una vasca idromassaggio gonfiabile per rinfrescarti, potrebbe essere meglio iniziare con un ventilatore ad acqua, non credi? Ma come funziona? Non c’è niente di misterioso, dal momento che il meccanismo è piuttosto semplice. Te lo spieghiamo di seguito passo dopo passo:

  1. A seconda che si tratti di un ventilatore ad acqua a piantana o portatile, avrà un serbatoio dell’acqua alla base o nella parte superiore dell’apparecchio.
  2. Quando il ventilatore ad acqua si avvia, utilizza l’acqua del serbatoio. Quindi, la nebulizza insieme all’aria che muove.
  3. Il meccanismo di nebulizzazione fa apparire l’acqua espulsa nella stanza come gocce micronizzate, come una nebbia sottile. Per questo motivo evaporano rapidamente. Questo aiuta ad abbassare la temperatura del luogo in modo naturale.
  4. Noterai come l’ambiente diventa più fresco rispetto a quando si utilizza un semplice getto d’aria, poiché l’acqua, evaporando, riduce il calore e provoca un abbassamento della temperatura.

Primissimo piano su un ventilatore

Se vuoi rinfrescarti in qualsiasi momento, opta per un ventilatore ad acqua portatile. (Fonte: Petprasom: 83794033/ 123rf.com)

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi del ventilatore ad acqua?

Con così tante proposte di ventilatori di tutti i tipi, è normale esitare. Il ventilatore ad acqua può effettivamente rinfrescare meglio di un prodotto tradizionale o è solo la solita propaganda. Non ti neghiamo che, come qualsiasi prodotto, anche questo ha i suoi pro e contro. E pensiamo che sia giusto che tu conosca i suoi pregi e difetti, prima di acquistarne uno. Ecco una tabella riepilogativa di pro e contro:

Vantaggi
  • Modelli per tutte le tasche
  • Semplice da usare
  • Basso consumo elettrico
  • Facile da spostare
  • Rispettoso dell”ambiente
  • Perfetto anche per l”uso esterno
  • All”interno, non bagna gli oggetti
  • Aiuta a combattere gli allergeni
  • Quasi tutti i modelli hanno il comando a distanza
  • In generale, è silenzioso
  • È programmabile
  • Umidifica l”ambiente
Svantaggi
  • Alcuni modelli non hanno un sistema di nebulizzazione vero e proprio
  • Il serbatoio dell”acqua deve essere riempito periodicamente
  • Il prezzo può essere anche alto.

Come si usa un ventilatore ad acqua?

Sebbene i migliori ventilatori ad acqua non siano complessi come un ventilatore a torre, ciò non significa che non devi prendere in considerazione una serie di cose. Come ogni nuovo prodotto, richiede una analisi. La prima cosa che dovresti fare è assicurarti che tutto ciò che la scatola pubblicizza ci sia. Fatto ciò, segui i suggerimenti che abbiamo raccolto qui di seguito:

  • Installazione: se il ventilatore è fisso, posizionalo in un punto in cui possa coprire uno spazio più ampio. Se ha un movimento oscillante, posizionalo in maniera che possa muoversi liberamente senza rimanere bloccato.
  • Deposito dell’acqua: come già accennato in precedenza, il ventilatore ad acqua si chiama così grazie al serbatoio che incorpora. Se non lo riempi, il dispositivo può fare poco, soprattutto se ha una funzione di nebulizzazione. Controlla le istruzioni su come rimuovere il serbatoio e riempirlo.
  • Rivedi le funzionalità extra: alcuni modelli integrano una funzione umidificatore. Con essa, puoi rinfrescare l’aria molto di più. Inoltre, di solito includono anche un timer. Grazie ad esso, sarai in grado di regolare l’ora esatta in cui desideri che il dispositivo smetta di funzionare.

Quanti tipi di ventilatore ad acqua ci sono sul mercato?

Proprio come i ventilatori a soffitto non sono tutti uguali, esistono diversi tipi di ventilatori ad acqua. Intendiamoci, non aspettarti differenze roboanti o modelli stravaganti. Si tratta di un prodotto piuttosto semplice. Nonostante ciò, abbiamo voluto raccogliere le varie opzioni offerte dal mercato. Questi sono i tipi di ventilatori ad acqua attualmente disponibili:

  • A piantana: i ventilatori ad acqua a piantana hanno una base alla quale è fissato un tubo, solitamente in acciaio o alluminio. A questo è collegato il motore con la ventola stessa. Il serbatoio dell’acqua si trova solitamente alla base dell’apparecchio.
  • Portatili: di solito non hanno una funzione ionizzante, ma l’acqua che espellono, almeno, rinfresca. Sono caratterizzati dal loro design compatto. Sono ideali da portare all’aperto, ma sono utili anche per i momenti di relax indoor.
  • Con nebulizzatore: la maggior parte dei modelli utilizza l’acqua attraverso questo sistema, ma non tutti. Grazie al nebulizzatore l’acqua viene espulsa sotto forma di gocce micronizzate. In questo modo evapora rapidamente, il che provoca un abbassamento naturale della temperatura che aiuta a raffreddare l’ambiente.

Donna che abbraccia un ventilatore

I ventilatori ad acqua a piantana offrono in genere design discreti che si adattano facilmente a quasi tutte le stanze. (Fonte: Popov: 116953173/ 123rf.com)

Quali sono le differenze tra un ventilatore ad acqua e un climatizzatore d’aria?

I ventilatori ad acqua espellono l’elemento liquido attraverso un serbatoio integrato nel modello. Il climatizzatore, invece, raccoglie l’aria dall’esterno e la umidifica per riportarla nell’ambiente fresca. Inoltre, i ventilatori ad acqua tendono ad essere più gestibili anche degli stessi climatizzatori portatili. Ma ci sono altre differenze:

Ventilatore ad acqua Climatizzatore portatile
Consumo di energia Basso Medio
Livello di rumore Basso Medio-basso
Capacità di raffreddamento Media Alta
Prezzo Medio-basso Medio-alto

In che modo un ventilatore ad acqua è diverso da uno convenzionale?

I ventilatori ad acqua, soprattutto se la utilizzano tramite un sistema di nebulizzazione, miscelano l’elemento liquido con il movimento dell’aria. I ventilatori convenzionali smuovono soltanto l’aria. Per questo motivo, i primi sono molto più utili, poiché l’acqua micronizzata umidifica la stanza. I ventilatori convenzionali sono più limitati, anche se più economici.

Criteri di acquisto

Prima di cominciare a goderti la freschezza di un ventilatore ad acqua, devi tenere presente quale modello può fare veramente al caso tuo. Per aiutarti in questo, noi di REVIEWBOX.it abbiamo raccolto i criteri di acquisto più importanti. Affinché tu possa fare una scelta di acquisto di cui non ti pentirai, ti consigliamo di leggerli con attenzione.

Tipo

La prima cosa a cui dovresti pensare è il tipo di ventilatore ad acqua che vuoi comprare. Come abbiamo visto, hai opzioni a piantana capaci di coprire intere stanze, ma anche soluzioni portatili. Questi ultimi ventilatori sono piccoli e compatti, ideali per viaggiare. Inoltre, se stai cercando un alto effetto umidificante, assicurati che il sistema di diffusione dell’acqua del modello utilizzi la nebulizzazione.

Primo piano su un ventilatore nero

Se cerchi un dispositivo che ti permetta di trascorrere le estati più fresche, ma con un basso consumo energetico, il tuo è un ventilatore ad acqua. (Fonte: Citalliance: 123340633/ 123rf.com)

Consumo energetico

Un basso consumo di elettricità ti consentirà non solo di inquinare meno, ma anche di risparmiare nel medio-lungo termine. Alcuni prodotti offrono una discreta potenza, ma un elevato consumo energetico e viceversa. La cosa migliore è cercare un buon equilibrio. D’altra parte, non preoccuparti di investire qualche euro in più in anticipo, poiché a lungo termine lo compenserai.

Telecomando

Se apprezzi il comfort, acquista un modello con telecomando. Può sembrare un dettaglio poco importante, ma averlo già la dice lunga sulla sua raffinatezza tecnologica e, quindi, sulla sua modernità. Grazie ad esso puoi regolare tutte le sue funzioni senza doverti ogni volta avvicinare al dispositivo, anche se questo significa spendere di più.

Capacità del serbatoio

Se deve essere uno dei migliori ventilatori ad acqua, la cosa più logica è che si basi sulla nebulizzazione quando utilizza l’elemento liquido del suo serbatoio. Ciò significa che il consumo d’acqua sarà più basso. Ad ogni modo, se non vuoi stare a riempire il serbatoio tutto il tempo, scegline uno con buona capacità. Tra 2 e 3 litri potrebbero essere sufficienti.

Donna accaldata seduta per terra

Nel caso tu abbia un telecomando, tanto meglio. In questo modo potrai utilizzarlo senza alzarti dal divano. (Fonte: Primagefactory: 93707571/ 123rf.com)

Velocità

Se vuoi che il ventilatore ad acqua si adatti alle circostanze di ogni momento, è meglio che abbia velocità regolabili. La cosa normale è che ce ne siano tre. D’altra parte, i moderni ventilatori ad acqua offrono un’opzione silenziosa per l’uso notturno. Inoltre, con il timer, puoi programmarli per goderne in determinati orari.

Conclusioni

Rinfrescarsi in estate non è un miraggio, e se qualcuno pensa che non sia possibile, non ha ancora provato un ventilatore ad acqua. Si tratta di una soluzione che, grazie all’effetto nebulizzatore, rende possibile rinfrescare l’aria mentre ti godi la ventilazione. Tutto questo con un consumo energetico molto contenuto.

Ricorda che per non rischiare di fare un acquisto inappropriato, ti abbiamo informato sui criteri di acquisto più importanti, come il tipo di ventilatore ad acqua che puoi acquistare, oltre al fatto che abbia più o meno velocità o che sia dotato o meno di un telecomando. In questo modo, il tuo acquisto sarà un successo.

Senti l’imminente freschezza nell’ambiente? Se è così, perché non ci lasci un commento o condividi questo articolo sul ventilatore ad acqua sui tuoi social network? Puoi anche farci una domanda, ti risponderemo il prima possibile!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Popov: 70455263/ 123rf.com)

Recensioni